Iscriviti alla newsletter

Longevità: i primati crescono solo con metà delle calorie!

Longevità: i primati crescono solo con metà delle calorie!Una nuova ricerca dimostra che gli esseri umani e gli altri primati bruciano ogni giorno il 50% in meno di calorie degli altri mammiferi.


Lo studio, pubblicato il 13 gennaio in Proceedings of the National Academy of Sciences, suggerisce che questo metabolismo estremamente lento spiega perché gli esseri umani e gli altri primati crescono così lentamente e vivono così a lungo.


Lo studio riferisce anche che i primati negli zoo consumano la stessa energia di quelli in natura, suggerendo che l'attività fisica forse ha un impatto minore sul dispendio energetico quotidiano di quanto si pensa di solito.


La maggior parte dei mammiferi, come il cane domestico o il criceto, vivono una vita frenetica, raggiungono l'età adulta nel giro di pochi mesi, si riproducono prodigiosamente (se li lasciamo fare), e muoiono ancora da adolescenti, se non ancora prima. In confronto, gli esseri umani ed i nostri parenti primati (scimmie antropomorfe, scimmie, tarsi, lorisidi, e lemuri) hanno una lunga infanzia, si riproducono raramente, e vivono una vita eccezionalmente lunga. Il ritmo lento della vita dei primati ha tenuto perplessi a lungo i biologi, perché i meccanismi di fondo erano sconosciuti.


Un team internazionale di scienziati che lavorano con i primati negli zoo, nelle riserve, e in natura, ha esaminato il dispendio energetico giornaliero di 17 specie di primati, dal gorilla ai lemuri-topo, per verificare se il ritmo lento di vita dei primati deriva da un metabolismo lento. Con una tecnica sicura e non invasiva conosciuta come "acqua a doppia marcatura" (che mappa la produzione del corpo di anidride carbonica) i ricercatori hanno misurato il numero di calorie bruciate dai primati per un periodo di 10 giorni. Combinando queste misurazioni con dati simili provenienti da altri studi, il team ha confrontato il dispendio energetico giornaliero dei primati con quello di altri mammiferi.


"I risultati sono una vera sorpresa", ha detto Herman Pontzer, antropologo dell'Hunter College di New York e autore principale dello studio. "Gli esseri umani, gli scimpanzé, i babbuini e gli altri primati usano solo la metà delle calorie che ci aspetteremmo da un mammifero. Per mettere questo in prospettiva, un essere umano - anche uno con uno stile di vita fisicamente attivo - avrebbe bisogno di correre una maratona al giorno solo per avvicinarsi al dispendio medio giornaliero di energia di un mammifero della stessa dimensione".


Questa drastica riduzione del tasso metabolico, in precedenza sconosciuto nei primati, rappresenta il ritmo lento della loro vita. Tutti gli organismi hanno bisogno di energia per crescere e riprodursi, e il dispendio energetico può contribuire anche all'invecchiamento. I tassi lenti di crescita, di riproduzione e di invecchiamento tra i primati corrispondono al tasso lento di dispendio energetico, indicando che l'evoluzione ha agito sul tasso metabolico per plasmare la vita decisamente lenta dei primati.


"Le condizioni ambientali che favoriscono ridotti dispendi energetici possono contenere la chiave per capire perché i primati, compreso l'uomo, si sono evoluti con questo ritmo lento di vita", ha detto David Raichlen, antropologo dell'Università dell'Arizona e coautore dello studio.


Forse altrettanto sorprendentemente, le misurazioni del team mostrano che i primati in cattività ogni giorno consumano più calorie dei loro colleghi selvatici. Questi risultati parlano a favore della salute e del benessere dei primati negli zoo e nelle riserve di classe mondiale, e suggeriscono anche che l'attività fisica può contribuire meno al dispendio totale di energia rispetto a quanto si pensa.


"Il completamento di questo studio non invasivo sul metabolismo dei primati nei giardini zoologici e nelle riserve dimostra l'importanza potenziale della ricerca in questi ambienti. Esso getta anche luce sul fatto che i primati nello zoo sono relativamente attivi, con lo stesso dispendio energetico quotidiano dei primati selvaggi", ha detto il coautore Steve Ross, direttore del Lester E. Fisher Center for the Study and Conservation of Apes al Lincoln Park Zoo di Chicago. "Gli ambienti dinamici di zoo e riserve rappresentano un'alternativa alle indagini di laboratorio tradizionali e sottolineano l'importanza di studiare gli animali in condizioni più naturali".


I risultati di questo studio hanno implicazioni interessanti per la comprensione della salute e della longevità dell'uomo. Collegare il tasso di crescita, di riproduzione e di invecchiamento al dispendio energetico giornaliero, può far luce sui processi attraverso i quali il nostro corpo si sviluppa ed invecchia. E svelare il sorprendente e complesso rapporto tra attività fisica e dispendio energetico giornaliero può migliorare la nostra comprensione dell'obesità e delle altre malattie metaboliche.


E' già attivo uno studio più dettagliato del dispendio energetico, dell'attività, e dell'invecchiamento tra gli esseri umani e le scimmie. "Gli esseri umani vivono più a lungo rispetto ad altre scimmie, e tendono ad avere più grasso corporeo", ha detto Pontzer. "Capire il confronto tra il metabolismo umano e quello dei nostri parenti più stretti ci aiuterà a capire come si è evoluto il nostro corpo, e come mantenerlo in salute".

 

 

 

 

 


FonteLincoln Park Zoo, via EurekAlert!.

Riferimenti
:  H. Pontzer, D. A. Raichlen, A. D. Gordon, K. K. Schroepfer-Walker, B. Hare, M. C. O'Neill, K. M. Muldoon, H. M. Dunsworth, B. M. Wood, K. Isler, J. Burkart, M. Irwin, R. W. Shumaker, E. V. Lonsdorf, S. R. Ross. Primate energy expenditure and life history. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2014; DOI: 10.1073/pnas.1316940111

Pubblicato in eurekalert.org (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.