Iscriviti alla newsletter

Attenuare i danni delle commozioni cerebrali su cognizione e memoria

Attenuare i danni delle commozioni cerebrali su cognizione e memoriaTheo Roth e le immagini MRI della ricerca su un cervello dopo un lieve trauma cranico, che dimostrano i danni alle meningi, lo strato protettivo che circonda il cervello. (Foto: LA Cicero)Theo Roth, studente di biologia della Stanford, ha trascorso le ultime estati allo sviluppo di un esperimento per osservare la risposta cellulare del cervello dopo una commozione cerebrale.


L'azione, mai vista prima, potrebbe un giorno portare a terapie che attenuano il danno cerebrale dopo lesioni cerebrali traumatiche lievi.


Sono ben documentate la conseguenze per l'intera vita di una lesione cerebrale commotiva. Un colpo alla testa - che provenga da un contrasto sportivo, dall'esplosione in una battaglia o da una caduta da una scala - può causare danni al cervello, responsabili di perdita di memoria, sbalzi d'umore, convulsioni e altro ancora, a vari gradi di debilitazione. E, anche se il corpo contundente che infligge tali danni è generalmente noto, i meccanismi cellulari che provocano tali problemi sono rimasti finora misteriosi.


Ora, uno studente di biologia della Stanford e dei ricercatori del National Institutes of Health hanno delineato un metodo per osservare gli effetti immediati di una lieve lesione cerebrale traumatica (TBI), in tempo reale, nei topi. Il lavoro ha rivelato come rispondono alla lesione le singole cellule e ha indotto i ricercatori a suggerire un possibile approccio terapeutico per limitare i danni cerebrali negli esseri umani. I risultati sono stati pubblicati online su Nature l'8 dicembre scorso.


La maggior parte delle ricerche dirette, sugli effetti fisiologici della TBI, sono condotte post mortem. Gli scienziati sezionano il tessuto di un paziente deceduto per capire la portata complessiva del danno e quali tipi di cellule cerebrali sono state danneggiate o uccise. Ma si sa molto poco di quello che succede a livello cellulare nelle prime ore dopo un infortunio, fatto che ha ostacolato lo sviluppo di terapie che potrebbero impedire che tale danno si verifichi fin dall'inizio.


Negli ultimi anni, Theo Roth, specializzando anziano in biologia a Stanford, ha trascorso le sue estati e altre interruzioni accademiche lavorando nel laboratorio di Dorian McGavern all'Istituto Nazionale dei Disordini Neurologici e Ictus (NINDS), che fa parte del National Institutes of Health. In questo tempo, Roth e altri membri del gruppo di ricerca di McGavern, hanno progettato un modello per provocare una lesione specifica nel cervello di un topo e utilizzare un microscopio intracranico per visualizzare le singole cellule, a partire da cinque minuti dopo la lesione.


"Possiamo vedere come tutte le popolazioni cellulari reagiscano dinamicamente", ha detto Roth, il primo autore del documento di ricerca. "Quindi, sapendo ciò che fanno le cellule (come cambiano funzione e morfologia), abbiamo potuto mettere insieme il loro ruolo e come interagiscono, e quindi quali tipi di interventi potrebbero essere rilevanti".

 

Prove negli esseri umani

La prima linea di difesa del cervello è formata dalle cosidette meningi, un sottile strato di tessuto che avvolge il cervello e crea una barriera quasi impermeabile alle molecole nocive. Sul sito diretto della lesione, tuttavia, Roth ha scoperto che le meningi possono danneggiarsi, lacerare i vasi sanguigni e causare delle emorragie. Quando muoiono le cellule nelle meningi e negli altri tessuti vicini, il loro contenuto tossico - in particolare, le molecole chiamate specie reattive dell'ossigeno (ROS) - può fuoriuscire  e passare, attraverso le meningi, alle cellule cerebrali sane.


Il cervello cerca di tappare i buchi nelle meningi, dice Roth, mobilitando rapidamente delle speciali cellule chiamate microglia verso il sito della lesione, una reazione che non era mai stata vista nel cervello vivente prima di questo studio. La toppa però non è perfetta, e alcuni ROS e altre molecole potenzialmente tossiche continuano a penetrare nelle cellule cerebrali. Da 9 a 12 ore dopo il trauma iniziale, le cellule cerebrali cominciano a morire.


Queste osservazioni sono molto simili alle analisi delle scansioni MRI umane condotte da uno studio del co-autore Lawrence Latour, uno scienziato del NINDS e del Centro di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa. Latour ha esaminato 142 pazienti che avevano subito recentemente un trauma cranico, ma le loro scansioni iniziali di risonanza magnetica non avevano rivelato alcun danno fisico al tessuto cerebrale. Molti di questi pazienti sono stati mandati a casa dall'ospedale con le scansioni negative, ma avevano da quel momento lamentato mal di testa, perdita di memoria o altri sintomi caratteristici di una lieve lesione cerebrale.


Latour ha iniettato nei pazienti un colorante e ha eseguito dopo una scansione MRI; nel 49 per cento di questi pazienti, Latour ed i suoi colleghi hanno visto il colorante penetrare attraverso le meningi. Secondo gli autori dello studio, questo indica che un processo simile che coinvolge le meningi, le microglia e gli agenti ossidanti può avere un ruolo nel causare i danni neurologici negli esseri umani. Questa constatazione potrebbe portare all'ideazione di terapie di emergenza.

 

Una tabella di marcia per il trattamento

I ricercatori hanno cominciato a cercare il modo di prevenire i danni causati quando i ROS passano attraverso le meningi. Si sono concentrati su una molecola antiossidante naturale che si trova nelle cellule umane chiamata glutatione che può neutralizzare chimicamente le molecole ROS.


Applicando il glutatione direttamente sui cranio del topo, pochi momenti dopo l'infortunio, gli scienziati sono riusciti a ridurre la morte cellulare del 67 per cento. Anche l'applicazione di glutatione tre ore dopo la lesione ha avuto l'effetto positivo di ridurre la morte cellulare del 51 per cento. "Questa idea che abbiamo una finestra di tempo entro la quale agire, potenzialmente fino a tre ore, è interessante e può essere clinicamente importante", ha dichiarato McGavern, l'autore senior dello studio.


Inoltre, poiché l'applicazione del glutatione direttamente sul cranio minimizza il danno, potrebbe funzionare la somministrazione di farmaci attraverso un cerotto/patta sottocutanea, così come delle procedure più invasive. Ci sono diversi passaggi prima che la tecnica possa essere tentata nell'uomo: devono essere misurati gli effetti a lungo termine nei topi e deve essere determinato se quantità efficaci di glutatione o di altri farmaci terapeutici possano passare attraverso il cranio umano.


"La fase acuta di una lesione traumatica cerebrale è ritenuta non trattabile", ha detto Roth. "Ma questo è un inizio promettente".

 

 

 

 


Fonte: Stanford University.

Riferimenti: Theodore L. Roth, Debasis Nayak, Tatjana Atanasijevic, Alan P. Koretsky, Lawrence L. Latour, Dorian B. McGavern. Transcranial amelioration of inflammation and cell death after brain injury. Nature, 2013; DOI: 10.1038/nature12808

Pubblicato da Bjorn Carey in news.stanford.edu (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.