Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Possibile scovare l'Alzheimer prima che appaiano i sintomi

Campagna per la diagnosi precoce dell'Alzheimer: Annuncio "CAR" [=auto] di Ogilvy & Mather - FrancoforteDei ricercatori della Johns Hopkins dicono che, misurando i livelli di alcune proteine nel liquido cerebrospinale (CSF), possono prevedere quando una persona svilupperà il deficit cognitivo associato all'Alzheimer, anni prima della comparsa dei primi sintomi di perdita di memoria.


L'identificazione di tali biomarcatori potrebbe fornire quello strumento a lungo cercato per orientare l'uso anticipato di trattamenti farmacologici potenziali atti a prevenire o fermare la progressione del morbo, mentre le persone sono ancora cognitivamente normali.


A tutt'oggi i farmaci progettati per arrestare il danno cerebrale non hanno avuto successo negli studi clinici, e secondo molti ricercatori questo dipende dal fatto che vengono somministrati a coloro che hanno già sintomi e troppi danni da recuperare.


"Quando vede un paziente con pressione alta e colesterolo alto, nessun medico dice di aspettare di curarlo fino a che insorge l'insufficienza cardiaca congestizia. I trattamenti precoci impediscono al paziente con malattia di cuore di peggiorare, ed è possibile che lo stesso possa essere vero per le persone con Alzheimer pre-sintomatico", dice Marilyn Albert, Ph.D., professoressa di neurologia alla School of Medicine della Johns Hopkins University. E' lei la ricercatrice principale dello studio, i cui risultati sono pubblicati nel numero del 16 ottobre della rivista Neurology. "Ma è difficile vedere l'Alzheimer arrivare, anche se crediamo che inizi a svilupparsi nel cervello dieci o più anni prima della comparsa dei sintomi".


Per il nuovo studio, il gruppo della Hopkins ha usato CSF raccolto per il progetto Biomarkers for Older Controls at Risk for Dementia (BIOCARD) tra il 1995 e il 2005, da 265 volontari sani di mezza età. Circa tre quarti del gruppo aveva un parente stretto con l'Alzheimer, un fattore che dava loro un rischio maggiore del normale di sviluppare la malattia. Ogni anno durante quegli anni e di nuovo a partire dal 2009, i ricercatori hanno sottoposto i soggetti ad una batteria di test neuropsicologici e ad un esame fisico.


Essi hanno scoperto che il rapporto particolare di base di due proteine ​(​tau fosforilata e amiloide-beta presenti nel CSF) é un presagio di decadimento cognitivo lieve (spesso un precursore di Alzheimer) più di cinque anni prima della comparsa dei sintomi. Hanno scoperto che anche il tasso di variazione nel tempo del rapporto é predittivo. Più tau e meno amiloide-beta sono presenti nel fluido spinale, più è probabile lo sviluppo dei sintomi. E, secondo la Albert, più rapidamente sale il tasso tra tau e amiloide-beta, più è probabile l'eventuale sviluppo di sintomi.


I ricercatori sapevano che queste proteine ​​erano nel liquido spinale di pazienti con malattia avanzata. "Ma ci siamo chiesti se, misurando qualcosa nel fluido spinale cerebrale delle persone quando sono cognitivamente normali, si può avere un'idea di quando esse svilupperanno difficoltà", dice Albert. "La risposta è sì".


L'Alzheimer distrugge i processi metabolici critici che mantengono sani i neuroni. Queste distruzioni inducono i neuroni a smettere di funzionare, a perdere le connessioni con altre cellule nervose, ed infine a morire. Il cervello delle persone con Alzheimer ha un'abbondanza di due strutture anomale: placche amiloidi e "grovigli" composti di tau. Le placche sono accumuli appiccicosi di amiloide-beta che si accumulano all'esterno dei neuroni, mentre i grovigli si formano all'interno dei neuroni. Quando ci sono troppi grovigli all'interno delle cellule, le cellule iniziano a morire. In un cervello normale, la tau aiuta lo scheletro della cellula nervosa a mantenersi. Quando si attaccano troppi gruppi di fosfato alla tau, si sviluppa troppa proteina e si  formano i grovigli.


La Albert dice che, secondo i ricercatori, la quantità relativa di amiloide-beta nel fluido spinale diminuisce col progredire dell'Alzheimer, perché rimane intrappolata nelle placche e quindi non entra nel fluido.


Anche se lo studio Biocard é attivo da quasi vent'anni, questi sono i primi dati predittivi che ne escono, dice la Albert, a causa del tempo che ci vuole per persone normali di mezza età ad alto rischio, di progredire verso la demenza. Solo 53 dei pazienti originali hanno progredito al decadimento cognitivo lieve o alla demenza, dando un campione abbastanza grande per trarre alcune conclusioni preliminari. Questi primi sintomi comprendono disturbi di memoria, come ripetersi, dimenticare gli appuntamenti, e dimenticare ciò che altri hanno detto.


La Albert avverte che il tasso dei biomarcatori, a questo punto, non è sufficientemente accurato per prevedere con precisione se un particolare individuo sta procedendo alla demenza, ed è necessaria un'ulteriore analisi delle informazioni sul gruppo nel corso del tempo. Tuttavia, dice  che, se i risultati si dimostreranno validi, non solo potranno guidare l'uso dei primi trattamenti con i farmaci disponibili, ma potranno anche aiutare a testare nuovi farmaci per vedere se alterano la velocità con cui le proteine ​​cambiano nel tempo.


La ricerca è stata finanziata dal National Institute on Aging. Altri ricercatori Johns Hopkins coinvolti nello studio includono Abhay Moghekar, MBBS, Shanshan Li, Yi Lu, Ming Li, Mei-Cheng Wang, Ph.D., e Richard O'Brien, MD, Ph.D.

La Albert riferisce di far parte dei comitati scientifici consultivi dei produttori di farmaci Eli Lilly, Eisai, Genentech, Biogen e AgeneBio, e di ricevere supporto per le ricerche dalla GE Healthcare (ndt: produttrice dei radiotraccianti che permettono di "vedere" le proteine).

 

 

 

 


Fonte: Johns Hopkins Medicine.

Riferimenti: A. Moghekar, S. Li, Y. Lu, M. Li, M.-C. Wang, M. Albert, R. O'Brien. CSF biomarker changes precede symptom onset of mild cognitive impairment. Neurology, 2013; DOI: 10.1212/01.wnl.0000435558.98447.17

Pubblicato in hopkinsmedicine.org(> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.