Associazione Alzheimer ONLUS logo

Ricerche

La musica può davvero allontanare la demenza?

Playing for time: Can music stave off dementia?A 101 anni, Frank Iacono suona ancora il violino. Il violinista della Providence Civic Orchestra of Senior Citizens di Rhode Island, si diverte particolarmente a suonare polka e musica per danze ad andamento veloce (giga). "Mantiene la mia mente attiva, e mi piace molto", ha detto Iacono.


Il direttore d'orchestra esecutivo e co -fondatore, Vito Saritelli, ha detto che Iacono è estremamente forte per la sua età. "La musica ha avuto una buona parte nella sua longevità", ha detto la moglie, Maria Iacono, di 94 anni. "Siamo fortunati di essere entrambi in buona salute".


Nel fare a gara per capire come promuovere un invecchiamento sano del cervello e prevenire la demenza, gli scienziati consigliano preliminarmente agli anziani, in coro: "Rimanere attivi! Coltivare hobby! Essere socialmente impegnati!". Suonare musica, per alcune persone, è una risposta naturale a tutte queste raccomandazioni. Frank Iacono, per esempio, suona il violino da quando aveva 13 anni, semplicemente perché gli piace.


Ma suonare, in particolare, può allontanare la demenza? Che dire semplicemente di ascoltare la musica? Quanti anni si ha bisogno di impegnarsi nella musica prima di avere vantaggi nel cervello? I ricercatori stanno esplorando queste domande a fronte di statistiche impressionanti circa l'invecchiamento della popolazione. Il numero di americani di 65 anni con Alzheimer è destinato quasi a triplicare dai 5 milioni di oggi ai 13,8 milioni nel 2050. Il costo annuale della demenza negli Stati Uniti nel 2050 sarà di 1.200 miliardi dollari, secondo l'Alzheimer's Association.


Ricerche precedenti suggeriscono che la musica può trattenere i sintomi della demenza per circa cinque anni - cosa che sarebbe significativa se si dimostrasse vera, ha detto Brenda Hanna-Pladdy, assistente professore di neurologia alla Emory University, che studia il funzionamento cognitivo tra i musicisti. "Se si potesse ritardare l'insorgenza (della demenza) di cinque anni, si aggiungerebbero poi altri cinque anni di funzionamento quasi normale dell'individuo alla fine del ciclo di vita", ha detto. "In termini di costi fiscali e di tutto il resto, è effettivamente molto".

 

Restare impegnati

Un grande studio basato sui gemelli in Svezia sta cercando di stimolare intellettualmente e fisicamente i fattori di stile di vita che possono aiutare ad evitare il declino cognitivo. Una componente di questo studio sta esplorando se suonare protegge dalla demenza. I risultati, discussi all'incontro dello scorso Luglio della Società Interdisciplinare per la Ricerca Quantitativa di Musica e Medicina, non sono ancora pubblicati.


Gli studi sui gemelli hanno una particolare importanza nella scienza. Di solito, quando le persone partecipano a uno studio, ognuno di loro è portatore di un diverso insieme di geni ed è cresciuto in modo diverso, due fattori che influenzano qualunque cosa su cui i ricercatori vogliono indagare. I gemelli fraterni, tuttavia, condividono circa il 50% dei geni, e i gemelli identici li condividono quasi tutti. I gemelli hanno anche una probabilità di essere cresciuti nello stesso ambiente.


"Per me, l'aspetto più interessante in una coppia di gemelli è quando uno diventa demente e l'altro no; che cosa è successo? O la cosa che ha fatto diventare demente uno dei due potrebbe darci qualche indizio sul modo di mitigare il rischio di altre persone?",
si chiede Margaret Gatz, direttrice dello studio sulla demenza dei gemelli svedesi, e professoressa della University of Southern California.


I ricercatori che stanno esaminando i dati dei gemelli più in generale hanno scoperto in uno studio che, per le donne in particolare, la partecipazione ad attività intellettuali e culturali è collegata ad un rischio inferiore di demenza. Anche le attività come l'esercizio fisico in mezza età, per entrambi i sessi, sono protettive dalla demenza, secondo tale studio. "Tutti questi tipi di dati non fanno che confermare che uno stile di vita più impegnato è una buona cosa per l' invecchiamento del cervello", ha detto la Gatz.


Perché uno "stile di vita impegnato" dovrebbe aiutare a prevenire la demenza? L'idea è che la stimolazione cerebrale può contrastare i cambiamenti del cervello che si verificano a causa del declino cognitivo, per cui la persona può funzionare più a lungo, spiega la Gatz. La musica in particolare è qualcosa che la gente può continuare a godere più a lungo delle loro occupazioni, o di una attività fisica intensa, ha detto la Gatz. Ha anche componenti cognitive, fisiche e potenzialmente sociali, e perciò impegna molte reti cerebrali.


Purtroppo lo studio sui gemelli finora ha esaminato solo le associazioni tra i fattori di stile di vita e la demenza; ma non prova che la musica può proteggere dal declino cognitivo. Lo studio inoltre non include scansioni cerebrali o autopsie, lasciando sconosciuto il meccanismo preciso che permette al'impegno nell'attività di prevenire la demenza.

 

Sostegno al cervello

Emergono altre prove che suonare la musica potrebbe aiutare a prevenire la demenza. Hanna-Pladdy, il neurologo della Emory, è interessata ad esplorare ulteriormente le basi biologiche. La sua teoria concorda con quella della Gatz: le reti del cervello rafforzate dall'impegno musicale compensano gli effetti negativi dell'invecchiamento, ritardandolo, in un processo chiamato riserva cognitiva.


Finora la sua ricerca ha dimostrato che una intensa formazione strumentale musicale, anche per musicisti dilettanti, fornisce un beneficio cognitivo che può durare per tutta la vita della persona. I suoi studi sono stati pubblicati nel 2011 sulla rivista Neuropsychology e nel 2012 nella rivista Frontiers in Human Neuroscience; riguardano strumentisti, non cantanti.


Hanna-Pladdy ed i suoi colleghi hanno trovato nel loro primo studio che, anche se i partecipanti non continuano a suonare quando invecchiano, ottengono comunque risultati migliori nei compiti di denominazione di oggetti, di memoria visuo-spaziale e di elaborazione a patto che avessero suonato per almeno 10 anni. Questo è fondamentale, perché con l'età le persone possono perdere le capacità motorie o della vista, per suonare gli strumenti.


Lo studio suggerisce anche che i benefici cognitivi della formazione strumentale possono durare una vita. Uno dei partecipanti allo studio ha detto in un'intervista che lui sentiva che aver suonato per tanto tempo era come avere "una polizza di assicurazione", ha detto la Hanna-Plady.


Lo studio più recente dei ricercatori ha dimostrato che i musicisti che hanno iniziato a suonare prima dei 9 anni avevano funzioni verbali di memoria di lavoro migliori di coloro che hanno iniziato più tardi o non hanno mai suonato. Questo risultato è coerente con l'acquisizione del linguaggio verbale: gli studi di linguistica hanno dimostrato che c'è un periodo critico durante il quale il cervello è aperto ad imparare una lingua, e la fluidità diventa molto più difficile dopo un certo punto dell'infanzia.


Ed è coerente anche con i risultati di uno studio del 1995 che ha dimostrato che i musicisti professionisti che hanno iniziato la formazione prima dei 7 anni avevano un corpo calloso anteriore più spesso, la parte del percorso che collega gli emisferi destro e sinistro del cervello. E i partecipanti che hanno continuato a suonare uno strumento in anzianità tendono ad avere risultati migliori nei compiti di giudizio visuo-spaziale, "suggerendo che continua ad esserci una plasticità anche in età avanzata", ha detto la Hanna-Pladdy.


"Trovare un modo per sfruttare questa plasticità è probabilmente una delle speranze più grandi che abbiamo per trattare i disturbi cerebrali o il declino cognitivo in età avanzata", ha detto. "Allo stesso modo, continuare a suonare musica in età avanzata aggiunge benefici protettivi agli individui con minore istruzione, che si è dimostrato in precedenza come uno dei modi più robusti per creare riserva cognitiva. Quindi l'addestramento musicale sembra essere un modello praticabile per la stimolazione cognitiva, e può essere concettualizzata come una forma alternativa di istruzione".

 

Dovremmo cominciare ora?

Vale la pena allora insegnare a suonare uno strumento ad una persona anziana, forse ad una che già mostra segni di declino cognitivo? Recenti ricerche suggeriscono che è più difficile, ma ancora possibile modificare il cervello di una persona anziana. Ma nessuno ha una risposta definitiva alla domanda se l'insegnamento ad una persona anziana di un nuovo strumento potrebbe portare agli stessi tipi di benefici che gli scienziati hanno trovato nei musicisti di tutta la vita.


"Sarebbe piuttosto impegnativo, considerando che hanno difficoltà a ricordare", ha detto la Hanna-Pladdy dei pazienti affetti da demenza. "Può essere utile fornire stimoli musicali agli individui nella fase iniziale (= decadimento cognitivo lieve) o ri-avviare la pratica musicale negli individui che non sono più impegnati". Indipendentemente da ciò, dal momento che le persone trovano piacevole la musica, non è male cercare di imparare a suonare uno strumento. Ma sono necessarie ulteriori ricerche, per un tempo più lungo, per valutare appieno i vantaggi della musica tra le persone anziane, ammette la Hanna-Pladdy.


Potrebbero emergere nuove prove che suonare musica a lungo termine ha un effetto preventivo contro la demenza, ma questo non vuol dire che i non musicisti siano totalmente fuori gioco, continua la Hanna-Pladdy. La musica sta diventando una zona calda di studio perché è più facile quantificare il numero di anni che le persone suonano, rispetto, ad esempio, alla durata del tempo di leggere o fare giochi mentali. "Questo può essere solo un modello per la stimolazione cognitiva, e di come può cambiare il cervello con attività cognitivamente stimolanti", ha detto la Hanna-Pladdy.


Quindi, la musica può essere un bene, ma lo possono essere anche altri passatempi. Dopo tutto, il violinista Frank Iacono e sua moglie Mary, sposati da 66 anni, giocano insieme a Scarabeo ogni sera.

 

Sintonizzarsi

Per i pazienti che hanno già la demenza, la musica può essere usata in modo diverso per aiutare la mente. Gli scienziati hanno detto che la risposta emotiva ricevuta dall'ascolto della musica, e le sostanze chimiche del cervello associate al piacere, che vengono rilasciate nel processo, si distinguono dai cambiamenti strutturali nel cervello che può istigare il suonare nel corso del tempo.


Le tendenze che emergono dalla ricerca mostrano che l'esposizione alla musica - sia attraverso l'ascolto casuale che la musicoterapia più strutturata - può aiutare a ridurre l'incidenza dei problemi comportamentali e ingenerare calma in generale nei pazienti affetti da demenza, ha detto Beth Kallmyer, vice presidente dei servizi costituenti dell'Alzheimer's Association. "Sentiamo aneddoti di persone turbate o anche un po' agitate, anche nelle ultime fasi [della malattia], che quando ascoltano la musica possono apprezzarla", ha detto la Kallmyer. I famigliari dovrebbero aiutare i caregiver a scegliere la musica che è significativa per una persona con demenza, ha detto. "La cosa più importante è mantenere gli interventi centrati sulla persona il più possibile".


Naomi Ziv dell'Academic College of Tel Aviv Yaffo in Israele ed i suoi colleghi hanno dimostrato in uno studio pubblicato sul Journal of Music Therapy che la musica di sottofondo è associata ad un aumento di comportamenti positivi - ridere, sorridere, parlare - e una diminuzione di quelli negativi, tra cui aggressività e piangere. "La musica attira l'attenzione, ma migliora anche la messa a fuoco e colpisce l'emozione", ha detto la Ziv alla CNN in una e-mail. "Quando sentiamo musica familiare e preferita, la seguiamo mentalmente", ha detto. "Sembra che, mentre la memoria generale si deteriori nella demenza, la memoria per la musica rimanga relativamente intatta". La musica familiare o preferita evoca ricordi e influenze d'umore, forse la ragione di fondo di questi risultati, ha detto la Ziv.


Il Dott. Sanford A. Shmerling, che ha l'Alzheimer, si è aggregato alle attività del circolo percussioni di recente nella sua casa di cura di AtlantaIl Dott. Sanford A. Shmerling, che ha l'Alzheimer, si è aggregato alle attività del circolo percussioni di recente nella sua casa di cura di Atlanta.Catherine Shmerling apprezza l'effetto che alcuni eventi musicali hanno avuto su suo padre, il dottor Sanford A. Shmerling di 85 anni. L'anziano Shmerling, ex direttore medico della William Breman Jewish Home di Atlanta, ora vive lì. Ha l'Alzheimer e la maggior parte delle sue parole non sono comprensibili, secondo la figlia.


Durante un recente week-end, un gruppo swing [tipo di jazz] ha suonato nella casa di cura. In un primo momento l'ex direttore medico è rimasto seduto nella sua sedia a rotelle con lo sguardo fisso nel vuoto, ma ben presto la figlia si è accorta che stava battendo i piedi. Ha iniziato a oscillare il braccio a tempo di musica, e dopo pochi minuti le ha fatto "un piccolo sorriso carino". "E' gratificante", ha detto Catherine Shmerling. "C'è qualcosa, non so, la musica o l'uditorio o qualcosa, che sembra andare oltre qualunque cosa che sta bloccando la loro comunicazione normale, ed in qualche modo arriva là".


La scienza non può avere tutte le risposte, ma la Shmerling assapora questi piccoli segni che il padre sta ascoltando.

 

 

 

 

 


Pubblicato da Elizabeth Landau in CNN.com (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...