Iscriviti alla newsletter

La musica può davvero allontanare la demenza?

Playing for time: Can music stave off dementia?A 101 anni, Frank Iacono suona ancora il violino. Il violinista della Providence Civic Orchestra of Senior Citizens di Rhode Island, si diverte particolarmente a suonare polka e musica per danze ad andamento veloce (giga). "Mantiene la mia mente attiva, e mi piace molto", ha detto Iacono.


Il direttore d'orchestra esecutivo e co -fondatore, Vito Saritelli, ha detto che Iacono è estremamente forte per la sua età. "La musica ha avuto una buona parte nella sua longevità", ha detto la moglie, Maria Iacono, di 94 anni. "Siamo fortunati di essere entrambi in buona salute".


Nel fare a gara per capire come promuovere un invecchiamento sano del cervello e prevenire la demenza, gli scienziati consigliano preliminarmente agli anziani, in coro: "Rimanere attivi! Coltivare hobby! Essere socialmente impegnati!". Suonare musica, per alcune persone, è una risposta naturale a tutte queste raccomandazioni. Frank Iacono, per esempio, suona il violino da quando aveva 13 anni, semplicemente perché gli piace.


Ma suonare, in particolare, può allontanare la demenza? Che dire semplicemente di ascoltare la musica? Quanti anni si ha bisogno di impegnarsi nella musica prima di avere vantaggi nel cervello? I ricercatori stanno esplorando queste domande a fronte di statistiche impressionanti circa l'invecchiamento della popolazione. Il numero di americani di 65 anni con Alzheimer è destinato quasi a triplicare dai 5 milioni di oggi ai 13,8 milioni nel 2050. Il costo annuale della demenza negli Stati Uniti nel 2050 sarà di 1.200 miliardi dollari, secondo l'Alzheimer's Association.


Ricerche precedenti suggeriscono che la musica può trattenere i sintomi della demenza per circa cinque anni - cosa che sarebbe significativa se si dimostrasse vera, ha detto Brenda Hanna-Pladdy, assistente professore di neurologia alla Emory University, che studia il funzionamento cognitivo tra i musicisti. "Se si potesse ritardare l'insorgenza (della demenza) di cinque anni, si aggiungerebbero poi altri cinque anni di funzionamento quasi normale dell'individuo alla fine del ciclo di vita", ha detto. "In termini di costi fiscali e di tutto il resto, è effettivamente molto".

 

Restare impegnati

Un grande studio basato sui gemelli in Svezia sta cercando di stimolare intellettualmente e fisicamente i fattori di stile di vita che possono aiutare ad evitare il declino cognitivo. Una componente di questo studio sta esplorando se suonare protegge dalla demenza. I risultati, discussi all'incontro dello scorso Luglio della Società Interdisciplinare per la Ricerca Quantitativa di Musica e Medicina, non sono ancora pubblicati.


Gli studi sui gemelli hanno una particolare importanza nella scienza. Di solito, quando le persone partecipano a uno studio, ognuno di loro è portatore di un diverso insieme di geni ed è cresciuto in modo diverso, due fattori che influenzano qualunque cosa su cui i ricercatori vogliono indagare. I gemelli fraterni, tuttavia, condividono circa il 50% dei geni, e i gemelli identici li condividono quasi tutti. I gemelli hanno anche una probabilità di essere cresciuti nello stesso ambiente.


"Per me, l'aspetto più interessante in una coppia di gemelli è quando uno diventa demente e l'altro no; che cosa è successo? O la cosa che ha fatto diventare demente uno dei due potrebbe darci qualche indizio sul modo di mitigare il rischio di altre persone?",
si chiede Margaret Gatz, direttrice dello studio sulla demenza dei gemelli svedesi, e professoressa della University of Southern California.


I ricercatori che stanno esaminando i dati dei gemelli più in generale hanno scoperto in uno studio che, per le donne in particolare, la partecipazione ad attività intellettuali e culturali è collegata ad un rischio inferiore di demenza. Anche le attività come l'esercizio fisico in mezza età, per entrambi i sessi, sono protettive dalla demenza, secondo tale studio. "Tutti questi tipi di dati non fanno che confermare che uno stile di vita più impegnato è una buona cosa per l' invecchiamento del cervello", ha detto la Gatz.


Perché uno "stile di vita impegnato" dovrebbe aiutare a prevenire la demenza? L'idea è che la stimolazione cerebrale può contrastare i cambiamenti del cervello che si verificano a causa del declino cognitivo, per cui la persona può funzionare più a lungo, spiega la Gatz. La musica in particolare è qualcosa che la gente può continuare a godere più a lungo delle loro occupazioni, o di una attività fisica intensa, ha detto la Gatz. Ha anche componenti cognitive, fisiche e potenzialmente sociali, e perciò impegna molte reti cerebrali.


Purtroppo lo studio sui gemelli finora ha esaminato solo le associazioni tra i fattori di stile di vita e la demenza; ma non prova che la musica può proteggere dal declino cognitivo. Lo studio inoltre non include scansioni cerebrali o autopsie, lasciando sconosciuto il meccanismo preciso che permette al'impegno nell'attività di prevenire la demenza.

 

Sostegno al cervello

Emergono altre prove che suonare la musica potrebbe aiutare a prevenire la demenza. Hanna-Pladdy, il neurologo della Emory, è interessata ad esplorare ulteriormente le basi biologiche. La sua teoria concorda con quella della Gatz: le reti del cervello rafforzate dall'impegno musicale compensano gli effetti negativi dell'invecchiamento, ritardandolo, in un processo chiamato riserva cognitiva.


Finora la sua ricerca ha dimostrato che una intensa formazione strumentale musicale, anche per musicisti dilettanti, fornisce un beneficio cognitivo che può durare per tutta la vita della persona. I suoi studi sono stati pubblicati nel 2011 sulla rivista Neuropsychology e nel 2012 nella rivista Frontiers in Human Neuroscience; riguardano strumentisti, non cantanti.


Hanna-Pladdy ed i suoi colleghi hanno trovato nel loro primo studio che, anche se i partecipanti non continuano a suonare quando invecchiano, ottengono comunque risultati migliori nei compiti di denominazione di oggetti, di memoria visuo-spaziale e di elaborazione a patto che avessero suonato per almeno 10 anni. Questo è fondamentale, perché con l'età le persone possono perdere le capacità motorie o della vista, per suonare gli strumenti.


Lo studio suggerisce anche che i benefici cognitivi della formazione strumentale possono durare una vita. Uno dei partecipanti allo studio ha detto in un'intervista che lui sentiva che aver suonato per tanto tempo era come avere "una polizza di assicurazione", ha detto la Hanna-Plady.


Lo studio più recente dei ricercatori ha dimostrato che i musicisti che hanno iniziato a suonare prima dei 9 anni avevano funzioni verbali di memoria di lavoro migliori di coloro che hanno iniziato più tardi o non hanno mai suonato. Questo risultato è coerente con l'acquisizione del linguaggio verbale: gli studi di linguistica hanno dimostrato che c'è un periodo critico durante il quale il cervello è aperto ad imparare una lingua, e la fluidità diventa molto più difficile dopo un certo punto dell'infanzia.


Ed è coerente anche con i risultati di uno studio del 1995 che ha dimostrato che i musicisti professionisti che hanno iniziato la formazione prima dei 7 anni avevano un corpo calloso anteriore più spesso, la parte del percorso che collega gli emisferi destro e sinistro del cervello. E i partecipanti che hanno continuato a suonare uno strumento in anzianità tendono ad avere risultati migliori nei compiti di giudizio visuo-spaziale, "suggerendo che continua ad esserci una plasticità anche in età avanzata", ha detto la Hanna-Pladdy.


"Trovare un modo per sfruttare questa plasticità è probabilmente una delle speranze più grandi che abbiamo per trattare i disturbi cerebrali o il declino cognitivo in età avanzata", ha detto. "Allo stesso modo, continuare a suonare musica in età avanzata aggiunge benefici protettivi agli individui con minore istruzione, che si è dimostrato in precedenza come uno dei modi più robusti per creare riserva cognitiva. Quindi l'addestramento musicale sembra essere un modello praticabile per la stimolazione cognitiva, e può essere concettualizzata come una forma alternativa di istruzione".

 

Dovremmo cominciare ora?

Vale la pena allora insegnare a suonare uno strumento ad una persona anziana, forse ad una che già mostra segni di declino cognitivo? Recenti ricerche suggeriscono che è più difficile, ma ancora possibile modificare il cervello di una persona anziana. Ma nessuno ha una risposta definitiva alla domanda se l'insegnamento ad una persona anziana di un nuovo strumento potrebbe portare agli stessi tipi di benefici che gli scienziati hanno trovato nei musicisti di tutta la vita.


"Sarebbe piuttosto impegnativo, considerando che hanno difficoltà a ricordare", ha detto la Hanna-Pladdy dei pazienti affetti da demenza. "Può essere utile fornire stimoli musicali agli individui nella fase iniziale (= decadimento cognitivo lieve) o ri-avviare la pratica musicale negli individui che non sono più impegnati". Indipendentemente da ciò, dal momento che le persone trovano piacevole la musica, non è male cercare di imparare a suonare uno strumento. Ma sono necessarie ulteriori ricerche, per un tempo più lungo, per valutare appieno i vantaggi della musica tra le persone anziane, ammette la Hanna-Pladdy.


Potrebbero emergere nuove prove che suonare musica a lungo termine ha un effetto preventivo contro la demenza, ma questo non vuol dire che i non musicisti siano totalmente fuori gioco, continua la Hanna-Pladdy. La musica sta diventando una zona calda di studio perché è più facile quantificare il numero di anni che le persone suonano, rispetto, ad esempio, alla durata del tempo di leggere o fare giochi mentali. "Questo può essere solo un modello per la stimolazione cognitiva, e di come può cambiare il cervello con attività cognitivamente stimolanti", ha detto la Hanna-Pladdy.


Quindi, la musica può essere un bene, ma lo possono essere anche altri passatempi. Dopo tutto, il violinista Frank Iacono e sua moglie Mary, sposati da 66 anni, giocano insieme a Scarabeo ogni sera.

 

Sintonizzarsi

Per i pazienti che hanno già la demenza, la musica può essere usata in modo diverso per aiutare la mente. Gli scienziati hanno detto che la risposta emotiva ricevuta dall'ascolto della musica, e le sostanze chimiche del cervello associate al piacere, che vengono rilasciate nel processo, si distinguono dai cambiamenti strutturali nel cervello che può istigare il suonare nel corso del tempo.


Le tendenze che emergono dalla ricerca mostrano che l'esposizione alla musica - sia attraverso l'ascolto casuale che la musicoterapia più strutturata - può aiutare a ridurre l'incidenza dei problemi comportamentali e ingenerare calma in generale nei pazienti affetti da demenza, ha detto Beth Kallmyer, vice presidente dei servizi costituenti dell'Alzheimer's Association. "Sentiamo aneddoti di persone turbate o anche un po' agitate, anche nelle ultime fasi [della malattia], che quando ascoltano la musica possono apprezzarla", ha detto la Kallmyer. I famigliari dovrebbero aiutare i caregiver a scegliere la musica che è significativa per una persona con demenza, ha detto. "La cosa più importante è mantenere gli interventi centrati sulla persona il più possibile".


Naomi Ziv dell'Academic College of Tel Aviv Yaffo in Israele ed i suoi colleghi hanno dimostrato in uno studio pubblicato sul Journal of Music Therapy che la musica di sottofondo è associata ad un aumento di comportamenti positivi - ridere, sorridere, parlare - e una diminuzione di quelli negativi, tra cui aggressività e piangere. "La musica attira l'attenzione, ma migliora anche la messa a fuoco e colpisce l'emozione", ha detto la Ziv alla CNN in una e-mail. "Quando sentiamo musica familiare e preferita, la seguiamo mentalmente", ha detto. "Sembra che, mentre la memoria generale si deteriori nella demenza, la memoria per la musica rimanga relativamente intatta". La musica familiare o preferita evoca ricordi e influenze d'umore, forse la ragione di fondo di questi risultati, ha detto la Ziv.


Il Dott. Sanford A. Shmerling, che ha l'Alzheimer, si è aggregato alle attività del circolo percussioni di recente nella sua casa di cura di AtlantaIl Dott. Sanford A. Shmerling, che ha l'Alzheimer, si è aggregato alle attività del circolo percussioni di recente nella sua casa di cura di Atlanta.Catherine Shmerling apprezza l'effetto che alcuni eventi musicali hanno avuto su suo padre, il dottor Sanford A. Shmerling di 85 anni. L'anziano Shmerling, ex direttore medico della William Breman Jewish Home di Atlanta, ora vive lì. Ha l'Alzheimer e la maggior parte delle sue parole non sono comprensibili, secondo la figlia.


Durante un recente week-end, un gruppo swing [tipo di jazz] ha suonato nella casa di cura. In un primo momento l'ex direttore medico è rimasto seduto nella sua sedia a rotelle con lo sguardo fisso nel vuoto, ma ben presto la figlia si è accorta che stava battendo i piedi. Ha iniziato a oscillare il braccio a tempo di musica, e dopo pochi minuti le ha fatto "un piccolo sorriso carino". "E' gratificante", ha detto Catherine Shmerling. "C'è qualcosa, non so, la musica o l'uditorio o qualcosa, che sembra andare oltre qualunque cosa che sta bloccando la loro comunicazione normale, ed in qualche modo arriva là".


La scienza non può avere tutte le risposte, ma la Shmerling assapora questi piccoli segni che il padre sta ascoltando.

 

 

 

 

 


Pubblicato da Elizabeth Landau in CNN.com (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.