Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Mangia per sognare: studio mostra che certi nutrienti alimentari sono associati al sonno

benessere e sonnobenessere "Tu sei quello che mangi", dice il proverbio, ma è ciò che si mangia ha un ruolo in quanto si dorme? Il sonno, come la nutrizione e l'attività fisica, è un fattore determinante della salute e del benessere.

Con la crescente prevalenza di obesità e le sue conseguenze, i ricercatori del sonno hanno iniziato ad esplorare i fattori che predispongono gli individui all'aumento di peso e, infine, all'obesità.


Ora un nuovo studio della Scuola di Medicina Perelman dell'Università della Pennsylvania mostra per la prima volta che alcuni nutrienti possono avere un ruolo di fondo nella durata del sonno e che le persone che riferiscono di mangiare una grande varietà di alimenti - indicatore di una dieta equilibrata - hanno schemi sani di sonno.


La nuova ricerca è pubblicata online, in anticipo sulla stampa, nella rivista Appetite. "Anche se molti di noi intrinsecamente riconoscono che c'è una relazione tra ciò che mangiamo e il modo in cui dormiamo, ci sono pochissimi studi scientifici che hanno esplorato questa connessione, soprattutto in una situazione da mondo reale", scrive Michael A. Grandner, PhD, docente di Psichiatria e membro del Centro di Neurobiologia Circadiana e del Sonno alla Penn. "In generale, sappiamo che coloro che dichiarano di avere tra 7 e 8 ore di sonno ogni notte hanno più probabilità di sperimentare salute e benessere migliori, quindi ci siamo fatti semplicemente la domanda se ci sono differenze nella dieta di coloro che dichiarano di dormire di meno, di più, o nella norma".


Per rispondere a questa domanda, il team di ricerca ha analizzato i dati del 2007-2008 National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) promosso dal Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie. Il NHANES comprende domande demografiche, socio-economiche, alimentari e sanitarie. Il campione per l'indagine è stato selezionato in modo da rappresentare la popolazione di tutte le età e demografia degli Stati Uniti.


Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato la domanda del sondaggio che riguarda la quantità di sonno di ogni notte riferita da ogni partecipante, per separare il campione in gruppi con diversi schemi di sonno:" Molto breve" (<5 ore a notte), ''breve'' (5-6 ore a notte), "standard" (7-8h a notte) e "Lungo" '(9 ore o più a notte). I partecipanti al NHANES hanno anche avuto da personale specializzato la dieta dettagliata di un intero giorno. Che comprendeva tutto, dal bicchiere occasionale di acqua fino al rapporto dettagliato di ogni parte di ogni pasto.


Con questi dati, il team di ricerca della Penn ha analizzato quanto ogni gruppo differiva da quello "standard" di 7-8 ore di sonno, nell'assunzione di tutte le sostanze nutritive e nell'apporto calorico totale. Hanno valutato queste associazioni anche dopo aver controllato se la dieta complessiva, la demografia, la socioeconomia, l'attività fisica, l'obesità e altri fattori avessero potuto spiegare questa relazione.


Gli autori hanno trovato che l'apporto calorico totale varia tra i gruppi. Quelli che dormono poco consumano più calorie, seguiti da quelli con durata normale, poi quelli con molto poco sonno, infine quelli che dormono molto. La varietà di cibo è la più alta per chi dorme normalmente, e più bassa per chi dorme poco. Sono state trovate differenze tra i gruppi per molti tipi di sostanze nutritive, tra cui le proteine, i carboidrati, le vitamine e i minerali.


In un'analisi statistica, il team di ricerca ha scoperto che c'è un certo numero di differenze nella dieta, ma queste sono in gran parte determinate da un poche sostanze nutritive cruciali. Hanno scoperto che:

  • il sonno molto breve è associato ad una minore assunzione di acqua di rubinetto, di licopene (presente in alimenti rossi e arancioni), e di carboidrati totali,
  • il sonno breve è associato a minore vitamina C, acqua di rubinetto, selenio (che si trova nelle noci, carne e frutti di mare), e più luteina / zeaxantina (presente nelle verdure a foglia verde),
  • il sonno lungo è associato ad una minore assunzione di teobromina (cioccolato e tè), acido dodecanoico (grasso saturo) colina (che si trova nelle uova e carni grasse), carboidrati totali, e più alcol.


"In generale, le persone che dormono 7 - 8 ore ogni notte si differenziano per la dieta, rispetto alle persone che dormono di meno o di più. Abbiamo anche scoperto che il sonno breve e lungo sono associati a una varietà più bassa di cibi", scrive il Dott. Grandner. "Quello che ancora non sappiamo è: se la gente cambiasse la dieta, sarebbe in grado di cambiare il loro schema generale di sonno? Questo sarà un settore importante da esplorare in futuro, poichè sappiamo che la durata breve del sonno è associata a un aumento di peso e all'obesità, al diabete e alle malattie cardiovascolari [ndt: e quindi alle neurodegenerazioni].

Allo stesso modo, sappiamo che anche le persone che dormono troppo a lungo sperimentano conseguenze negative per la salute. Se fossimo in grado di individuare il mix ideale di sostanze nutritive e calorie per favorire il sonno sano, la comunità sanitaria avrebbe il potenziale di incidere in modo importante sull'obesità e sugli altri fattori di rischio cardiometabolico".


Altri autori della Penn sono Nicholas J. Jackson e Jason R. Gerstner, PhD. Questa ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health.

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Fonte: Materiale della Perelman School of Medicine at the University of Pennsylvania.

Riferimento:
Michael A. Grandner, Nicholas J. Jackson, Jason R. Gerstner, Kristen L. Knutson. Dietary nutrients associated with short and long sleep duration. Data from a nationally representative sample. Appetite, 2013; DOI: 10.1016/j.appet.2013.01.004.

Pubblicato in Science Daily il 6 Febbraio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.