Iscriviti alla newsletter

Mangia per sognare: studio mostra che certi nutrienti alimentari sono associati al sonno

benessere e sonnobenessere "Tu sei quello che mangi", dice il proverbio, ma è ciò che si mangia ha un ruolo in quanto si dorme? Il sonno, come la nutrizione e l'attività fisica, è un fattore determinante della salute e del benessere.

Con la crescente prevalenza di obesità e le sue conseguenze, i ricercatori del sonno hanno iniziato ad esplorare i fattori che predispongono gli individui all'aumento di peso e, infine, all'obesità.


Ora un nuovo studio della Scuola di Medicina Perelman dell'Università della Pennsylvania mostra per la prima volta che alcuni nutrienti possono avere un ruolo di fondo nella durata del sonno e che le persone che riferiscono di mangiare una grande varietà di alimenti - indicatore di una dieta equilibrata - hanno schemi sani di sonno.


La nuova ricerca è pubblicata online, in anticipo sulla stampa, nella rivista Appetite. "Anche se molti di noi intrinsecamente riconoscono che c'è una relazione tra ciò che mangiamo e il modo in cui dormiamo, ci sono pochissimi studi scientifici che hanno esplorato questa connessione, soprattutto in una situazione da mondo reale", scrive Michael A. Grandner, PhD, docente di Psichiatria e membro del Centro di Neurobiologia Circadiana e del Sonno alla Penn. "In generale, sappiamo che coloro che dichiarano di avere tra 7 e 8 ore di sonno ogni notte hanno più probabilità di sperimentare salute e benessere migliori, quindi ci siamo fatti semplicemente la domanda se ci sono differenze nella dieta di coloro che dichiarano di dormire di meno, di più, o nella norma".


Per rispondere a questa domanda, il team di ricerca ha analizzato i dati del 2007-2008 National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) promosso dal Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie. Il NHANES comprende domande demografiche, socio-economiche, alimentari e sanitarie. Il campione per l'indagine è stato selezionato in modo da rappresentare la popolazione di tutte le età e demografia degli Stati Uniti.


Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato la domanda del sondaggio che riguarda la quantità di sonno di ogni notte riferita da ogni partecipante, per separare il campione in gruppi con diversi schemi di sonno:" Molto breve" (<5 ore a notte), ''breve'' (5-6 ore a notte), "standard" (7-8h a notte) e "Lungo" '(9 ore o più a notte). I partecipanti al NHANES hanno anche avuto da personale specializzato la dieta dettagliata di un intero giorno. Che comprendeva tutto, dal bicchiere occasionale di acqua fino al rapporto dettagliato di ogni parte di ogni pasto.


Con questi dati, il team di ricerca della Penn ha analizzato quanto ogni gruppo differiva da quello "standard" di 7-8 ore di sonno, nell'assunzione di tutte le sostanze nutritive e nell'apporto calorico totale. Hanno valutato queste associazioni anche dopo aver controllato se la dieta complessiva, la demografia, la socioeconomia, l'attività fisica, l'obesità e altri fattori avessero potuto spiegare questa relazione.


Gli autori hanno trovato che l'apporto calorico totale varia tra i gruppi. Quelli che dormono poco consumano più calorie, seguiti da quelli con durata normale, poi quelli con molto poco sonno, infine quelli che dormono molto. La varietà di cibo è la più alta per chi dorme normalmente, e più bassa per chi dorme poco. Sono state trovate differenze tra i gruppi per molti tipi di sostanze nutritive, tra cui le proteine, i carboidrati, le vitamine e i minerali.


In un'analisi statistica, il team di ricerca ha scoperto che c'è un certo numero di differenze nella dieta, ma queste sono in gran parte determinate da un poche sostanze nutritive cruciali. Hanno scoperto che:

  • il sonno molto breve è associato ad una minore assunzione di acqua di rubinetto, di licopene (presente in alimenti rossi e arancioni), e di carboidrati totali,
  • il sonno breve è associato a minore vitamina C, acqua di rubinetto, selenio (che si trova nelle noci, carne e frutti di mare), e più luteina / zeaxantina (presente nelle verdure a foglia verde),
  • il sonno lungo è associato ad una minore assunzione di teobromina (cioccolato e tè), acido dodecanoico (grasso saturo) colina (che si trova nelle uova e carni grasse), carboidrati totali, e più alcol.


"In generale, le persone che dormono 7 - 8 ore ogni notte si differenziano per la dieta, rispetto alle persone che dormono di meno o di più. Abbiamo anche scoperto che il sonno breve e lungo sono associati a una varietà più bassa di cibi", scrive il Dott. Grandner. "Quello che ancora non sappiamo è: se la gente cambiasse la dieta, sarebbe in grado di cambiare il loro schema generale di sonno? Questo sarà un settore importante da esplorare in futuro, poichè sappiamo che la durata breve del sonno è associata a un aumento di peso e all'obesità, al diabete e alle malattie cardiovascolari [ndt: e quindi alle neurodegenerazioni].

Allo stesso modo, sappiamo che anche le persone che dormono troppo a lungo sperimentano conseguenze negative per la salute. Se fossimo in grado di individuare il mix ideale di sostanze nutritive e calorie per favorire il sonno sano, la comunità sanitaria avrebbe il potenziale di incidere in modo importante sull'obesità e sugli altri fattori di rischio cardiometabolico".


Altri autori della Penn sono Nicholas J. Jackson e Jason R. Gerstner, PhD. Questa ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health.

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Fonte: Materiale della Perelman School of Medicine at the University of Pennsylvania.

Riferimento:
Michael A. Grandner, Nicholas J. Jackson, Jason R. Gerstner, Kristen L. Knutson. Dietary nutrients associated with short and long sleep duration. Data from a nationally representative sample. Appetite, 2013; DOI: 10.1016/j.appet.2013.01.004.

Pubblicato in Science Daily il 6 Febbraio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.