Iscriviti alla newsletter

Sviluppata 'meta-cellula' per far avanzare la lotta all'Alzheimer

 Il nuovo processo rivela segreti di single cellule per obiettivi terapeutici innovativi.

hdWGCNARappresentazione grafica dello studio.

Neuroscienziati dell'Università della California di Irvine, nel sondare i cambiamenti genici che stanno dietro il morbo di Alzheimer (MA), hanno sviluppato un processo che realizza 'meta-cellule', superando le sfide dello studiare una singola cellula. La loro tecnica ha già rivelato nuove informazioni importanti e può essere impiegata per studiare altre malattie in tutto il corpo.


I dettagli sulla meta-cellula, creata dai ricercatori dell'UCI MIND, sono pubblicati su Cell Press.


La tecnologia chiamata 'trascrittomica', che studia insiemi di RNA all'interno degli organismi, consente agli scienziati di capire cosa fa ogni cellula. Tuttavia, non è ancora stata studiata ampiamente la questione di come funzionano geni specifici all'interno di una cellula singola, un processo chiamato 'genomica a cellula singola'. Di conseguenza, è tuttora difficile determinare quali geni sono associati alla malattia o alle funzioni normali.


"La difficoltà è che una singola cellula non contiene molto RNA", ha dichiarato il primo autore Samuel Morabito, ricercatore dottorando dell'UCI nel programma dei sistemi matematico, computazionale e biologico. “Questa scarsità rende difficile studiare. Anche se è presente un gene, la tecnologia potrebbe perderlo".


Tuttavia, la genomica a cellula singola è uno strumento potente nella ricerca su prevenzione e cure delle malattie.


"Se sappiamo che un processo genico sta degradando le cellule, possiamo potenzialmente intervenire", ha affermato l'autore principale Vivek Swarup, assistente professore di neurobiologia e comportamento dell'UCI. "Possiamo escogitare terapie e puntare centinaia di geni per impedire lo sviluppo della malattia".


La squadra ha ora ideato un modo per eliminare questo ostacolo:

"Nel lavorare con una singola cella, abbiamo cercato quelle più simili in termini di trascrittomica", ha detto Swarup. "Prendendo una media di 50 di queste cellule, abbiamo sviluppato una meta-cellula che rappresenta una singola cellula ma senza i problemi di scarsità".


Il nuovo processo, chiamato hdWGCNA, migliora un metodo chiamato 'sequenziamento di massa dell'RNA' (RNA bulk sequencing) che è ampiamente utilizzato ma non affronta i genomi delle singole cellule. I ricercatori hanno usato i dati e le informazioni del loro laboratorio tratti da altri due studi pubblicati per delineare il processo. Hanno esaminato le microglia, le cellule immunitarie primarie del cervello, che portano la maggior parte dei fattori comuni di rischio genetico del MA. I loro risultati hanno rivelato importanti intuizioni e aree chiave per indagare ulteriormente.


"Abbiamo scoperto che non è facile distinguere tra microglia buone che stanno facendo il loro lavoro normale e microglia cattive che danneggiano i neuroni", ha detto Swarup. "Il cervello normale ha microglia buone, ma nelle persone con MA una grande percentuale di microglia è alterata e diventano reattive. Inoltre, il genere cattivo specifico del MA ha diversi tipi e abbiamo scoperto stati di microglia che non erano ancora noti".


Il team prevede di esaminare come i geni regolano le microglia e se l'attività genica può essere moderata o fermata attraverso una terapia. Anche se i ricercatori si stanno concentrando sui disturbi neurologici, l'hdWGCNA è un approccio computazionale versatile in grado di identificare i modelli di espressione genica e i moduli genici associati a malattie specifiche, indipendentemente dall'organo o dal tessuto coinvolto.

 

 

 


Fonte: University of California - Irvine (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: S Morabito, [+3], V Swarup. hdWGCNA identifies co-expression networks in high-dimensional transcriptomics data. Cell Reports Methods, 12 Jun 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.