Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ecco come il sangue innesca le malattie cerebrali

gladstone akassoglou katerina mendiola andrew

Nei pazienti con malattie neurologiche come il morbo di Alzheimer (MA) e la sclerosi multipla, le cellule immunitarie nel cervello chiamate microglia, che di norma hanno funzioni benefiche, diventano dannose per i neuroni, portando alla disfunzione cognitiva e alla compromissione motoria. Queste cellule immunitarie dannose possono anche contribuire al declino cognitivo legato all'età nelle persone senza demenza.


Da tempo gli scienziati cercano di individuare gli scatenanti responsabili di trasformare le microglia da buone in cattive, e il loro esatto contributo nelle malattie. Se potessero identificare ciò che rende tossiche le microglia, potrebbero trovare nuovi modi per trattare le malattie neurologiche.


Ora, ricercatori dei Gladstone Institutes, guidati da Katerina Akassoglou PhD, hanno dimostrato che l'esposizione a perdite di sangue nel cervello accende dei geni dannosi nelle microglia, trasformandole in cellule tossiche che possono distruggere i neuroni.


Gli scienziati hanno scoperto che una proteina del sangue chiamata fibrina - che normalmente aiuta la coagulazione del sangue - è responsabile dell'accensione dei geni dannosi nelle microglia, sia nel MA che nella sclerosi multipla. I risultati, pubblicati su Nature Immunology, suggeriscono che il contrasto alla tossicità del sangue causata dalla fibrina può proteggere il cervello dall'infiammazione dannosa e dalla perdita di neuroni nelle malattie neurologiche.


"Il nostro studio chiarisce, per la prima volta, come il sangue che perde nel cervello dirotta il sistema immunitario del cervello causando effetti tossici nelle malattie del cervello"
, afferma la Akassoglou, che è anche direttrice del Center for Neurovascular Brain Immunology ai Gladstone, e prof.ssa di neurologia all'Università della California di San Francisco (UCSF). "Capire il modo in cui il sangue influenza il cervello potrebbe aiutarci a sviluppare trattamenti innovativi per le malattie neurologiche".

 

Effetti specifici delle proteine ​​del sangue

Gli individui con malattie neurologiche come il MA e la sclerosi multipla hanno anomalie all'interno della vasta rete di vasi sanguigni nel cervello, che permettono alle proteine ​​del sangue di penetrare nelle aree cerebrali responsabili delle funzioni cognitive e motorie. Le perdite di sangue nel cervello si verificano presto e sono correlate a una prognosi peggiore in molte di queste malattie.


Per comprendere quali proteine ​​nel sangue influenzano i cambiamenti genetici e proteici ​​nelle cellule immunitarie, la Akassoglou e il suo team hanno adottato un approccio sistematico per determinare in che modo la perdita delle proteine chiave ​​del sangue - come albumina, complemento e fibrina - influenzano le cellule immunitarie nei topi.


Essi hanno analizzato l'effetto delle proteine ​​del sangue con tecnologie molecolari e computazionali avanzate in collaborazione con Nevan Krogan PhD, ricercatore senior dei Gladstone e direttore del Quantitative Biosciences Institute dell'UCSF e Alex Pico PhD, investigatore di ricerca e direttore del Bioinformatics Core dei Gladstone.


Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che diverse proteine ​​del sangue attivano processi molecolari distinti nelle microglia. Inoltre, hanno chiarito che è la fibrina a guidare le attività geniche e proteiche ​​uniche che rendono tossiche le microglia per i neuroni. Le altre proteine ​​del sangue testate non erano granché responsabili di questi effetti tossici.


"Abbiamo combinato strumenti all'avanguardia per cogliere un'ampia immagine di tutti i processi delle microglia innescati da proteine distinte ​​del sangue", afferma Andrew Mendiola PhD, scienziato nel laboratorio di Akassoglou e primo autore dello studio. "È emersa la fibrina, poiché ha innescato una drastica risposta genica nelle microglia, che rispecchiava le firme geniche identificate nelle malattie neurologiche croniche come il MA".


Nelle ricerche precedenti, la Akassoglou e il suo team avevano scoperto che la fibrina può attivare le microglia e promuovere il deterioramento cognitivo nei topi. In effetti, i ricercatori sono riusciti a restringere la cattiva influenza della fibrina a una specifica regione infiammatoria della proteina, regione che non influisce sul ruolo critico della fibrina nella coagulazione del sangue.


Nel nuovo studio, il team ha dimostrato che la rimozione di quella regione infiammatoria ha ridotto la capacità della fibrina di attivare i geni tossici delle microglia e ha ripristinato le funzioni protettive di queste cellule immunitarie.

 

Implicazioni per malattie neurologiche e terapie

Per valutare se i loro risultati sono rilevanti per le malattie, i ricercatori hanno usato una tecnica da loro sviluppata per identificare le attività geniche tossiche nelle cellule dei topi modello di MA e di sclerosi multipla. In entrambi i tipi di modelli, la fibrina ha attivato i geni di microglia coinvolti nella neurodegenerazione e nello stress ossidativo, già collegati sia al MA che alla sclerosi multipla.


"Pensiamo che, in diverse malattie neurologiche, i depositi di fibrina in siti di perdite di sangue possano guidare risposte immunologiche tossiche", afferma Mendiola. "Identificare approcci per inibire selettivamente queste risposte tossiche potrebbe essere una svolta per il trattamento delle malattie".


Il laboratorio della Akassoglou ha già sviluppato uno di questi farmaci, un anticorpo monoclonale terapeutico contro il dominio infiammatorio della fibrina. L'anticorpo blocca gli effetti dannosi della fibrina senza effetti avversi sulla coagulazione del sangue e protegge i topi dalla sclerosi multipla e dal MA. Una versione umanizzata di questa immunoterapia della fibrina è ora in un esperimento clinico di fase 1 sulla sicurezza.


"La neutralizzazione della tossicità del sangue potrebbe proteggere il cervello dall'infiammazione dannosa e ripristinare le connessioni neuronali richieste per le funzioni cognitive"
, afferma la Akassoglou. "Puntando la fibrina, possiamo bloccare le cellule tossiche di microglia senza influire sulle loro funzioni protettive nel cervello".


Lo studio ha generato un ampio numero di dati molecolari che ora sono liberamente disponibili per altri ricercatori. L'atlante ad accesso aperto del modo in cui il sangue influenza il cervello potrebbe essere ulteriormente analizzato per rivelare altre funzioni delle proteine ​​del sangue e supportare la scoperta di nuovi farmaci e biomarcatori.


"Questi risultati entusiasmanti cambiano il modo in cui pensiamo alle proteine ​​del sangue, da astanti secondarie a guide primarie di danno nel cervello"
, afferma Lennart Mucke MD, direttore del Glastone Institute of Neurological Disease. “Il meccanismo identificato in questo studio potrebbe essere al lavoro in una gamma di condizioni neurologiche che coinvolgono perdite di sangue nel cervello, compresi i disturbi neurodegenerativi, le malattie autoimmuni, l'ictus e la lesione cerebrale traumatica. Quindi hanno implicazioni terapeutiche di vasta portata".

 

 

 


Fonte: Gladstone Institutes (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: AS Mendiola, [+19], K Akassoglou. Defining blood-induced microglia functions in neurodegeneration through multiomic profiling. Nature Immunology, 8 Jun 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.