Iscriviti alla newsletter

Un altro meccanismo allunga la vita del sistema immunitario, riducendo le malattie dell'età

Un team internazionale guidato dagli scienziati dell'UCL ha identificato un nuovo meccanismo che rallenta, e può persino prevenire, l'invecchiamento naturale delle cellule immunitarie, uno dei nove 'segni distintivi dell'invecchiamento'.

telomere transfer at immune synapseTrasferimento di telomeri nella sinapsi immunitaria. In rosso, la cellula CD3 (TCR) + T nella sinapsi con APC (cellula negativa CD3). I telomeri sono in verde. Nota i grandi gruppi di telomeri che si accumulano nella sinapsi, con i telomeri della cellula donante (APC) che polarizzano i telomeri verso la cellula T ricevente. Il blu indica i nuclei di neuroni. (Fonte: Lanna Lab)

Nel loro studio, pubblicato su Nature Cell Biology, i ricercatori affermano che la scoperta fatta in vitro (cellule) e convalidata nei topi è stata "inaspettata" e credono che sfruttare il meccanismo potrebbe prolungare la vita del sistema immunitario, consentendo alle persone di vivere più sane e più a lungo, e avrebbe anche utilità clinica per malattie come cancro e demenza.


Spiegando lo studio, il primo autore dott. Alessio Lanna, professore onorario della Divisione di Medicina dell'UCL, ha dichiarato:

“Le cellule immunitarie sono costantemente in massima allerta, sempre pronte a combattere i patogeni. Per essere efficaci devono anche persistere per decenni nel corpo, ma le strategie che impiegano per eseguire questa protezione per tutta la vita sono in gran parte sconosciute.

“In questa ricerca, abbiamo cercato di scoprire quali meccanismi conferiscono la longevità alle cellule del sistema immunitario, note come cellule T, all'inizio della risposta immunitaria contro un antigene, una sostanza estranea riconosciuta dai meccanismi di sorveglianza immunitaria che difendono il corpo".

 

Perché invecchia il sistema immunitario

Ognuno dei cromosomi, presente in tutte le cellule, contiene un cappuccio protettivo chiamato telomero, una sequenza di DNA specifica che si ripete migliaia di volte. La sequenza ha due scopi: primo, protegge le regioni codificanti dei cromosomi e impedisce loro di essere danneggiate e, secondo, è come un orologio che controlla il numero di repliche (divisioni) che una cella può avere.


Nelle cellule T (un tipo di globuli bianchi o cellule immunitarie), insieme alla maggior parte delle cellule, i telomeri diventano più corti (logoramento dei telomeri) a ogni successiva divisione cellulare. Una volta che i telomeri raggiungono una lunghezza critica, la cellula cessa di dividersi ed entra in senescenza, il processo per cui è smaltita dal sistema immunitario o dove persiste in uno stato alterato e disfunzionale.


Con il sistema immunitario che non funziona più in modo efficace, iniziano infezioni croniche, malattie cancerose e morte. Il logoramento dei telomeri è stato descritto come uno dei "segni caratteristici dell'invecchiamento" (rif.2).

 

Risultati dello studio

Nello studio, in vitro, i ricercatori hanno fatto partire una risposta immunitaria dei linfociti T contro un microbo (infezione straniera), e hanno osservato, inaspettatamente, una reazione di trasferimento di telomeri tra due tipi di globuli bianchi, nelle 'vescicole extracellulari' (piccole particelle che facilitano la comunicazione intercellulare).


Un 'antigene presentante la cellula' (APC), costituito da cellule B o da cellule dendritiche o da macrofagi, ha 'donato' i telomeri al linfocita T, la cellula che li riceveva. Dopo il trasferimento dei telomeri, la cellula T ricevente ha avuto una vita più lunga e possedeva la memoria e gli attributi delle cellule staminali, consentendo alla cellula T di proteggere l'ospite da un'infezione letale a lungo termine.


La reazione di trasferimento dei telomeri ha esteso alcuni telomeri circa 30 volte di più dell'estensione esercitata dalla telomerasi. La telomerasi è il singolo enzima che sintetizza il DNA dedicato al mantenimento dei telomeri nelle cellule staminali, in quelle del sistema immunitario ed è presente nel tessuto fetale, nelle cellule riproduttive e nello sperma. Tuttavia, non ha questa funzione in altre cellule, portando al logoramento dei telomeri.


Anche nelle cellule immunitarie in cui l'enzima è naturalmente attivo, le reazioni immunitarie continue causano la disattivazione progressiva della telomerasi che porta all'accorciamento dei telomeri, quando le cellule smettono di dividersi e avviene la senescenza replicativa. Il prof. Lanna ha aggiunto:

“La reazione di trasferimento dei telomeri tra le cellule immunitarie si aggiunge alla scoperta da premio Nobel della telomerasi e mostra che le cellule sono in grado di scambiare i telomeri come modo per regolare la lunghezza del cromosoma prima che parta l'azione della telomerasi. È possibile che l'invecchiamento possa essere rallentato o curato semplicemente trasferendo i telomeri".

 

Usare il nuovo meccanismo

Mentre scopriva il nuovo meccanismo 'antinvecchiamento', lo stesso team di ricerca ha stabilito che le vescicole extracellulari dei telomeri possono essere purificate dal sangue e, se aggiunte alle cellule T, mostrano attività antinvecchiamento nei sistemi immunitari sia degli esseri umani che dei topi.


I ricercatori hanno scoperto (nelle cellule umane e nei topi) che le preparazioni delle vescicole extracellulari purificate possono essere somministrate da sole o in combinazione con un vaccino e questo estende le protezioni immunitarie durature che, in linea di principio, possono evitare la necessità di nuova vaccinazione.


In alternativa, la reazione di trasferimento del 'donatore di telomeri' può essere potenziata direttamente nelle cellule. Anche se sono necessarie molte più ricerche, gli scienziati affermano che ciò delinea le possibilità di nuove forme di terapie profilattiche (preventive) della senescenza immunitaria e dell'invecchiamento.


Il prof. Lanna ha concluso:

“La biologia dei telomeri è studiata da oltre 40 anni. Per decenni, un singolo enzima (telomerasi) è rimasto l'unico meccanismo considerato responsabile dell'allungamento e del mantenimento dei telomeri nelle cellule. I nostri risultati illuminano il modo in cui un meccanismo diverso, che non richiede la telomerasi, estende i telomeri e agisce quando la telomerasi è ancora inattiva nella cellula".

 

 

 


Fonte: University College London (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. A Lanna, B Vaz, C D’Ambra, S Valvo, C Vuotto, V Chiurchiù, O Devine, M Sanchez, G Borsellino, AN Akbar, M De Bardi, DW Gilroy, ML Dustin, B Blumer, M Karin. An intercellular transfer of telomeres rescues T cells from senescence and promotes long-term immunological memory. Nature Cell Biology, 2022, DOI
  2. C López-Otín, MA Blasco, L Partridge, M Serrano, G Kroemer. The Hallmarks of Aging. Cell, 2013, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.