Iscriviti alla newsletter

Demenza e udito di chi fatica a sentire oltre il rumore di fondo

busy train station Difficoltà a sentire un annuncio in un posto affollato è segno di cattivo udito 'parlato-nel-rumore'. Foto: Keith Gentry / Shutterstock

Si prevede che il numero di persone con demenza sarà  tra 50 e 150 milioni nel mondo entro il 2050. Anche se non c'è attualmente alcuna cura per la condizione, i ricercatori stanno continuando a imparare come le persone possono ridurre il rischio attraverso cambiamenti dello stile di vita (es.: più esercizio fisico o smettere di fumare) e gestendo i problemi di salute (come il diabete e l'ipertensione).


Anche la perdita di udito può essere un potenziale bersaglio per prevenire la demenza. Gli studi dimostrano che l'indebolimento dell'udito è legato ad un rischio maggiore di demenza, e che gestire presto i problemi di udito può essere la chiave per ridurre il rischio.


Il nostro lavoro recente ha confermato questi risultati, pur concentrandosi su un'area che ha ricevuto meno attenzione: le persone che lottano per cogliere il parlato in ambienti rumorosi. L'udito di persone in questa categoria è spesso considerato 'normale' nei test tradizionali, ma siamo stati in grado di dimostrare con un'ampia coorte, per la prima volta, che anche loro hanno un rischio più alto di demenza.

 

Deterioramento parlato-nel-rumore

Studi precedenti che avevano esaminato il legame tra disturbi dell'udito e la demenza hanno usato un metodo di valutare l'udito noto come audiometria a tono puro per misurare l'udito dei partecipanti. Questo è di solito lo standard per testare l'udito di una persona, e funziona misurando la sua capacità di rilevare i suoni, in particolare i toni, in un ambiente tranquillo.


Tuttavia, molte persone i cui test mostrano che hanno un udito 'normale', possono comunque avere problemi di udito quando si usano diversi metodi di valutazione. Questo include coloro che hanno difficoltà a individuare il parlato in luoghi rumorosi, che è conosciuto come l'udito parlato-nel-rumore (speech-in-noise hearing).


Il parlato-nel-rumore è il tipo di udito della vita quotidiana. Per sapere se il deterioramento del parlato-nel-rumore è legato a un aumento del rischio di demenza, abbiamo esaminato i dati di 82.039 persone over-60.


L'udito parlato-nel-rumore dei partecipanti è stato misurato usando ciò che è noto come test della tripletta di cifre. Ciò comporta chiedere ai partecipanti di identificare tre numeri parlati inseriti in vari livelli di rumore di fondo. Sulla base delle loro prestazioni, abbiamo poi raggruppato i partecipanti in tre categorie: 'normale', 'insufficiente' e 'scadente'.


I partecipanti sono stati seguiti per più di 11 anni per vedere se sviluppavano la demenza. Un totale di 1.285 persone su 82.039 hanno avuto una diagnosi di demenza nel corso di tale periodo. Abbiamo trovato che quelli con udito parlato-nel-rumore insufficiente e scadente avevano un rischio maggiore del 61% e del 91% di sviluppare demenza rispetto a quelli con udito parlato-nel-rumore normale.


Il rischio di demenza di quelli con udito parlato-nel-rumore scadente era praticamente identico a quello che gli studi precedenti avevano assegnato alle persone con deterioramento uditivo colto dall'audiometria a toni puri.

 

Trovare la causa

Ci sono diversi suggerimenti per il motivo del legame tra problemi di udito e demenza. Una possibilità è che l'udito deteriorato aumenti la probabilità di altri fattori di rischio per la demenza, come l'isolamento sociale o la depressione. Ma abbiamo trovato poche prove a sostegno di questa ipotesi, i sintomi depressivi e l'isolamento sociale spiegano solo una piccola percentuale (meno del 7%) dell'associazione tra deterioramento dell'udito parlato-nel-rumore e demenza.


È anche possibile che i nostri risultati (e quelli di altri studi) possano aver rilevato un'associazione tra demenza e danni all'udito, quando in realtà entrambi sono causati da qualcosa di completamente diverso. Anche se abbiamo preso in considerazione una serie di fattori nella nostra analisi (come l'età, il livello di istruzione e la condizione socio-economica) non possiamo escludere la possibilità che altri fattori possano essere coinvolti e che non abbiamo esaminato.


L'altra possibilità è che la demenza causi danni all'udito. Questo potrebbe sembrare una spiegazione insolita, poiché nel nostro studio la demenza è stata diagnosticata dopo aver misurato l'udito. Ma la patologia della demenza si sviluppa di solito anni prima che una persona riceva una diagnosi. Spesso si verifica prima che siano evidenti i problemi di memoria e altri problemi cognitivi. Questa patologia 'pre-clinica' provoca altri sintomi (come la perdita di peso) e potrebbe potenzialmente causare problemi con l'udito.


Abbiamo esplorato questa possibilità in due modi. Il primo verificando se l'indebolimento dell'udito è associato alla demenza diagnosticata molto tempo dopo che è stato misurato l'udito. Questo perché i sintomi pre-clinici hanno maggiori probabilità di manifestarsi vicino ad una diagnosi.


Se si guarda alla demenza diagnosticata da 9 a 11 anni dopo il test dell'udito, l'udito parlato-nel-rumore insufficiente e scadente si è associato con un 54% e 85% aumento del rischio di demenza. Questi risultati sono simili a quelli principali del nostro studio. Avremmo potuto aspettarci che questo gruppo avesse una correlazione più bassa con i problemi di udito, se erano causati dalla demenza pre-clinica.


Il secondo approccio è stato quello di includere solo le persone che avevano descritto la loro salute come 'buona', 'molto buona' o 'eccellente' alla misurazione dell'udito. Questo perché la salute peggiore potrebbe riflettere i primi sintomi pre-clinici di demenza. Le persone con salute peggiore hanno probabilmente anche più probabilità di avere problemi di udito.


Anche in questo caso, il numero di persone in questo gruppo che ha sviluppato la demenza dopo essere state identificate con un deficit uditivo, era simile a quelli dei nostri risultati iniziali. Se la demenza avesse causato il deterioramento, un numero sproporzionato di coloro che hanno sviluppato la demenza avrebbe dovuto essere composto da quelli che avevano riferito cattive condizioni generali di salute.


In entrambi i casi, questa è la prova sperimentale che la demenza potrebbe non essere la causa di danni all'udito. Ma anche così, alcuni dei primi sintomi pre-clinici di demenza possono manifestarsi decenni prima di una diagnosi. Sono necessari studi che diagnosticano la demenza 15 o anche 20 anni dopo per districare ulteriormente queste relazioni complesse.


Anche se i nostri risultati sono preliminari, si aggiungono al crescente corpo di prove che l'ipoacusia è un bersaglio promettente per prevenire la demenza. Infatti, si ritiene che, se l'ipoacusia fosse in effetti una delle cause di demenza, affrontandola si potrebbe prevenire l'8% dei casi di demenza nei casi in cui la demenza non sia altrimenti evidente. Questa statistica è basata sull'audiometria a tono puro, e quindi il numero potrebbe benissimo essere più alto se si considerano i problemi dell'udito parlato-nel-rumore.

 

 

 


Fonte: Thomas Littlejohns, epidemiologo senior, Università di Oxford

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.