Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Demenza da corpi di Lewy: cos'è questa sconosciuta?

La scorsa settimana la demenza da corpi di Lewy (LBD) ha avuto due volte l'attenzione delle cronache con la morte di Tom Seaver (famoso ex lanciatore di baseball USA) per le complicazioni della LBD e l'uscita del documentario Robin’s Wish sugli ultimi anni di Robin Williams, quando l'attore viveva con LBD. Seaver è morto il 31 agosto 2020 all'età di 75 anni; Williams è morto all'età di 63 anni l'11 agosto 2014.


Probabilmente conoscete questi uomini, ma non siete soli se chiedete “che cosa è la demenza da corpi di Lewy?”. E potresti anche chiedere "cosa la provoca?"


La LBD è la seconda demenza degenerativa più diffusa dopo l'Alzheimer, e negli Stati Uniti colpisce circa 1,4 milioni di persone e le loro famiglie. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che la LBD spesso non è riconosciuta. Anche per le persone che ne ricevono la diagnosi, averla può richiedere anni. Dei caregiver in uno studio di ricerca hanno riferito che quasi il 70% delle persone con diagnosi di LBD hanno visto tre medici prima di ricevere la diagnosi. Per un terzo delle persone con la malattia, la diagnosi corretta ha richiesto più di due anni.


Perché ci vuole così tanto tempo per ricevere una diagnosi di LBD? Nel mio ruolo di neurologo che si occupa di persone con LBD, vedo molte persone con LBD che hanno sintomi che inizialmente non sembrano suggerire una malattia del cervello.

 

Una malattia difficile da diagnosticare

I primi, lievi, problemi possono includere perdita dell'olfatto, manifestare fisicamente i sogni, avere vertigini in piedi, costipazione e ansia. In un articolo del 2016 sull'esperienza di Robin Williams, intitolato The Terrorist Inside My Husband's Brain (Il terrorista dentro il cervello di mio marito), la vedova Susan Schneider Williams ha evidenziato problemi gastrointestinali e ansia come primi cambiamenti inspiegabili.


Anche i problemi iniziali di memoria e di pensiero nella LBD possono essere sottili. Essi comprendono nuove difficoltà a concentrarsi, nel multitasking (più compiti contemporanei) o con la vista. Le fluttuazioni sono caratteristiche della LBD. Questo significa che a volte, le persone che vivono con la malattia hanno problemi minimi di pensiero. Altre volte, possono essere molto confuse. Questi alti e bassi rendono difficile capire cosa è sbagliato.


Altri sintomi sono allucinazioni, paranoie e deliri. Questi sono particolarmente preoccupanti per le persone che le sperimentano e per le famiglie. Nelle allucinazioni la persona sperimenta qualcosa che non è davvero lì, spesso vede altre persone o animali che non sono effettivamente presenti. Con i deliri una persona crede qualcosa di falso, ma non può essere convinta della realtà.


Esempi includono pensare erroneamente che ci sia un estraneo in casa, o che un coniuge abbia una relazione. “Robin's Wish” riferisce in dettaglio che Robin Williams era preoccupato che fosse successo qualcosa al suo amico nel mezzo della notte, ed era difficile convincerlo del contrario.

 

Molti sintomi, molta confusione

Nel fare una diagnosi di LBD, spesso rivedo una lista di controllo dei sintomi con le persone affette da LBD e le loro famiglie. Questo dimostra che molti problemi diversi (pressione bassa, costipazione, cambiamenti di pensiero, ansia, paranoia e molto altro) possono collegarsi a questa malattia.


Se tui o una persona cara riconoscete questi sintomi, è importante cercare una valutazione medica. Non c'è attualmente alcuna cura per la LBD. Ma ci sono trattamenti per aiutare in molti dei problemi che le persone sperimentano con questa malattia. Presso il nostro centro, usiamo un approccio interdisciplinare al trattamento, che comprende farmaci, terapia fisica, occupazionale e del linguaggio, consultazioni con dietisti e lavoro sociale.


Ottenere una diagnosi può anche essere utile per altri motivi. La ricerca suggerisce che la maggior parte delle persone vogliono una diagnosi. I vantaggi di avere una diagnosi specifica di demenza comprendono capire ciò che sta accadendo, ricevere convalida che qualcosa non va, migliorare la pazienza dei familiari con la persona affetta, pianificare il futuro, stabilire un piano di trattamento e collegarsi alle risorse.


C'è moltissimo che dobbiamo ancora conoscere sulla LBD, tra cui quello che la provoca. Tuttavia, c'è motivo di speranza. Quest'anno, degli esperti hanno pubblicato nuovi criteri per il riconoscimento delle prime fasi della LBD. I National Institutes of Health stanno aumentando la ricerca sulla malattia, e molti studi sono in corso per trovare modi migliori per diagnosticarla e trovare nuovi trattamenti.


Le persone che vivono con i sintomi, le loro famiglie e i professionisti sanitari di tutti i tipi hanno bisogno di collaborare tra loro per riconoscere i primi sintomi della LBD. Lavorando insieme, possiamo collegare le persone che vivono con questa malattia al trattamento, alla ricerca, al supporto e alla speranza.

 

Il trailer del nuovo documentario su Robins Williams rilasciato il 1 settembre 2020:

 

 

 


Fonte: Melissa J. Armstrong, professoressa associata di neurologia all'Università della Florida

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.