Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Se si legalizza la morte assistita, chi decide quale vita deve essere vissuta?

patien on wheelchair against door

Dal momento che, nel 2015, il parlamento britannico ha respinto un disegno di legge che avrebbe legalizzato la morte assistita, gli attivisti hanno continuato a spingere per un cambiamento della legge. Ora, il Royal College of Physicians sta chiedendo ai suoi membri se il Regno Unito dovrebbe consentire la morte assistita. Un sondaggio simile dei medici, fatto dal College nel 2014, aveva rilevato che la maggioranza non approvava una modifica della legge.


Negli ultimi anni, altri paesi hanno esteso le leggi che disciplinano l'eutanasia per includere gradualmente casi di malattie mentali e condizioni non limitanti la vita. Ma queste rappresentano gravi minacce per le persone con disabilità, e dovrebbero essere attentamente considerate nei dibattiti sul cambiamento della legge nel Regno Unito.


Nel 2017, il Canada ha legalizzato l'assistenza medica alla morte, che consente agli adulti consenzienti che soffrono di condizioni gravi considerate irrimediabili, di porre fine alla propria vita. La legge canadese non esclude esplicitamente la malattia mentale come unica condizione medica di base per accedere all'eutanasia. Ciò ha generato un dibattito controverso, con analisi che suggeriscono che i criteri di 'irrimediabile' sono vaghi quando applicati a condizioni psichiatriche e possono variare tra i medici.


Nei Paesi Bassi, dove dal 2001 la legge permette ai medici di eseguire l'eutanasia su richiesta di un paziente, nei casi di sofferenza insopportabile senza alcuna prospettiva di miglioramento, è emerso che l'eutanasia è stata concessa a persone con disabilità intellettiva e disturbo dello spettro autistico. Per questi pazienti, l'incapacità di far fronte alle circostanze sociali e la crescente dipendenza, solitudine, depressione e la sensazione di essere un peso per gli altri, sono stati ritenuti sufficienti per soddisfare i requisiti legali di sofferenza intollerabile, che rendono l'eutanasia ammissibile per legge.

 

Il 'pendio scivoloso'

I casi canadesi e olandesi sono significativi. Nonostante le loro strette linee guida, i codici di pratica che regolano i protocolli di morte assistita potrebbero estendersi gradualmente a tutti i pazienti disabili e ai malati di mente che soddisfano i criteri, anche in assenza di una richiesta ben informata. Ciò potrebbe comportare la cessazione di quelle vite considerate non dignitose e prive di scopo per la società. Un simile scenario equiparerebbe di fatto disabilità, disturbi mentali, persino vecchiaia, alle malattie terminali e le considererebbe condizioni 'intollerabili' con cui vivere.


Oggi, le campagne mediatiche e le celebrità incoraggiano sempre più le persone a parlare di problemi di salute mentale e non si vergognano di chiedere aiuto, nel tentativo di ridurre lo stigma negativo intorno ad esse. Anche gli attivisti per i diritti dei disabili si sentono obbligati a spiegare apertamente perché la loro vita è degna di essere vissuta e non vogliono morire.


Nonostante questo, i dibattiti pubblici sono permeati di stereotipi negativi e ipotesi morali sulle persone con disabilità o malattie mentali. Nel Regno Unito, alcuni studiosi di etica hanno già chiesto di terminare la vita delle persone con demenza in nome di un concetto non specificato di identità personale. Se accettiamo che una condizione invalidante per tutta la vita, ma non limitante la vita, possa essere un criterio per l'eutanasia, le salvaguardie della morte assistita si reggono su un terreno instabile.


Nell'ambito di un progetto di ricerca sulle questioni etiche derivanti dal dibattito sulla disabilità e sul fine vita, ho sostenuto che il diritto di porre fine alla propria vita si basa su concetti filosofici dell'agire, della dignità e dell'autonomia. E che questi concetti hanno un disperato bisogno di essere rimodellati se guardiamo alla vita di coloro che, vivendo con una grave disabilità, dipendono dagli altri per le loro cure.


In una società ossessionata dal controllo, la dipendenza è considerata un destino peggiore della morte. Alcuni sostengono che cercare assistenza medica per morire è preferibile rispetto a una morte naturale, perché ripristina il potere di una persona di prendere una decisione, e offre un modo per evitare dolore, vergogna e la sensazione di non avere nulla per cui vivere. Ma questa non è una scelta 'libera': le associazioni di beneficenza riferiscono che le persone disabili temono di sentirsi sotto pressione per porre fine alla loro vita quando sentono vergogna della loro condizione o sentono che sono un peso per la società.


Nei dibattiti sul morire assistito, il potere di una persona di provocare la propria morte ha finito per simboleggiare l'espressione del libero arbitrio, dell'autonomia e dell'autodeterminazione, mentre la disabilità, i disturbi mentali e soprattutto la mancanza di autonomia sono visti come qualcosa di intrinsecamente brutto.

 

Affidarsi agli altri

Per le persone disabili che già vivono la loro vita in uno stato di dipendenza, la scelta di morire in modo da non dover fare affidamento sugli altri raramente sarà un fattore determinante. E, facendo un ulteriore passo avanti, tali dibattiti dovrebbero riconoscere che viviamo tutti in uno stato di dipendenza.


Nessuno potrebbe affermare di essere completamente autonomo nella propria vita senza l'aiuto della tecnologia, dell'assistenza sanitaria e - forse meno ovviamente - del supporto emotivo di amici, familiari e persone care. La vulnerabilità e l'interdipendenza sono una parte essenziale della natura umana e del benessere, e sono necessarie per la crescita umana. Sperimentiamo la dipendenza da bambini e cresciamo diventando parte di un mondo di strutture e relazioni sociali che sono plasmate da collaborazioni, mutuo aiuto e assistenza reciproca.


Se la società dimentica questo e rifiuta di accettare la disabilità, la malattia e il declino come parte costitutiva dell'esistenza umana, inevitabilmente giungerà ad accettare che la morte è preferibile alla dipendenza, e di conseguenza, che porre fine alla vita del disabile è più facile che lavorare per migliorare la sua esistenza.

 

 

 


Fonte: Lidia Ripamonti, ricercatrice associata del Von Hügel Institute for Critical Catholic Inquiry all'Università di Cambridge.

Pubblicato su The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.