Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Uso del metodo Montessori per contrastare la demenza

Un cardiologo in pensione si siede ad un tavolo della L'Chaim Retirement Home di Toronto, analizzando cardiogrammi. Però non è un volontario che dà il suo tempo per aiutare gli altri. A sua insaputa, sta lavorando per mantenere i suoi ricordi.

La L'Chaim per il programma di demenza sta usando il metodo Montessori, un nuovo approccio per combattere la demenza che è stato implementato nei centri diurni e nelle case di cura in tutto il paese nel corso degli ultimi anni.


Prendendo i principi del metodo Montessori, creato per i bambini nella prima parte del secolo scorso, e applicandolo agli adulti che soffrono di una serie di malattie cognitive, il programma è visto come un raggio di speranza in quella che è spesso una realtà straziante. Più di mezzo milione di canadesi sono attualmente interessati dalla demenza, che, con l'invecchiamento della popolazione, è destinata a diventare una preoccupazione ancora maggiore.


L'approccio relativamente semplice del programma è parte del suo fascino. Come nel caso del medico, il Metodo Montessori permette alle persone di eseguire i compiti che sentono familiari, insieme a giochi che potenziano la mente, gruppi di discussione e un ambiente fisico progettato sia per rassicurare che per stimolare. E sembra funzionare.


Therese Holtzman fa i biscotti. (Foto Fred Lum /The Globe and Mail)Therese Holtzman fa i biscotti. (Fred Lum /The Globe and Mail)Al Dementia Support Dov & Zipora Burstein Senior Centre, il primo centro diurno di questo genere nella Greater Toronto Area, Miriam Greenberg sta tirando la pasta per biscotti (nella foto a sinistra). E' ovvio che l'ha fatto molte altre volte. Le sue mani ben curate spostano il mattarello molto lentamente per appianare ogni segmento fino al bordo, premendo di nuovo insieme eventuali crepe che si formano.


In altri ambienti, questa piccola 87enne, e le altre tre donne al tavolo, probabilmente sarebbero state viste di primo acchitto come pazienti di demenza bisognose di cure costanti. Qui, al nuovo centro diurno per anziani, che la Greenberg frequenta tre volte la settimana, essa è vista come una donna che potrebbe essersi divertita a cucinare in precedenza nella sua vita e che potrebbe divertirsi anche oggi. "Ho sempre cucinato molto", dice mentre spruzza una miscela di noci sulla pasta. "I biscotti della nonna", aggiunge con voce tremula mentre elenca tranquillamente i primi ingredienti.


Il metodo Montessori per la demenza è figlio del cervello di Gail Elliot, ex gerontologa della McMaster University, che gestisce ora un'attività di formazione per caregiver e di consulenza per le istituzioni pubbliche e private. Si è ispirata al lavoro di un psicologo americano, Cameron Camp, che alla fine degli anni '90 si è impradronito dell'idea che, trovando la persona dietro la demenza, i caregiver possono trovare indizi su come rafforzare la loro funzione cerebrale - o almeno rallentarne il declino. "Trova la storia e vedi la persona: chi è quella persona oggi e come possiamo tirarla fuori", dice la Elliot. "I ricordi non sono tutti persi. Scopriamo ciò che rimane ancora e capitalizziamo su di essi e miglioriamo la qualità della vita".


Anche se la Elliot resiste al vedere troppi paralleli tra i bambini piccoli e le persone con demenza, per non infantilizzare nessuno, lei crede che il marchio Montessori possa risuonare in molti. "E' così semplice", dice. "Quando si fa qualcosa con il proprio bambino, si pensa: quali sono le sue esigenze? Cosa gli piace fare, cosa è capace di fare? Non puoi sfidarlo a fare troppo, perché sarà frustrato e si arrenderà. Ma rendi la cosa solo un po' più difficile di quello che può fare, in modo che possa migliorare".


Altri che lavorano nel settore vedono i metodi basati sulla Montessori con un buon potenziale per la fornitura di stimolo e di impegno. Habib Chaudhury, professore e docente del corso di laurea di gerontologia alla Simon Fraser University, dice che sono necessarie ulteriori ricerche, ma ci sono "alcune evidenze che il metodo riduce l'ansia e fornisce attività significative alle persone con demenza". Egli dice che un altro fattore positivo è che il metodo si basa molto sull'ambiente sensoriale, e sui cinque sensi, cosa "molto importante nell'esperienza di demenza".


Nella struttura è difficile non notare un altro principio Montessori importante in gioco, quello dell' "ambiente preparato". Segni grandi e leggibili riempiono i muri. C'è un enorme calendario, che ricorda alle persone che giorno è. Al tavolo di self-service per caffè e tè, è tutto etichettato, fino alla zuccheriera. Anche se le uscite sono abilmente camuffate da immagini di mobili tromp l'oeil (dipinti realistici che evitano il comportamento comune di molti pazienti con demenza di "cercare-l'uscita") tutto il resto è ben marcato, compresi i bagni e gli armadi della cucina.


"Nulla è lasciato da indovinare alla loro memoria", dice Deborah Rothenberg, direttrice delle operazioni, mentre visitiamo il centro. "E' un posto sicuro". I tavoli sono preparati con la versione per adulti di attività dell'asilo, come classificazioni, puzzle e giochi. Libri di canzoni e storie sono stampati solo sulla pagina destra, con la nota "Si prega di voltare pagina" a destra di ogni angolo inferiore. Mentre i bambini giocherebbero con le immagini di animali carini, qui le attività giocano con la gente. C'è un cesto di asciugamani da piegare e uno di calzini da abbinare. Se ci fossero stati uomini oggi, potrebbero essere mandati verso un bidone pieno di tubi e connessioni idrauliche - Lego per adulti, se si vuole.


"Niente è infantile"
, dice. Tranne una delle piccole stanze che fiancheggiano il grande spazio aperto al centro, piena di bambole e vestiti. La Rothenberg è attenta a sottolineare che questa stanza è terapeutica per gli ospiti di demenza con funzionamento molto basso, che possono trovare confort nelle coccole delle bambole e nel vestirle; le sette donne qui oggi sono considerate ad alto funzionamento e sarebbe un insulto invitarle a giocare con le bambole.


Oltre ad aiutare gli anziani a trascorrere una giornata significativa e piacevole, la Elliot dice che il programma può anche contenere molti dei comportamenti associati alla demenza, come i pazienti che si afferrano al personale, fanno più volte le stesse domande, sono errabondi e gridano, cosa che può essere comune in strutture senza maggiori risorse. "Mi piacerebbe trasformare il modo in cui ci prendiamo cura delle persone con demenza".


La figlia della Greenberg, Fern Kutnowski, dice che le differenze in sua madre sono sorprendenti; negli ultimi quattro mesi essa ha frequentato il programma, che costa 59 dollari [canadesi = circa 44 Euro] al giorno. Stava peggiorando in termini di salute e trascorreva la maggior parte del suo tempo seduta su una sedia a guardare fuori dalla finestra. Ora, è più probabile che possa impegnarsi in una conversazione con la figlia e non ha bisogno di essere tormentata per restare attiva.


Anche se resisteva per andare all'inizio, "Lei si sente bene, alla fine della giornata. Torna a casa e dice: 'Ho lavorato molto duramente oggi' ". E, sì, la cottura può aver avuto un ruolo. "Mia madre era una cuoca incredibile. Eravamo tutti abituati a chiedere i biscotti Safta (della nonna)". La Greenberg, che soffre di demenza da più di sette anni, viveva in un appartamento con aiuto a domicilio, ma ora vive in una casa di accoglienza per anziani. La Kutnowski dice che va bene ed è impegnata nella vita. "Se fosse sana, potrebbe pensare che questa è una sciocchezza. Ma sta funzionando. Non e' più la stessa persona".

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Pubblicato da Tralee Pearce in The Globe and Mail il 24 Gennaio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari - Foto: Fred Lum /The Globe and Mail

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...