Iscriviti alla newsletter

Cambia stile di vita per ridurre il rischio di demenza, ma agisci ora

lifestyle

Fai 10.000 passi al giorno, taglia l'alcol, dormi meglio di notte, resta socialmente attivo: ci viene detto che cambiamenti come questi possono impedire fino al 40% dei casi di demenza in tutto il mondo. Dato che la demenza è ancora una delle malattie più temute, perché non stiamo spingendo i medici e i governi a supportare questi cambiamenti nello stile di vita attraverso nuovi programmi e iniziative politiche?

La verità, tuttavia, è più complessa. Sappiamo che apportare modifiche allo stile di vita è difficile. Chiedi a chiunque abbia cercato di mantenere il proposito di Capodanno di andare in palestra 3 volte alla settimana. Può essere doppiamente difficile quando le modifiche che dobbiamo apportare ora non mostrano risultati per anni o addirittura decenni e non capiamo davvero perché funzionano.

 

Prendi il controllo della tua salute

Chiunque abbia visto una persona cara con demenza, che affronta indegnità e declini piccoli e grandi che li lascia alla fine incapaci di mangiare, comunicare o ricordare, sa che è una malattia devastante. Esistono diversi nuovi farmaci per la forma più comune di demenza, il morbo di Alzheimer (MA), che si fanno strada sul mercato. Tuttavia, sono ancora lontani da essere cura e sono attualmente efficaci solo per i pazienti di MA in fase iniziale.

Quindi i cambiamenti nello stile di vita potrebbero essere la nostra migliore speranza di ritardare la demenza o non svilupparla affatto. L'attore Chris Hemsworth lo sa. Ha visto suo nonno con il MA e sta facendo cambiamenti nello stile di vita dopo aver appreso di avere 2 copie del gene ApoE4. Questo gene è un fattore di rischio per il MA ed essere portatori di 2 sue copie aumenta significativamente il rischio di sviluppare la stessa condizione.

La ricerca ha identificato fattori di rischio modificabili che contribuiscono ad aumentare il rischio di demenza:

  1. inattività fisica,
  2. eccesso di alcol,
  3. carenza di sonno,
  4. isolamento sociale,
  5. perdita di udito,
  6. scarso impegno cognitivo,
  7. dieta scadente,
  8. ipertensione,
  9. obesità,
  10. diabete,
  11. trauma cranico,
  12. fumo,
  13. depressione,
  14. inquinamento dell'aria.

La nostra comprensione dei meccanismi biologici per questi fattori di rischio è variegata, alcuni li comprendiamo meglio di altri. Ma c'è molto che sappiamo, ecco cosa qui di seguito.

 

Riserva cognitiva e neuroplasticità

La riserva cognitiva è la capacità del cervello di resistere al danno o alla malattia neurodegenerativa. Se c'è una perdita di tessuto o funzionale in una parte del cervello, altre cellule cerebrali (neuroni) lavorano più duramente per compensarla. In teoria, ciò significa che le esperienze e le attività di tutta la vita creano una diga contro i danni delle malattie e dell'invecchiamento nel cervello.

La neuroplasticità è la straordinaria capacità del cervello di adattarsi, apprendere e riorganizzarsi, creare nuovi percorsi o ricablare quelli esistenti per riprendersi dai danni. L'aspetto chiave è che la neuroplasticità può avvenire in qualsiasi momento e a qualsiasi età, il che significa che l'apprendimento e le attività dovrebbero durare tutta la vita.

Molti dei fattori di rischio legati alla demenza probabilmente funzionano in combinazione, motivo per cui un approccio generale di stile di vita è cruciale. Ad esempio, studi hanno dimostrato che l'esercizio fisico, l'impegno cognitivo e sociale stimolano il tuo cervello e mantengono la sua plasticità facendo crescere nuove connessioni neurali e costruendo riserva cognitiva.

Il meccanismo alla base di questo effetto è una combinazione di fattori: l'aumento di ossigeno e di flusso sanguigno al cervello stimola i fattori di crescita che mantengono i neuroni sani e riducono l'infiammazione. È anche vero il contrario: sonno e dieta scadenti, isolamento sociale e depressione non trattata sono legati alla riduzione della riserva cognitiva.

La stessa logica si applica alla perdita di udito, un fattore di rischio emergente, cruciale per la demenza. Man mano che diminuisce l'udito di una persona, può rendere difficile impegnarsi socialmente con gli altri, con conseguente perdita di stimoli sensoriali. Il cervello deve lavorare di più per compensare, abbattendo potenzialmente la riserva cognitiva e diventando incapace di resistere alla demenza.

 

Il ruolo dello stress e dell'infiammazione

Le risposte allo stress e l'infiammazione sono la risposta complessa del corpo alle lesioni. L'infiammazione è una componente importante del sistema immunitario del corpo, lo aiuta a difendersi dalle minacce e a riparare i danni ai tessuti. Mentre l'infiammazione a breve termine è una risposta naturale e positiva, l'infiammazione cronica o prolungata interrompe la normale funzione e provoca danni alle cellule del cervello.

Ad esempio, uno dei punti in comune tra demenza e depressione non trattata è il processo infiammatorio. L'esposizione prolungata agli ormoni dello stress può portare a infiammazione cronica. Anche ipertensione, inattività fisica, fumo e inquinamento atmosferico sono associati a infiammazione cronica e stress, che possono danneggiare i vasi sanguigni e i neuroni nel cervello.

In una nuova area di ricerca ancora poco esplorata, anche l'isolamento sociale è stato collegato all'infiammazione. Come abbiamo appreso durante la pandemia di Covid-19, il cervello è cablato per rispondere all'impegno sociale come mezzo di legame e supporto emotivo, specialmente in tempi di disagio.

Con i sondaggi che mostrano che più di un canadese su tre si sente isolato, la mancanza di connessione sociale e solitudine può innescare la risposta allo stress del corpo e i cambiamenti neuroendocrini e l'esposizione prolungata a questo processo infiammatorio può danneggiare il cervello.

 

Percorsi simili su più malattie

Molti di questi fattori di rischio e i loro percorsi biologici, sono comuni a diverse malattie croniche. Evidenze che si accumulano da decenni di ricerca supportano il concetto 'ciò che fa bene al cuore fa bene alla testa'. Ciò significa che apportare questi cambiamenti nello stile di vita non solo riduce il rischio di demenza, ma anche il rischio di diabete, ipertensione e disturbi cardiaci.

Ciò evidenzia la natura complessa della demenza, ma offre anche una strategia unita per affrontare molteplici problemi di salute che possono sorgere con l'età.

 

Non è mai troppo tardi

Non è mai davvero troppo tardi per cambiare. Cervello e corpo umani hanno una notevole capacità di adattamento e resilienza per tutta la vita. Sebbene ci siano benefici nell'essere fisicamente e socialmente attivi a qualsiasi età, alcune ricerche mostrano che il dividendo di tali guadagni può essere più elevato dopo i 40 anni quando il metabolismo del corpo rallenta, i fattori di rischio aumentano e la riserva cognitiva diventa ancora più essenziale per contrastare il declino cognitivo.

Se apportare modifiche allo stile di vita significa che puoi guardare tuo figlio muoversi in età adulta, allora fai a piedi i 20 isolati fino al tuo caffè preferito ogni giorno, continua a vivere a casa tua, magari fai 10.000 passi quotidiani [ndt: ma anche molti meno, 3/4.000 a ritmo vivace], cambia dieta e mantieni forte la tua rete di amicizie.

Nel peggiore dei casi, sarai più sano e più indipendente con o senza demenza. Nella migliore delle ipotesi, potresti evitare completamente la demenza e altre malattie importanti e continuare a vivere la vita al meglio.

 

 

 


Fonte: Saskia Sivananthan (prof.ssa Dipartimento di Medicina di famiglia, McGill University) e Laura Middleton (prof.ssa assistente, Dipartimento di Kinesiologia, Università di Waterloo)

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.