Iscriviti alla newsletter

Invecchiare con cervello sano: cambiare lo stile di vita per prevenire fino al 40% dei casi di demenza

Happy Senior Ladies taking Coffee

Una donna di 65 anni cerca ripetutamente assistenza medica per la sua memoria che sta scemando. Per prima cosa le viene detto che non è nulla di cui preoccuparsi, quindi, un anno dopo, che è "solo normale invecchiamento". Fino a quando, infine, si scoprono le carte: "È Alzheimer. Non c'è cura". Scenari come questo sono fin troppo comuni.


La demenza rimane in gran parte sotto rilevata, anche in paesi ad alto reddito come il Canada, in cui il tasso di casi non rilevati supera il 60%. Le convinzioni che i deficit cognitivi siano normali negli anziani, la mancanza di conoscenza dei sintomi della demenza e dei criteri diagnostici tra i medici, sono stati identificati come i principali colpevoli di casi ignorati e di diagnosi tardive.


Le perdite di memoria legate all'età non devono essere ridotte semplicemente a invecchiamento normale. Può accadere a tutti di dimenticare occasionalmente dove abbiamo parcheggiato l'auto o dove abbiamo lasciato le chiavi, ma quando queste situazioni diventano frequenti è importante cercare consigli medici.


Mentre molte persone che sperimentano lievi cambiamenti nella capacità di pensare e ricordare informazioni non arriveranno mai alla demenza, in altri, questo declino costituisce un segnale di avvertimento precoce. La ricerca ha dimostrato che le persone con lievi cambiamenti nella cognizione hanno un rischio maggiore di sviluppare la demenza più avanti nella vita.


In effetti, è stato dimostrato che il processo di malattia (cambiamenti nella struttura e nel metabolismo del cervello) inizia decenni prima della comparsa di sintomi, come la perdita di memoria. Inoltre, nella comunità scientifica ci si rende conto sempre di più che gli interventi che mirano a rallentare o prevenire lo sviluppo delle malattie hanno maggiori probabilità di essere efficaci se si implementano all'inizio del decorso della malattia.


Nonostante ciò, i protocolli per il rilevamento precoce non sono standard nella comunità medica, in parte perché rimangono lacune significative nella nostra comprensione della demenza.

 

Demenza e popolazione che invecchia

Nella mia ricerca, uso metodi avanzati di risonanza magnetica cerebrale per caratterizzare la salute del cervello negli anziani ad alto rischio di demenza. L'obiettivo è identificare nuovi biomarcatori di patologia precoce, che potrebbero portare a un miglioramento dei metodi di rilevamento in futuro.


La percentuale di anziani sta crescendo nella nostra popolazione. La demenza è fortemente associata all'invecchiamento, quindi il numero di diagnosi di demenza - compresa quella del morbo di Alzheimer (MA) - dovrebbe aumentare considerevolmente nei prossimi decenni, raggiungendo 1,7 milioni di canadesi entro il 2050.


Questo aumento previsto eserciterà un'enorme pressione sui nostri sistemi sanitari già tesi se non vengono intraprese azioni significative per invertire la tendenza. Ciò significa che strategie di prevenzione efficaci sono ora più urgenti che mai.


Notizie recenti su nuovi farmaci promettenti per il trattamento del MA evidenziano anche la necessità di una diagnosi precoce. Gli studi clinici hanno mostrato che questi farmaci sono più efficaci nel rallentare il declino cognitivo quando somministrati all'inizio del decorso della malattia. Sebbene queste nuove opzioni di trattamento rappresentino scoperte per il campo del MA, sono necessarie ulteriori ricerche.


Queste nuove terapie agiscono su un solo processo della malattia (abbassando i livelli di amiloide, una sostanza che si ritiene sia tossica per i neuroni), quindi possono rallentare il declino cognitivo in un solo sottoinsieme di pazienti. È necessaria una corretta caratterizzazione di altri processi, su base personalizzata, per combinare questi trattamenti con altre strategie.


Per non parlare del significativo aumento di risorse finanziarie e umane che saranno necessarie per fornire questi nuovi trattamenti, che potrebbe ostacolare l'accesso, specialmente nei paesi a basso e medio reddito, dove i casi di demenza stanno aumentando di più.

 

Stile di vita e salute del cervello

I cambiamenti nello stile di vita, d'altra parte, hanno dimostrato di ridurre il rischio di sviluppare la demenza con costi minimi e nessun effetto collaterale. Rendendo la valutazione del rischio di demenza una parte delle visite mediche di routine per gli anziani, coloro che hanno il rischio più alto potrebbero essere identificati e consigliati su come mantenere la salute e la cognizione del cervello.


Gli individui a rischio probabilmente hanno più bisogno di quegli interventi (potenzialmente una combinazione di interventi farmaceutici e di vita), ma chiunque può trarre benefici dell'adozione di abitudini di vita sane, che sono note per proteggere dalle malattie non solo del cervello, ma anche del cuore e di altri organi.


Secondo un rapporto influente, pubblicato su Lancet nel 2020, il 40% dei casi di demenza può essere attribuito a 12 fattori di rischio modificabili: ipertensione, obesità, inattività fisica, diabete, fumo, consumo eccessivo di alcol e contatti sociali rari. Ciò significa che, adottando abitudini di vita positive, potremmo teoricamente prevenire circa il 40% delle demenze, secondo il rapporto.


Sebbene non vi sia alcuna garanzia di proteggersi dal declino cognitivo, le persone possono ridurre notevolmente il rischio di demenza aumentando i livelli di attività fisica, restando mentalmente attivi e aumentando il contatto sociale, evitando al contempo di fumare e limitando il consumo di alcol.


Alcune prove suggeriscono anche che una dieta mediterranea, che enfatizza l'elevato consumo di piante (in particolare verdure a foglia) riducendo i grassi saturi e l'assunzione di carne, fa bene anche alla salute del cervello. In breve, incoraggiando le persone ad essere fisicamente, mentalmente e socialmente attive, un numero significativo di casi di demenza potrebbe essere potenzialmente evitato.

 

Barriere a stili di vita sani

Allo stesso tempo, i cambiamenti politici potrebbero affrontare le disuguaglianze sociali che portano all'insorgere di diversi fattori di rischio e una maggiore prevalenza di demenza, nelle minoranze etniche e nelle popolazioni vulnerabili. Nonostante abbia un sistema sanitario universale, il Canada ha ancora disuguaglianze sanitarie.


Le persone con un rischio più alto di condizioni di salute includono quelle con uno stato socioeconomico inferiore, persone con disabilità, indigeni, persone razzializzate, immigrati, minoranze etniche e persone LGBTQ2S. I cambiamenti politici potrebbero affrontare queste disuguaglianze non solo promuovendo stili di vita sani, ma anche prendendo provvedimenti per migliorare le circostanze in cui vivono le persone di queste comunità.


Esempi includono migliorare l'accesso ai centri sportivi o alle cliniche di prevenzione per le persone con redditi più bassi e progettare città che favoriscono stili di vita attivi. I governi devono valutare e affrontare le barriere che impediscono alle persone di gruppi specifici di adottare abitudini sane di vita.


Dobbiamo essere ambiziosi sulla prevenzione. Il futuro del nostro sistema sanitario e quello della nostra salute dipende da questo.

 

 

 


Fonte: Stefanie Tremblay, dottoranda in fisica medica, Concordia University

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.