Iscriviti alla newsletter

Cos'è l'autofagia? Può aiutarci a invecchiare meno e meglio?

how autophagy worksCome funziona l'autofagia nel corpo (Fonte: autori articolo)

“Miracolo antinvecchiamento”, “Rafforza il sistema immunitario”, “Perdi peso velocemente”: queste sono alcune delle promesse dell'autofagia, la pallottola d'argento che secondo gli influenzatori (influencer) sul benessere è supportata dalla scienza da premio Nobel. In molti casi, gli influenzatori dicono che il modo migliore per potenziare l'autofagia (che è il modo con cui il corpo ricicla le molecole) è con un prodotto disponibile nel loro negozio online.


Anche se l'autofagia sembra troppo bella per essere vera, la realtà scientifica può essere in contrasto con questo clamore: almeno nei topi di laboratorio e in alcuni altri organismi. Ecco qui sotto dov'è la scienza ora, e che cosa dobbiamo ancora sapere per capire se aumentare l'autofagia aiuta gli esseri umani.

 

L'autofagia è la disintossicazione definitiva

L'autofagia è un processo vitale che rimuove e ricicla molecole indesiderate o danneggiate dalle cellule. Il processo inizia con le cellule che marcano organelli indesiderati o danneggiati (composti di molecole come proteine, carboidrati, lipidi e DNA o RNA) per essere rimossi.


Questi organelli marcati sono avvolti da una membrana, e sigillati  dentro come in un sacco della spazzatura, diventando ciò che gli scienziati chiamano autofagosoma. L'autofagosoma poi si sposta vicino ad un altro organello chiamato lisosoma, un piccolo sacchetto acido pieno di enzimi potenti.


Quando i due si fondono, il loro contenuto si mischia. Gli enzimi scompongono i rifiuti in sostanze nutritive riciclate che le tue cellule possono riusare. È la disintossicazione finale, e lo sta facendo proprio ora.

 

I topi hanno un beneficio, ma gli esseri umani?

La rimozione di questi prodotti di scarto può potenzialmente influenzare le malattie legate all'età. Ad esempio, topi progettati geneticamente con meno autofagia hanno più probabilità di sviluppare tumori. La minore autofagia accelera anche i segni di demenza e di malattie di cuore nei topi.


L'autofagia degrada i componenti cellulari per riusarli come fonte di energia durante le fasi avanzate di fame nei topi. E poiché l'autofagia è cruciale per la sopravvivenza durante il digiuno, è sensibile ai livelli di nutrienti e di energia. Se diminuiamo la nutrizione nelle cellule di laboratorio e negli animali da laboratorio, l'autofagia aumenta per compensare. Questo significa che la dieta può potenzialmente modificare l'autofagia.


Sembra tutto promettente. Ma, e questo è il grande ostacolo, noi non sappiamo veramente come agisce negli esseri umani.

 

Come sapere se è lo stesso negli esseri umani?

Per sapere se digiunare, prendere una pillola o fare qualche altra attività può influenzare l'autofagia negli esseri umani (e la nostra salute), dobbiamo essere in grado di misurare se l'autofagia aumenta o diminuisce.


E il nostro gruppo ha sviluppato il primo test di questo tipo per misurare come varia attività dell'autofagia negli esseri umani. Ma anche questo è limitato ai campioni di sangue. Non siamo ancora sicuri dei livelli di autofagia nei tessuti come il cervello o se l'attività autofagica che vediamo nel sangue corrisponde ad altre parti del corpo. Ci stiamo lavorando.

 

Che dire di quelle diete o pillole allora?

Noi semplicemente non sappiamo abbastanza dell'autofagia negli esseri umani, e non c'è stato abbastanza tempo per verificare se diete o integratori che amplificano l'autofagia funzionano realmente nelle persone. Nella migliore delle ipotesi questo rende premature, e nel peggiore dei casi del tutto errate, le diverse pretese di incremento dell'autofagia e dei suoi benefici.


Dati i risultati positivi negli animali, e poiché l'autofagia è sensibile alla nutrizione, non è sorprendente che non ci sia fine ai consigli e agli integratori alimentari che promettono di aumentare l'autofagia per un invecchiamento sano.


Questi tendono ad essere libri o materiali che spiegano come seguire una tua dieta per aumentare l'autofagia (con il digiuno intermittente o le cheto-diete, per esempio). Oppure puoi acquistare integratori che affermano di aumentare l'autofagia con ingredienti come gli agrumi bergamotto.


Per quanto discutibili possano sembrare queste affermazioni, molte di loro hanno alla base un pizzico di verità. In effetti, il lavoro sui meccanismi dell'autofagia ha davvero fatto vincere il premio Nobel nel 2016.


Ma le pretese degli influenzatori sono estrapolate selvaggiamente da dati preliminari senza contesto. Ad esempio, un topo non può restare senza cibo che per 2 o 3 giorni prima di morire, mentre un essere umano può restare senza cibo per settimane. Quindi, il tempo esatto di digiuno necessario per aumentare l'autofagia negli esseri umani è del tutto sconosciuto: i reclami degli influencer di 16, 24 o 48 ore sono spari nel buio.


Questo vale anche per gli integratori. Un prodotto di primo piano in vendita è la spermidina, che può aumentare l'autofagia in laboratorio, come ad esempio nel lievito e nelle cellule umane in coltura. Tuttavia, nulla mostra direttamente che possa aumentare l'autofagia negli esseri umani.


L'autofagia è studiata ampiamente solo da circa 15 anni. Finora, sappiamo che può rallentare l'invecchiamento biologico negli animali da laboratorio. Per questo ha il potenziale di affrontare alcuni dei più grandi problemi di salute che la nostra società ha di fronte attualmente: questo include la demenza, il cancro e le malattie cardiache.


Ma, al momento, semplicemente non sappiamo abbastanza dell'autofagia negli esseri umani per fare qualsiasi affermazione su cosa possiamo fare per aumentarla, o sui suoi benefici per la salute.

 

 

 


Fonte: Tim Sargeant e Julien Bensalem, ricercatori del South Australian Health & Medical Research Institute

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.