Denuncia & Advocacy

Profitti prima delle persone: l'abbandono della ricerca di Alzheimer e Parkinson

Profitti prima delle persone: l'abbandono della ricerca di Alzheimer e Parkinson

Il gigante farmaceutico Pfizer ha deciso di interrompere la ricerca su morbo di Alzheimer (MA) e sul morbo di Parkinson (MP) e di licenziare 300 unità del personale di ricerca e sviluppo nel Massachusetts e nel Connecticut, in una mossa che potrebbe ostacolare gravemente i progressi verso trattamenti efficaci per queste malattie, dimostrando che la ricerca medica critica non può essere lasciata nelle mani dei profittatori capitalisti.


Le società come la Pfizer dovrebbero essere espropriate e i loro beni, i dati e le attrezzature poste sotto il controllo democratico, da utilizzare per il miglioramento dell'umanità.


La Pfizer (che ha incamerato oltre 50 miliardi di dollari nel 2017) ha deciso che ulteriori investimenti nella lotta contro l'MA e il MP - che colpiscono rispettivamente 47 milioni e 10 milioni di persone in tutto il mondo - non hanno finanziariamente senso, soprattutto quando possono facilmente raccogliere miliardi per farmaci di 'stile di vita' come il Viagra.


In breve, la decisione della Pfizer di abbandonare la ricerca su MA e MP riflette la natura di alto rischio e bassa remunerazione del lavoro su tali malattie da una prospettiva capitalista. La scienza medica è ancora ben lontana da una cura per l'MA o l'MP, e la Pfizer ha sperimentato una serie di costose delusioni negli ultimi anni nel tentativo di progettare farmaci efficaci. Ad esempio, nel 2012 una joint venture con la Johnson & Johnson è stata interrotta quando il farmaco bapineuzumab non è riuscito ad aiutare i pazienti con MA lieve-moderato nel secondo ciclo di studi clinici. Rinunciare a questa ricerca a favore di lavoro con maggiori probabilità di produrre risultati (vale a dire, profitti più immediati) è un'ammissione implicita di sprecare miliardi per trattamenti falliti.


La decisione della Pfizer potrebbe portare al ritiro dal settore di altre importanti aziende farmaceutiche come AstraZeneca e Eli Lilly (che hanno subito anch'esse costosi battute d'arresto negli ultimi anni nella ricerca sull'MA), causando una siccità negli investimenti per ulteriori ricerche. Nonostante l'appello del dott. Matthew Norton, direttore delle politiche di Alzheimer's Research UK, che le multinazionali farmaceutiche "dovrebbero guardare al potenziale a lungo termine quando decidono se partecipare a questo sforzo", se Big Pharma non annusa profitti a breve termine, non rischierà il suo capitale.


L'annuncio della Pfizer è una testimonianza particolarmente evidente degli orrori del capitalismo, se visto nel contesto del danno causato da MA e MP. Ad esempio, il costo globale di MA e demenza (in termini di cure mediche, assistenza sociale e ospizi) è stimato in 605 miliardi di dollari: equivalente all'1% del prodotto interno lordo di tutto il mondo. Nel frattempo, l'impatto finanziario per un cittadino del Regno Unito che vive con MP (che influenza la mobilità e, infine, la comunicazione) è in media di 16.000 sterline all'anno in termini di assistenza con pulizia, perdita di reddito e benefici e così via. Per i malati di MP più poveri, l'aiuto professionale potrebbe essere inaccessibile, ponendo l'onere dell'assistenza sulle spalle dei familiari.


La Pfizer che esce dalla ricerca contro l'MA e il MP sposterà l'onere di cercare trattamenti per queste malattie sul settore pubblico, ad esempio tramite le università. Cioè, come sta diventando la norma, lasciano il conto della ricerca ai contribuenti, solo per acquisire a pochi soldi i brevetti in seguito. Poiché la popolazione continua ad invecchiare nel mondo occidentale, i finanziamenti statali per la ricerca sull'MA sono aumentati negli ultimi anni. Gli Stati Uniti si sono impegnati ad aumentare di $ 400 milioni i fondi per la ricerca sull'MA nel 2017; e tra il 2010 e il 2015, gli investimenti del governo britannico nella ricerca sulla demenza sono passati da 28,2 milioni di sterline a 66,3 milioni di sterline. Tuttavia, queste cifre sono ben al di sotto delle entrate generate da entità come la Pfizer. Se questa società privata fosse così in buona fede, potrebbe destinare fondi maggiori di vari ordini di grandezza verso la ricerca di un trattamento efficace.


Inoltre, l'investimento pubblico è ancora microscopico in rapporto al costo della malattia, che si aggira sui 26 miliardi di sterline l'anno nel Regno Unito e agli incredibili $ 259 miliardi negli Stati Uniti, e le infrastrutture statali stanno lottando per tenere il passo. L'assistenza sociale in Gran Bretagna è criminalmente sotto-finanziata da decenni; e grazie alle politiche di austerità della destra, l'Associazione delle Amministrazioni Locali stima una carenza di finanziamento di 2,6 miliardi di sterline entro il 2020. Attualmente, le famiglie a basso reddito con esigenze di assistenza devono coprire questi costi tra £ 50 e £ 80 alla settimana.


Negli Stati Uniti, la maggior parte delle esigenze di assistenza sociale sono coperte da privati. Il programma Medicaid copre i costi delle case di cura e alcune cure infermieristiche a domicilio per le persone a basso reddito che hanno esaurito le risorse. Tuttavia, Medicare non copre l'assistenza sociale, fatta eccezione per una piccola parte di assistenza residenziale riabilitativa. Mentre la popolazione continua ad invecchiare, questa situazione non farà che peggiorare: colpirà più duramente i più poveri.


Ma anche se aziende come la Pfizer sono fondamentali per il funzionamento della società, non operano a vantaggio di essa. La principale forza trainante della Pfizer è il puro profitto. Il suo capo R&D, Mikael Dolsten, ha recentemente dichiarato a una conferenza sanitaria della JP Morgan che la società basa la sua strategia di ricerca e sviluppo sui farmaci con "un potenziale di molti miliardi di dollari". Questi giganti delle medicine concentrano la loro attenzione su qualsiasi cosa catturi il massimo guadagno con il minimo sforzo, cosa che può portare a porre l'accento sulla produzione di sotterfugi finanziari piuttosto che sulle medicine.


Nel 2015, la Pfizer ha acquisito l'Allergan (la società che produce il Botox) con una fusione da 160 miliardi di dollari: una mossa che ha evitato la tassa statunitense sui 147 miliardi di dollari di profitti che aveva nascosto all'estero. In Gran Bretagna, nonostante le vendite da 1,3 a 1,8 miliardi di sterline all'anno tra il 2001 e il 2014, la Pfizer non ha pagato quasi alcuna tassa nel periodo in questione, annunciando perdite operative significative ogni anno, tranne un piccolo profitto di 9 milioni di sterline nel 2013.


Si prevede inoltre che la società benefici sostanzialmente del nuovo taglio delle imposte societarie di Donald Trump, con 5 miliardi di dollari: 10 volte di più rispetto ai fondi promessi dal governo degli Stati Uniti per l'MA e più della metà del budget di ricerca e sviluppo di Pfizer dal 2014 al 2016. Donald Trump ha premiato generosamente gli azionisti della Pfizer, che hanno risposto tagliando le ricerche sulle malattie neurologiche, licenziando centinaia di dipendenti e continuando a gonfiare il costo dei suoi prodotti.


Questo non dovrebbe sorprendere. L'intera industria medica è diventata completamente parassitaria, facendo i miliardi rapinando i servizi sanitari statali, negando medicinali essenziali ai paesi del Terzo Mondo e facendo pressioni sui governi per deregolamentare il mercato sanitario. La Pfizer è stata a sua volta colpita con una multa record nel 2016 dopo aver addebitato al NHS £ 50 milioni per un farmaco anti-epilessia: in crescita dai 2 milioni di sterline del 2013. Per anni la Pfizer ha nascosto al mondo in via di sviluppo il fluconzale (un potente agente antimicotico che può essere usato per curare malattie correlate all'AIDS come il mughetto orale e la meningite criptococcica), pur continuando a venderlo ai ricchi pazienti americani ed europei. Solo dopo aver provocato indignazione internazionale ha reso disponibile il farmaco alle ONG che operano nei paesi in via di sviluppo con una prevalenza superiore all'1% di HIV/AIDS nel 2001.


L'azienda non ha mai avuto timore di usare la sua influenza finanziaria per farsi strada nella sfera politica, spendendo $ 25 milioni solo nel 2010 in lobbismo per la deregolamentazione sanitaria negli Stati Uniti. I grandi affari e lo stato sono collegati tra loro da migliaia di fili. Nonostante le promesse durante le primarie di Donald Trump, che avrebbe regnato in Big Pharma, la nomina dell'ex dirigente farmaceutico Alex Azar in sostituzione di Tom Price come Segretario per i Servizi Sanitari e Umani suggerisce il contrario.


In netto contrasto con le affermazioni secondo cui la libera concorrenza sul mercato favorisce l'innovazione, l'industria farmaceutica privata rivela la stagnazione, l'irrazionalità e la crudeltà di fondo del capitalismo nel suo stato di decadimento senile. Dall'enorme aumento di Martin Shkreli del costo del Daraprim (un farmaco usato nel trattamento delle condizioni correlate all'AIDS) da $ 13,50 a $ 750 per pillola; a giganti del farmaco che approfittano delle epidemie di AIDS in Africa e in Asia; a Big Pharma che preleva denaro pubblico (sotto forma di contratti di appalto) dal NHS e lo mette nei paradisi fiscali, la logica del capitalismo assicura che i sani profitti abbiano sempre la precedenza sulla salute pubblica.


Inoltre, le azioni della Pfizer dimostrano la pura barbarie di permettere che vaste riserve di denaro, esperienza e talento vengano sprecate o indirizzate erroneamente da aziende medicali private. Consentire alle priorità di ricerca di essere dettate dalle forze del mercato ha portato i giganti farmaceutici a dirigere più attenzione verso i farmaci di 'stile di vita' destinati ai ricchi, progettati per trattare condizioni tragiche come obesità, calvizie, rughe e impotenza. Esiste un mercato multimiliardario per tali prodotti. Nel frattempo, il difficile e costoso lavoro di produzione di terapie per malattie come l'MA e l'MP viene sacrificato ai fini economici.

Al contrario, nel 2017, Cuba ha realizzato la svolta più eccitante nella ricerca sull'MA da decenni. L'economia pianificata di Cuba ha prodotto un servizio sanitario gratuito che è l'invidia del mondo e ha ora avviato studi umani su una medicina sviluppata al 100% a Cuba, il NeuroEpo, che ha prodotto risultati positivi nel ritardare l'avanzata dell'MA. Laddove la Pfizer ha rinunciato all'MA, memore dei suoi margini di profitto, Cuba ha compiuto importanti progressi verso un trattamento efficace, che sarà gratuito al punto di consegna qualora si dimostrasse praticabile.


L'esempio di NeuroEpo dimostra le possibilità offerte da un'economia gestita democraticamente di migliorare la sofferenza umana. Ogni giorno a migliaia di persone viene diagnosticata una malattia potenzialmente letale e alterante: una tragedia su scala globale. Non possiamo affidare ai pirati capitalisti - guidati da nient'altro che la ricerca del profitto - il compito di sviluppare cure per tali malattie, né possiamo permettere loro di sfruttare la nostra sofferenza per riempirsi le tasche. Dovremmo espropriare le corporazioni come la Pfizer, mettere la loro vasta ricchezza e disponibilità di risorse sotto il controllo democratico e sfruttare tutta la capacità produttiva e intellettuale dell'umanità per sbarazzarci per sempre di malattie terribili come l'MA e l'MP.

 

 

 


Fonte: Joe Attard in Marxist.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione MA onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...