Iscriviti alla newsletter

Le scorie nelle cellule sono la chiave dell'insorgenza tardiva di Alzheimer

Gli scienziati sanno da tempo che un accumulo di rifiuti prodotti nelle cellule del cervello può portare a malattie neurodegenerative. Ora, alcuni sostengono che un processo simile avviene nell'Alzheimer e che, riparando la capacità delle cellule di disfarsi dei rifiuti, la malattia può essere fermata prima che possa provocare danni.

I rifiuti biologici normalmente sono disaggregati dalla parte della cellula conosciuta come il lisosoma. Se qualcosa va storto nel processo, le tossine, composte in gran parte da varie proteine, iniziano a formarsi e causano deterioramento e morte delle cellule. Quando questo accade nel cervello, l'accumulo di prodotti di scarto cellulare formano la proteina amiloide beta, che è legata all'Alzheimer e altri tipi di demenza.

I ricercatori suggeriscono che i problemi nel lisosoma rappresentano un evento precoce nel processo di demenza che, se trattato o invertito, potrebbe fermare il progresso della malattia.

[Lisosomi]

Ralph A. Nixon, professore di psichiatria e di biologia cellulare presso il Langone Medical Center e il Nathan Kline Institute della New York University, dice che esperimenti con i topi con Alzheimer hanno contribuito a sostenere questa teoria. Il Dr. Nixon dice che lui e i suoi colleghi sono stati in grado di prevenire il declino cognitivo negli animali migliorando il funzionamento degli enzimi nei lisosomi in modo che le proteine dei rifiuti sono stati degradati e trasformati più velocemente. Idealmente, dice il Dott. Nixon, i medicinali dovrebbero riparare il meccanismo difettoso che mira ad eliminare le proteine tossiche prima che il danno sia fatto al cervello.

Lo sviluppo di farmaci tradizionali nell'Alzheimer sta adottando un approccio troppo limitato, concentrandosi intensamente sulla formazione di proteina amiloide beta nel cervello, dice il Dott. Nixon. Questo perché l'amiloide, anche se importante, è solo una delle molte proteine tossiche che gonfiano i neuroni quando il sistema lisosomiale smette di funzionare. "La mole di proteine di scarto che si accumulano all'interno dei neuroni nel cervello della malattia di Alzheimer è enorme", dice il dottor Nixon.

Dozzine di rare malattie genetiche che colpiscono i bambini portano all'accumulo di tossine cellulari, che, senza trattamento, può causare problemi neurologici e talvolta la morte. Tra le più note ci sono la malattia di Tay-Sachs e la malattia di Gaucher. Inoltre, una migliore comprensione di come funziona il lisosoma potrebbe portare a trattamenti per altre malattie, come il morbo di Huntington e la Niemann-Pick di tipo C.

I ricercatori stanno provando diversi approcci il cui obiettivo è il lisosoma come un possibile trattamento per l'Alzheimer e altre malattie. In alcuni casi, stanno cercando di incrementare le attività di alcuni enzimi nel lisosoma che aiutano a degradare i prodotti di scarto. In altri casi, stanno cercando il modo perchè il sistema lisosomiale provveda più velocemente o in modo più efficiente al riciclaggio dei rifiuti prima che abbiano la possibilità di addensarsi e causare problemi nella cella.

[...]

Al Mount Sinai School of Medicine di New York, i ricercatori guidati da Yiannis A. Ioannou hanno studiato la ciclodestrina, un composto che ha allungato la vita dei topi con una malattia da accumulo lisosomiale chiamata Niemann-Pick di tipo C (NPC). Sebbene l'esatto meccanismo di questo effetto non è pienamente compreso, il dottor Ioannou sostiene che la sostanza potrebbe funzionare stimolando i lisosomi nei neuroni dei topi a espellere in una sola volta tutti i rifiuti stoccati. Questo potrebbe essere utile per altre patologie neurodegenerative che coinvolgono il lisosoma, dice.

La ciclodestrina è già in fase di test nei topi con Alzheimer da parte di ricercatori tra cui il dottor Nixon e viene dato, in via sperimentale e su base individuale, a un piccolo numero di bambini negli Stati Uniti e in Brasile che hanno una malattia NPC. Comunque, una ragione per cui i medici non hanno ancora istituito un test clinico in pazienti di NPC è perché non sono sicuri di come lavora il medicinale, dato che la ciclodestrina si crede non sia in grado di attraversare la barriera emato-encefalica che separa il sangue circolante dalle cellule neuronali.

In un articolo pubblicato all'inizio di questo mese su PLoS One, il dottor Ioannou e i suoi colleghi hanno dimostrato che la ciclodestrina forma buchi nelle membrane delle cellule, innescando il lavoro dei lisosomi di svuotarne il contenuto, nel tentativo di riparare il danno. Ora il laboratorio di Ioannou sta studiando se questo segnale può anche essere trasmesso attraverso la barriera emato-encefalica ai lisosomi delle cellule del cervello per dire loro di svuotarsi dei rifiuti accumulati.  Capire come funziona questo può rendere più facile lo sviluppo di farmaci che possono aiutare non solo i pazienti con malattia di NPC, ma un certo numero di altre patologie neurodegenerative, dice il Dott. Ioannou.

Wall Street journal, 28 dicembre 2010

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.