Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

L'impatto della dipendenza e delle sostanze sulla memoria

pills on memory

I pericoli della droga non sono così semplici come un'overdose, e noi stanno ancora imparando su di loro giorno per giorno.


Secondo uno studio di riferimento pubblicato sull'American Journal of Psychiatry, i ricercatori hanno scoperto che l'uso di cannabis ha un impatto abbastanza significativo sulla memoria a breve e lungo termine degli adolescenti.


Anche se ciò sembrerebbe intuitivo, poiché l'«ebbrezza» funziona rallentando i processi cerebrali, l'informazione fornisce un altro livello di supporto al lavoro clinico che faccio con gli adolescenti in riabilitazione, vale a dire: questo può causare danni permanenti.


«Vivo per oggi» porta a «vivere nel dolore» domani e quando invecchi.


È interessante notare che il problema della memoria è diventato sempre più problematico anche per gli anziani e per gli anziani la cui memoria è già un problema noto. Uno studio recente su alcol e anziani ha rilevato che "un consumo eccessivo di alcol può aumentare il rischio di disfunzioni cognitive e demenza".


Gli oppiacei sono prescritti pesantemente agli anziani anche come forma di cure palliative. Gli oppiacei agiscono inibendo la trasmissione dei segnali del dolore e la reazione di una persona al dolore. Questi stessi segnali e percorsi di segnale sono legati ai processi cognitivi e quindi possono esserci danni secondari a lungo termine al cervello e alla funzione della memoria.


È abbastanza difficile affrontare l'impatto dell'invecchiamento; l'aggiunta di sostanze al mix aumenta drasticamente le possibilità di perdita di memoria e altri problemi cognitivi oltre al potenziale di dipendenza.


Per gli anziani, a differenza della maggior parte degli adolescenti, il problema critico che emerge quando si affronta l'impatto negativo delle sostanze sulla mente e sul corpo è la gestione del dolore.


Come possiamo trattare il dolore degli anziani nel modo meno dannoso possibile? Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Gestione del dolore esterno, non coinvolgente con cannabidiolo (CBD), massaggi, paracetamolo e terapia fisica ad agopuntura, onde radio, stimolazione elettrica e altro ancora.
  2. Psicoterapia. La psicoterapia è usata ampiamente ed efficacemente per aiutare le persone a far fronte al dolore cronico e alla dipendenza; inoltre, sono disponibili servizi di teleterapia per il trattamento di popolazioni singole come gli anziani che possono essere costretti a letto.
  3. Ambienti strutturati e di sostegno che soddisfano i bisogni fisici ed emotivi dei pazienti anziani, con particolare attenzione alla qualità della vita, consentendo loro di:
    1. allontanare l'attenzione dal dolore;
    2. affrontare le difficoltà cognitive associate all'uso anche limitato di oppiacei;
    3. imparare a usare strategie efficaci con il supporto di un gruppo;
    4. fare yoga, meditazione e altre tecniche alternative per aiutare a rispondere meglio allo stress e ad acquisire e mantenere la flessibilità e ad aumentare il flusso di sangue al cervello e alla cognizione; riducono anche la paura di cadere migliorando l'equilibrio e aumentano l'autosufficienza.

 

 

 


Fonte: Mendi Baron LCSW, appassionato sostenitore di adolescenti e giovani adulti nei campi della salute mentale e della dipendenza.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.