LANS: nuovo tipo di perdita di memoria degli anziani definito alla Mayo Clinic

24 Lug 2024 | Ricerche

Ricercatori della Mayo Clinic di Rochester / Minnesota hanno stabilito nuovi criteri per una sindrome di per...

Matrice di idrogel fornisce nuove informazioni sui meccanismi dell'Alzheimer

24 Lug 2024 | Ricerche

Ricercatori del Terasaki Institute for Biomedical Innovation di Los Angeles hanno fatto luce sugli intricati...

Metformina e altri antidiabetici possono ridurre il rischio di demenza nei pazienti con diabete tipo 2

24 Lug 2024 | Ricerche

L'American Journal of Preventive Medicine riferisce che l'analisi di oltre 1,5 milioni di dati di pazienti con diabet...

L'intelligenza artificiale prevede meglio dei test clinici il progresso dell'Alzheimer

23 Lug 2024 | Ricerche

Scienziati dell'Università di Cambridge hanno sviluppato uno strumento di intelligenza artificiale in grado di preved...

L'elenco di prodotti, servizi e tecnologia per anziani con demenza e caregiver

23 Lug 2024 | Annunci & info

Cari lettori: siamo già oltre metà 2024! Ciò significa che è il momento della raccolta semestrale di prodott...

Disparità razziali nella demenza sono determinate da fattori sociali

23 Lug 2024 | Ricerche

Uno studio indica che le differenze razziali nella funzione cognitiva non hanno origini genetiche.

L...

Graffiarsi la pelle in demenza: cause potenziali e come aiutare

22 Lug 2024 | Esperienze & Opinioni

Controllare la persona che si graffia la pelle può essere difficile e la demenza presenta le proprie sfide. Come per ...

Ippoterapia contro l’Alzheimer: una realtà che fa ben sperare

22 Lug 2024 | Esperienze & Opinioni

Un adagio di fine Ottocento recita: “C’è qualcosa nell’aspetto esteriore di un cavallo che fa bene all’anima...

Possiamo prevedere la velocità del declino cognitivo nell'Alzheimer precoce?

22 Lug 2024 | Ricerche

Un nuovo studio pubblicato su Neurology® si è occupato di prevedere la velocità del declino cognitivo delle ...

Atttestato di merito donne che si prendono cura

Il Centro Culturale Due Mulini promuove e ospita incontri dedicati alle donne, con il fine di creare uno spazio di benessere psico-fisico, all’insegna del confronto e della conoscenza reciproca.

In questo contesto siamo orgogliosi di sapere che il progetto “Donne che si prendono cura”, realizzato presso il Centro Culturale Due Mulini grazie al contributo del Rotary Club Castelfranco Asolo ed organizzato dall’Associazione Alzheimer di Riese Pio X, è stato premiato e riconosciuto a Treviso questo 10 giugno 2024.

Il premio è stato consegnato al Dottor Massimo Pisciotta, Presidente dell’Associazione Alzheimer di Riese.

Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questo successo.

Prossimi eventi

Gio, 19 Set '24  17:00 > 18:30   Caffe' Alzheimer
[CA Pedemontano] «Vorrei e posso. Principi dell'autodeterminazione e strumenti per realizzarla»
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno ...
Centro Polivalente "La Roggia", Via Caozocco 10, San Zenone degli Ezzelini (TV)
Gio, 17 Ott '24  17:00 > 18:30   Caffe' Alzheimer
[CA Pedemontano] «L'umanizzazione delle cure attraverso il metodo Gentlecare»
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno ...
Sala Zancaner, Piazza Papa Luciani 1, Segusino (TV)
Gio, 21 Nov '24  17:00 > 18:30   Caffe' Alzheimer
[CA Pedemontano] «Centro Sollievo Tour: vivere l'esperienza di una giornata insieme»
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno ...
Distretto Sanitario, Via Toniolo 2, Vedelago (TV)

Sostegno Psicologico Ottobre 2023Per scaricare la locandina, clicca con il tasto destro sull'immagine e scegli "Salva con nome" o similare.

Da non perdere

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019 | Ricerche

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le ...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023 | Ricerche

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative c...

Pensaci: tenere attivo il cervello può ritardare l'Alzheimer di 5 anni

21.07.2021 | Ricerche

Mantenere il cervello attivo in vecchiaia è sempre stata un'idea intelligente...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 | Ricerche

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017 | Ricerche

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per …

30.01.2019 | Ricerche

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamat...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022 | Ricerche

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i ...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019 | Esperienze & Opinioni

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo f...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019 | Ricerche

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati d...

Laser a infrarossi distrugge le placche di amiloide nell'Alzheimer

7.08.2020 | Ricerche

L'aggregazione di proteine ​​in strutture chiamate 'placche amiloidi' è una ca...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023 | Ricerche

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flu...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022 | Ricerche

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunz...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in re…

17.01.2022 | Ricerche

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichia...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzh…

28.09.2018 | Annunci & info

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014 | Ricerche

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angust...

LipiDiDiet trova effetti ampi e duraturi da intervento nutrizionale all'i…

9.11.2020 | Ricerche

Attualmente non esiste una cura nota per la demenza, e le terapie farmacologic...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheime…

1.10.2014 | Ricerche

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva d...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020 | Ricerche

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua...

Subiamo un 'lavaggio del cervello' durante il sonno?

4.11.2019 | Ricerche

Una nuova ricerca eseguita alla Boston University suggerisce che questa sera d...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Al…

30.01.2015 | Ricerche

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e f...

Hyperbaric oxygen therapy chamber

Un team di ricercatori dell'Università di Tel Aviv è riuscita a risanare il trauma cerebrale mediante ossigenoterapia iperbarica (HBOT, hyperbaric oxygen therapy). Questa è la prima volta nel mondo scientifico che una terapia non farmacologica si è dimostrata efficace nel prevenire i processi biologici principali responsabili dello sviluppo del morbo di Alzheimer (MA).


Con un protocollo specifico di HBOT, il flusso sanguigno cerebrale è migliorato / aumentato del 16-23% in pazienti anziani, alleviando la disfunzione vascolare e il carico di amiloide. Lo studio, che fa parte di un programma di ricerca completo sull'invecchiamento e i disturbi che lo accompagnano come malattia reversibile, è promettente come nuovo approccio strategico per la prevenzione del MA, affrontando non solo i sintomi o puntando i biomarcatori, ma la patologia centrale e la biologia responsabili dello sviluppo della malattia.


Lo studio, pubblicato su Aging, è stato condotto sotto la guida di un team di ricercatori dell'Università di Tel Aviv: prof. Shai Efrati, prof. Uri Ashery, dott.ssa Ronit Shapira, dott. Pablo Blinder e dott. Amir Hadanny.


La medicina iperbarica è una forma di terapia che richiede ai pazienti di stare in camere speciali, in cui la pressione atmosferica è molto più alta di quella normalmente sperimentata a livello del mare. Inoltre, respirano aria composta da ossigeno al 100%.


La medicina iperbarica è considerata sicura e serve già a trattare un ampio elenco di condizioni mediche, anche in Israele. Negli ultimi anni, le prove scientifiche hanno indicato che i protocolli unici di terapia iperbarica sono in grado di indurre la riparazione del danno al tessuto cerebrale e di rinnovare la crescita dei vasi sanguigni e delle cellule nervose nel cervello.


La prima fase dello studio è stata effettuata su un modello animale, dimostrando in modo conclusivo, attraverso l'esame dei tessuti cerebrali, che un certo protocollo terapeutico provoca un miglioramento della funzione vascolare e la creazione di nuovi vasi sanguigni. Impedisce anche il deposito di nuove placche amiloidi sulle cellule cerebrali e porta anche alla rimozione di depositi di placca amiloide esistenti. L'amiloide è una proteina ​​non solubile. I depositi di tali proteine ​​nel cervello sono collegati a gravi condizioni degenerative come il MA.


Nella fase successiva, gli effetti del trattamento sono stati esaminati in persone over-65 con declino cognitivo e un'enfasi sulla perdita di memoria, una fase che precede il MA e la demenza. La terapia ha incluso una serie di 60 sessioni di HBOT unica in camere a pressione, per 90 giorni. Gli effetti sul cervello sono stati valutati dalla risonanza magnetica ad alta risoluzione a perfusione. Il protocollo di trattamento iperbarico ha dato origine a: aumento del flusso sanguigno nell'intervallo del 16% -23%, miglioramento significativo della memoria del 16,5% in media, miglioramento significativo dell'attenzione e della velocità di elaborazione delle informazioni.


Il prof. Uri Ashery spiega: "Studiando e curando il MA nel modello animale, possiamo implementare i nostri risultati per includere anche gli umani. Dopo una serie di trattamenti iperbarici, i pazienti anziani che già soffrivano di perdita di memoria hanno mostrato un miglioramento del flusso di sangue al cervello, oltre a un vero miglioramento delle prestazioni cognitive. Di conseguenza, siamo riusciti a dimostrare il potenziale latente della medicina iperbarica per trattare condizioni neurologiche che provengono dall'ipossia, vale a dire, una carenza di ossigeno che raggiunge le cellule".


Il dott. Pablo Blinder dice: "Questa svolta è stata abilitata grazie a un nuovo approccio di ricerca che impiega microscopi multi-fotoni. Ciò ci ha permesso di seguire i miglioramenti negli indici presi da modelli animali, prima e dopo ogni trattamento nella camera. Allo stesso tempo, noi controlliamo il diametro dei vasi sanguigni e la formazione di placche amiloide nel loro cervello".


La dott.ssa Ronit Shapira aggiunge: "La combinazione tra un modello animale, da cui potremmo capire la patologia della malattia, e la terapia esistente e disponibile, solleva la speranza che ora possiamo combattere una delle più grandi sfide dell'occidente. Secondo i nostri risultati, è probabile che la terapia iperbarica sia riuscita a prevenire interamente questa grave malattia".


Il prof. Shai Efratati riassume i risultati dello studio: "Trattando il problema di fondo, che provoca il deterioramento cognitivo con l'età, stiamo in effetti mappando la strada verso la prevenzione. È probabile che la medicina iperbarica possa potenzialmente offrire l'opportunità di vivere con una buona funzione cerebrale, senza relazione con l'età cronologica. L'idea è iniziare la terapia prima dell'insorgenza dei sintomi clinici della demenza e prima del deterioramento e della vasta perdita di tessuto cerebrale. Questo è il palcoscenico in cui i vasi sanguigni si occludono e cala il flusso sanguigno e la disponibilità di ossigeno nel cervello, un fenomeno che può già avvenire a un'età relativamente giovane".

 

 

 


Fonte: Tel-Aviv University via EurekAlert! (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Ronit Shapira, Amos Gdalyahu, Irit Gottfried, Efrat Sasson, Amir Hadanny, Shai Efrati, Pablo Blinder, Uri Ashery. Hyperbaric oxygen therapy alleviates vascular dysfunction and amyloid burden in an Alzheimer’s disease mouse model and in elderly patients. Aging, 9 Sep 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.