Iscriviti alla newsletter

I diversi metodi per la diagnosi precoce dell'Alzheimer

PredictAD è un progetto di ricerca finanziato dall'UE che sviluppa metodi oggettivi ed efficaci per consentire la diagnosi precoce dell'Alzheimer. La diagnosi richiede una visione olistica delle informazioni del paziente combinando diverse fonti, come test clinici, scansioni e campioni di sangue.

"L'obiettivo del progetto PredictAD è quello di sviluppare un indicatore obiettivo per diagnosticare l'Alzheimer nella fase più precoce possibile. Le linee guida diagnostico attuali sottolineano l'importanza di biomarcatori diversi nella diagnostica. Abbiamo sviluppato nuovi approcci per estrarre biomarcatori dai dati di scansione, dai dati elettrofisiologici e dai campioni di sangue, e un software unico e clinicamente utile per l'integrazione di tutte queste misure eterogenee" dice il coordinatore scientifico del progetto, il dott. Jyrki Lötjönen del VTT Technical Research Centre della Finlandia.

Risonanza magnetica per identificare l'atrofia

L'atrofia del lobo mediotemporale è un segno noto della malattia. La risonanza magnetica è un ottimo strumento per misurare la perdita di tessuto.

Nella pratica clinica attuale, le immagini vengono interpretate soprattutto solo con un esame visivo, ma c'è un grande bisogno di misurazioni oggettive. PredictAD ha sviluppato diversi metodi per soddisfare questa esigenza. "Siamo riusciti a sviluppare strumenti efficaci per misurare le dimensioni dell'ippocampo, la percentuale di atrofia dell'ippocampo e due moderni approcci basati sul confronto dei dati dei pazienti con casi precedentemente diagnosticati disponibili in archivi di dati di grandi dimensioni", dice l'autore del programma di scansione dei biomarcatori, il professor Daniel Rueckert dell'Imperial College di Londra.

Anche la scansione con Tomografia ad emissione di positroni (PET), un'altra tecnologia di visualizzazione, è stata studiata nel progetto. Un nuovo tracciante recentemente sviluppato specificamente per la diagnostica dell'Alzheimer è promettente per la diagnosi precoce della malattia.

Rilevare i cambiamenti nell'elettrofisiologia del cervello

Si sa che l'Alzheimer pregiudica l'attività elettromagnetica del cervello. In PredictAD, abbiamo studiato le prestazioni di una nuova tecnologia, la stimolazione magnetica transcranica (TMS) combinata con misure elettroencefalografiche (EEG) per la rilevazione della malattia. La forza della TMS + EEG è che permette perturbazioni dirette e non invasive della corteccia cerebrale umana senza richiedere la collaborazione del soggetto. Il nostro studio ha mostrato cambiamenti significativi nei pazienti con Alzheimer in confronto alle persone sane quando invecchiano.

Tecniche non invasive per trovare biomarcatori della malattia

I biomarcatori a livello molecolare sono attualmente in fase di studio approfondito in materia di ricerca di Alzheimer. Si è trovato che molti biomarcatori, come le proteine tau e b-amiloide 42, misurate nel fluido cerebrospinale (CSF), il liquido che circonda la corteccia cerebrale, sono fortemente correlati con la malattia. Una delle sfide principali di questi biomarcatori è che il prelievo di campioni di liquor è una misura invasiva che ne limita l'utilizzabilità nella diagnostica precoce. I campioni di sangue sarebbero una fonte eccellente per individuare la malattia, visto che il prelievo di sangue non è considerato una tecnica invasiva. PredictAD ha studiato il ruolo dei composti metabolomici e proteinici nell'Alzheimer da campioni di sangue. I risultati preliminari mostrano alcuni composti promettenti.

Metodologia per misurare lo stato del paziente

Attualmente, i medici fanno la diagnosi finale, combinando misurazioni eterogenee con informazioni provenienti da interviste del paziente e dei parenti. Questo processo comporta ragionamenti soggettivi e richiede competenze forti da parte dei medici. Gli ospedali moderni hanno enormi riserve di dati contenenti informazioni nascoste che possono essere utilizzate nella diagnostica con modelli matematici sistematici.

PredictAD ha progettato un approccio totalmente nuovo per misurare oggettivamente lo stato della paziente. Questo sistema di supporto decisionale, sviluppato in stretta collaborazione con i medici, confronta le misurazioni del paziente con misurazioni di altri pazienti nei grandi database e fornisce alla fine un indice e una rappresentazione grafica che riflette lo stato del paziente. "Lo strumento PredictAD offre una nuova possibilità per supportare il processo decisionale", spiega il Prof. Hilkka Soininen dell'Università della Finlandia orientale, che ha guidato la validazione clinica del progetto.

Possibilità di significativi risparmi nei costi sanitari

Il Prof. Gunhild Waldemar del Copenhagen University Hospital, Rigshospitalet, sottolinea l'importanza della ricerca di Alzheimer: "La diagnostica di successo e precoce, combinata con nuovi farmaci in fase di sviluppo e cura psicosociale all'inizio, può ritardare l'istituzionalizzazione dei pazienti, ridurre la sofferenza e i costi per la società. E' stato calcolato che ritardare l'insorgenza della malattia di cinque anni potrebbe dimezzare i costi dell'Alzheimer e ritardarne l'insorgenza e la progressione di un anno solo ridurrebbe il numero dei casi di circa il 10%".

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce?
Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica. Non tenerla per te, non farci perdere l'occasione di conoscerla.



Fonte: Materiale del VTT Technical Research Centre of Finland.

Pubblicato in Science Daily il 15 giugno 2011 - Traduzione di Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.