Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Fattori di rischio vascolari interagiscono con l'amiloide-beta accelerando il declino cognitivo

Fattori di rischio vascolari interagiscono con l'amiloide-beta accelerando il declino cognitivo

I fattori di rischio vascolari aumentano il rischio di deterioramento cognitivo degli anziani e sembrano avere un effetto sinergico negativo con l'amiloide-beta del cervello, la proteina che si aggrega in placche neurotossiche nel cervello degli individui con morbo di Alzheimer (MA).


Nel rapporto pubblicato su JAMA Neurology, un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) descrive la scoperta che la combinazione tra aumento del rischio vascolare e livelli più alti di amiloide cerebrale negli anziani clinicamente normali può predire un declino cognitivo ancora più rapido di quanto ci si aspetterebbe sulla base degli effetti indipendenti di entrambi i fattori.


Jennifer Rabin PhD, ricercatrice clinica del Dipartimento di Psichiatria del MGH e prima autrice dello studio, dice:

"I nostri risultati suggeriscono che avere fattori di rischio vascolare come il diabete, il fumo e l'ipertensione può accelerare il tasso di declino cognitivo degli anziani normali e che l'effetto del rischio vascolare sul declino è amplificato nelle persone con livelli più alti di amiloide cerebrale.

"I nostri risultati supportano la logica di puntare i fattori di rischio vascolari modificabili, da soli o in combinazione con terapie che abbassano l'amiloide, per ritardare il declino cognitivo. Le misure del rischio vascolare possono anche integrare i biomarcatori esistenti per identificare le persone con un rischio più alto di declino cognitivo".


Il MA e le malattie cerebrovascolari sono probabilmente le due cause più comuni di disabilità cognitiva degli anziani, ma, anche se spesso sono compresenti in singoli pazienti, sono in genere considerati dei contributori indipendenti.


Anche se la presenza di placche di amiloide nel cervello è considerata un segno distintivo del MA, alcune persone con livelli elevati di amiloide non sviluppano mai un danno cognitivo. Ciò ha portato alla ricerca di ulteriori marcatori, oltre all'amiloide cerebrale, per identificare quelli a maggior rischio di declino cognitivo.


L'attuale studio è stato progettato per indagare se gli effetti dell'aumento dell'amiloide cerebrale e del rischio vascolare sul declino cognitivo sono solo additivi (riflettendo una semplice combinazione dei rischi forniti indipendentemente da ciascun fattore) o se sono sinergici (l'interazione dei due produce un livello più alto di rischio). Un altro obiettivo era determinare se il rischio vascolare resta un predittore potente del declino cognitivo, anche considerando altre misure della salute del cervello derivate da scansioni PET e risonanza magnetica.


Lo studio ha analizzato i dati di 223 partecipanti all'Harvard Ageing Brain Study, uno studio continuo su individui cognitivamente normali da 50 a 90 anni di età, progettato per migliorare la comprensione dei cambiamenti cerebrali che interessano la memoria e la cognizione nel corso dell'invecchiamento. Al momento dell'arruolamento nello studio, sono effettuate ricerche di biomarcatori, comprese scansioni PET con un composto che rivela depositi di amiloide nel cervello.


La valutazione del rischio vascolare è determinata dal punteggio Framingham di rischio cardiovascolare, che si basa su fattori quali ipertensione, indice di massa corporea e storie di diabete o fumo. I partecipanti si sottopongono anche a test standard di memoria, attenzione e linguaggio, ripetuti durante le visite annuali di controllo.


I risultati hanno dimostrato che sia i livelli elevati di amiloide cerebrale che il rischio vascolare più elevato, misurati al momento dell'arruolamento dello studio, erano associati a un declino cognitivo più rapido, e i cambiamenti più rapidi sono osservati nei partecipanti con aumenti in entrambi i fattori. L'estensione dell'interazione tra le due misure suggerisce un effetto sinergico, piuttosto che semplicemente additivo.


Il rischio vascolare è rimasto un predittore costante di declino cognitivo, anche dopo aver controllato altri biomarcatori; e mentre lo studio non ha confrontato direttamente il contributo dei livelli di amiloide del cervello e del rischio vascolare al tasso di declino cognitivo, il potere predittivo di entrambi i fattori era statisticamente simile.


L'autore senior e corrispondente Jasmeer Chhatwal MD/PhD, del Dipartimento di Neurologia del MGH, afferma:

"[...] Sorprendentemente, il rischio vascolare sembra essere utile per identificare il rischio di declino cognitivo al di sopra e al di là di una lista completa di misure di risonanza magnetica e PET della salute del cervello. Forse ancora più importante, possiamo ridurre i fattori di rischio vascolare attraverso trattamenti medici e interventi sullo stile di vita, e la riduzione di questi fattori di rischio vascolare potrebbe ridurre la perdita di memoria nel tempo, specialmente nelle persone con molta amiloide cerebrale".


La co-autrice Reisa Sperling MD, dei Dipartimenti di Neurologia del MGH e del Brigham and Women's Hospital e ricercatrice principale dell'Harvard Aging Brain Study, aggiunge: "È importante tenere a mente che l'Harvard Aging Brain Study arruola individui anziani piuttosto sani che non hanno livelli molto alti di malattia vascolare. Ma anche così, questi risultati suggeriscono che anche livelli relativamente modesti di rischio vascolare possono interagire con la patologia dell'Alzheimer molto precoce, per accelerare il declino cognitivo degli anziani normali". La Sperling è professore di Neurologia e Chhatwal è assistente professore di Neurologia alla Università di Harvard.

 

 

 


Fonte: Massachusetts General Hospital (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Jennifer S. Rabin,Aaron P. Schultz, Trey Hedden, Anand Viswanathan, Gad A. Marshall, Emily Kilpatrick, Hannah Klein, Rachel F. Buckley, Hyun-Sik Yang, Michael Properzi, Vaishnavi Rao, Dylan R. Kirn, Kathryn V. Papp, Dorene M. Rentz, Keith A. Johnson, Reisa A. Sperling, Jasmeer P. Chhatwal. Interactive Associations of Vascular Risk and β-Amyloid Burden With Cognitive Decline in Clinically Normal Elderly IndividualsFindings From the Harvard Aging Brain Study. JAMA Neurology, 2018 DOI: 10.1001/jamaneurol.2018.1123

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.