Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


La marijuana potrebbe essere la risposta all'Alzheimer, secondo uno studio

Marijuana Could Be the Answer to Alzheimers

Le statistiche associate all'Alzheimer sono decisamente deprimenti.


La malattia, che colpisce in genere gli anziani ed è caratterizzata da un progressivo declino della funzione cognitiva, affligge attualmente 5,4 milioni di americani, e l'Alzheimer's Association si aspetta che i costi diretti e indiretti del trattamento raggiungano i 236 miliardi di dollari nel 2016.
Un over-65 su nove ha il morbo, e all'interno degli Stati Uniti, è la 6a causa di morte.


Queste statistiche sono ancora più spaventose quando si considera quanto hanno ancora da imparare i ricercatori su questa malattia. Anche se ci sono farmaci progettati per rallentare la progressione delle varie fasi della malattia, una cura è tuttora latitante.


Un certo numero di compagnie farmaceutiche hanno preso di mira l'Alzheimer, con il solo risultato di studi finiti in una delusione. Giganti come Johnson & Johnson e Pfizer si sono uniti per sviluppare il bapineuzumab, mentre la Eli Lilly ha sviluppato il solanezumab. Entrambi i farmaci hanno fallito gli obiettivi primari di fase 3. E' difficile portare medicine oltre la barriera emato-encefalica, e il tasso di successo clinico dei farmaci di Alzheimer è particolarmente basso.


La Biogen spera di cambiare la situazione con la terapia sperimentale aducanumab, che, in studi in fase iniziale, hanno ridotto il declino cognitivo e eliminato sostanzialmente l'amiloide-beta (una proteina che si trova nel cervello che, quando si aggrega, può formare placche che bloccano i neuroni e portano a un progressivo declino della funzione cognitiva). Purtroppo, le storie di successo nella fase iniziale spesso mancano il bersaglio negli stadi successivi, per cui la giuria è ancora riunita per l'aducanumab.

 

E' la cannabis la risposta all'Alzheimer?

Tuttavia, i ricercatori del Salk Institute for Biological Studies ritengono che la cura per l'Alzheimer potrebbe venire da una sostanza facilmente reperibile: la marijuana.


Per testare la loro teoria, i ricercatori del Salk Institute hanno modificato delle cellule nervose per farle produrre alti livelli di amiloide-beta. I ricercatori hanno poi osservato che questi livelli più elevati di produzione di amiloide-beta hanno portato all'espressione di proteine ​​pro-infiammatorie e infine alla morte delle cellule nervose stesse. La morte continua di queste cellule nervose è ciò che porta al declino cognitivo progressivo che vediamo nei pazienti di Alzheimer.


Questa è una scoperta interessante, perché per lungo tempo si è creduto che fosse la risposta di tipo immunitario, non le proteine stesse, a portare alla morte delle cellule nervose.


Ora è proprio qui che le cose si fanno interessanti. Come hanno notato i ricercatori nelle loro scoperte, le cellule nervose del cervello contengono recettori che vengono attivati da molecole lipidiche chiamate endocannabinoidi, prodotti naturalmente dalle cellule nervose. Si crede che questi endocannabinoidi aiutino le cellule nervose ad inviare segnali relativi all'appetito, alla sensazione di dolore e alla memoria.


La marijuana contiene la sostanza chimica tetraidrocannabinolo (comunemente chiamata THC), che è simile agli endocannabinoidi e può attivare gli stessi recettori delle cellule nervose. In altre parole, i ricercatori del Salk Institute hanno ipotizzato che la cannabis potrebbe bloccare i recettori che portano al rilascio di proteine pro-infiammatorie e prevenire la morte delle cellule nervose.


Per il loro test, i ricercatori hanno applicato la THC alle cellule nervose che producono alti livelli di amiloide-beta. I risultati hanno mostrato che la produzione di amiloide-beta si è ridotta, eliminando la risposta proteica pro-infiammatoria e risparmiando le cellule nervose dalla morte.


Comprensibilmente, questo studio dovrebbe essere testato in un ambiente clinico ben controllato per avere validità, ma offre comunque la speranza significativa del fatto che la cannabis potrebbe essere la chiave per curare l'Alzheimer.

 

Prima di eccitarti troppo ...

Anche se i risultati dei ricercatori del Salk Institute aprono gli occhi e sono stimolanti dal punto di vista medico (e segnano un'altra vittoria per gli appassionati della cannabis che vorrebbero vedere legalizzata la marijuana medica in tutto il paese) la realtà è che il percorso della cannabis verso l'approvazione come trattamento per l'Alzheimer potrebbe essere lungo e difficile.


Se vi ricordate, la U.S. Drug Enforcement Administration (DEA) ha emesso di recente una sentenza che manterrà la cannabis una sostanza del programma 1 (cioè, illecita). Anche se la DEA sembra aver alleggerito la sua posizione sulla marijuana a fini di ricerca medica, non ci sono garanzie che l'accesso alla cannabis per la ricerca medica sarà migliore tanto presto. Questo complica le cose anche ai residenti dei 25 Stati che non hanno legalizzato la marijuana medica.


Inoltre, la raccomandazione della Food and Drug Administration (FDA) sulla cannabis sembrano coincidere con quella della DEA. La posizione sia della DEA che della FDA è che sappiamo ancora molto poco della composizione chimica della marijuana e che la marijuana non ha benefici medici riconosciuti. Ci sono anche le incognite intorno alla sua sicurezza che potrebbero rendere difficile a qualsiasi farmaco a base di marijuana o cannabinoidi di superare la FDA.

[...]

In ultima analisi, la marijuana mostra lampi di potenziale medicinale in un certo numero di malattie, compreso l'Alzheimer. Tuttavia, senza studi clinici controllati e approvati dalla FDA, semplicemente non ci sono le prove necessarie per riconoscere alla marijuana i benefici medici. Purtroppo, sia i pazienti di Alzheimer, che gli investitori che desiderano approfittare delle prospettive di crescita potenzialmente espansive della marijuana, dovranno guardare e aspettare da bordo campo.

 

 

 


Fonte: Sean Williams (l'autore dichiara di non avere alcun interesse finanziario nelle società citate nell'articolo).

Pubblicato in The Motley Fool (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti
: Antonio Currais, Oswald Quehenberger, Aaron M Armando, Daniel Daugherty, Pam Maher, David Schubert. Amyloid proteotoxicity initiates an inflammatory response blocked by cannabinoids. npj Aging and Mechanisms of Disease, 2016; 2: 16012 DOI: 10.1038/npjamd.2016.12

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.