Ricerche

Test della pelle può dare informazioni sull'Alzheimer e il Parkinson

 Test della pelle può dare informazioni sull'Alzheimer e il Parkinson

Degli scienziati hanno scoperto un test cutaneo che può gettare nuova luce sull'Alzheimer e sul Parkinson, secondo uno studio rilasciato ieri, che sarà presentato alla 67° riunione annuale dell'American Academy of Neurology a Washington (DC) dal 18 al 25 Aprile 2015.


Lo studio dimostra che le biopsie cutanee possono essere usate per rilevare i livelli elevati di proteine ​​anomale presenti nelle due malattie.


"Fino ad ora, la conferma patologica non era possibile senza una biopsia al cervello, per cui queste malattie spesso rimangono sconosciute fino a che la malattio non è progredita", ha detto l'autore dello studio Ildefonso Rodriguez-Leyva, MD, dell'Ospedale Centrale dell'Università di San Luis Potosi in Messico. "Abbiamo ipotizzato che, poichè la pelle ha la stessa origine del tessuto cerebrale nell'embrione, essa potrebbe anche mostrare le stesse proteine ​​anomali. Questo nuovo test offre un potenziale biomarcatore che potrebbe consentire ai medici di identificare e diagnosticare prima queste malattie".


Per lo studio, i ricercatori hanno acquisito biopsie cutanee di 20 persone con Alzheimer, 16 con Parkinson e 17 con demenza causata da altre condizioni e le hanno confrontate con quelle di 12 persone sane della stessa fascia di età. Hanno testato questi campioni di pelle per vedere se ci fossero i tipi specifici di proteine ​​alterate che indicano che una persona ha l'Alzheimer o il Parkinson.


Rispetto ai pazienti sani e a quelli con demenza causata da altre malattie, coloro che avevano l'Alzheimer o il Parkinson mostravano livelli 7 volte più elevati di proteina tau. Anche le persone affette da Parkinson avevano  un livello di alfa-sinucleina più alto di 8 volte rispetto al gruppo di controllo sano.


L'Alzheimer è classificato la sesta causa di morte negli Stati Uniti e 5,4 milioni di americani hanno attualmente questa diagnosi. Il Parkinson colpisce un milione di americani, con almeno 60.000 nuovi casi segnalati ogni anno.


"Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, ma sono comunque entusiasmanti perché potenzialmente ci dicono che possiamo cominciare a usare le biopsie cutanee di pazienti viventi per studiare e imparare di più su queste patologie. Questo significa anche che il tessuto sarà disponibile molto più facilmente per essere esaminato dagli scienziati", ha detto Rodriguez-Leyva. "Questa procedura può essere usata per studiare non solo l'Alzheimer e il Parkinson, ma anche altre malattie neurodegenerative".

 

*****
Lo studio è stato finanziato dal Consiglio Nazionale della Scienza e della Tecnologia del Messico.

 

 

 

 

 


Fonte: American Academy of Neurology via Newswise (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: