Iscriviti alla newsletter

Il cervello dei bilingue è attrezzato meglio

Due studi pubblicati ieri spiegano i molti benefici del bilinguismo sul cervello.

Il cervello bilingue è attrezzato meglioStudio 1 - Dimenticate il Sudoku: è parlare più lingue l'esercizio regolare per il cervello.


Parlare più di una lingua fa bene al cervello, secondo una nuova ricerca che indica che i bilingui elaborano le informazioni in modo più efficiente e facile di coloro che conoscono una sola lingua.


I benefici insorgono perché il cervello bilingue tiene attive  costantemente entrambe le lingue e sceglie quale lingua usare e quale ignorare, ha detto Viorica Marian della Northwestern University, l'autrice principale della ricerca e professore nel dipartimento di scienze e disturbi della comunicazione nella Scuola di Comunicazione.


I ricercatori hanno trovato che, quando il cervello si esercita costantemente in questo modo, non deve lavorare così duramente per eseguire i compiti cognitivi. "E' come un semaforo", ha detto la Marian. "I bilingui danno sempre la luce verde ad una lingua, e rossa all'altra. Quando si deve farlo continuamente, si diventa veramente bravi ad inibire le parole che non servono", ha detto.


Lo studio, pubblicato online sulla rivista Brain and Language il 12 novembre, è stato uno dei primi ad usare la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per testare la co-attivazione e l'inibizione dei bilingui. La co-attivazione durante la comprensione della lingua parlata dai bilingue, un concetto sul quale la Marian è pioniera dal 1999, significa che i bilingui fluenti hanno entrambe le lingue "attive" allo stesso tempo, che le stiano usando consapevolmente o meno. Il controllo inibitorio comporta la selezione della lingua corretta di fronte ad un altro linguaggio concorrente.


[...] Altre ricerche hanno suggerito che i cervelli efficienti possono dare benefici alla vita di tutti i giorni. Ad esempio, i bambini bilingui sono più bravi ad ignorare il rumore in classe di bambini mono-lingua, secondo uno studio recente a cui la Marian ha collaborato con i colleghi del Regno Unito, che è stato pubblicato il mese scorso sulla rivista Bilingualism: Language and Cognition.


"Il controllo inibitorio è una caratteristica della conoscenza", dice Marian. "Sia che guidiamo o che facciamo un intervento chirurgico, è importante concentrarsi su ciò che conta davvero e ignorare il resto". Il fatto che i bilingui praticano costantemente il controllo inibitorio potrebbe anche aiutare a spiegare perché il bilinguismo sembra offrire un vantaggio protettivo dall'Alzheimer e dalla demenza, ha detto la Marian. "Questa è la parte più eccitante", ha detto. "Usare un'altra lingua fornisce al cervello un'esercizio incorporato. Non c'è bisogno di fare enigmistica, perché il cervello sta già facendo giochi di equilibrismo tra due lingue".


Il team di Marian include i candidati al dottorato Sarah Chabal e James Bartolotti della Northwestern. Hanno collaborato con Kailyn Bradley e Arturo Hernandez dell'Università di Houston. La Marian è cresciuta parlando rumeno e russo, l'inglese è la sua terza lingua e parla anche un po' di spagnolo, francese e olandese. "Non è mai troppo tardi per imparare un'altra lingua", ha detto. "I benefici sono visibili anche solo dopo un semestre di studio".

 

 


Studio 2: Imparare le lingue è un allenamento per il cervello, per giovani e meno giovani

Imparare le lingue è un allenamento per il cervello, per giovani e meno giovaniLa neuroplasticità: i ricercatori potrebbero essere in grado di prevedere la facilità con cui si può imparare una nuova lingua, osservando la rete del cervello. (Immagine: Ping Li Lab)

Imparare una nuova lingua cambia la rete nel cervello, sia strutturalmente che funzionalmente, secondo i ricercatori della Penn State. "Imparare e praticare qualcosa, per esempio una seconda lingua, rafforza il cervello", ha detto Ping Li, professore di psicologia, linguistica e scienze dell'informazione e tecnologia. "Come per l'esercizio fisico, più si utilizzano aree specifiche del cervello, più questo cresce e si rafforza".


Li ed i suoi colleghi hanno studiato 39 cervelli di madrelingui inglese per sei settimane, mentre la metà dei partecipanti imparava il vocabolario cinese. Tra i soggetti che imparavano il nuovo vocabolario, quelli che erano più efficaci nell'acquisire le informazioni (= Successful learners, nell'immagine sopra) hanno dimostrato una rete cerebrale più collegata rispetto ai partecipanti meno di successo (= Less successful learners) e a quelli che non hanno imparato il nuovo vocabolario (= Non-learners).


I ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti che sono stati allievi di successo avevano una rete più connessa degli altri partecipanti, anche prima che avvenisse l'apprendimento. Una rete cerebrale meglio integrata è più flessibile ed efficiente, rendendo più facile il compito di imparare una nuova lingua. Li ed i suoi colleghi riferiscono questi risultati in un articolo pubblicato di recente sul Journal of Neurolinguistics.


L'efficienza delle reti del cervello è stata definita dai ricercatori in termini di forza e direzione delle connessioni, o bordi, tra regioni cerebrali di interesse, o nodi. Più sono forti i bordi tra un nodo e l'altro, più velocemente possono lavorare insieme i nodi, e più è efficiente la rete. Ogni partecipante è stato sottoposto a due scansioni fMRI (una prima e una dopo l'esperimento) in modo che i ricercatori potessero tenere traccia delle modifiche neurali. Alla fine del periodo di studio, i ricercatori hanno scoperto che il cervello degli studenti di successo aveva subito modifiche funzionali: la rete cerebrale era meglio integrata.


Durante la rassegna di una serie di studi relativi, Li e colleghi hanno suggerito che tali modifiche sono in linea con i cambiamenti anatomici che possono avvenire nel cervello di chi apprende una seconda lingua, non importa l'età dello studente, come essi hanno segnalato in un recente numero di Cortex.


"Una scoperta molto interessante è che, contrariamente agli studi precedenti, il cervello è molto più plastico di quanto pensassimo", ha detto Li, che è anche co-presidente del corso di laurea interdisciplinare nel campo delle neuroscienze. "Possiamo vedere cambiamenti anatomici anche nel cervello degli anziani, che è una notizia molto incoraggiante per l'invecchiamento. E imparare una nuova lingua può portare ad un invecchiamento più gradevole".


[...]

 

 

 

 

 


  1. Fonte: Northwestern University via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

    Riferimenti
    :  Jennifer Krizman, Erika Skoe, Viorica Marian, Nina Kraus. Bilingualism increases neural response consistency and attentional control: Evidence for sensory and cognitive coupling. Brain and Language, 2014; 128 (1): 34 DOI: 10.1016/j.bandl.2013.11.006

  2. Fonte: Victoria M. Indivero in Penn State(> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

    Riferimenti:  Benjamin D. Zinszer, Peiyao Chen, Han Wu, Hua Shu, Ping Li. Second language experience modulates neural specialization for first language lexical tones. Journal of Neurolinguistics, 2014; DOI: 10.1016/j.jneuroling.2014.09.005

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.