Ricerche

Il caso delle cellule cerebrali morenti che spingono quelle nuove a nascere

Il caso delle cellule cerebrali morenti che spingono quelle nuove a nascerePassero corona bianca o Zonotrichia leucophrys (Fonte: Wikipedia)Le cellule cerebrali che si moltiplicano per aiutare gli uccelli a cantare le loro migliori melodie durante la stagione degli amori, muoiono naturalmente più avanti nell'anno.


Dei ricercatori hanno descritto per la prima volta la serie di eventi che stimolano la crescita di nuovi neuroni ogni primavera, e tutto sembra iniziare con un segnale dato dalle cellule che erano spirate l'autunno precedente, che aveva innescato l'avvio della produzione di cellule staminali nel cervello.


Se gli scienziati riusciranno a capire ulteriormente il processo, e come funzionano quei segnali, si potrebbe arrivare al modo di sfruttare questi segnali e ad incoraggiare la sostituzione delle cellule nel cervello umano che ha perso i neuroni naturalmente a causa dell'invecchiamento, per grave depressione o per Alzheimer.


Questo è quanto afferma Tracy Larson, studente di dottorato in biologia dell'Università di Washington, l'autore di un articolo pubblicato il 23 settembre sul Journal of Neuroscience sulla nascita di neuroni a seguito della morte naturale di altre cellule cerebrali.


I neuroscienziati sanno da tempo che nuovi neuroni vengono generati nel cervello adulto di molti animali, ma la nascita di nuovi neuroni - la neurogenesi - sembra essere limitata nei mammiferi e nell'uomo, soprattutto quando si generano nuovi neuroni dopo un colpo alla testa, un ictus o qualche altra perdita fisica di cellule cerebrali, ha detto Larson. Tale processo, chiamato neurogenesi "rigenerativa", è stato studiato nei mammiferi a partire dagli anni '90.


Questo è il primo studio pubblicato ad esaminare la capacità del cervello di sostituire le cellule che sono state perse naturalmente, secondo Larson. "Molte malattie neurodegenerative non sono indotte da lesioni", scrivono i co-autori, "quindi è fondamentale determinare se, e in che modo, avviene la neurogenesi reattiva in condizioni neurodegenerative non indotte da lesioni".


I ricercatori hanno lavorato con passeri corona-bianca di Gambel, una specie di medie dimensioni, lunga 18 centimetri che nasce in Alaska e sverna in California e in Messico. I branchi, a volte formati da più di 100 esemplari, possono essere così abbondanti in alcune parti della California da essere considerati parassiti. Quelli usati in questo lavoro provengono dalla parte orientale dello stato di Washington.


Come la maggior parte degli uccelli canori, i passeri corona-bianca di Gambel durante la stagione riproduttiva sperimentano una crescita nella zona del cervello che controlla il canto, quando una melodia più forte aiuta ad attrarre i compagni e a definire il  territorio. Alla fine della stagione, probabilmente perché avere cellule extra costa in termini di energia e di steroidi di cui hanno bisogno, le cellule iniziano a morire naturalmente e il canto degli uccelli degrada.


E' particolarmente facile lavorare con i passeri corona-bianca di Gambel perché il loro ciclo riproduttivo è strettamente legato alla quantità di luce solare che ricevono. Dai loro 20 ore di luce in laboratorio, insieme con il giusto incremento di steroidi, e sono pronti per riprodursi. Taglia la luce a 8/12 ore e diminuisci gli steroidi, e il comportamento riproduttivo finisce.


"Come diminuiscono i livelli ormonali, le cellule nella parte del cervello che controlla il canto non hanno più il segnale di «rimanere in vita»", ha detto Larson. "Queste cellule subiscono la morte cellulare programmata - o suicidio cellulare come alcuni lo chiamano. Quando tali cellule muoiono, è probabile che rilascino un qualche tipo di segnale che in qualche modo viene trasmesso alle cellule staminali che risiedono nel cervello. Qualunque sia il segnale, esso attiva la divisione cellulare e la sostituzione della cellula persa che ha inviato il segnale iniziale".


La prossima primavera, tutto ciò che serve è che salgano gli steroidi perchè nuove cellule inizino a proliferare nel centro del canto del cervello. "Questo documento non descrive l'esatta natura dei segnali che stimolano la proliferazione", ha detto Larson. "Stiamo solo descrivendo il fenomeno di questa connessione tra le cellule che muoiono e la proliferazione di cellule staminali. Trovare il segnale è il passo successivo".


"Tracy ha davvero definito il processo, entrando dentro e bloccando la morte cellulare, alla fine della stagione riproduttiva"
, ha detto Eliot Brenowitz, professore di psicologia e della biologia della UW, e co-autore dello studio. "Ci sono sostanze chimiche che è possibile utilizzare per disattivare il percorso di suicidio cellulare. Quando l'abbiamo fatto, si sono divise molte meno cellule staminali; non c'è più stato quel grande incremento nella nascita di nuovi neuroni. Questo è importante perché dimostra che c'è qualcosa nelle cellule morenti che fa partire il processo di sostituzione".


"Non c'è motivo di pensare che quello che accade in un cervello di uccello non debba anche avvenire nel cervello dei mammiferi, in quello umano", ha detto Brenowitz. "Per quanto ne sappiamo, le molecole sono le stesse, i percorsi sono uguali, gli ormoni sono uguali. Questo è il fine ultimo di tutto questo: identificare i meccanismi molecolari che saranno utili nella riparazione del cervello umano".


Nei mammiferi, l'area del cervello che controlla il senso dell'olfatto, e quella che si pensa abbia un ruolo nella memoria, può produrre piccolissime quantità di nuove cellule cerebrali, ma non si capisce come o perché. Il numero di nuove cellule è così basso che cercare di identificare e quantificare se le cellule che muoiono sono sostituite, e se avviene, e i passi che sono coinvolti, è molto più difficile rispetto a quando si usa un uccello canoro come il passero corona-bianca di Gambel, hanno detto la Larson e Brenowitz.


Gli altri co-autori della ricerca sono Nivretta Thatra, che ha iniziato a lavorare con la Larson mentre era ancora alle superiori, ha continuato mentre acquisiva la laurea alla UW ed ora è all'Allen Institute for Brain Science; e Brian Lee, che ha lavorato nel laboratorio di Brenowitz mentre si laureava alla Johns Hopkins University. Il lavoro è stato supportato dal National Institutes of Health e dal Dipartimento di Biologia della UW.

 

 

 

 

 


Fonte: Sandra Hines in University of Washington (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...