Ricerche

Nuova ricerca spiega perché gli anziani tendono ad avere problemi a dormire

Nuova ricerca spiega perché gli anziani tendono ad avere problemi a dormireAnziana che sonnecchia, di Nicolaes Maes (1656). Royal Museums of Fine Arts, Brussels (Fonte: wikipedia)Invecchiando, le persone hanno spesso difficoltà ad addormentarsi e a mantenere il sonno, e tendono a svegliarsi troppo presto alla mattina.


Nei soggetti con Alzheimer questo sintomo dell'invecchiamento, comune e preoccupante, tende ad essere particolarmente pronunciato, causando spesso confusione notturna e vagabondaggio.


Ora, uno studio condotto da ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) e al Sunnybrook Health Sciences Center dell'Università di Toronto, aiuta a spiegare perché il sonno diventa più frammentato con l'età.


Le nuove scoperte, pubblicate ieri online nella rivista Brain, dimostrano per la prima volta che un gruppo di neuroni inibitori, la cui perdita induce perturbazioni nel sonno degli animali da esperimento, sono sostanzialmente minori negli anziani e nelle persone con Alzheimer, e che questo, a sua volta, è accompagnato da disturbi del sonno.


"In media, una persona nel tra 70 e 80 anni dorme circa un'ora in meno ogni notte, di una persona tra 20 e 30 anni", spiega l'autore senior Clifford Saper B., MD, PhD, presidente del reparto di Neurologia del BIDMC e Professore Ordinario «James Jackson Putnam» di Neurologia alla Harvard Medical School. "La perdita di sonno e la sua frammentazione è associata ad una serie di problemi di salute, tra cui le disfunzioni cognitive, l'aumento della pressione sanguigna e della malattia vascolare, e la tendenza a sviluppare il diabete di tipo 2. Ora sembra che la perdita di questi neuroni possa contribuire a questi diversi disturbi con l'invecchiamento".


Nel 1996, il laboratorio di Saper ha scoperto per primo che il nucleo preottico ventro-laterale, un gruppo di cellule chiave di neuroni inibitori, funzionava da "interruttore del sonno" nei ratti, spegnendo i sistemi di eccitazione del cervello e consentendo agli animali di addormentarsi. "I nostri esperimenti su animali hanno dimostrato che la perdita di questi neuroni produce una profonda insonnia, gli animali dormono solo circa la metà del tempo normale e il loro sonno rimane frammentato e interrotto", spiega.


Un gruppo di cellule nel cervello umano, il nucleo intermedio, è situato in una posizione simile e ha lo stesso neurotrasmettitore inibitorio (la galanina) del nucleo preottico ventro-laterale dei ratti. Gli autori hanno quindi ipotizzato che, se il nucleo intermedio fosse importante per il sonno umano e avesse la stessa funzione del nucleo ventro-laterale preottico dell'animale, allora potrebbe anche regolare in modo simile i cicli sonno-veglia degli esseri umani.


Per testare questa ipotesi, i ricercatori hanno analizzato i dati del «Rush Memory and Aging Project», uno studio sull'invecchiamento e sulla demenza che ha avuto inizio nel 1997 ed ha seguito un gruppo di quasi 1.000 soggetti che sono entrati sani nello studio a 65 anni e sono stati seguiti fino alla loro morte, momento in cui i loro cervelli sono stati donati per la ricerca.


"Dal 2005, la maggior parte dei soggetti del Memory and Aging Project hanno avuto registrazioni actigraphic ogni due anni. Questi consistono nell'indossare un piccolo dispositivo da polso sul braccio non dominante per 7/10 giorni", spiega il primo autore Andrew SP Lim, MD, della University of Toronto e del Sunnybrook Health Sciences Center ed ex membro del laboratorio di Saper. Il dispositivo actigraphic, che è impermeabile, è tenuto per 24 ore al giorno e controlla quindi tutti i movimenti, grandi e piccoli, suddivisi in intervalli di 15 secondi. "Il nostro lavoro precedente aveva stabilito che queste registrazioni actigraphic misurano bene la quantità e la qualità del sonno", aggiunge Lim.


Gli autori hanno esaminato il cervello dei 45 soggetti dello studio (età mediana alla morte di 89,2 anni), individuando i neuroni preottici ventro-laterali, facendo reagire ad un colorante il neurotrasmettitore galanina nel cervello. Hanno quindi correlato il comportamento riposo/attività dell'actigraphic dei 45 individui per l'anno precedente alla morte, con il numero dei neuroni preottici ventro-laterali residui all'autopsia.


"Abbiamo scoperto che nei pazienti più anziani che non hanno avuto l'Alzheimer, il numero di neuroni ventro-laterali preottici è inversamente correlato con la quantità di frammentazione del sonno", dice Saper. "Minore è il numero di neuroni, più è frammentato il sonno". I soggetti con la quantità più grande di neuroni (maggiore di 6.000) hanno passato più del 50 per cento del tempo di riposo totale nei periodi prolungati di non-movimento, che ha più probabilità di rappresentare il sonno, mentre i soggetti con il numero minore di neuroni ventro-laterali preottici (meno di 3.000) hanno passato meno del 40 per cento del tempo totale di riposo in periodi di riposo prolungati. I risultati inoltre hanno mostrato che tra i pazienti di Alzheimer, un deterioramento maggiore del sonno sembrava essere correlato al numero di neuroni ventro-laterali preottici che era andato perduto.


"Questi risultati forniscono la prima prova che il nucleo preottico ventro-laterale negli esseri umani probabilmente ha un ruolo chiave nell'indurre il sonno, e funziona in modo simile ad altre specie che sono state studiate", dice Saper. "La perdita di questi neuroni con l'invecchiamento e con l'Alzheimer potrebbe essere un motivo importante per cui gli individui più anziani spesso devono affrontare interruzioni del sonno. Questi risultati possono, quindi, portare a nuovi metodi per diminuire i problemi di sonno negli anziani e prevenire il declino cognitivo da privazione del sonno nelle persone affette da demenza".

 

*******
Hanno collaborato il primo autore Andrew Lim SP del BIDMC e dell'Università di Toronto e i ricercatori del BIDMC Brian A Ellison e Joshua L. Wang; e i ricercatori universitari Rush Lei Yu, Julie A. Schneider, Aron S. Buchman e David A. Bennett.

 

 

 

 

 


FonteUniversity of Toronto  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Andrew S. P. Lim, Brian A. Ellison, Joshua L. Wang, Lei Yu, Julie A. Schneider, Aron S. Buchman, David A. Bennett, and Clifford B. Saper. Sleep is related to neuron numbers in the ventrolateral preoptic/intermediate nucleus in older adults with and without Alzheimer’s disease. Brain, August 2014 DOI: 10.1093/brain/awu222

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...