Iscriviti alla newsletter

I rischi di infezione dei pazienti che vivono a casa

I rischi di infezione dei pazienti che vivono a casaMilioni di persone dipendono dai servizi di assistenza sanitaria a domicilio, per recuperare da interventi chirurgici e ricoveri ospedalieri, nonché per gestire la vita quotidiana con patologie croniche.


Ma troppo spesso, non sono seguite le pratiche basate sull'evidenza per la prevenzione delle infezioni, quando l'assistenza viene fornita in casa, lasciando i pazienti esposti a complicazioni gravi e potenzialmente fatali.


Uno studio condotto da ricercatori della School of Nursing della Columbia University, pubblicato sul Journal of Infection Control, rileva che condizioni di vita non sterili e operatori sanitari non addestrati contribuiscono alle infezioni negli ambienti domestici di cura, ed i pazienti hanno un rischio più alto se hanno i tubi per alimentarsi o per aiutare con la minzione.


"I pazienti non dovrebbero dover scegliere tra la sicurezza e ricevere cure nel comfort della propria casa", dice l'autore principale dello studio Jingjing Shang, PhD, assistente professore alla Columbia Nursing. Ogni anno, si stima che 12 milioni di americani ricevano assistenza da più di 33.000 operatori sanitari a domicilio negli Stati Uniti, dove la fattura annuale per i servizi sanitari a domicilio supera i 72 miliardi di dollari. "La posta in gioco è già alta, e sta crescendo ogni giorno di più, poichè la popolazione continua ad invecchiare e sempre più pazienti ricevono assistenza al di fuori di un contesto istituzionale".


Il team di ricerca ha condotto una revisione sistematica degli studi che hanno valutato la prevalenza dell'infezione e i fattori di rischio tra i pazienti adulti che hanno ricevuto assistenza domiciliare sanitaria. I tassi di infezione trovati nell'analisi variano ampiamente, da circa il 5% a più dell'80%. Quelli più alti sono tra i pazienti che hanno ricevuto nutrienti attraverso un catetere endovenoso, un processo noto come «nutrizione parenterale totale», secondo l'analisi. I pazienti possono perdere la capacità di deglutire o mangiare da soli a causa di un ictus, demenza o una malattia avanzata.


Alcuni pazienti possono ricevere alimentazione attraverso un catetere inserito in una vena centrale, se non è possibile inserire un sondino nel naso o nella bocca o direttamente nell'intestino tenue. Questi cateteri venosi centrali spesso rimangono sul posto per lunghi periodi di tempo, e possono sviluppare facilmente delle infezioni quando i caregiver e i familiari che assistono nella cura non tengono pulito il catetere o il sito di iniezione.


Le «infezioni del tratto urinario associate al catetere» (CAUTI) sono un problema ricorrente anche per molti pazienti nelle case di cura. Queste infezioni possono svilupparsi quando i cateteri urinari vengono lasciati per lunghi periodi di tempo, e l'uso ripetuto di antibiotici per trattare queste infezioni può lasciare i pazienti suscettibili ai ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.


I caregiver in casa possono aiutare a prevenire le CAUTI lavandosi le mani, con acqua e sapone o con un disinfettante a base di alcool, prima di toccare il catetere o di svuotare il sacchetto delle urine. Le infezioni possono anche essere evitate tenendo il catetere al sicuro, mantenendo la sacca delle urine più bassa della vescica, svuotando il sacchetto delle urine in un contenitore pulito, e mantenendo il tubo non ostruito.


Inoltre, le «infezioni del flusso di sangue legate al catetere» (CLABSI) sono comuni in casa. I cateteri portano medicinali e sostanze nutritive salvavita ad alcuni dei pazienti più vulnerabili che ricevono assistenza domiciliare sanitaria. Ma senza inserimento, utilizzo e manutenzione adeguati, i cateteri possono anche trasmettere infezioni mortali al flusso sanguigno.


"Il rischio di infezione per i pazienti che ricevono cure a domicilio è alto perché spesso non vengono accuditi da persone con la stessa esperienza di controllo delle infezioni che potrebbero esserci in un ambiente ospedaliero", dice Shang. "Gli infermieri che curano i pazienti a casa loro hanno bisogno di insegnare ai pazienti e alle loro famiglie il modo di prevenire le infezioni, e devono assicurarsi di adattare questa educazione a un livello facile per le persone senza formazione medica formale".


Hanno collaborato dalla Columbia Nursing: il professore assistente Lusine Poghosyan, PhD, MPH, RN; il professor Dawn Dowding, PhD; e Patricia Stone, PhD, FAAN, professore Centennial di politica sanitaria. Gli autori non dichiarano conflitti finanziari o altri interessi.

 

 

 

 

 


FonteColumbia University School of Nursing  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Jingjing Shang, Chenjuan Ma, Lusine Poghosyan, Dawn Dowding, Patricia Stone. The prevalence of infections and patient risk factors in home health care: A systematic review. American Journal of Infection Control, 2014; 42 (5): 479 DOI: 10.1016/j.ajic.2013.12.018

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.