Ricerche

I rischi di infezione dei pazienti che vivono a casa

I rischi di infezione dei pazienti che vivono a casaMilioni di persone dipendono dai servizi di assistenza sanitaria a domicilio, per recuperare da interventi chirurgici e ricoveri ospedalieri, nonché per gestire la vita quotidiana con patologie croniche.


Ma troppo spesso, non sono seguite le pratiche basate sull'evidenza per la prevenzione delle infezioni, quando l'assistenza viene fornita in casa, lasciando i pazienti esposti a complicazioni gravi e potenzialmente fatali.


Uno studio condotto da ricercatori della School of Nursing della Columbia University, pubblicato sul Journal of Infection Control, rileva che condizioni di vita non sterili e operatori sanitari non addestrati contribuiscono alle infezioni negli ambienti domestici di cura, ed i pazienti hanno un rischio più alto se hanno i tubi per alimentarsi o per aiutare con la minzione.


"I pazienti non dovrebbero dover scegliere tra la sicurezza e ricevere cure nel comfort della propria casa", dice l'autore principale dello studio Jingjing Shang, PhD, assistente professore alla Columbia Nursing. Ogni anno, si stima che 12 milioni di americani ricevano assistenza da più di 33.000 operatori sanitari a domicilio negli Stati Uniti, dove la fattura annuale per i servizi sanitari a domicilio supera i 72 miliardi di dollari. "La posta in gioco è già alta, e sta crescendo ogni giorno di più, poichè la popolazione continua ad invecchiare e sempre più pazienti ricevono assistenza al di fuori di un contesto istituzionale".


Il team di ricerca ha condotto una revisione sistematica degli studi che hanno valutato la prevalenza dell'infezione e i fattori di rischio tra i pazienti adulti che hanno ricevuto assistenza domiciliare sanitaria. I tassi di infezione trovati nell'analisi variano ampiamente, da circa il 5% a più dell'80%. Quelli più alti sono tra i pazienti che hanno ricevuto nutrienti attraverso un catetere endovenoso, un processo noto come «nutrizione parenterale totale», secondo l'analisi. I pazienti possono perdere la capacità di deglutire o mangiare da soli a causa di un ictus, demenza o una malattia avanzata.


Alcuni pazienti possono ricevere alimentazione attraverso un catetere inserito in una vena centrale, se non è possibile inserire un sondino nel naso o nella bocca o direttamente nell'intestino tenue. Questi cateteri venosi centrali spesso rimangono sul posto per lunghi periodi di tempo, e possono sviluppare facilmente delle infezioni quando i caregiver e i familiari che assistono nella cura non tengono pulito il catetere o il sito di iniezione.


Le «infezioni del tratto urinario associate al catetere» (CAUTI) sono un problema ricorrente anche per molti pazienti nelle case di cura. Queste infezioni possono svilupparsi quando i cateteri urinari vengono lasciati per lunghi periodi di tempo, e l'uso ripetuto di antibiotici per trattare queste infezioni può lasciare i pazienti suscettibili ai ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.


I caregiver in casa possono aiutare a prevenire le CAUTI lavandosi le mani, con acqua e sapone o con un disinfettante a base di alcool, prima di toccare il catetere o di svuotare il sacchetto delle urine. Le infezioni possono anche essere evitate tenendo il catetere al sicuro, mantenendo la sacca delle urine più bassa della vescica, svuotando il sacchetto delle urine in un contenitore pulito, e mantenendo il tubo non ostruito.


Inoltre, le «infezioni del flusso di sangue legate al catetere» (CLABSI) sono comuni in casa. I cateteri portano medicinali e sostanze nutritive salvavita ad alcuni dei pazienti più vulnerabili che ricevono assistenza domiciliare sanitaria. Ma senza inserimento, utilizzo e manutenzione adeguati, i cateteri possono anche trasmettere infezioni mortali al flusso sanguigno.


"Il rischio di infezione per i pazienti che ricevono cure a domicilio è alto perché spesso non vengono accuditi da persone con la stessa esperienza di controllo delle infezioni che potrebbero esserci in un ambiente ospedaliero", dice Shang. "Gli infermieri che curano i pazienti a casa loro hanno bisogno di insegnare ai pazienti e alle loro famiglie il modo di prevenire le infezioni, e devono assicurarsi di adattare questa educazione a un livello facile per le persone senza formazione medica formale".


Hanno collaborato dalla Columbia Nursing: il professore assistente Lusine Poghosyan, PhD, MPH, RN; il professor Dawn Dowding, PhD; e Patricia Stone, PhD, FAAN, professore Centennial di politica sanitaria. Gli autori non dichiarano conflitti finanziari o altri interessi.

 

 

 

 

 


FonteColumbia University School of Nursing  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Jingjing Shang, Chenjuan Ma, Lusine Poghosyan, Dawn Dowding, Patricia Stone. The prevalence of infections and patient risk factors in home health care: A systematic review. American Journal of Infection Control, 2014; 42 (5): 479 DOI: 10.1016/j.ajic.2013.12.018

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: