Iscriviti alla newsletter

La proteina cruciale che migliora la memoria e l'apprendimento

La proteina cruciale che migliora la memoria e l'apprendimentoFatty acid binding protein 5 - FABP5 (Immagine: Wikipedia)Ricercatori della Case Western Reserve University hanno scoperto che una proteina, precedentemente implicata in malattie, ha un ruolo positivo nell'apprendimento e nella memoria, e può contribuire un giorno a curare i disturbi cognitivi.


I risultati riguardanti le potenziali virtù della «proteina che lega gli acidi grassi 5» (fatty acid binding protein 5 - FABP5), che di solito è associata al cancro e alla psoriasi, appaiono nel numero del 2 maggio del Journal of Biological Chemistry.


"Nel complesso, i nostri dati mostrano che la FABP5 migliora la funzione cognitiva e che la carenza di FABP5 danneggia le funzioni di apprendimento e memoria nella regione dell'ippocampo del cervello", ha detto l'autore senior Noa Noy, PhD, professore di farmacologia alla Scuola di Medicina.
"Crediamo che, trovando un modo per sovraregolare l'espressione della FABP5 nel cervello, potremmo maneggiare terapeuticamente la disfunzione cognitiva o il deficit della memoria di alcune malattie umane".


La FABP5 risiede in molti tessuti ed è in particolare altamente espresso nel cervello.
Noy e i suoi colleghi della School of Medicine della Case Western Reserve e del «National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism» volevano capire nello specifico come funziona questa proteina nei neuroni. Essi hanno eseguito studi di scansione, confrontando l'attivazione di un fattore di trascrizione chiave nel tessuto cerebrale di topi normali e in topi carenti di FABP5. (Un fattore di trascrizione è una proteina che controlla il flusso di informazioni genetiche).


Le indagini hanno rivelato che la FABP5 ha due funzioni diverse nei neuroni. In primo luogo, essa facilita la degradazione degli endocannabinoidi, che sono modulatori neurologici che controllano l'appetito, la sensazione di dolore, l'umore e la memoria. In secondo luogo, la FABP5 regola l'espressione genica, un processo che in sostanza dà alle cellule gli ordini di marcia sulla struttura, l'aspetto e la funzione. "La FABP5 migliora l'apprendimento e la memoria sia perché trasporta gli endocannabinoidi al macchinario cellulare che li rompe e sia perché trasporta i composti a un fattore di trascrizione che aumenta l'espressione dei geni associati alla cognizione", ha detto Noy.

Può essere rilevante perché:

Anche se nell'articolo gli autori si sono ben guardati dal citare le malattie per nome, vari indizi (come il target e il luogo di azione) portano a dedurre che la ricerca si adatti alla demenza di Alzheimer.


Anche se gli endocannabinoidi influenzano dei processi fisiologici essenziali, dall'appetito alla memoria, la parte «cannabinoide» della parola significa che questi composti biologici naturali agiscono come le droghe, tipo la marijuana e l'hashish. Troppo endocannabinoide può portare a difficoltà di apprendimento e di memoria.


In termini semplici, la FABP5 trasporta gli endocannabinoidi per essere elaborati.
La FABP5 funziona come un autobus e porta gli endocannabinoidi del cervello e i loro prodotti biologici a due stazioni all'interno della cellula neurone. La FABP5 cattura gli endocannabinoidi che entrano nel neurone e li consegna ad un enzima che li degrada (stazione 1). Poi, il prodotto degradato viene prelevato dalla stessa proteina FABP5 e portato al nucleo delle cellule; nello specifico ad un fattore di trascrizione all'interno di esso (stazione 2). Il legame del prodotto degradato attiva il fattore di trascrizione e gli permette di indurre l'espressione di vari geni. I geni che sono indotti in questo caso indicano alle cellule di adottare misure che promuovono l'apprendimento e la memoria.


Noy e soci hanno inoltre confrontato la memoria e l'apprendimento dei topi carenti di FABP5 e di quelli normali.
In un test, entrambi i gruppi di topi hanno ripetutamente nuotato in labirinti che avevano una piattaforma in un luogo stabilito, dove potevano salire fuori dall'acqua. Durante le nuotate successive, i topi normali hanno raggiunto la piattaforma in fretta perché avevano imparato - e ricordato - la sua posizione. Le loro controparti con deficit di FABP5 ci hanno messo molto di più, trovando in genere la posizione della piattaforma per caso. "Oltre alla regolazione della crescita cellulare, come nella pelle e nelle cellule tumorali, per esempio, la FABP5 ha anche un ruolo chiave nei neuroni del cervello", ha detto Noy. "La FABP5 controlla le azioni biologiche di piccoli composti che influenzano la memoria e l'apprendimento, e che attivano un fattore di trascrizione che regola la funzione neuronale".


Il finanziamento per questo progetto è venuto dal National Institutes of Health.

 

 

 

 

 


FonteCase Western Reserve University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  S. Yu, L. Levi, G. Casadesus, G. Kunos, N. Noy. Fatty Acid-binding Protein 5 (FABP5) Regulates Cognitive Function Both by Decreasing Anandamide Levels and by Activating the Nuclear Receptor Peroxisome Proliferator-activated Receptor  /  (PPAR / ) in the Brain. Journal of Biological Chemistry, 2014; 289 (18): 12748 DOI: 10.1074/jbc.M114.559062

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il rischio...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli o...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.