Iscriviti alla newsletter

La genetica è sovrastimata per capire le malattie?

La genetica è sovrastimata per capire le malattie?Il corpo umano è composto di circa 50/100 mila miliardi di cellule, che formano le unità di base della vita e si combinano per formare tessuti e organi più complessi. All'interno di ogni cellula, i geni formano un "modello" per la produzione di proteine che determina come funzionerà la cellula. I geni determinano anche le caratteristiche fisiche o tratti. Il set completo di circa 20/25.000 geni si chiama genoma. Solo una piccola frazione del genoma totale separa il corpo umano da quello degli altri animali. (Fonte: genographic.nationalgeographic.com)Un ricercatore dell'Università dell'Alabama dice che affidarsi eccessivamente a approcci genetici nella previsione, diagnosi e trattamento delle malattie porterà a poche scoperte scientifiche nel futuro, e sostiene la necessità di un maggiore accento sui metaboliti del corpo per capire le malattie.


"Per aumentare il valore dei dati genetici, la comunità scientifica ha bisogno di aggiungere ulteriori informazioni da cose come la metabolomica, l'analisi dei metaboliti all'interno di un organismo", ha affermato il Dr Laura Reed, genetista della University of Alabama e autrice principale dello studio pubblicato il 25 marzo su Genetics.


"Il Progetto Genoma Umano è stato venduto come qualcosa che sta per rivoluzionare la medicina; che presto i nostri genomi saranno sequenziati, e saremo in grado di capire esattamente per quali malattie siamo a rischio e, forse, il modo migliore per trattarle", ha detto la Reed. "Anche se è vero che ci sono importanti novità in arrivo da questo tipo di informazioni, sono molto più limitate di quanto sperano alcuni".


Usando moscerini della frutta come modelli animali nella sua ricerca, il team multi-istituto ha dimostrato come la genetica, combinata con la metabolomica e l'espressione genica (come si accendono i geni), può essere usata per predire le malattie cardiache e la risposta dell'organismo ai cambiamenti ambientali, ha detto la Reed. Altri co-autori dello studio includono rappresentanti del Georgia Tech, del Sanford-Burnham Medical Research Institute di La Jolla in California; della North Carolina State University; degli Huck Institutes of the Life Sciences; della University Park in Pennsylvania; e della Bayer CropScience di Monheim in Germania.


I metaboliti sono sostanze chimiche presenti naturalmente nel corpo. Mentre alcuni, come il colesterolo e la glicemia, sono regolarmente controllati per le informazioni che possono fornire sulle condizioni di salute, altri metaboliti meritano un esame più attento, secondo i ricercatori. La Glicina, un metabolita che è sia un amminoacido essenziale e sia un neurotrasmettitore, si è già dimostrata un predittore di malattie cardiache e alcuni tumori.


"Abbiamo identificato altri nove metaboliti che sono buoni predittori, che non erano ancora stati associati a queste caratteristiche", ha detto la Reed. "Essi sono buoni candidati da esaminare più approfonditamente. Non possono essere causali, ma possono essere correlati". Un giorno, dice la Reed, oltre a misurare il glucosio nel sangue e i livelli di colesterolo, forse i medici potranno misurare regolarmente altri metaboliti, per migliorare le previsioni di rischio di malattia.


In una delle fasi del progetto, guidato dalla UA, sono stati misurati 187 metaboliti nei moscerini per determinare quali hanno dei livelli che si modificano nei cambiamenti di peso. Come per i topi e gli altri modelli animali ampiamente accettati e utilizzati nello studio delle condizioni umane, molti dei sistemi biologici dei moscerini della frutta condividono analogie con gli esseri umani sufficienti da trarre potenzialmente delle informazioni valide nelle condizioni umane, ha detto la Reed. Ad esempio, i moscerini possono contrarre il diabete e, invecchiando, le malattie di cuore. I loro percorsi di segnalazione dell'insulina, fondamentale nel diabete, assomigliano a quelli degli esseri umani, così come per i loro reni, il fegato e il tessuto adiposo, dove viene immagazzinato il grasso.

Può essere rilevante perché:

Lo studio sembra confermare l'adagio: «Tu sei quello che mangi».

Anche per la demenza quindi, l'insieme dei fattori di stile di vita (dieta, movimneto fisico, riserva mentale, meditaizone, ...) potrebbe essere più importante della genetica, dei difetti ereditati.


Centinaia di moscerini geneticamente identici, raggruppati per 20 linee genetiche distinte, sono stati testati con quattro diverse diete. In questo modo, i ricercatori sono in grado di determinare quali aspetti della loro malattia sono causati dai loro geni e quali sono causati dall'ambiente o dalla dieta. "Una delle cose importanti che abbiamo scoperto è che gli effetti della dieta sono relativamente piccoli per l'espressione genica, ma molto più significativi per tutti i metaboliti".


In un'altra fase della ricerca, condotta da Georgia Tech, gli scienziati hanno seguito i cambiamenti nel tempo (su più generazioni) della frequenza dei geni nei moscerini selvatici, in risposta alla dieta. Piuttosto che vedere i cambiamenti in un particolare gene o un piccolo gruppo di geni, i ricercatori hanno visto cambiamenti nell'intero genoma. "Non possiamo aspettarci di trovare un gene o pochi geni che spiegano ogni fenotipo, comprese le malattie", ha detto la Reed. La malattia è un problema globale, secondo lei, ed è improbabile che altri «farmaci miracolosi» possano essere scoperti. "Può solo essere una soluzione olistica".


La Reed dice di rendersi conto che la ricerca potrà non essere calorosamente accolta da tutti i suoi colleghi genetisti. "Il punto complessivo dello studio non è una idea molto popolare", secondo lei, "perché significa in pratica che le cose sono molto più complicate di quello che vogliamo che siano. Ma questa è la realtà. Questo non significa che non possiamo migliorare incrementalmente le cose attraverso la comprensione dei geni che sono coinvolti, ma, forse, un approccio più opportuno sarebbe analizzare i tratti di livello superiore, come i metaboliti, che potrebbero riassumere quello che sta accadendo nel genoma in modo più utile a fini diagnostici o terapeutici".

 

 

 

 

 


FonteUniversity of Alabama in Tuscaloosa  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  L. K. Reed, K. Lee, Z. Zhang, L. Rashid, A. Poe, B. Hsieh, N. Deighton, N. Glassbrook, R. Bodmer, G. Gibson. Systems Genomics of Metabolic Phenotypes in Wild-Type Drosophila melanogaster. Genetics, 2014; DOI: 10.1534/genetics.114.163857

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.