Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

La memoria fallisce se il corpo non è coinvolto

La memoria fallisce se il corpo non è coinvoltoL'attore svedese Peter Bergared nel ruolo di un esaminatore immaginario molto eccentrico, nell'esperimento di Henrik Ehrsson e colleghi al Karolinska Institutet (Credit: Staffan Larsson)Una nuova ricerca del Karolinska Institutet e dell'Università di Umeå dimostra per la prima volta che c'è una stretta relazione tra la percezione del corpo e la capacità di ricordare.


Per essere in grado di memorizzare nuove esperienze della nostra vita, abbiamo bisogno di sentire che siamo nel nostro corpo.


Secondo i ricercatori, i risultati potrebbero essere di grande importanza nella comprensione dei problemi di memoria che spesso presentano i pazienti psichiatrici.


I ricordi di quello che è successo il primo giorno di scuola sono un esempio di memoria episodica. E' tutt'ora sconosciuto il modo in cui vengono creati questi ricordi e il ruolo della percezione del proprio corpo nella memorizzazione dei ricordi.


Dei ricercatori svedesi sono ora riusciti a dimostrare che i volontari che sperimentano un evento emozionante, mentre percepiscono l'illusione di essere fuori dal proprio corpo, esibiscono una forma di perdita di memoria. "E' già ora evidente che le persone che hanno subito patologie psichiatriche, in cui sentivano di non essere nel loro corpo, hanno ricordi frammentari di ciò che è effettivamente accaduto", dice Loretxu Bergouignan, autore principale dello studio. "Volevamo vedere come questo si manifesta nei soggetti sani".


Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica PNAS, ha coinvolto 84 studenti che leggevano a proposito di (e si sono sottoposti a) quattro sessioni di interrogazioni orali. Per rendere queste sessioni più memorabili, un attore (Peter Bergared) ha assunto il ruolo di esaminatore, un (immaginario) professore molto eccentrico del Karolinska Institutet.


Due delle interrogazioni sono state percepite da una prospettiva di prima persona, dal proprio stesso corpo, nel modo usuale, mentre i partecipanti alle altre due sessioni hanno sperimentato l'illusione creata di essere fuori dal proprio corpo. In entrambi i casi, i partecipanti indossavano occhiali di realtà virtuale e auricolari.


Una settimana dopo, si sono sottoposti ad un test della memoria dove dovevano ricordare gli eventi e fornire informazioni su quello che era successo, in quale ordine, e cosa avevano percepito, oppure dovevano cercare di ricordare gli eventi, mentre erano sottoposti a imaging cerebrale con risonanza magnetica funzionale (fMRI).


Si è scoperto che i partecipanti ricordavano significativamente peggio le interrogazioni «fuori-del-corpo» rispetto a quelle sperimentate nella prospettiva normale «nel-corpo». Questo è successo nonostante avessero risposto allo stesso modo alle domande di ogni situazione e che ci fossero indicazioni che avevano sperimentato lo stesso livello di emozione. Le scansioni fMRI hanno anche rivelato una differenza fondamentale nell'attività nella porzione del lobo temporale - l'ippocampo - che è noto per la sua centralità nei ricordi episodici.


"Quando hanno cercato di ricordare cosa è successo durante le interrogazioni sperimentate «fuori-dal-corpo», l'attività nell'ippocampo è stata eliminata, a differenza di quando ricordavano le altre situazioni", dice il professor Henrik Ehrsson, il leader del gruppo di ricerca dietro lo studio. "Tuttavia, abbiamo potuto vedere l'attività nella corteccia del lobo frontale, quindi stavano davvero facendo uno sforzo per ricordare".


L'interpretazione che danno i ricercatori dei risultati è che c'è una stretta correlazione tra l'esperienza del corpo e la memoria. Il nostro cervello crea costantemente l'esperienza del nostro corpo nello spazio, combinando informazioni provenienti da più sensi: vista, udito, tatto, e altro ancora. Quando viene creato un ricordo, è compito dell'ippocampo collegare tutte le informazioni contenute nella corteccia cerebrale in un ricordo unificato, che sarà immagazzinato a lungo termine. Durante l'esperienza di essere fuori dal corpo, questo processo mnemonico è disturbato, così che il cervello crea invece ricordi frammentari.


"Crediamo che questa nuova conoscenza possa essere importante per la futura ricerca sui disturbi della memoria in una serie di condizioni psichiatriche come il disturbo da stress post-traumatico, il disturbo di personalità borderline e alcune psicosi in cui i pazienti hanno esperienze dissociative", dice Loretxu Bergouignan.


********
Loretxu Bergouignan e Henrik Ehrsson sono collegati al Dipartimento di Neuroscienze del Karolinska Institutet. Ha collaborato anche Lars Nyberg, professore di neuroscienze e direttore dell'Umeå Center for Functional Brain Imaging dell'Università di Umeå. La ricerca è stata condotta con il sostegno finanziario, tra gli altri, dell'ERC, del Consiglio svedese della ricerca, del SSF, della Knut e Alice Wallenberg Foundation, dello Human Frontier Science Program, e delle Wenner-Gren Foundations.

 

 

 

 

 


FonteKarolinska Institutet  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Loretxu Bergouignan, Lars Nyberg, and H. Henrik Ehrsson. Out-of-body–induced hippocampal amnesia. Proceedings of the National Academy of Sciences, March 10, 2014; DOI: 10.1073/pnas.131880111

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria:
Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.