Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Esame del sangue prevede 3 anni prima il declino cognitivo e l'Alzheimer, forse

Esame del sangue prevede 3 anni prima il declino cognitivo e l'Alzheimer, forseDei ricercatori hanno scoperto e convalidato un esame del sangue in grado di predire, con precisione superiore al 90 per cento, se una persona sana svilupperà un deterioramento cognitivo lieve o l'Alzheimer entro tre anni.


Descritto nel numero di Aprile di Nature Medicine, lo studio annuncia il potenziale per lo sviluppo di strategie di trattamento dell'Alzheimer ad una fase precece, quando la terapia sarebbe più efficace per rallentare o prevenire l'insorgenza dei sintomi. E' il primo rapporto pubblicato sui biomarcatori nel sangue, dell'Alzheimer preclinico.


Il test identifica 10 lipidi, o grassi, nel sangue che predicono l'insorgenza della malattia. Potrebbe essere pronto per l'uso in studi clinici entro due anni, dicono i ricercatori, e sono possibili altri usi diagnostici. "Il nostro test innovativo del sangue offre la possibilità di identificare le persone a rischio di declino cognitivo progressivo e può cambiare il modo in cui i pazienti, le loro famiglie e i medici curanti pianificano e gestiscono il disordine", dice l'autore corrispondente dello studio Howard J. Federoff, MD, PhD, (a sinistra nella foto) professore di neurologia e vice presidente esecutivo per le scienze della salute del Medical Center della Georgetown University.


Per l'Alzheimer non esiste una cura o un trattamento efficace, anche se in tutto il mondo ci sono circa 35,6 milioni di individui con la malattia e, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero raddoppierà ogni 20 anni fino a raggiungere i 115,4 milioni entro il 2050. Federoff spiega che ci sono stati molti sforzi per sviluppare farmaci per rallentare o invertire la progressione dell'Alzheimer, ma tutti hanno fallito. Dice che uno dei motivi potrebbe essere che i farmaci venivano valutati troppo tardi nel decorso della malattia. "Lo stadio preclinico della malattia offre una finestra di opportunità per un intervento tempestivo che modifica la malattia", dice Federoff. "Biomarcatori come i nostri, che definiscono questo periodo asintomatico, sono fondamentali per il successo nello sviluppo e nell'applicazione di queste terapie".


Lo studio comprendeva 525 partecipanti sani, di 70 anni e oltre, che hanno fornito campioni del loro sangue all'iscrizione e in vari punti nello studio. Nel corso dei cinque anni di studio, 74 partecipanti hanno soddisfatto i criteri per l'Alzheimer lieve (AD) o per una condizione nota come «decadimento cognitivo lieve amnestico» (aMCI), dove la perdita di memoria è prominente. Di questi, 46 erano stati diagnosticati al momento dell'iscrizione e 28 hanno sviluppato l'aMCI, o l'AD lieve, durante lo studio (quest'ultimo gruppo è stato definito di «convertitori»).


Nel terzo anno dello studio, i ricercatori hanno selezionato 53 partecipanti che avevano sviluppato aMCI/AD (di cui 18 convertitori) e 53 cognitivamente normali appaiati per controllo, per la fase di scoperta dei biomarcatori lipidici dello studio. I lipidi non sono stati puntati prima dell'inizio dello studio, ma al contrario sono un risultato dello studio.


E' stato scoperto un gruppo di 10 lipidi che, secondo i ricercatori, sembra rivelare la rottura delle membrane cellulari neuronali nei partecipanti che sviluppano sintomi di deficit cognitivo o AD. Il panel è stato successivamente convalidato usando i restanti 21 partecipanti con aMCI/AD (di cui 10 convertitori), e 20 controlli. I ricercatori hanno analizzato i dati in modo anonimo per determinare se i soggetti potevano essere caratterizzati nelle corrette categorie diagnostiche basate esclusivamente sui 10 lipidi identificati nella fase di scoperta. "Il quadro lipidico è stato in grado di distinguere con precisione il 90 per cento di questi due gruppi distinti: partecipanti cognitivamente normali che sarebbero progrediti all'MCI o all'AD entro due o tre anni, e quelli che sarebbero rimasti normali in un prossimo futuro", dice Federoff.


I ricercatori hanno anche esaminato se la presenza del gene apoE4, un fattore di rischio noto dello sviluppo di AD, avesse potuto contribuire alla classificazione accurata dei gruppi, ma hanno scoperto che non era un fattore predittivo significativo in questo studio.


"Consideriamo i nostri risultati un passo importante verso la commercializzazione di un test sui biomarcatori della malattia preclinica, che potrebbe essere utile per lo screening su larga scala atto ad identificare i soggetti a rischio", dice Federoff. "Stiamo progettando uno studio clinico in cui useremo questo panel per identificare le persone ad alto rischio di Alzheimer, per testare un agente terapeutico che potrebbe ritardare o prevenire l'insorgere della malattia".


Oltre a Federoff, hanno collaborato allo studio Amrita K. Cheema, Massimo S. Fiandaca, Xiaogang Zhong, Timothy R. Mhyre, Linda H. MacArthur e Ming T. Tan della Georgetown; Mark Mapstone, William J. Hall e Derick R. Peterson della University of Rochester School of Medicine; Susan G. Fisher della Temple University School of Medicine; James M. Haley e Michael D. Nazar dell'Unità Sistema Salute della Rochester; Steven A. Rich del Rochester General Hospital; Dan J. Berlau, della Regis University School of Pharmacy di Denver; e Carrie B. Peltz e Claudia H. Kawas della University of California di Irvine. Il loro lavoro è stato finanziato dai National Institutes of Health e dal Dipartimento della Difesa.


Federoff, Mapstone, Cheema e Fiandaca sono citati come co-inventori su una domanda di brevetto che è stata presentata dalla Georgetown University e dalla University of Rochester, relativi alla tecnologia descritta. Gli altri autori non riferiscono interessi finanziari connessi.

 

***************

Nell'articolo su MedPage Today del 9/3/14 che riferisce questo annuncio, scritto da John Gever, e verificato da Robert Jasmer, MD, Professore Clinico Associato di Medicina all'Università di California di San Francisco, si legge tra l'altro:

Ma i dati non sembrano sostenere pienamente tale ottimismo. Se il tasso di conversione del 5% della coorte di studio (dalla cognizione normale al deterioramento lieve o all'Alzheimer) è rappresentativo di una popolazione di screening del mondo reale, allora il test avrebbe un valore predittivo positivo di appena il 35%. Cioè, quasi due terzi dei risultati positivi di screening sarebbero falsi.

In generale, un valore predittivo positivo del 90% è considerato il minimo per qualsiasi tipo di test di screening in individui con rischio normale.

[...]

Keith L. Black, MD, neurochirurgo e ricercatore del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, ha detto a MedPage Today che sarebbe importante capire di più su come questi marcatori si collegano alla disfunzione neurologica.

Per i biomarcatori presenti nello studio, "è difficile capire come possano essere legati specificamente all'Alzheimer rispetto a una sorta di diffusa anomalia neuronale o alla connettività anomala o alla connettività sinaptica anomala", ha detto. "Il problema, credo, diventa per gli studi futuri determinare quanto si capisce la biologia che sta sotto, se è specifica dell'Alzheimer o se si vedono gli stessi cambiamenti di questi biomarcatori del sangue in altri tipi di perdita neuronale diffusa o lesioni, altri tipi di demenza, o cambiamenti ischemici, per esempio".

Con una enfasi più contenuta rispetto a quella che Federoff ha posto nel comunicato stampa, il rapporto su Nature Medicine conclude dicendo che il loro panel di biomarcatori "richiede la convalida esterna usando una classificazione clinica rigorosa simile prima di un ulteriore sviluppo per l'uso clinico. Tale convalida supplementare dovrebbe essere presa in considerazione in un gruppo demografico più diversificato rispetto alla nostra coorte iniziale".

 

 

 

 

 


FonteGeorgetown University Medical Center  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Mark Mapstone, Amrita K Cheema, Massimo S Fiandaca, Xiaogang Zhong, Timothy R Mhyre, Linda H MacArthur, William J Hall, Susan G Fisher, Derick R Peterson, James M Haley, Michael D Nazar, Steven A Rich, Dan J Berlau, Carrie B Peltz, Ming T Tan, Claudia H Kawas, Howard J Federoff. Plasma phospholipids identify antecedent memory impairment in older adults. Nature Medicine, 2014; DOI: 10.1038/nm.3466

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.