Ricerche

Esame del sangue prevede 3 anni prima il declino cognitivo e l'Alzheimer, forse

Esame del sangue prevede 3 anni prima il declino cognitivo e l'Alzheimer, forseDei ricercatori hanno scoperto e convalidato un esame del sangue in grado di predire, con precisione superiore al 90 per cento, se una persona sana svilupperà un deterioramento cognitivo lieve o l'Alzheimer entro tre anni.


Descritto nel numero di Aprile di Nature Medicine, lo studio annuncia il potenziale per lo sviluppo di strategie di trattamento dell'Alzheimer ad una fase precece, quando la terapia sarebbe più efficace per rallentare o prevenire l'insorgenza dei sintomi. E' il primo rapporto pubblicato sui biomarcatori nel sangue, dell'Alzheimer preclinico.


Il test identifica 10 lipidi, o grassi, nel sangue che predicono l'insorgenza della malattia. Potrebbe essere pronto per l'uso in studi clinici entro due anni, dicono i ricercatori, e sono possibili altri usi diagnostici. "Il nostro test innovativo del sangue offre la possibilità di identificare le persone a rischio di declino cognitivo progressivo e può cambiare il modo in cui i pazienti, le loro famiglie e i medici curanti pianificano e gestiscono il disordine", dice l'autore corrispondente dello studio Howard J. Federoff, MD, PhD, (a sinistra nella foto) professore di neurologia e vice presidente esecutivo per le scienze della salute del Medical Center della Georgetown University.


Per l'Alzheimer non esiste una cura o un trattamento efficace, anche se in tutto il mondo ci sono circa 35,6 milioni di individui con la malattia e, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero raddoppierà ogni 20 anni fino a raggiungere i 115,4 milioni entro il 2050. Federoff spiega che ci sono stati molti sforzi per sviluppare farmaci per rallentare o invertire la progressione dell'Alzheimer, ma tutti hanno fallito. Dice che uno dei motivi potrebbe essere che i farmaci venivano valutati troppo tardi nel decorso della malattia. "Lo stadio preclinico della malattia offre una finestra di opportunità per un intervento tempestivo che modifica la malattia", dice Federoff. "Biomarcatori come i nostri, che definiscono questo periodo asintomatico, sono fondamentali per il successo nello sviluppo e nell'applicazione di queste terapie".


Lo studio comprendeva 525 partecipanti sani, di 70 anni e oltre, che hanno fornito campioni del loro sangue all'iscrizione e in vari punti nello studio. Nel corso dei cinque anni di studio, 74 partecipanti hanno soddisfatto i criteri per l'Alzheimer lieve (AD) o per una condizione nota come «decadimento cognitivo lieve amnestico» (aMCI), dove la perdita di memoria è prominente. Di questi, 46 erano stati diagnosticati al momento dell'iscrizione e 28 hanno sviluppato l'aMCI, o l'AD lieve, durante lo studio (quest'ultimo gruppo è stato definito di «convertitori»).


Nel terzo anno dello studio, i ricercatori hanno selezionato 53 partecipanti che avevano sviluppato aMCI/AD (di cui 18 convertitori) e 53 cognitivamente normali appaiati per controllo, per la fase di scoperta dei biomarcatori lipidici dello studio. I lipidi non sono stati puntati prima dell'inizio dello studio, ma al contrario sono un risultato dello studio.


E' stato scoperto un gruppo di 10 lipidi che, secondo i ricercatori, sembra rivelare la rottura delle membrane cellulari neuronali nei partecipanti che sviluppano sintomi di deficit cognitivo o AD. Il panel è stato successivamente convalidato usando i restanti 21 partecipanti con aMCI/AD (di cui 10 convertitori), e 20 controlli. I ricercatori hanno analizzato i dati in modo anonimo per determinare se i soggetti potevano essere caratterizzati nelle corrette categorie diagnostiche basate esclusivamente sui 10 lipidi identificati nella fase di scoperta. "Il quadro lipidico è stato in grado di distinguere con precisione il 90 per cento di questi due gruppi distinti: partecipanti cognitivamente normali che sarebbero progrediti all'MCI o all'AD entro due o tre anni, e quelli che sarebbero rimasti normali in un prossimo futuro", dice Federoff.


I ricercatori hanno anche esaminato se la presenza del gene apoE4, un fattore di rischio noto dello sviluppo di AD, avesse potuto contribuire alla classificazione accurata dei gruppi, ma hanno scoperto che non era un fattore predittivo significativo in questo studio.


"Consideriamo i nostri risultati un passo importante verso la commercializzazione di un test sui biomarcatori della malattia preclinica, che potrebbe essere utile per lo screening su larga scala atto ad identificare i soggetti a rischio", dice Federoff. "Stiamo progettando uno studio clinico in cui useremo questo panel per identificare le persone ad alto rischio di Alzheimer, per testare un agente terapeutico che potrebbe ritardare o prevenire l'insorgere della malattia".


Oltre a Federoff, hanno collaborato allo studio Amrita K. Cheema, Massimo S. Fiandaca, Xiaogang Zhong, Timothy R. Mhyre, Linda H. MacArthur e Ming T. Tan della Georgetown; Mark Mapstone, William J. Hall e Derick R. Peterson della University of Rochester School of Medicine; Susan G. Fisher della Temple University School of Medicine; James M. Haley e Michael D. Nazar dell'Unità Sistema Salute della Rochester; Steven A. Rich del Rochester General Hospital; Dan J. Berlau, della Regis University School of Pharmacy di Denver; e Carrie B. Peltz e Claudia H. Kawas della University of California di Irvine. Il loro lavoro è stato finanziato dai National Institutes of Health e dal Dipartimento della Difesa.


Federoff, Mapstone, Cheema e Fiandaca sono citati come co-inventori su una domanda di brevetto che è stata presentata dalla Georgetown University e dalla University of Rochester, relativi alla tecnologia descritta. Gli altri autori non riferiscono interessi finanziari connessi.

 

***************

Nell'articolo su MedPage Today del 9/3/14 che riferisce questo annuncio, scritto da John Gever, e verificato da Robert Jasmer, MD, Professore Clinico Associato di Medicina all'Università di California di San Francisco, si legge tra l'altro:

Ma i dati non sembrano sostenere pienamente tale ottimismo. Se il tasso di conversione del 5% della coorte di studio (dalla cognizione normale al deterioramento lieve o all'Alzheimer) è rappresentativo di una popolazione di screening del mondo reale, allora il test avrebbe un valore predittivo positivo di appena il 35%. Cioè, quasi due terzi dei risultati positivi di screening sarebbero falsi.

In generale, un valore predittivo positivo del 90% è considerato il minimo per qualsiasi tipo di test di screening in individui con rischio normale.

[...]

Keith L. Black, MD, neurochirurgo e ricercatore del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, ha detto a MedPage Today che sarebbe importante capire di più su come questi marcatori si collegano alla disfunzione neurologica.

Per i biomarcatori presenti nello studio, "è difficile capire come possano essere legati specificamente all'Alzheimer rispetto a una sorta di diffusa anomalia neuronale o alla connettività anomala o alla connettività sinaptica anomala", ha detto. "Il problema, credo, diventa per gli studi futuri determinare quanto si capisce la biologia che sta sotto, se è specifica dell'Alzheimer o se si vedono gli stessi cambiamenti di questi biomarcatori del sangue in altri tipi di perdita neuronale diffusa o lesioni, altri tipi di demenza, o cambiamenti ischemici, per esempio".

Con una enfasi più contenuta rispetto a quella che Federoff ha posto nel comunicato stampa, il rapporto su Nature Medicine conclude dicendo che il loro panel di biomarcatori "richiede la convalida esterna usando una classificazione clinica rigorosa simile prima di un ulteriore sviluppo per l'uso clinico. Tale convalida supplementare dovrebbe essere presa in considerazione in un gruppo demografico più diversificato rispetto alla nostra coorte iniziale".

 

 

 

 

 


FonteGeorgetown University Medical Center  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Mark Mapstone, Amrita K Cheema, Massimo S Fiandaca, Xiaogang Zhong, Timothy R Mhyre, Linda H MacArthur, William J Hall, Susan G Fisher, Derick R Peterson, James M Haley, Michael D Nazar, Steven A Rich, Dan J Berlau, Carrie B Peltz, Ming T Tan, Claudia H Kawas, Howard J Federoff. Plasma phospholipids identify antecedent memory impairment in older adults. Nature Medicine, 2014; DOI: 10.1038/nm.3466

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...