Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Stereotipi sull'invecchiamento danneggiano memoria degli anziani

Anziani senza pregiudizi da stereotipiDei tanti stereotipi negativi che esistono sugli anziani, i più comuni riguardano la loro smemoratezza, la confusione mentale e l'inclinazione ai "vuoti di memoria".


In effetti una nuova ed importante ricerca dalla Davis School of Gerontology della University of Southern California (USC), rivela che, anche se i processi cognitivi declinano con l'età, è sufficiente ricordare agli anziani le idee discriminatorie nei loro confronti per aggravarne realmente i problemi di memoria.


Lo studio, di prossima pubblicazione sulla rivista Psychological Science, è un'estensione del concetto di "minaccia da stereotipo": quando le persone si confrontano con gli stereotipi negativi su un gruppo con il quale si identificano, tendono ad auto-danneggiarsi e a ridurre le prestazioni rispetto al loro potenziale. In tal modo confermano senza volerlo gli stereotipi negativi di cui si erano preoccupati in partenza.


I risultati mettono in evidenza quanto sia importante per gli anziani, come pure per i medici, essere consapevoli di come le credenze discriminatorie sugli anziani possono influenzare il rendimento reale nei test di memoria. "Gli anziani dovrebbero stare attenti a non essere preda di stereotipi negativi sull'invecchiamento; attribuire ogni episodio di dimenticanza all'invecchiamento può peggiorare realmente i problemi di memoria", avverte Sarah Barber, ricercatrice post-dottorato alla Scuola Davis dell'USC e autrice principale dello studio.


Tuttavia lo studio rivela che c'è un modo per eliminare il problema: "Nessuno aveva ancora esaminato la possibilità intrigante che i meccanismi della minaccia dello stereotipo variassero con l'età", spiega la Barber che, assieme a Mara Mather, professore di gerontologia e psicologia alla USC, ha condotto due esperimenti di test della memoria su persone da 59 a 79 anni di età. Alcuni partecipanti sono stati invitati a leggere finti articoli con notizie sulla perdita di memoria degli anziani, e altri no. In particolare, i ricercatori hanno strutturato il test in modo che la metà dei partecipanti ricevesse un premio in denaro per ogni parola ricordata, e l'altra metà perdesse soldi per ogni parola dimenticata.


In test precedenti, il 70 per cento degli anziani ha soddisfatto i criteri diagnostici per la demenza, quando venivano esaminati sotto minaccia dello stereotipo, rispetto a circa il 14 per cento di quelli non valutati sotto minaccia. Ma quest'ultima ricerca dimostra che la minaccia dello stereotipo può migliorare effettivamente la prestazione degli anziani nei test di memoria, a determinate condizioni:

  • Per i partecipanti che avevano qualcosa da guadagnare, confrontarsi con gli stereotipi sull'età implica peggiorare la prestazione nei test di memoria. Infatti ottengono un risultato peggiore di circa il 20 per cento rispetto alle persone che non si sono confrontate con lo stereotipo.
  • Ma quando il test è stato impostato per prevenire delle perdite a causa del dimenticare, i risultati si sono capovolti: i partecipanti ai quali sono ricordati gli stereotipi sull'invecchiamento e la perdita di memoria, ottengono effettivamente risultati migliori di coloro che non erano sotto alcuna minaccia dello stereotipo.


"La minaccia dello stereotipo è generalmente ritenuta una cosa negativa, ed è risaputo che può mettere in pericolo le prestazioni mnemoniche degli anziani. Tuttavia, i nostri esperimenti dimostrano che la minaccia dello stereotipo può migliorare realmente la memoria degli
anziani se l'operazione implica di evitare perdite" scrive la Barber.


Gli anziani, a quanto pare, rispondono alla minaccia dello stereotipo modificando le loro priorità motivazionali e concentrandosi di più su come evitare gli errori.


Lo studio fa parte di un progetto cruciale sull'assunzione del rischio e sul processo decisionale degli anziani, della Davis School of Gerontology dell'USC, intitolata a Leonard Davis, fondatore dell'AARP (associazione pensionati) e uno dei principali centri di ricerca al mondo in materia di invecchiamento nelle sue dimensioni biologiche, psicologiche, politiche ed economiche.


"I nostri esperimenti suggeriscono un intervento semplice per eliminare gli effetti negativi della minaccia dello stereotipo sugli anziani: i medici dovrebbero cambiare semplicemente le istruzioni del test per sottolineare l'importanza di non commettere errori", conclude la Barber.


La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Southern California. Articolo originale scritto da Suzanne Wu.

Pubblicato in Science Daily (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.