Iscriviti alla newsletter

Identificati due geni che concorrono a causare sindromi rare

Ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) e della Duke University hanno identificato le mutazioni genetiche che sembrano essere alla base di una sindrome rara ma devastante, combinando problemi riproduttivi con l'atassia cerebellare - la mancanza di coordinazione muscolare - e la demenza.

In un articolo che apparirà il 23 maggio sul New England Journal of Medicine e on-line anche prima, i ricercatori descrivono la scoperta di mutazioni in uno o entrambi i due geni coinvolti in un processo cellulare chiamato ubiquitinazione nei membri colpiti di cinque famiglie non imparentate.


Dr. Stephanie Seminara"Questo studio mette in evidenza, per la prima volta, l'importanza del sistema ubiquitina in una sindrome caratterizzata da atassia e ipogonadismo ipogonadotropo, problemi riproduttivi causati da segnalazioni anomale del cervello o della ghiandola pituitaria", scrive Stephanie Seminara (foto), MD, della Reproductive Endocrine Unit nel Reparto di Medicina del MGH, co-autore senior del rapporto. "Dimostra inoltre come, combinando della sana genomica con saggi funzionali dettagliati, si possa sbloccare una complessa architettura genetica".


L'atassia cerebellare, causata da lesioni nella parte del cervello responsabile del coordinamento e dell'equilibrio, può iniziare con delle difficoltà a camminare o a parlare e progredisce fino alla completa disabilità di tali funzioni. Sono stati identificati i geni associati a diverse sindromi caratterizzate da atassia, ma nessuno era finora stato associato alla rara combinazione di atassia e difetto riproduttivo, descritta per la prima volta più di 100 anni fa. Diversi di questi pazienti sono stati indirizzati alla Reproductive Endocrine Unit del MGH, compresa una famiglia palestinese con diversi membri colpiti, che ha anche sviluppato la demenza.


La Seminara rileva che, mentre atassia e ipogonadismo ipogonadotropo possono avere singolarmente diverse cause genetiche possibili, la combinazione di entrambe le condizioni è così rara che è più probabile che sia causata da mutazioni in un particolare gene o geni correlati. In collaborazione con i ricercatori del Center for Human Disease Modeling della Duke (diretto da Nicholas Katsanis, PhD, co-autore senior dell'articolo su NEJM) il suo team ha condotto il sequenziamento del DNA dell'intero esoma da un membro della famiglia palestinese colpito. Tale analisi ha scoperto varianti rare in entrambe le copie di 13 geni, e due di queste varianti sono state rinvenute anche in campioni provenienti da due fratelli affetti del paziente, ma non in diversi membri della famiglia non colpiti.


Entrambi i geni mutati sono coinvolti nell'ubiquitinazione, un processo per cui le proteine cellulari sono marcate per la degradazione da una proteina chiamata ubiquitina. Uno di essi (RNF216) codifica un enzima che si attacca alla proteina ubiquitina, l'altro (OTUD4) codifica una proteina che rimuove l'ubiquitina. I ricercatori hanno quindi sequenziato entrambe queste proteine nei campioni provenienti da altri nove individui affetti da sette diverse famiglie. Essi hanno scoperto che uno di quegli individui aveva due differenti mutazioni al RNF216, altri 4 (2 nella stessa famiglia) avevano mutazioni in una singola copia di quel gene, ma nessuno aveva versioni di OTUD4 mutate.


Tutti gli individui con mutazioni al RNF216 avevano anamnesi simili, caratterizzate da una mancanza di normale secrezione ormonale, atassia progressiva e demenza, e tutti quelli con mutazioni in entrambi i geni sono morti tra i 30 e i 50 anni. Gli studi di neuroimaging hanno rivelato anomalie simili nel cervello - compresa l'atrofia del cervelletto e della corteccia - di soggetti con mutazioni al RNF216. I quattro individui studiati senza mutazioni al RNF216 hanno storie molto diverse, con sintomi meno gravi.


Per avere un quadro migliore delle conseguenze funzionali delle mutazioni in questi due geni, i ricercatori ne hanno interrotto l'espressione in pesci-zebra e hanno scoperto che, bloccando sia il RNF216 che il OTUD4, si causa disorganizzazione nel cervelletto e si riduce la dimensione degli occhi e di una porzione del mesencefalo. Le alterazioni sono state ancora maggiori quando sono stati bloccati entrambi i geni, ma sono state eliminate inducendo la produzione delle proteine pertinenti mediante l'introduzione del corrispondente RNA umano.


"La presenza di mutazioni al RNF216 in diverse famiglie spiega chiaramente la causa di questa sindrome, ma trovare mutazioni dell'OTUD4 in una sola famiglia ne rende certo l'effettivo contribuito alla malattia o solo una presenza casuale", dice Katsanis. "Il lavoro sul pesce-zebra ha fornito la prova fondamentale che entrambi i geni funzionano in un percorso comune, dal momento che bloccandone uno qualsiasi si producono effetti simili. Ed il fatto che il blocco di entrambi i geni abbia avuto un effetto sinergico è una ulteriore prova dell'operatività dei due geni sullo stesso percorso e del contributo delle mutazioni dell'OTUD4 a questa sindrome".


Anche se è tuttora sconosciuto il modo esatto in cui queste mutazioni portano ai sintomi osservati in questi individui, i ricercatori osservano che l'identificazione di questi geni potrebbe un giorno portare a terapie (che comprendono potenzialmente farmaci attualmente in fase di sviluppo per altri disturbi che coinvolgono l'ubiquitinazione, come il Parkinson) e permettere l'analisi genetica e la consulenza alle famiglie colpite. Sperano anche di indagare se mutazioni meno gravi in questi geni possono contribuire alla presenza di atassia, demenza o ipogonadismo in isolamento.


La Seminara è assistente professore di Medicina alla Harvard Medical School, e Katsanis è Professore "Jean e George W. Brumley" di Biologia Cellulare e Pediatria al Medical Center della Duke University. Co-autori principali dell'articolo su NEJM sono David Margonin, MD, PhD, Dipartimento di Neurologia del MGH; Maria Kousi, PhD, Duke Center for Human Disease Modeling; e Yee-Ming Chan, MD, PhD, Reproductive Endocrine Unit del MGH e Ospedale dei bambini di Boston. Lo studio è stato finanziato dal National Institute for Child Health and Human Development e dal National Institutes of Health.

 

 

 

 


Fonte:  Duke Medicine, via Newswise.

Riferimento: David H. Margolin, Maria Kousi, Yee-Ming Chan, Elaine T. Lim, Jeremy D. Schmahmann, Marios Hadjivassiliou, Janet E. Hall, Ibrahim Adam, Andrew Dwyer, Lacey Plummer, Stephanie V. Aldrin, Julia O'Rourke, Andrew Kirby, Kasper Lage, Aubrey Milunsky, Jeff M. Milunsky, Jennifer Chan, E. Tessa Hedley-Whyte, Mark J. Daly, Nicholas Katsanis, Stephanie B. Seminara. Ataxia, Dementia, and Hypogonadotropism Caused by Disordered Ubiquitination. New England Journal of Medicine, 2013; : 130508140047000 DOI: 10.1056/NEJMoa1215993.

Pubblicato in Science Daily il 8 Maggio 2013 (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

 

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.