Iscriviti alla newsletter

Nuovo passo verso un trattamento per prevenire l'Alzheimer

schemeofdamagesSecondo degli scienziati, nel giro di qualche anno potrebbe entrare in fase di sperimentazione clinica un nuovo farmaco per evitare le fasi iniziali dell'Alzheimer.

L'Alzheimer è il tipo più comune di demenza, che colpisce attualmente 820.000 persone nel Regno Unito, numero che dovrebbe più che raddoppiare entro il 2050. Una persona su tre oltre i 65 anni potrebbe morire con demenza. La malattia inizia quando una proteina chiamata amiloide-β (Aβ) inizia a raggrupparsi in placche senili nel cervello, danneggiando le cellule nervose, con conseguente confusione e perdita di memoria.


Il professor David Allsop e il dottor Mark Taylor della Lancaster University sono riusciti a creare un nuovo farmaco in grado di ridurre di un terzo il numero di placche senili, come pure indurre la creazione di un numero più che doppio di nuove cellule nervose in una particolare regione del cervello associata alla memoria. Esso riduce anche marcatamente la quantità di infiammazione cerebrale e di danno ossidativo associato alla malattia.


Il farmaco è stato testato su topi transgenici contenenti due geni mutanti umani legati a forme ereditarie di Alzheimer, così da sviluppare alcuni dei cambiamenti della malattia. Il farmaco è stato progettato per attraversare la barriera emato-encefalica e impedire alle molecole Aβ di attaccarsi tra loro formando placche. Il Professor Allsop, che ha guidato la ricerca ed è stato il primo scienziato ad isolare placche senili nel cervello umano, ha detto: "Quando abbiamo avuto i risultati dei test, siamo stati molto incoraggiati. La quantità di placca nel cervello era ridotto di un terzo e questo potrebbe essere migliorato se avessimo dato una dose maggiore del farmaco, perchè in questa fase, non sappiamo quale sia la dose ottimale".


Il farmaco deve essere testato nella sua sicurezza prima di poter entrare in una sperimentazione umana, ma, se passa questo ostacolo, l'obiettivo sarebbe di dare il farmaco a persone con lievi sintomi di perdita di memoria prima che sia sviluppata la malattia. "Molte persone che hanno un leggero oblio possono continuare a sviluppare la malattia, perché queste placche senili iniziano a formarsi anni prima della manifestazione dei sintomi. L'obiettivo finale è dare il farmaco in questa fase per fermare altri danni al cervello, prima che sia troppo tardi".


Hanno collaborato alla ricerca gruppi guidati dal Prof. Christian Hölscher della Ulster University, che ha condotto gli studi sui topi, e dal Prof. Massimo Masserini dell'Università di Milano-Bicocca in Italia, che ha misurato la capacità del farmaco di legarsi all'Aβ. Il supporto per la ricerca è stato dato da Alzheimer's Research UK, ed i risultati sono pubblicati sulla rivista ad accesso libero PLoS ONE.


Il Dr Eric Karran, direttore della ricerca di Alzheimer's Research UK, ha dichiarato: "Siamo lieti di aver sostenuto questo studio, che rappresenta il primo passo per lo sviluppo di nuovi trattamenti tanto necessari per combattere l'Alzheimer. Sono risultati iniziali promettenti, e saranno necessari diversi anni di lavoro in più per valutare il potenziale di questo approccio. Perché la scienza come questa possa fare la differenza nella vita delle persone, dobbiamo continuare a investire nella ricerca".

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Fonte: Materiale della Lancaster University.

Riferimento:
Vadivel Parthsarathy, Paula L. McClean, Christian Hölscher, Mark Taylor, Claire Tinker, Glynn Jones, Oleg Kolosov, Elisa Salvati, Maria Gregori, Massimo Masserini, David Allsop. A Novel Retro-Inverso Peptide Inhibitor Reduces Amyloid Deposition, Oxidation and Inflammation and Stimulates Neurogenesis in the APPswe/PS1ΔE9 Mouse Model of Alzheimer's Disease. PLoS ONE, 2013; 8 (1): e54769 DOI: 10.1371/journal.pone.0054769.

Pubblicato in Science Daily il 1 Febbraio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.