Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Scoperta potrebbe spiegare perché le donne hanno più probabilità di avere l'Alzheimer

Scienziati di Scripps Research e del MIT hanno scoperto che una proteina immunitaria modificata, che danneggia le connessioni cerebrali, è molto più comune nel cervello delle donne con Alzheimer, rispetto agli uomini.

Microglia eating synapses in postmenopause

Scienziati di Scripps Research e del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno trovato un indizio sulla causa molecolare del morbo di Alzheimer (MA), un indizio che può spiegare anche perché le donne hanno un rischio maggiore di questa malattia.


Nello studio, riportato il 14 dicembre 2022 su Science Advances, i ricercatori hanno scoperto che una forma immunitaria infiammatoria particolarmente dannosa e chimicamente modificata, era presente a livelli molto più alti nel cervello delle donne che erano morte con la malattia, rispetto agli uomini morti per lo stesso motivo. Hanno anche dimostrato che gli estrogeni - la cui produzione cade nella menopausa - proteggono di norma dalla creazione di questa forma del complemento C3.


"I nostri nuovi risultati suggeriscono che la modifica chimica di una componente del sistema di complemento aiuta a guidare il MA e può spiegare, almeno in parte, perché la malattia colpisce prevalentemente le donne", afferma l'autore senior Stuart Lipton MD/PhD, professore e docente del Dipartimento di Medicina Molecolare di Scripps Research e neurologo clinico a La Jolla, in California.


Lo studio è stato una collaborazione con un team guidato da Steven Tannenbaum PhD, professore di ingegneria biologica, di chimica e di tossicologia del MIT.


Il MA, la forma più comune di demenza che arriva con l'invecchiamento, attualmente affligge circa 6 milioni di persone solo negli Stati Uniti. È sempre fatale, di solito entro un decennio dall'insorgenza, e non esiste un trattamento approvato che possa fermare il processo della malattia, per non parlare di invertirlo. Le carenze dei trattamenti riflettono il fatto che gli scienziati non hanno mai capito appieno come si sviluppa la malattia; non sappiamo nemmeno del tutto perché le donne rappresentano quasi i due terzi dei casi.


Il laboratorio di Lipton studia gli eventi biochimici e molecolari che possono essere alla base delle malattie neurodegenerative, inclusa la reazione chimica che costituisce un tipo modificato di complemento C3, un processo chiamato S-nitrosilazione proteico. Lipton e i suoi colleghi avevano scoperto in precedenza questa reazione chimica, che si verifica quando una molecola correlata all'ossido nitrico (NO) si lega strettamente ad un atomo di zolfo (S) su un particolare blocco di aminoacidi di costruzione delle proteine, per formare una 'proteina-SNO' modificata.


Le modifiche delle proteine da parte di piccoli gruppi di atomi come i NO sono comuni nelle cellule e in genere attivano o disattivano le funzioni di una proteina bersaglio. Per motivi tecnici, la S-nitrosilazione è stata più difficile da studiare rispetto ad altre modifiche proteiche, ma Lipton sospetta che le 'tempeste di SNO' di queste proteine potrebbero contribuire crucialmente al MA e ad altri disturbi neurodegenerativi.


Per il nuovo studio, i ricercatori hanno usato nuovi metodi per rilevare la S-nitrosilazione e quantificare le proteine modificate in 40 cervelli umani post mortem. La metà dei cervelli proveniva da persone che erano morte di MA e metà proveniva da persone che non lo avevano, e ogni gruppo era diviso equamente tra maschi e femmine.


In questi cervelli, gli scienziati hanno trovato 1.449 proteine diverse che erano state S-nitrosilate. Tra le proteine modificate più spesso in questo modo, ce n'erano diverse che sono già state legate al MA, incluso il complemento C3. Sorprendentemente, i livelli di C3 S-nitrosilato (SNO-C3) erano oltre 6 volte più alti nel cervello delle femmine con MA, rispetto a quello dei maschi con MA.


Il sistema del complemento è una parte evolutivamente più antica del sistema immunitario umano. È costituito da una famiglia di proteine, che comprende la C3, che può attivarsi l'una con l'altra per guidare l'infiammazione in quella che viene chiamata 'cascata del complemento'. Gli scienziati sanno da più di 30 anni che il cervello di MA ha livelli più elevati di proteine del complemento e altri marcatori di infiammazione, rispetto al cervello neurologicamente normale.


Ricerche più recenti hanno dimostrato specificamente che le proteine del complemento possono indurre le cellule immunitarie del cervello chiamate microglia a distruggere le sinapsi, i punti di connessione attraverso i quali i neuroni si inviano segnali l'uno con l'altro. Molti ricercatori ora sospettano che questo meccanismo di distruzione delle sinapsi sia almeno in parte alla base del processo di malattia del MA e la perdita di sinapsi si è dimostrata correlata significativamente con il declino cognitivo nel cervello di MA.


Perché l'SNO-C3 sarebbe più comune nel cervello femminile con MA? C'è da tempo l'evidenza che l'ormone femminile può avere effetti protettivi cerebrali in alcune condizioni; pertanto, i ricercatori hanno ipotizzato che gli estrogeni proteggano specificamente il cervello delle donne dalla S-nitrosilazione C3, e questa protezione si perde quando i livelli di estrogeni cadono bruscamente con la menopausa.


Esperimenti con cellule cerebrali umane in coltura hanno confermato questa ipotesi, rivelando che l'SNO-C3 aumenta quando i livelli di estrogeni (β-estradiolo) diminuiscono, a causa dell'attivazione di un enzima che produce NO nelle cellule cerebrali. Questo aumento dell'SNO-C3 attiva la distruzione microgliale delle sinapsi.


"Perché le donne hanno maggiori probabilità di avere il MA è da tempo un mistero, ma penso che i nostri risultati rappresentino un pezzo importante del puzzle che spiega meccanicisticamente la maggiore vulnerabilità delle donne mentre invecchiano", afferma Lipton.


Lui e i suoi colleghi ora sperano di condurre ulteriori esperimenti con composti de-nitrosilanti, che rimuovono la modifica SNO, per vedere se possono ridurre la patologia nei modelli animali di MA e poi nell'uomo.

 

 

 


Fonte: Scripps Research Institute (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: H Yang, ...[+7], SR Tannenbaum, SA Lipton. Mechanistic insight into female predominance in Alzheimer’s disease based on aberrant protein S-nitrosylation of C3. Science Advances, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.