Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Consiglio del medico? Tagliare tutti i prodotti del grano

(Recensione di un libro) Come molti cardiologi, il Dr. William Davis, di base in Wisconsin, ha ripristinato la buona salute a migliaia di suoi pazienti con i suoi consigli sui cambiamenti dietetici per migliorare il benessere del loro cuore.

A differenza di molti cardiologi, la dieta consigliata da Davis non rispetta alcun timbro di approvazione nutrizionale.

Eppure sembra ottenere alcuni risultati sorprendenti, non solo per i problemi cardiaci e circolatori per cui i suoi pazienti lo incontrano, ma anche per una vasta gamma di altri problemi di salute, tra cui eruzioni cutanee, diabete, colite, dolori articolari e insonnia.

Il suo consiglio dietetico è semplice: evitare di grano. Tutti i tipi di grano, anche quella roba tutta integrale o organica di cui ti dicono essere superiore e benefica per il cuore. Davis dice che il cereale più diffuso al mondo è anche l'ingrediente alimentare più distruttivo del mondo. I motivi di ciò non sono così semplici tuttavia, e sono radicati nello sviluppo del frumento a partire dalla metà del secolo scorso, e nel lodevole intento di trovare una soluzione per la fame nel mondo.

La teoria di Davis inizia con lo sviluppo dei ceppi nani ibridati e semi-nani per aumentare il rendimento (steli più brevi eliminano la deformazione che appare quando il fertilizzante aumenta le dimensioni della testa). Più del 99 per cento del grano coltivato in tutto il mondo viene ora da questi ceppi, e l'ibridazione di due ceppi di grano non è mai stata vista dagli scienziati agricoli come un problema.

Dopo tutto, si incrocia un pomodoro con un altro pomodoro e si ottiene ancora un pomodoro, giusto? Davis dice che analisi 'sbagliate' di grano ibrido rispetto al suo ceppo genitore mostrano che il 95 per cento delle proteine nella prole sono le stesse, mentre il cinque per cento sono uniche e non si trovano in entrambi i genitori. Sono queste le caratteristiche uniche che Davis collega a quella che dice essere la sensibilità endemica del grano (Davis dice che il 70 per cento di coloro che soffrono di sensibilità al grano non hanno sintomi digestivi, o spaventosamente pochi).

Il grano moderno dà molta assuefazione ed è peggiore dello zucchero puro per i diabetici, dice Davis, ma la più sorprendente delle sue conclusioni è che la risposta immunitaria distruttiva causata dalla sensibilità al glutine colpisce anche il cervello. Davis collega il grano a crisi epilettiche, demenza e persino danni al cervello. Egli ci dice che il consumo di grano è una delle principali cause del grasso della pancia che provoca l'infiammazione, un indicatore di base di problemi come diabete, ipertensione e malattie cardiache. Altre condizioni di salute legate a questo grasso viscerale comprendono la demenza, l'artrite reumatoide e il cancro al colon. Tagliare il grano può migliorare anche i sintomi di reflusso acido e della sindrome dell'intestino irritabile.

Davis ha uno stile di scrittura e colloquiale drammatico e divertente che la maggior parte dei lettori apprezzeranno come rendere la scienza divertente, e cita 16 pagine di studio a sostegno delle sue teorie. Egli fornisce consigli su come fare per togliere il grano dalla dieta - la dieta vera che raccomanda va più lontano del grano, raccomandando che tutti i carboidrati cereali siano trattati con cautela - e dove cercare il frumento nascosto (se scoprite di essere veramente sensibili ai grano, ragazze, controllare gli ingredienti del rossetto).

Egli include anche alcune ricette, tra cui le alternative al pane. Le ricette non sono troppo eccitanti, ma Davis è un cardiologo, ricordate, non un cuoco. Quindi, cosa succede se si mangia un paio di fette di pane tostato integrale ogni mattina? Si ci si ammala?

Il buon dottore dice 'sì' in risposta a quella domanda, di recente chiesta sul suo blog. "Non ammalato, in termini di vomito e diarrea. Ammalato in termini di artrite del ginocchio e dell'anca, reflusso acido, zuccheri diabetici e pre-diabetici, piccole particelle LDL che portano a infarto e ictus, fenomeni di cataratta di tipo glicazione, disturbi neurologici come atassia, neuropatie periferiche, e la demenza. Non ci sarà nemmeno il sospetto che il grano ha avuto un ruolo nel deterioranmento della salute. Molto probabilmente, si deperirà solo e si trascorrerà l'eternità nel grande campo di grano nel cielo".

"Ma non potevo rinunciare al grano" ti sento piangere. Nel nostro mondo, trattato e mangia-tempo, non è facile, ti darò quello. Ci vuole un cambio di mentalità. Lo so. Ho smesso di mangiarlo in Luglio, per coincidenza diverse settimane prima di aver sentito parlare di questo libro. Ho perso 23 chili e ho avuto un netto miglioramento nel mio dolore artritico. Stare senza frumento ci fa sentire così bene dubito che non potrò mai tornare indietro.

Davis non è una voce solitaria nella giungla nutrizionale, lui è solo il più forte e uno degli ultimi a mettere in discussione la pertinenza del paradigma piramide alimentare alla salute moderna, in particolare in relazione alle epidemie di obesità e diabete.

È abbastanza evidente che il modo in cui abbiamo combattuto questi problemi fino ad ora non funziona, così come so di prima mano che a seguito di una dieta a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di grano per dimagrire che non ha funzionato per me, non importa quanto sia povero l'apporto di calorie o quanti chilometri cammino. E dubito io sono unico in questo.

Davis non pretende che tutta l'obesità deriva dal consumo di grano, ma fornisce una spiegazione convincente del perché alcune persone non riescono a perdere peso seguendo le linee guida nutrizionali ufficiali. Se si è sovrappeso, ci si sente malaticci, o semplicemente si vuole perseguire una buona salute, vale la pena dare una occhiata al libro. Davis suggerisce che dopo cinque giorni senza grano dovrebbe scomparire ogni sintomo di astinenza e si dovrebbe iniziare a sentirsi meglio (per me ce ne sono voluti solo tre).

Dopo tutto, cosa hai da perdere tranne la pancia di grano, il culo a ciambella o la faccia a biscotto?

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

 


Pubblicato da Tracey Tufnail su Vancouver Sun il 13 Novembre 2011 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.