Associazione Alzheimer ONLUS

Esperienze e opinioni

I problemi di memoria che sembrano Alzheimer, ma non lo sono

Cosa si intende per demenza reversibileSolo perché sei appena entrato in una stanza e non riesci a ricordare perché, non significa che la tua mente se ne stia andando. Ci sono altri motivi per la perdita di memoria, che vanno dalla depressione non trattata alle infezioni e agli effetti collaterali dei farmaci, soprattutto se sei più giovane.


La stragrande maggioranza (5,6 su 5,8 milioni) delle persone con morbo di Alzheimer (MA) ha più di 65 anni, dice l'Alzheimer's Association. Anche se è sempre una buona idea parlare con un medico quando hai una dimenticanza continua e altri problemi cognitivi, non dare per scontato il peggio.


“Ci sono cause reversibili della perdita di memoria”, dice Alan Manevitz MD, psichiatra clinico del Lenox Hill Hospital di New York City. Eccone alcune da verificare.

 

 

Depressione

La dimenticanza, insieme a problemi di concentrazione, sentimenti di tristezza e mancanza di interessi, sono segni comuni sia della depressione che del MA. Ma il rapporto tra i due problemi è ingannevole, dice Marcela Kitaigorodsky, psicologa e assistente prof.ssa all'Università di Miami. “La depressione è uno dei sintomi del MA, quindi è molto difficile da distinguere”, spiega. Solo un medico può dire con certezza se c'è una o l'altra o entrambe, ma trattare la depressione dovrebbe aiutare ad alleviare i problemi di memoria. I problemi cognitivi sono solo uno degli aspetti della depressione.

 

Infezioni del tratto urinario

Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono una causa comune di perdita di memoria per gli anziani, insieme con la confusione e anche le allucinazioni, dice la Kitaigorodsky. I sintomi di solito sorgono all'improvviso, secondo l'Alzheimer's Society. Un semplice test delle urine può determinare se si ha un'infezione batterica e, in caso affermativo, è importante trattarla con antibiotici. “L'UTI nelle persone anziane può essere pericolosa per la vita”, dice il dott. Manevitz. Nelle persone più giovani, i sintomi di UTI includono il dolore quando si urina, il bisogno di urinare spesso e urine con odore.

 

Idrocefalo normoteso

L'idrocefalo normoteso (NPH, Normal pressure hydrocephalus) è presente quando il liquido cerebro-spinale si accumula nel cervello. “Il liquido cerebrospinale non viene eliminato e si crea un cambiamento di pressione nel cervello”, dice la Kitaigorodsky. I sintomi si sviluppano rapidamente e comprendono problemi a camminare o urinare, confusione e disorientamento. Spesso nessuno sa cosa causa il NPH, ma può derivare da un trauma cranico, da emorragia nel cervello, da un tumore al cervello o da infezione, dice il National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Il NPH è trattato inserendo uno shunt che drena il fluido.

 

Malattia di Lyme

Anche se la stanchezza è il sintomo più noto della malattia di Lyme, un'infezione causata da zecche può causare anche problemi di memoria: un pensiero più lento e problemi a trovare la parola giusta, a volte indicati come 'nebbia del cervello'. Questi problemi possono nascere subito dopo la puntura o anche anni più tardi, secondo il dottor Manevitz. Se sai di essere stato punto da una zecca, chiedi al medico di fare un test per valutare se hai contratto la malattia di Lyme o un'altra condizione causata dalle zecche. Potrà quindi prescrivere antibiotici o un altro trattamento. 

 

Ematomi subdurali

Gli ematomi subdurali avvengono quando alcuni vasi sanguigni nel cervello si rompono, spesso come risultato di un trauma cranico, dice la Mayo Clinic. Il sanguinamento può accumularsi e portare a sintomi simili a quelli della demenza, come apatia, cambiamenti di comportamento, e confusione, dice il dott. Manevitz. I sintomi possono apparire subito dopo l'infortunio o dopo settimane / mesi. I casi più lievi possono passare per conto loro, dice il dott. Manevitz. Ma queste lesioni possono anche essere fatali. Le commozioni cerebrali, di solito il risultato di un trauma cranico, possono causare perdita di memoria, secondo l'American Association of Neurological Surgeons.

 

Ghiandola tiroide ipoattiva

Chiamato anche ipotiroidismo, c'è quando la ghiandola tiroide non produce abbastanza ormone tiroideo, che è necessario per il corretto metabolismo e per molte altre funzioni del corpo. “Può danneggiare la memoria, l'apprendimento e la memoria a breve termine”, dice la Kitaigorodsky. Cosa causa i problemi alla tiroide per cominciare? Spesso una malattia autoimmune, secondo la Mayo Clinic, anche se ci sono altre ragioni. Una volta che c'è la diagnosi, il trattamento, molto semplice, è la terapia ormonale sostitutiva. È meno frequente, ma anche una tiroide iperattiva può causare problemi di memoria, dice il dott. Manevitz. I problemi della tiroide sono solo una delle ragioni di un metabolismo lento.

 

Carenza di vitamina

Soprattutto della vitamina B12. “La carenza di vitamina B può simulare il MA ed è molto comune per gli anziani non averne livelli ottimali”, dice la Kitaigorodsky. Una volta che la carenza è trattata, la condizione dovrebbe sistemarsi, aggiunge. I vegetariani e i vegani a volte hanno carenze di vitamina B12 perché il nutriente si trova soprattutto nei cibi di origine animale, dice il dott. Manevitz. Buone fonti alimentari sono carne, pesce, pollame, prodotti lattiero-caseari (latte, yogurt, formaggio), uova, grani fortificati e cereali, dice l'Academy of Nutrition and Dietetics. Certe persone hanno bisogno di integratori. Alcune vitamine possono contribuire a rafforzare la tua memoria.

 

Diabete

Con il diabete puoi soffrire di problemi di memoria sia acuti che cronici. “È molto insidioso perché non c'è più il giusto equilibrio tra insulina e zuccheri nel sangue”, dice il dott. Manevitz. “Se i livelli di zucchero nel sangue si abbassano troppo, il corpo non ha abbastanza carburante per funzionare. Con l'ipoglicemia diventi goffo e per un periodo di tempo può sembrare che hai la demenza". Nel corso del tempo se non controlli il diabete in modo adeguato, aggiunge, “puoi avere danni a tutte le arterie nel cervello" e questo può portare a problemi di memoria. Mantenendo i livelli di zucchero nel sangue, puoi anche aiutare a proteggerti dalla perdita di memoria, secondo la University of Southern California.

 

Problemi di sonno

Non dormire abbastanza, o non abbastanza bene, può causare problemi di memoria, come probabilmente sa chiunque abbia cercato di funzionare dopo solo tre ore di sonno. “Ci sono ricerche che hanno sottolineato che la mancanza di sonno e un sonno di qualità scadente possono influenzare la memoria”, dice la Kitaigorodsky. L'apnea ostruttiva del sonno può essere un rischio particolare, che è presente quando smetti di respirare, realmente e più volte, durante la notte. Una maschera per la pressione continua positiva delle vie aeree (CPAP), un un trattamento comune ed efficace, può contribuire a dare una buona notte di sonno. Cerca in questo sito molti altri suggerimenti per dormire meglio.

 

Un tumore al cervello

A seconda di dove si trovano, i tumori cerebrali possono influenzare la memoria, così come il ragionamento, il pensiero, e le altre abilità cognitive. E anche se nessuno vuole sentire di avere un tumore al cervello, la diagnosi non è sempre così spaventosa come si pensa. Circa il 30 per cento dei tumori cerebrali sono meningiomi, tumori benigni che talvolta possono essere trattati con successo senza intervento chirurgico, secondo la Johns Hopkins Medicine. E molte persone recuperano bene da altri tipi di tumori cerebrali, sia benigni che maligni, soprattutto se sono individuati presto.

 

Uso eccessivo o abuso di alcol

Certo, qualcuno che beve troppo (e troppo in fretta) in una singola occasione può avere un black-out totale della memoria. Alcune persone sperimentano la perdita di memoria dopo solo un paio di drink, secondo il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism. Assorbire troppo alcol nel tempo può causare problemi di memoria più cronici, dice il dott. Manevitz. La buona notizia è che astenersi per un anno più o meno ti aiuterà a recuperare le tue abilità, aggiunge. Uno studio ha trovato che uno stile di vita sano, che prevede di bere non più di un bicchiere di vino al giorno, potrebbe proteggere dal MA [ndt: ma molti di più hanno detto che anche minime quantità di alcol sono dannose per la mente, cerca qui].

 

Effetti collaterali dei farmaci

Molti farmaci diversi, che includono gli oppiacei, i sonniferi, alcuni antidepressivi e persino antistaminici come il Benadryl, possono causare dimenticanza e confusione. "Gli anziani sono particolarmente a rischio", dice Joshua Niznik PhD, assistente professore di medicina alla University of North Carolina di Chapel Hill, "perché tendono a prendere più farmaci e perché il loro corpo non elimina i farmaci con la stessa facilità". Ma anche le persone più giovani possono essere vulnerabili, soprattutto se prendono più di un farmaco. In generale, i problemi mentali da farmaci appaiono all'improvviso, dice il dott. Niznik e possono fluttuare rapidamente. Togliere il farmaco dovrebbe risolvere il problema, ma non si dovrebbe mai farlo senza consultare il medico.

 

 

 


Fonte: Amanda Gardner/Oscar H. Cingolani MD in The Healthy (> English text) - Traduzione: Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.