Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Fai la pace con i tuoi figli adulti: avrai anche meno rischi di demenza

caregiver

Ci sono molte ragioni per cui Mark potrebbe avere problemi di salute. Ha terminato di recente il suo matrimonio che durava da più di 40 anni. Ha un lavoro molto stressante e, a volte, lavora 7 giorni su 7. Mantenere 2 famiglie ha ristretto in modo considerevole il suo bilancio. Il suo stile di vita è cambiato drasticamente passando da una grande casa di periferia a un piccolo appartamento urbano e, dal momento che l'ex moglie si è tenuta l'auto di famiglia, va al lavoro in bici o a piedi.


Ma nonostante quello che ci si potrebbe aspettare, Mark è fiorente e si sta godendo la salute migliore da anni. Anche se ci sono diversi fattori per la sua ottima salute, come ad esempio il sollievo di fuggire da un ambiente domestico stressante e abitudini migliori di salute (come l'esercizio quotidiano), l'aspetto più positivo della sua vita è il legame caldo che mantiene con i suoi quattro figli adulti.


“Sono veramente il sole della mia vita”, dice. “Non che li veda molto. Due vivono in un altro stato e anche il figlio e la figlia che vivono qui vicino sono impegnati freneticamente con la propria carriera, con i figli piccoli, e tutte le altre cose che implica l'essere giovani adulti. Ma c'è una connessione calda tra di noi. Quando siamo insieme, è meraviglioso. Forse la cosa più importante è che esprimiamo il nostro amore in molti modi e sappiamo di poter contare gli uni sugli altri“.


Avere relazioni positive con i familiari, in particolare con i figli adulti, può essere fondamentale per una buona salute. In effetti, uno studio pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease il 2 maggio 2017, ha trovato che coloro che hanno relazioni amorevoli con i loro figli adulti hanno meno probabilità di sviluppare la demenza più avanti, rispetto a coloro che hanno relazioni negative.


Questo studio ha analizzato i dati raccolti per 10 anni da più di 10.000 adulti sani che avevano almeno 50 anni di età. I partecipanti sono stati valutati sui livelli di supporto sociale e i ricercatori hanno scoperto che per ogni aumento di un punto nel supporto positivo, c'era una diminuzione del 17% del rischio di demenza. Il rovescio di quella medaglia è che per ogni aumento di un punto nelle relazioni negative con membri stretti della famiglia, c'è stato un aumento del 33% del rischio di demenza.


Mentre le ragioni di tali risultati non sono del tutto comprensibili in questo momento, il sostegno sociale è sempre utile, soprattutto con l'avanzare dell'età. Coloro che si sentono non amati dai loro figli adulti, e molto soli, possono avere meno probabilità di avere un stile di vita sano, pieno di esercizio fisico, buon cibo, occupazioni piacevoli e connessioni calde con gli altri.


“È la vergogna, lo scoraggiamento e la depressione che mi tengono a casa con le persiane abbassate”, mi ha detto una volta una cliente che chiamerò Sheila. “So che dovrei prendermi più cura di me stessa. Ma io continuo a pensare ‘perché preoccuparsi?’. Quando non mi sento amata dai miei figli, è difficile amare molto me stessa”.


Se, come Sheila, sei angosciata/o per la distanza e il dolore tra te e un figlio adulto, ci sono alcune cose che puoi fare per migliorare il rapporto.

 

  • Sii il primo a dire “Mi dispiace”. Anche se sei convinto di essere tu la parte offesa, che il tuo figlio adulto ti deve delle scuse, fare il primo passo per risolvere qualsiasi ferita o incomprensione può significare tanto. Ci vuole un enorme amore e impegno per fare un passo indietro e guardare l'intero quadro di ciò che è successo tra te e tuo figlio adulto, e prendere in considerazione, e scusarti per, il tuo ruolo nel creare la distanza tra voi.
  • Accetta il cambiamento dei ruoli e le realtà di oggi. Non puoi essere sempre centrale nella vita di tuo figlio adulto quando si sposa e ha figli suoi. Abbraccia le nuove persone nella vita di tuo figlio, felicitati con lui mentre costruisce la sua vita adulta indipendente invece di restare aggrappata/o, con nostalgia, su quello che era una volta. Potresti desiderare di vederlo di più, ma rallegrarti per ciò che è possibile in questo momento può aiutare a mantenere le cose positive tra di voi.
  • Rispetta l'autonomia di tuo figlio adulto. Non disturbare con consigli non richiesti, opinioni o critiche.
  • Evita i giochi di potere. Entrare con denaro e aspettarsi che questo ti dia una grande voce in capitolo nel modo in cui tuo figlio vive la sua vita può solo creare risentimento, rabbia e distanza. Così faranno gli ultimatum.
  • Renditi conto che una certa distanza emotiva può migliorare il vostro rapporto. La ricerca ha scoperto che un po' di distanza può essere una buona cosa. Quando i genitori smettono di cercare di orientare la vita dei loro figli adulti e quando i figli adulti proteggono i loro genitori dalle preoccupazioni restando selettivi nel discutere i loro problemi, le relazioni genitore-figlio adulto spesso migliorano.


Cosa puoi inventare se non c'è niente da fare per migliorare il tuo rapporto con un figlio adulto che vive lontano?


Che tu abbia o no sostegno sociale dai tuoi figli, prenditi cura di te stessa/o. Fai una qualche forma di esercizio fisico ogni giorno. Prepara pasti sani e deliziosi, anche (o soprattutto) se è solo per te. Fai cose che ti piacciono veramente. Forma legami caldi con altri membri della famiglia, con i vicini e con amici cari. Ne varrà davvero la pena!

 

 

 


Fonte: Kathy McCoy PhD, psicoterapeuta, giornalista, conferenziera e scrittrice.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. M. Khondoker, S. B. Rafnsson, S. Morris, M. Orrell, A. Steptoe. Positive and negative experiences of social support and risk of dementia in later life: an investigation using the English Longitudinal Study of Aging. Journal of Alzheimers Disease, May 2017, DOI
  2. K.L. Fingerman. Sources of Tension in the Aging Mother-Adult Daughter Relationship, Psychology and Aging, Dec 1996, DOI


Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.