Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Invecchiare con resilienza ... e con l'aiuto della spiritualità

Michael Parker left Harold Koenig rightMichael Parker (sinistra) e Harold Koenig (destra).

Parliamo di invecchiamento e resilienza con i Dott. Michael Parker e Harold Koenig.


Il Dott. Michael Parker è un ex tenente colonnello ed è attualmente in pensione da Professore di lavoro sociale dell'Università dell'Alabama (UA) e professore associato di Medicina geriatrica e cure palliative dell'Università dell'Alabama di Birmingham (UAB). È anche studioso non residente del Center for Spirituality, Theology and Health della Duke University.


Harold G. Koenig MD/MHSc, è professore di psichiatria e scienze comportamentali e professore associato di medicina alla Duke, nonché professore associato del dipartimento di medicina dell'Università King Abdulaziz di Jeddah in Arabia Saudita e alla Ningxia Medical University di Yinchuan in Cina. Dirige il Center for Spirituality, Theology and Health (CSTH) della Duke University e lo ha fatto fin dalle sue origini nel 1998.

 

 

Domanda: Come definisci tu personalmente l'invecchiamento?

MP & HK: Contrariamente all'opinione popolare, l'invecchiamento non inizia a 65 anni. Anche se possiamo essere meno consapevoli dell'invecchiamento in gioventù, la verità è che tutti invecchiamo fin dalla nascita. L'invecchiamento si riferisce agli aspetti cronologici, biologici, psicologici, sociali e spirituali della vita nel tempo. In senso lato, l'invecchiamento si riferisce ai cambiamenti che avvengono nella persona durante il corso della sua vita. Con l'avanzare dell'età, passiamo attraverso una serie di fasi, influenzate dalle aspettative della società. Tutte le società sono classificate per età, nel senso che ci vengono assegnati ruoli, opportunità e status diversi in base alla nostra età.


Ora che le persone vivono più a lungo, c'è un interesse crescente a capire il processo di invecchiamento, che ha portato ad un crescente interesse nel campo multidisciplinare della gerontologia. I gerontologi studiano gli aspetti biologici, psicologici, sociali e spirituali dell'invecchiamento. Esistono diverse teorie su come invecchiamo, dalla descrizione dei processi cellulari associati all'invecchiamento allo studio di come definiamo l'invecchiamento di successo. È importante fare una distinzione tra gerontologia, che prende una prospettiva dalla culla alla tomba, e geriatria, che è il trattamento medico delle persone anziane.


La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che evitare la malattia e la disabilità, massimizzare la nostra forma cognitiva e fisica, essere impegnati attivamente nella vita e crescere nel nostro livello di maturità spirituale ed emotiva sono aspetti chiave dell'invecchiamento 'riuscito'. Più recentemente, vengono sempre più utilizzati termini come 'invecchiamento ottimale' per considerare il fatto che non tutti sono in grado di avere un invecchiamento di successo. L'attenzione si concentra invece sul modo in cui le persone navigano tra le loro risorse personali, economiche e sociali limitate, per risolvere problemi (dimostrano auto-efficacia). Gran parte della nostra ricerca affronta gli aspetti spirituali della vita, della salute e dell'invecchiamento, incluso il caregiving degli anziani.

 

 

D: Come ti sei interessato inizialmente allo studio dell'invecchiamento?

MP: Mi sono interessato all'invecchiamento quando mio padre si è ammalato gravemente e mi sono trovato del tutto impreparato ad affrontare le sfide del caregiving dell'anziano. Dopo la morte e il funerale di mio padre, sono tornato alla mia posizione all'estero con il 7° comando medico nell'esercito degli Stati Uniti. I miei fratelli e sorelle in uniforme hanno tenuto un servizio funebre per mio padre, e ho appreso che anche molti di loro hanno affrontato problemi di genitori anziani.


Queste esperienze mi hanno spinto a seguire uno studio post-dottorato sull'invecchiamento, una direzione che richiedeva ulteriore assistenza. L'Università del Michigan ha offerto un programma di borse di studio post-dottorato del National Institute of Aging (NIA), ma per poter partecipare ho dovuto ottenere il permesso dal dipartimento medico militare per l'addestramento civile a lungo termine.


Una volta che l'Esercito e l'Università del Michigan mi hanno selezionato, in seguito mi è stato detto dai miei colleghi in psichiatria che siamo un 'esercito giovane' e hanno progettato di raccomandare di completare una borsa di studio per bambini e famiglie al Walter Reed. Ho rifiutato e ho subito detto che la mia carriera era a rischio.


Qualcuno suggerì di parlare con il mio capo, un generale a due stelle che al momento si occupava di tutte le cure mediche per Desert Storm. Aveva il peso del mondo su di lui, ma, avvertendo una direttiva spirituale, ho fissato un appuntamento. Durante i primi minuti, le sue parole rispecchiavano quelle dei miei colleghi. Poi mi ha chiesto cosa avevo intenzione di fare alla Michigan, e gli ho detto che volevo aiutare le famiglie militari con problemi di genitori anziani. Il suo intero volto cambiò.


Ha condiviso come aveva appena ricevuto una chiamata dal suo sacerdote di famiglia. "Sono appena tornato dalla casa di tua madre", aveva detto il prete, "e non aveva capito che il gas della stufa era acceso. Cosa vuoi che faccia?". Il generale mi guardò e disse: "Non avevo idea di cosa dirgli, ma tu dici a quelle persone che si oppongono al tuo incarico all'Università del Michigan dopo la guerra che io sono dalla tua parte". Non l'ho mai detto a nessuno, ma il giorno dopo i miei colleghi si sono congratulati con me per essermi tenuto fedele alle mie intenzioni. Così, dopo la guerra, sono stato riassegnato all'Università del Michigan e la mia vita professionale è cambiata radicalmente.


Dopo aver completato il programma di borse di studio, e in seguito, dopo aver completato altri compiti con i militari, ho sentito l'incitamento di Dio di passare da una carriera di ricerca militare a quella accademica nel campo dell'invecchiamento. Mi sono unito alle facoltà di due importanti università e, dopo alcuni anni, la Gerontological Society of America mi ha scelto come studioso di geriatria della Fondazione Hartford. Attraverso questi meravigliosi programmi e opportunità, sono diventato personalmente legato a importanti studiosi di tutto il mondo nel campo dell'invecchiamento.

 

 

D: Qual è la connessione tra invecchiamento e resilienza?

MP & HK: il concetto di resilienza è oggetto di crescente attenzione da parte dei gerontologi. Come abbiamo notato in precedenza, alcuni scienziati comportamentali e sociali stanno spostando le loro prospettive dall'invecchiamento 'riuscito' a un invecchiamento 'ottimale', sebbene entrambi siano collegati al concetto di resilienza. Mentre alcune ricerche enfatizzano le relazioni tra il valore di uno stile di vita sano, la longevità e una migliore qualità della vita, altri esperti si concentrano sui sottofondi genetici e socioeconomici che funzionano nell'invecchiamento di successo.


Data la realtà della situazione di una persona, alcuni devono affrontare un rischio inevitabile. Come scrive Silverstein (2019) in una pubblicazione su 2018 Trends in the Behavioral and Social Sciences della Gerontological Society of America, "Si può ricevere una brutta mano di carte ma avere le abilità di gioco per sfruttarla al meglio. Queste abilità forniscono le basi per la resilienza, un tratto che modula la dicotomia tra successo e fallimento. Puoi avere successo nel tuo invecchiamento rispetto alle sfide incontrate e alle risorse a tua disposizione. Si torna al punto di partenza, alla resilienza".


La nostra ricerca longitudinale con 1.000 anziani residenti in una comunità in Alabama ha affermato ripetutamente l'importanza della sana spiritualità come risorsa fondamentale per molti anziani riusciti. La fede spirituale di molte persone anziane le aiuta a trovare uno scopo e un coraggio nell'affrontare il fine-vita e infine la morte.

 

 

D: In quali modi gli anziani potrebbero coltivare la resilienza?

MP & HK: le persone anziane hanno poco o nessun controllo sulla velocità con cui invecchiano, e potrebbero anche avere meno risorse disponibili per l'aiuto ad adattarsi alle malattie croniche e ad altre sfide tardive. Nonostante queste limitazioni, credo che sia molto importante riconoscere che abbiamo un certo controllo su ciò che mangiamo, su come scegliamo di fare esercizio fisico, su ciò che crediamo spiritualmente, su come esercitiamo la nostra fede e su quanto siamo impegnati socialmente nell'aiutare gli altri e vivere la vita coraggiosamente.


Circa l'80% delle persone anziane appartiene alle congregazioni e il coinvolgimento in questi gruppi aiuta a tamponare molti degli aspetti negativi dell'invecchiamento.


Molti di noi sono cresciuti in una cultura graduata per età che dice essenzialmente: andiamo a scuola, poi andiamo a lavorare, e poi ci ritiriamo. In contrasto con questa prospettiva culturale comune, noi sosteniamo che andiamo a scuola per tutta la vita, lavoriamo per tutta la vita e, se siamo saggi, impariamo a fare lunghe pause di sollievo lungo la strada. Sosteniamo una prospettiva diversa.

 

 

D: Qualche consiglio per sostenere un amico o un caro anziano nel disagio?

MP & HK: una delle più grandi paure che le persone anziane affrontano è la minaccia della demenza. Secondo il Rapporto Fatti e Cifre di Alzheimer 2018 della Alzheimer's Association, ora ci sono 5,7 milioni di americani che vivono con l'Alzheimer, e sono curati da 16,1 milioni di caregiver familiari che nel 2017 hanno fornito 18,4 miliardi di ore di assistenza difficile, disinteressata e non retribuita con un valore finanziario di oltre $ 232 miliardi.


La società si chiede: "Chi si prenderà cura di queste persone?". La maggior parte delle volte, la risposta è un caregiver di famiglia (coniuge o figlio adulto). Sebbene il caregiving possa essere soddisfacente e significativo, può avere un impatto negativo sulla salute fisica, il benessere emotivo, il lavoro e le finanze dei caregiver, mentre quelli che soffrono di demenza sono spesso isolati e fraintesi. Il caregiving in solitaria può essere estenuante, ma un numero crescente di congregazioni religiose fornisce una tregua così necessaria ai caregiver della famiglia con demenza, spostando il concetto di caregiving da 'solo' a 'molti'.


I dirigenti delle congregazioni fanno una serie diversa di domande fondate sulla loro fede religiosa: "Cosa è necessario nella comunità che non potrebbe essere realizzato senza l'aiuto della chiesa locale?", "Come impara una congregazione a trattare con l'Alzheimer in modo costruttivo e di supporto?", "Cosa possiamo fare in quanto chiesa sull'isolamento e la solitudine provocati dalle malattie?", "Possiamo anche solo parlarne?". Persino i professionisti della salute specializzati nel trattamento della demenza, come i neurologi, stanno riconoscendo che i programmi (volontari) di assistenza di sollievo basati sulla fede sono un supporto inestimabile per i pazienti con demenza e i loro familiari.

 

 

D: Su cosa stai lavorando in questi giorni in termini di invecchiamento?

MP: Sin dal nostro primo libro, A Vision for the Aging Church: Renewed Ministry to and from Seniors, il Dott. Houston e io abbiamo ricevuto più di mille messaggi, diverse richieste di parlare a conferenze cristiane e professionali, centinaia di telefonate e molte visite in loco da pastori, gerontologi di fede e dirigenti d'azienda.


Abbiamo lavorato con ministeri cristiani nazionali e internazionali e cappellani militari, condotto ricerca e formazione sugli anziani ai US Air and Army War Colleges (le principali scuole di leadership dell'esercito e dell'aeronautica), aiutato due chiese a valutare un programma di formazione per anziani, organizzato molteplici conferenze sull'invecchiamento di successo con congregazioni protestanti e cattoliche; abbiamo presentato relazioni plenarie sull'invecchiamento a varie comunità e organizzazioni basate sulla fede, incontrato alcuni anziani notevoli e, molto incoraggiante, da quando il nostro ultimo libro è stato pubblicato abbiamo visto segni di grandi progressi da parte di chiese, altre organizzazioni religiose, volontari Cristiani e seminari.


Inoltre, siamo stati in grado di affiancare alcuni ministeri pratici e sostenibili di livello statale, nazionale e internazionale, che soddisfano i veri bisogni umani legati agli anziani e a coloro che si prendono cura di loro.


Il dott. Houston e io stiamo attualmente lavorando a un secondo libro, A Church Handbook on Aging (Un manuale di chiesa sull'invecchiamento), e in onore del dott. Houston, stiamo lanciando il James Houston Center for Faith and Successing Aging, che cercherà di migliorare la salute spirituale, emotiva e fisica e il benessere degli anziani e dei loro caregiver attraverso lo sviluppo di programmi sostenibili e di [ministeri] intergenerazionali con, e attraverso, comunità basate sulla fede.

 

 

 


Fonte: Jamie Aten PhD, fondatore e direttore esecutivo dell'Humanitarian Disaster Institute del Wheaton College.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...