Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Trattamenti per Alzheimer non dovrebbero basarsi solo sui farmaci

Trattamenti per Parkinson e Alzheimer non dovrebbero essere solo farmaciRappresentazzione artistica di un groviglio di proteina tau anomala (in verde) all'interno del citoplasma neuronale (Immagine di Debra Esterhuizen via Wellcome Images)

I giganti del settore farmaceutico che stanno creando gruppi di capitale di rischio rappresentano un'interessante svolta nello sviluppo di farmaci. Abbiamo bisogno di approcci innovativi come questo per creare nuovi trattamenti. Ma non dovrebbero venire solo dall'industria farmaceutica. Anche lo sforzo personale, la volontà politica e un impegno condiviso per il bene pubblico devono avere un ruolo.


Come cinquantenne che vive con il Parkinson, ho un interesse particolare a trovare trattamenti e cure migliori per le malattie neurologiche. Nonostante siano stati compiuti alcuni progressi nel trattamento dei sintomi del Parkinson e dell'Alzheimer, non abbiamo ancora farmaci che rallentano o fermano la progressione di queste malattie.


Sono stato felice di vedere che la Pfizer ha aggiunto $ 600 milioni al suo gruppo di capitale di rischio all'inizio di questo mese. Prevede di investire almeno un quarto di questo nelle aziende biotecnologiche che si occupano di trattamenti per le malattie neurologiche, che colpiscono decine di milioni di persone in tutto il mondo. Ciò ha alleviato alcune delle mie preoccupazioni sulla decisione dell'azienda di cessare i propri sforzi di ricerca e sviluppo relativi alle malattie neurologiche.


Lo scopo di questi fondi di venture capital è raccogliere fondi per investimenti in società biotech che conducono ricerche ad alto rischio che potrebbero potenzialmente fornire alti rendimenti. Esprimo il mio plauso alla decisione della Pfizer di adottare un approccio più espansivo allo sviluppo di nuovi farmaci e una gamma più ampia di opzioni per gli investitori.


Non tutti sono d'accordo. Pazienti e attivisti hanno criticato la decisione della Pfizer di interrompere i propri programmi di ricerca neurologica.


Credo che sia fuorviante aspettarsi da un'entità, il cui scopo principale è ottenere profitti rapidi e ritorni sani per gli azionisti, di prendere decisioni basate sulla benevolenza. Non sto suggerendo che le corporazioni a scopo di lucro non possano fare un lavoro caritatevole. Possono farlo e molti lo fanno, inclusa la Pfizer. Ma non è la loro ragion d'essere. Queste società esistono per fare soldi per i loro azionisti. Sarebbe irragionevole aspettarsi che qualsiasi azienda, compresi i produttori di farmaci, si distolga dalla propria missione basata sui profitti.


L'approccio del gruppo di venture capital della Pfizer offre un'alternativa che è promettente per la ricerca futura. Dovremmo avere le aziende biotech e i centri di ricerca accademici che fanno il lavoro difficile, dispendioso e costoso di sviluppo di nuovi farmaci. Ma dobbiamo anche fornire incentivi per questo lavoro attraverso crediti d'imposta e un più forte sostegno statale. Quest'ultimo richiede volontà politica che obbliga gli elettori interessati a ritenere i leader eletti responsabili del sostegno a misure finanziate con fondi pubblici e finanziati da privati, almeno tanto quanto i lobbisti farmaceutici ritengono i leader responsabili del sostegno agli interessi dell'industria farmaceutica.


Possiamo anche sfruttare l'incentivo al profitto per il bene, con il tipo di ingegneria finanziaria proposta da Andrew Lo, ex gestore di hedge fund. Concentrandosi sullo sviluppo di nuovi farmaci antitumorali, ha proposto la securitizzazione (cartolarizzazione) di brevetti e altre proprietà intellettuali legate alla ricerca che varie entità stanno facendo, indipendentemente dal fatto che siano pubbliche o private, grandi aziende farmaceutiche o piccole imprese biotecnologiche. La securitizzazione comporta il raggruppamento di risorse (ad esempio, brevetti di farmaci o altre proprietà intellettuali) e la vendita sul mercato agli investitori che desiderano assumersi questo rischio diversificato.


I megafondi che Lo immagina includeranno la proprietà intellettuale delle aziende che conducono esperimenti ad alto rischio sui farmaci e quelli coinvolti in quelli meno rischiosi. Gli investitori avrebbero maggiori possibilità di possedere un "vincitore" perché sarebbero legati a diverse sperimentazioni sui farmaci condotte simultaneamente da diverse società.


Ma serve di più.


I membri di una società giusta hanno la responsabilità di condividere le loro risorse per il bene comune; in questo caso, trovare cure e trattamenti per malattie gravi. Ciò avvantaggia non solo coloro che sono malati, ma anche la società più in generale.


Se non ci si aspetta che le imprese a fini di lucro siano caritatevoli, le persone dovrebbero essere disposte a contribuire con le loro risorse personali a tal fine. Ad esempio, un individuo potrebbe dare ai National Institutes of Health come dà alla Michael J. Fox Foundation per la ricerca sul Parkinson o al Fisher Center for Alzheimer's Research Foundation. Dovremmo anche spingere perché un parte maggiore delle nostre tasse vadano ai NIH. È tempo di mettere i nostri soldi dove servono e dare generosamente alle entità che lavorano per trovare nuovi trattamenti e cure, e alle fondazioni e ai leader politici che li aiutano a farcela.


Se un argomento morale non è persuasivo, forse lo saranno questi numeri: in tutto il mondo, 10 milioni di persone vivono con il Parkinson e oltre 44 milioni vivono con l'Alzheimer. Alcune previsioni dicono che entro 50 anni il numero di persone che vivono con l'Alzheimer sarà più che quadruplo. Nel 2017, l'Alzheimer è costato agli Stati Uniti più di $ 259 miliardi, e si prevede che saliranno a più di $ 1 trilione entro il 2050.


La necessità di sviluppare trattamenti migliori per le malattie neurologiche è terribile e si intensificherà. Abbiamo ancora motivo di sperare, ma abbiamo anche un sostegno finanziario personale da dare e lavoro politico da fare. Abbiamo bisogno di questi sforzi tanto quanto abbiamo bisogno dell'industria farmaceutica e della buona scienza.

 

 

 


Fonte: Allan Hugh Cole Jr. PhD, professore della Università del Texas di Austin.

Pubblicato su Stat (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.