Esperienze e opinioni

Quante ore di sonno sarebbero necessarie?

Quante ore di sonno sarebbero necessarie?Domanda: cosa sappiamo della relazione tra sonno e salute mentale?

Sigrid Veasey: ci sono molti diversi componenti. Allerta, attenzione, motivazione, percezione, compassione e comportamento razionale, sono tutti fattori influenzati in varie condizioni di salute mentale e tutti possono essere toccati dal sonno. Penso che quello che stiamo realizzando ora è che la perdita del sonno all'inizio della vita può avere cambiamenti duraturi sulla connettività neurale.

Questo potrebbe in definitiva essere un fattore importante nella schizofrenia, nella depressione, nella malattia bipolare o nello sviluppo dei disturbi d'ansia generali oltre alla genetica e ad altri fattori ambientali. È possibile che possano dipendere da uno di questi cambiamenti del sonno nella prima infanzia. È qualcosa a cui non avevamo mai pensato prima.

Quello che stiamo iniziando a capire è che il cervello risponde alle cose molto lentamente e da un insulto in tenera età, è possibile perdere gradualmente la connettività. Dal nostro lavoro con la privazione del sonno, sappiamo che l'amigdala è una di quelle aree che vengono ferite dalla perdita del sonno. L'amigdala è coinvolta intimamente nelle risposte di ansia, umore e memoria, e come agisci su qualcosa; ha un grande ruolo nella memoria e nell'umore.

 

D: si può funzionare con 3,5 ore di sonno per notte? Ci sono persone che sono più resistenti agli effetti della privazione del sonno, o la connessione tra il sonno e la salute del cervello si applica a tutti?

SV: Ci sono dati bellissimi che provengono dallo psicologo David Dinges dell'Università della Pennsylvania che esamina i disturbi neurocomportamentali in risposta alla deprivazione cronica del sonno. Il suo lavoro mostra che nella prima notte di privazione del sonno i soggetti diranno: "Oh, mi sento orribile. Questo è terribile". La seconda notte di privazione del sonno, diranno: "Sto un po' peggio, ma forse non di molto". La terza notte, diranno: "Non sono sicuro di notare una qualsiasi differenza, non mi sento diverso da ieri". Però si deteriorano nelle prestazioni ogni giorno, in parallelo con la durata della veglia prolungata.

In altre parole, diventi un vero giudice del tuo stesso stato. Ricordo che durante la mia formazione medica, quando lavoravo nel reparto di terapia intensiva, i colleghi mi dicevano: "Non ti preoccupare, le tue prime notti di guardia saranno terribili, ma ti abituerai". Ma non ci sono prove che ti ci abitui. Ti senti soggettivamente di esserti abituato, ma non ci sono assolutamente prove che ti ci abitui e nemmeno prove del contrario.

Quello che vorrei dire a uno che dorme 3,5 ore a notte è questo. Potresti essere una di quelle persone geneticamente fortunate che hanno bisogno solo di quel tanto di sonno. Questo è remotamente possibile. Ma è molto più probabile che questa sia diventata la tua nuova norma. Ci sono diabetici cronici che vanno in giro con un glucosio di 600. Sarei in coma con un glucosio di 600. Ma questi pazienti sono arrivati ​​là lentamente con il tempo e quindi non notano davvero la differenza. Si sentono bene. La stessa cosa con gli asmatici. Gli asmatici possono avere a malapena dei movimenti del flusso d'aria e pensano che sia normale. Il sonno è uguale. La deprivazione diventa la tua nuova norma cronica. Se dormi molto nei fine settimana, non dormi abbastanza durante la settimana.

 

D: Quindi quali sono alcuni dei malintesi più pericolosi sul sonno?

SV: Le persone che sono alla disperata ricerca di un buon sonno di qualità a volte prendono qualcosa. Forse qualcuno potrebbe prendere una combinazione di sonniferi, oppiacei e alcol perché sono alla disperata ricerca di una buona notte di sonno. Ma non esiste il sonno medicato che funziona come il sonno naturale ...

L'alcol è in realtà una delle cose che rovina il sonno delle persone più di ogni altra cosa. La prima cosa che dico sempre ai pazienti è di fare un semplice test: togli gradualmente qualsiasi alcool, giorno o notte e poi vedi la qualità del sonno. Devi alzarti con la stessa frequenza di notte per andare in bagno? Sei meno sveglio di notte? Finisci per sentirti più fresco di giorno? Queste sono solo cose a cui pensare. Non farà la differenza per ogni paziente, ma fa una grande differenza per molti, e lo stesso sarebbe vero per gli oppioidi, toglili poco a poco e poi rivaluta la qualità del sonno.

 

D: Quanto è importante andare a dormire alla stessa ora ogni notte?

SV: Ci sono due influenze principali che regolano il sonno nelle persone sane. Uno è il ritmo circadiano: il momento giusto per te per dormire. Una persona giovane potrebbe dormire meglio dalle 2 alle 10 del mattino. Per le persone anziane, potrebbe essere prima. Ma c'è un vero orologio circadiano che ha fissato il momento migliore per dormire. Allo stesso tempo, c'è un'influenza circadiana pro-veglia che inibisce il sonno. Ad esempio, sarebbe quasi impossibile per me dormire di giorno.

L'altra parte che fa una grande differenza è il fattore omeostatico. Più a lungo sei rimasto sveglio, maggiore è la spinta a dormire. Fare dei sonnellini nel pomeriggio, smussa questa spinta e diminuisci la profondità del sonno durante la notte. D'altra parte, se hai difficoltà ad addormentarti, approfitta dell'azionamento omeostatico e vai a letto più tardi e trascorri solo 7 ore nel letto.

Nessuno ha mai fatto uno studio che dice che la tua ora di andare a letto deve essere entro un'ora o due ogni notte. A volte senti consigli come: scegli l'ora di andare a letto, e quella è la tua ora di andare a letto per il resto della tua vita e pensi: dai, è davvero realistico?

Se pensi al sonno su questo ritmo circadiano, con la spinta omeostatica che aumenta su una pendenza graduale, non ci sarà una finestra dove devi andare a dormire entro un'ora ogni notte, o non funzionerà. Hai una certa flessibilità nel tempo su entrambi gli estremi della finestra di due ore per andare a letto, ma non hai una finestra di sei ore.

 

D: che dire della luce? Qual è l'impatto della luce sul sonno?

SV: Crediamo ci siano effetti acuti e cronici. L'effetto acuto è che la luce alle frequenze più basse può allertare direttamente e può anche spostare il tempo circadiano in diversi punti del ciclo di 24 ore. Durante parti del ciclo circadiano, eventuali ore di luce in più sopprimono la melatonina, così che i livelli complessivi di melatonina saranno inferiori. Quando hai meno melatonina, puoi avere meno capacità di combattere certi tumori e anche meno antiossidanti. C'è davvero una componente di salute nel dormire nell'oscurità, in quella legittima reale.

Il dott. Ulysses Magalang della Ohio State University ha scoperto che avere una luce notturna nella stanza aumenta realmente la resistenza all'insulina e il peso degli esseri umani, e fa la stessa cosa nei topi, trasformando i topi pre-diabetici in topi diabetici. Quella piccola luce può essere abbastanza per abbattere ritmi veramente importanti e influenzare profondamente la salute.

 

D: Dovremmo svegliarci ad una certa ora? Dormire fino a tardi è una buona o una cattiva idea?

SV: Poiché il sonno è controllato da fattori circadiani e omeostatici, non devi assolutamente dormire troppo. Puoi sentirti un po' ubriaco se dormi fino a tardi nei fine settimana, come se avessi problemi di sbornia, ma il tuo corpo ha bisogno di quel sonno. Quella sensazione di stanchezza dopo aver dormito a lungo significa che sei entrato nel sonno profondo e sei ancora in una fase di inerzia del sonno in cui non sei completamente uscito da quel sonno. Se puoi, dovresti dormire fino a tardi. Ma non farne un'abitudine; dormire fino a tardi significa solo che non dormi abbastanza durante la settimana.

La nostra ricerca nel mio laboratorio della Penn infrange davvero il mito secondo cui si può semplicemente ridurre il tempo di sonno durante la settimana e poi recuperare nel weekend. Il nostro lavoro su un topo modello mostra che, perdendo sonno, i topi hanno lesioni neurali durature e perdita di neuroni in specifici gruppi di neuroni. Dobbiamo iniziare a pensare al sonno in modo diverso. I neuroni persi includono i neuroni del locus coeruleus, che quando è ferito nei modelli animali può esacerbare la patologia di Alzheimer. Pertanto, è possibile che dormire poco all'inizio della vita possa accelerare l'insorgenza dell'Alzheimer.

Il nostro obiettivo principale è capire i meccanismi molecolari per proteggere i neuroni. Dobbiamo scoprire come fornire la migliore protezione al cervello per la veglia prolungata. E penso che ci saranno altri interventi intorno al picco in cui le persone capiscono che devono lasciare tempo per un pisolino.

 

D: dovremmo tutti fare un pisolino?

SV: Non è chiaro. Se fai un pisolino, riduci la tua spinta omeostatica e così il tuo sonno notturno sarà peggiore. Questo è sempre un azzardo. Devi solo capire cosa funziona meglio per te. Ma se lavori a turni doppi e hai un lungo tragitto, probabilmente fai meglio a fare un riposino di due ore in qualche momento.

Il vero stress sul cervello, che prevede prestazioni scadenti, è la quantità di tempo trascorso sveglio. Ciò ha senso. Con questi neuroni attivati ​​dalla veglia, se devono essere costantemente attivi e iniziano a sviluppare lo stress ossidativo e le proteine ​​si piegano male, significa che essere svegli per molto tempo è probabilmente una brutta cosa. Ma non sappiamo quanto devono essere lunghi i sonnellini. Basta un pisolino di due ore per permettere ai neuroni di correggersi e resettarsi? Non lo sappiamo ancora.

 

 

 


Fonte: Intervista a Sigrid Veasey MD, prof.ssa di medicina alla University of Pennsylvania, e del Centro del Sonno e della Neurobiologia Circadiana, dove conduce ricerche sui disordini del sonno e sulle interruzioni del sonno.

Pubblicato in Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...