Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Solo 1 su 5 non avrà problemi mentali nella vita. Come ci riesce?

https://aeon.co/essays/why-do-the-temperamentally-blessed-sail-through-lifes-storms

Non riesco a ricordare un momento in cui non sapevo di essere vulnerabile. Fin dall'infanzia, ho sentito acutamente lo stress come una puntura di ago, la tensione familiare nella mia cassa toracica, il tremito nella parte superiore delle mie braccia. Nel tentativo di offuscare il dolore, mi ossessionavo senza sosta per l'oggetto delle mie preoccupazioni, che si trattasse di un ragazzo che mi aveva rifiutato o degli strani lividi che mi erano apparsi sulle gambe durante la notte.


Da adulta, ho imparato che il ruminare (indugiare sui problemi come una mucca che mastica) era legato alla depressione e all'ansia che ho sofferto in periodi ripetuti. Ma sapere questo non era abbastanza per fermare la mia ossessione. Qualcosa in me credeva che fosse la strada attraverso la dura prova e fermarsi sembrava la rinuncia a ogni controllo.


Tuttavia, ho sempre saputo che non tutti rispondono allo stress come faccio io. Vedo le prove ogni giorno a casa mia. Mio marito, il discendente di scandinavi rilassati, sembra in gran parte impermeabile agli stress e alle disgrazie. Quando succede qualcosa di brutto, può ritirarsi in se stesso per un po', ma tende a riprendersi entro poche ore o, al massimo, giorni. Lo considero un carro robusto, che continua a rotolare, a prescindere dalle condizioni della strada.


Poi c'è l'autrice Kelly Hayes-Raitt, che ha affrontato varie tribolazioni nel corso degli anni. Dopo l'11 settembre, il suo business di consulenza è andato a fondo, lasciandole $ 90.000 di debiti. In seguito, ha corso per un incarico politico a Santa Monica, in California, e ha perso dopo aver sopportato diversi tentativi per distruggerle la reputazione. Ma attraverso tutto questo, lei dice, non si è mai sentita particolarmente ansiosa, depressa o altrimenti disonorata, e non ha mai ricevuto alcun tipo di diagnosi psichiatrica.


Considero con stupore tali persone caratterialmente fortunate, e sono più che curiosa di capire la fonte della loro resistenza. Perché, dopo quello che gli psicologi chiamano un 'evento avverso', ho una voglia quasi irresistibile di crogiolarmi e rinchiudermi in me stessa, mentre i caratterialmente fortunati usano i loro stabilizzatori emotivi e navigano tranquillamente? Sono geni, è l'educazione o qualcosa di meno facile da definire? E dovremmo cercare di seguire il loro esempio, oppure alti e bassi emotivi sono una parte naturale e integrale di una vita ben vissuta? E' anche mentalmente sano stare così in equilibrio quando cala il caos?


Jonathan Schaefer, uno studente laureato in psicologia, è tra i ricercatori che hanno iniziato a rispondere a tali domande. Poco prima che Schaefer arrivasse alla Duke University in North Carolina, il suo consulente, la psicologa Terrie Moffitt, aveva pubblicato una ricerca in cui si mostrava che, quando le persone venivano valutate regolarmente per i problemi di salute mentale, la loro incidenza di malattie mentali comuni era molto più alta delle stime precedenti. All'età di 32 anni, più del 40% dei partecipanti allo studio aveva avuto almeno un episodio di depressione, mentre quasi il 50% aveva sofferto di ansia. Schaefer ricorda di aver assimilato la ricerca e di averla trovata intrigante. "OK, quindi se questa proporzione della popolazione sta vivendo disordini diversi, chi rimane?", pensò tra sé. "Chi è che sta attraversando la prima metà della vita senza una diagnosi?"


Per scoprire che cosa rendesse distinte queste persone senza diagnosi, Schaefer si è rivolto agli stessi soggetti che aveva studiato la Moffitt: la coorte Dunedin, un gruppo di 1.037 persone nate tutte nella stessa città in Nuova Zelanda tra aprile 1972 e marzo 1973. Ogni pochi anni dalla loro nascita, i membri della coorte tornano a Dunedin per sottoporsi a batterie di test medici e interviste. Gli esaminatori valutano, tra le altre cose, la loro salute riproduttiva, la loro attitudine sociale e il loro attuale stato mentale. Ad oggi, lo studio ha mantenuto circa il 95 per cento dei suoi soggetti originali e, se tutto va come previsto, si sottoporranno a test periodici per il resto della loro vita.


Mentre Schaefer scavava in profondità nei file di Dunedin, una cosa che gli era saltata all'occhio era che la stragrande maggioranza dei membri della coorte ha rispettato i criteri per una malattia mentale ad un certo punto della vita. Negli anni turbolenti che hanno preceduto la mezza età, l'83% aveva sofferto di disturbi mentali di breve o lunga durata. "L'esperienza di queste condizioni è in realtà la norma", afferma Schaefer. "È strano non averle".


Scoprendo che la malattia mentale era molto più la regola che l'eccezione, Schaefer era ansioso di capire chi fosse il rimanente 17% della popolazione - qual era l'approccio alla vita che ne preservava la salute mentale? In un primo momento, ha presunto che le persone che erano nate da genitori benestanti o che avevano mantenuto una buona salute fisica sarebbero finite nel gruppo dei caratterialmente fortunati, poiché la povertà e la cattiva salute sono chiari precursori del disturbo mentale.


Questo non è stato il caso, però. Senza sorpresa, i caratterialmente fortunati dello studio di Schaefer tendevano ad essere persone i cui parenti di primo grado non avevano mai avuto la diagnosi di una malattia mentale, suggerendo che il loro ottimismo continuo fosse, almeno in parte, genetico. Ma le persone che godevano di una salute mentale duratura non erano insolitamente ricchi, fisicamente sani o intelligenti. "Ci aspettavamo che provenissero da famiglie benestanti, quindi protetti dallo stress dal denaro e dalle risorse finanziarie, ma non lo erano", dice la Moffitt, che è stata coautrice del recente lavoro di Schaefer. "E ci aspettavamo che sarebbero stati bambini con un quoziente intellettivo molto alto, quindi sarebbero stati protetti essendo estremamente intelligenti e in grado di pensare ai loro problemi, ma non lo erano".


La salute mentale duratura, a quanto pare, non riguarda tanto il vantaggio di superficie quanto il modo in cui giochi la mano che hai. Secondo la visione della Moffitt, i membri caratterialmente fortunati della comunità di Dunedin, "abbracciano la vita, si attivano e vengono coinvolti, ma quando accadono cose brutte non reagiscono in modo eccessivo. Rimangono davvero calmi e continuano ad esserlo", dice. Gestiscono lo stress, a quanto pare, non concentrandosi intensamente sui loro problemi e si circondano di altri che li supportano. "A loro piace stare con le persone e cercano di costruire una rete sociale. Come persone care, sono ferme e affidabili, non permalose o sensibili. Spesso non litigano. Sono abbastanza tolleranti verso le altre persone nella loro vita".


Poiché lo studio Dunedin ha tracciato i soggetti dalla nascita in poi, sappiamo che questi tratti distintivi della personalità si manifestano spesso negli anni delle scuole elementari, afferma Schaefer. I bambini che hanno più amici in tenera età hanno meno probabilità di sperimentare un episodio di malattia mentale da adulti. "Questo è un processo, un modo di essere, che emerge abbastanza presto".


Se la genetica gioca un ruolo chiave nel temperamento, e se molti dei tratti che rafforzano il temperamento sono fatti all'inizio, ha ancora senso cercare di promuovere un ambiente che promuova la stabilità del temperamento? La Moffitt dice di sì - e che un possibile approccio sarebbe ricreare l'ambiente sociale ed emotivo dove i caratterialmente fortunati sembrano abitare. "Penso che potremmo copiare lo stile di vita delle persone con una salute mentale duratura per vedere come vivere bene".


Quasi invariabilmente, queste persone vantano una fitta rete di legami comunitari, sottolineando il ruolo delle reti di supporto nel mitigare gli eventi stressanti della vita come la perdita del lavoro o il divorzio. (Certo, queste reti potrebbero aiutare alcuni più di altri, sebbene io e mio marito condividiamo la maggior parte degli stessi contatti sociali, le nostre risposte allo stress rimangono distinte.) Allo stesso modo, un atteggiamento di tipo vivi-e-lascia-vivere probabilmente si può insegnare, almeno in una certa misura.


La «terapia comportamentale dialettica» (DBT) - progettata per insegnare la regolazione emotiva - è orientata ad aumentare la tolleranza e l'accettazione degli altri. Gli studi dimostrano che questa terapia migliora il funzionamento nel mondo reale, avvicinando alla categoria dei caratterialmente fortunati, anche se non sempre si può raggiungere.


Un giorno gli scienziati potrebbero emulare anche la biologia di quelli che sono caratterialmente fortunati. Se gli studi di risonanza magnetica funzionale mostrano che hanno schemi specifici di attivazione cerebrale e se il sequenziamento del DNA rivela tratti distinti di codice genetico, questi tratti potrebbero fornire chiare indicazioni per i produttori di farmaci. Il noto antidepressivo Prozac, considerato inizialmente un trattamento potenziale della pressione alta, è stato un passo parzialmente accidentale in questa direzione. Ha dimostrato di lasciare più serotonina a fluttuare nelle sinapsi tra i neuroni, alimentando il tipo di benefici dell'umore che sono spesso il marchio di nascita dei caratterialmente fortunati. Immagina cosa potrebbe rivelarsi una ricerca più deliberata, quella che si rivolge a specifici percorsi neurali sin dall'inizio.


Ma il puro trionfo, che sembra a prima vista, è completa libertà dal disordine mentale? A dire il vero, gravi disturbi mentali come la schizofrenia e la psicosi hanno pochissimo valore adattativo. Ma certe condizioni più comuni, in particolare la depressione e l'ansia, a volte producono un cupo senso evolutivo: stanno gridando avvertimenti al neon che ci sono problemi urgenti nella tua vita che devi affrontare.


E i pensieri depressivi o ansiosi guidano la soluzione efficace dei problemi in varie situazioni, secondo lo psicologo Paul Andrews, ora alla McMaster University in Ontario. Poiché lo stile di pensiero delle persone depresse è altamente analitico (in altre parole, ossessivo), esse valutano incisivamente i pro e i contro delle potenziali soluzioni. "La depressione sembra meno un disturbo in cui il cervello funziona in modo casuale, o malfunzionante", scrivono Andrews e il suo collega, J Anderson Thomson Jr, in un articolo del 2009 per Scientific American. "Invece, la depressione sembra più l'occhio dei vertebrati - un macchinario complesso e altamente organizzato che svolge una funzione specifica".


Da quel punto di vista, la divorziata 50enne che resiste alla rovina finanziaria con un sorriso sembra quella stravagante, non la controparte disperata. Mentre la vulnerabilità genetica delle persone ai disturbi mentali è diversa, molti di noi hanno un rischio più alto quando la vita si dirige verso sud, in un modo o nell'altro. I caratterialmente fortunati sembrano insolitamente immuni alle circostanze; o non sentono acutamente la sconfitta, o hanno trovato modi affidabili per smussarla. Sembrano forti per gli altri perché non reagiscono intensamente alle calamità. Ma vale la pena chiedersi se quella stessa mancanza di reazione intensa possa tradire una debolezza psicologica nascosta - una tendenza a fermarsi quando è richiesto un movimento drammatico.


In effetti, il campo in rapida crescita della ricerca sulla crescita post-traumatica suggerisce che le persone traggono profondi benefici quando rischiano un movimento drammatico di fronte all'angoscia mentale. "Penso che tu lo capisca", dice Schaefer. "Affrontare un problema particolare, e poi averlo navigato con successo - può essere una grande cosa". In uno studio eseguito all'Università dell'Aquila in Italia, i sopravvissuti al terremoto che hanno sofferto di depressione moderata sulla scia della catastrofe hanno riferito una significativa fioritura post-traumatica. Hanno forgiato relazioni più forti con gli altri, acquisito più fede nella loro forza personale e raggiunto un senso più chiaro della missione della loro vita.


La mia esperienza riecheggia queste scoperte. Dopo essere uscita dal primo episodio di depressione, ho capito molto meglio ciò che altre persone depresse stavano vivendo. Da allora, è stato naturale dolermi con loro e condividere la mia esperienza, connettendomi con loro a un livello più profondo di prima. Sono convinta che senza la scoperta che la mia stessa sofferenza ha attivato la mia empatia e il mio desiderio di aiutare, non avrei mai scritto il libro «What Makes a Hero?» (2013) sulla scienza dell'altruismo.


In una società in cui il disturbo mentale è infinitamente patologizzato, è facile concludere che l'apice della salute mentale è l'assenza di malattia. Questa idea ci porta a trattare come celebrità coloro che evitano l'etichetta 'malattia'. Ma una concezione più ampia e più junghiana della salute mentale (che racchiude l'intero processo di significato-creazione umana) include battute d'arresto emotive, anche profonde, considerate inviti a impegnarsi nel progetto in corso di distruzione e ricostruzione del sé.


Se i caratterialmente fortunati non stanno vivendo il livello di turbamento emotivo e di lotta che è naturale nei momenti difficili, significa che c'è qualcosa di fondamentale che stanno perdendo, una sorta di temperamento esistenziale? Questa è una domanda aperta, sia dal punto di vista scientifico che filosofico. Ciò che sembra chiaro, tuttavia, è che essere caratterialmente fortunati non è la stessa cosa di essere felici in un senso più profondo. Per quanto possano essere puri, i caratterialmente fortunati non ottengono punteggi molto più alti sulle scale di soddisfazione della vita di quelli che non sono altrettanto fortunati. "Nella vita c'è molto di più che non provare disturbi mentali", dice Schaefer. "Ci sono alcune persone nel gruppo di salute mentale stabile che valutano la loro soddisfazione di vita come piuttosto bassa".


Sappiamo anche che non è necessario superare il punto di essere caratterialmente fortunati per raggiungere la piena soddisfazione. Prosperare (sperimentare emozioni positive, entusiasmo generale nella vita e un senso di scopo, lo stato che Aristotele chiamava eudaimonia) "è completamente separato", dice Schaefer, e "non molto altamente correlato con i sintomi di un disturbo mentale". In altre parole, puoi soffrire di malattie mentali, anche ripetutamente, e mantenere comunque la sensazione che la vita sia significativa; come diceva Walt Whitman: "La recita potente continua e tu puoi contribuire con un versetto".


Tuttavia, non si può negare il tributo che la piena malattia mentale prende al corpo, alla mente e alla capacità di lavorare verso obiettivi che promuovono la prosperità. So in prima persona che non tutta la patologia è produttiva. E mentre sono grata di aver ampliato la mia capacità di intimità e di empatia, non voglio continuare a flagellarmi con lezioni che ho già imparato.


Desidero, ora, entrare in uno stato di relativo mantenimento emotivo, ed è qui che l'esempio del gruppo dei caratterialmente fortunati può essere una forza per il bene. Sembrano avere un talento per anticipare ed evitare le tempeste interiori più immobilizzanti - un approccio che vale la pena provare. Dopo che le aspirazioni politiche della Hayes-Raitt sono fallite, ha deciso di recarsi in Medio Oriente per aiutare i rifugiati lì. "Ho lavorato con persone le cui perdite superano di gran lunga le mie, per aiutarmi a mettere la mia perdita in prospettiva", dice. Così facendo, ha mantenuto il suo senso di azione e ha dato un contributo significativo, raggiungendo proprio lo stesso traguardo che molte persone raggiungono dopo la depressione.


Così, mentre il caratterialmente fortunato potrebbe non avere lo stesso accesso alla trasformazione che sorge attraverso il trauma emotivo, può comunque impegnarsi completamente nel progetto di costruire il sé per renderlo integro. Potrebbe semplicemente essere disposto ad adottare un nuovo approccio alla vita senza la motivazione limite di sapere che il vecchio approccio è intollerabile.


Quest'anno, i soggetti dello studio di Dunedin finiranno per compiere 45 anni. Ciò significa che la Moffitt, Schaefer e i loro colleghi sono nel bel mezzo di raccogliere un altro giro di dati e di controllare i membri caratterialmente fortunati della coorte. Per la prima volta, Schaefer progetta di eseguire scansioni cerebrali di risonanza magnetica funzionale di tutti i membri del gruppo di 'salute mentale stabile' per rilevare l'attività neurale che potrebbe distinguerli dai coetanei. Schaefer è anche desideroso di vedere se il numero di persone che si qualificano per il gruppo è stabile o continua a scendere. "Il mio forte sospetto è che la percentuale di persone continuerà a ridursi. Sarà interessante vedere se qualcuno rimane fino alla fine".


Se siamo tentati di pensare che ci sia qualcosa di sicuro o inattaccabile nell'essere caratterialmente fortunati, il modo in cui i ranghi del gruppo continuano a assottigliarsi con l'età dissipa quella nozione. La ricerca di Schaefer rivela che i disturbi mentali sono estremamente comuni e spesso transitori, una scoperta che spera ridurrà lo stigma che circonda la malattia mentale. Per me, però, quello che grida più forte quel risultato è che siamo ben attrezzati per romperci e ripararci, sia mentalmente che fisicamente.


Il ciclo del viaggio dell'eroe, quel potente monomito che trascende il tempo e la cultura, presenta un protagonista che resiste alle avversità profonde, emerge più forte dalla lotta e attinge a quella determinazione risoluta nel superare ulteriori sfide. Essere caratterialmente fortunati, al contrario, è una dotazione per la quale il portatore non può prendersi tutto il merito. Se navighi sulle stesse onde che fanno cadere gli altri, con tutti i mezzi, celebri la tua fortuna. Ma non è una garanzia che la gara sarà tua.

 

 

 


Fonte: Elizabeth Svoboda, scrive su argomenti tratti da lezioni di biologia creazionista nelle scuole delle Galapagos e sulle connessioni tra sofferenza e altruismo. Vive a San José, in California, ed è l'autrice di «What Makes a Hero?» (2013).

Pubblicato su AEON (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...