Iscriviti alla newsletter

Confessioni di una cioccolato-dipendente allo stato terminale

Chocolate can be good for you in small doses, chock full as it is of antioxidants that fight off cancer, heart disease, cholesterol, arthritis and Alzheimer's.Cioccolato può essere un bene per voi a piccole dosi, pieno zeppo com'è di antiossidanti che combattono il cancro, malattie cardiache, del colesterolo, l'artrite e il morbo di Alzheimer.

Foto di Schneider Jenelle

E' successo, non è una bugia, la mattina del mio 50° compleanno. Mi sono svegliata, ho oziato un po', ho visto sorgere il sole assieme alle notizie del mattino (sì, c'è una televisione in camera da letto e se tenti di portarla via avrai abbastanza buchi nel tuo corpo da veder colare brodo di pollo) e poi mi sono alzata, diritta in piedi, con una voglia davvero insolita fino al dolore, una sensazione tipo devo-averlo-subito-o-morirò-qui-di-sicuro.

Cioccolato. Lo volevo, ne avevo bisogno, lo desideravo. Improvvisamente, intensamente, in modo inequivocabile.

Più tardi nella giornata, mentre avevo a che fare con una barra di cioccolato al latte Hershey con mandorle intere, c'è stata una qualche seria introspezione su questo turbinio di eventi gastronomici personali. Perché, in tutti questi anni di risvegli all'alba, non mi era venuta mai una voglia del genere? Le papille gustative avevano finora telegrafato la loro preferenza per un eclettico mix di carne e birra, caffè e tè, e l'inalazione casuale di qualcosa di veg e/o somigliante alla frutta, come richiesto dalle intimazioni nutrizionali.

In realtà, non ho mai avuto un gran debole per i dolci, e non ho mai capito per cosa avveniva tutto questo trambusto, o perché (la gran parte) delle donne attorno a me trattavano il cioccolato con tale riverenza, tubando oltre il suo fascino ed esaltando la sua presa sui loro affetti, ricordando ai non credenti che gli Aztechi bevevano il cioccolato per approfittare delle sue leggendarie caratteristiche di afrodisiaco, come se questa fosse la prova decisiva. Beh, c'era la torta di tanto in tanto nel corso dei decenni, la corsa occasionale ai dolci, come la torta al cioccolato riempita di cocco fatta quotidianamente del marito durante una gravidanza, ma in caso contrario, cioccolato e dolci in generale sono stati per lo più un proposito del tipo prendere-o-lasciare.

E poi venne l'alba dell'età nefasta e, come una sorta di forza fisiologica pre-destinata, una sorta di spostamento chimico interno, è entrata prepotentemente la dipendenza dal cioccolato con la sua smania di zucchero abbinato. Il cioccolato, tutto liscio e nirvanico, contiene caffeina? Non mi interessa. E' fatto con troppo zucchero? Beh, sì. Mangiare cioccolatini Purdy mi farà un sedere come quello di Kim Kardashian, solo trenta centimetri più basso? Non mi interessa, come sopra.

Perché il cioccolato, lo scoprirai con una ricerca per giustificarti, non è solo il cibo degli dei, ma può realmente essere benefico a piccole dosi, pieno zeppo com'è di antiossidanti che combattono il cancro, le malattie cardiache, il colesterolo, l'artrite e il morbo di Alzheimer, anche meglio del melograno del tè verde e dei mirtilli. Deve essere cioccolato di qualità, ovviamente, più scuro è meglio è, il tipo di cioccolato che è fatto con i semi di cacao più puri, non adulterato e con pochi grassi del burro di cacao, poca lecitina e zucchero, non rovinato da additivi che producono cioccolato ceroso che sa di vassoi di plastica per cubetti di ghiaccio.

Oggi, sul tavolo della cucina, in una scatola di cartone da favola, c'è una ciambella al cioccolato di cocco di Tim Hortons. Una sola. E' a disposizione per la correzione quotidiana di cioccolato dopo cena, un rituale che è ora necessario come la pulitura dei denti. A volte ci sono i marroncini piccoli e, se all'orizzonte c'è Natale o Pasqua o San Valentino, ci saranno le mini uova di cioccolato, o il tartufo Callebaut o, si, grazie, le caramelle salatine Rogers. Nelle occasioni speciali (o una volta alla settimana, quello che viene prima) ci potrebbe essere una piccola torta di cioccolato ripiena e spolverata con zucchero a velo per finire la giornata.

Come tutte le dipendenze gestibili, un cioccolato "jones" esige autocontrollo, alte competenze matematiche e non un po' di disciplina, perchè amare il cioccolato è imparare come inserirlo nel conteggio calorico giornaliero, necessario per mantenere il girovita, le caviglie e i polsi da ragazza, essendo questi i soli pezzetti di pelle che non sono ancora vittime della gravità.

Oggi, a otto anni dal momento della rivelazione mattutina del cioccolato, non c'è senso di colpa per lo zucchero, solo la corsa che viene con la compagnia calmante di un nuovo amico. Ci sono rimpianti, però. Come il non sapere per tutto questo tempo che il cioccolato è un vegetale. O come lo spreco di 50 anni di opportunità di mangiare un buonissimo cioccolato.

 


Pubblicato su Vancouver Sun il 19 marzo 2011 Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.