Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Caffé Alzheimer: ambiente terapeutico e percorsi non farmacologici di cura

Caffé Alzheimer PedemontanoL’incontro di febbraio del Caffè Alzheimer Pedemontano è stato dedicato al tema dell’ambiente terapeutico e dei percorsi non farmacologici di cura.


Il relatore dell’incontro è stato il dr. Ivo Cilesi, psicopedagogista esperto nel campo delle terapie non farmacologiche applicate alla demenza, che lavora da molti anni in Lombardia collaborando con molteplici centri specializzati nella cura dell’Alzheimer sia in Italia, in particolare a Bergamo, in Val Seriana e a Milano che all’estero, nello specifico a Goteborg in Svezia. Oltre a ciò, opera in ambito accademico sia in università italiane che straniere.


Il dr. Cilesi è sempre stato molto stimolato da strategie di cura “non convenzionali”, quali musicoterapia, terapia della bambola, arteterapia, treno virtuale e tante altre; ha ottenuto, infatti, importanti e significativi riconoscimenti di validità ed efficacia dal mondo accademico e scientifico. Nella sua professione di psicopedagogista e terapeuta applica l’idea che per qualunque processo di cura è importante avere un’idea terapeutica condivisa e condivisibile con l’èquipe con cui si lavora.


Il punto di partenza dell’incontro è stato quello di sottolineare che, nell’epoca contemporanea, la maggior parte delle persone malate sono affette da patologie per lo più croniche e irreversibili e questo dovrebbe far capire al medico come il suo ruolo non debba essere quello di guarire, ma quello di curare la persona accompagnandola e facendo sì che prenda coscienza della propria patologia.


Avere l’abilità di costruire attorno alla persona malata un ambiente idoneo, fa sì che si favorisca una migliore relazione basata sulla fiducia e sul rispetto di entrambe le parti. Empatia, atteggiamento non giudicante, apertura all’altro, accettazione incondizionata, ascolto attivo sono solo alcune delle condizioni necessarie e sufficienti per creare un setting adeguato in termini di qualità̀ di vita del medico, degli operatori, dei familiari ma soprattutto del paziente.


La scarsa risposta che hanno dimostrato avere i farmaci nelle demenze, ha fatto sì che i ricercatori si orientassero maggiormente a trovare delle terapie alternative che agissero sulla sfera cognitiva, emozionale, relazionale e comportamentale dei pazienti con demenza lieve o moderata, la cui limitazione della sfera sensoriale non fosse totalmente compromessa. Questi interventi non sono volti al recupero o al ripristino di abilità ormai deteriorate, ma alla ricerca e alla costruzione di un nuovo equilibrio che migliori la qualità della vita della persona malata e di chi se ne prende cura.


Le terapie non farmacologiche perseguono i seguenti obiettivi:

  • potenziare le abilità cognitive della persona attivando e stimolando, tramite specifici esercizi, la memoria, l’attenzione, la concentrazione e il linguaggio;
  • mantenere e migliorare le capacità residue in modo da conservare il più a lungo possibile l’autonomia dell’individuo con demenza (incentivare dunque la persona a collaborare nel vestirsi, nel lavarsi, nell’alimentarsi, nel muoversi...);
  • diminuire lo stress e i disturbi correlati all’umore;
  • ristabilire e produrre degli atteggiamenti positivi da parte del caregiver;
  • incidere adeguatamente in modo da attenuare e contenere atteggiamenti disturbanti e inadeguati che spesso la persona con demenza manifesta nel corso della sua malattia.

Gli interventi non farmacologici di cui ha parlato il dr. Cilesi nel proseguo del suo intervento sono stati i seguenti: la rimodulazione dell’ambiente, la musicoterapia, la terapia della bambola e la terapia del viaggio (il treno terapeutico). Di seguito la sintesi di ciò che è importante e utile sapere rispetto ad ognuna delle suddette strategie non farmacologiche di cura.

 

Rimodulazione dell’ambiente

Un “ambiente dedicato”, ossia uno spazio di vita costruito o riadattato tenendo conto dei bisogni e delle difficoltà della persona malata di demenza, può condizionare fortemente la qualità della cura ossia essere terapeuticamente efficace nel contenere i disturbi comportamentali e nel favorire il benessere di chi abita quello spazio.

L’ambiente di vita ottimale per un malato di demenza dovrebbe prevedere un’alternanza di spazi “pieni”, in cui potersi affaccendare con oggetti e svolgere delle attività, e spazi “vuoti” in cui potersi rilassare e fermare anche per una breve pausa; l’alternanza tra il “vuoto” e il “pieno”, dunque tra la “pausa” e il “movimento/attività” è parte integrante delle relazioni sociali e personali di tutte le persone, dunque avere il pensiero che ciò sia importante anche per i malati migliora la qualità della cura che possiamo offrire e soprattutto la qualità della loro quotidianità. Dunque “stimolare” è tanto terapeutico quanto concedere “momenti di pausa” nell’arco della giornata.

Un ulteriore aspetto ambientale da considerare è l’occultamento di porte di uscita attraverso l’utilizzo di pellicole (applicabili non solo in un contesto istituzionale ma anche domiciliare) che riproducono elementi naturali (ad esempio piante da interno) o spazi arredati (ad esempio una libreria) utili al fine di mascherare adeguatamente le vie di uscita dal reparto o dall’abitazione prevenendo i tentativi di fuga causati dal profondo senso di disorientamento che caratterizza la malattia. In alternativa alle pellicole è possibile effettuare dei mascheramenti dipingendo direttamente sulla superficie che si intende nascondere oppure ricorrere a delle tende rigide in cui si si possa riprodurre ad esempio un quadro; in ogni caso, l’unica accortezza da avere è quella di non riprodurre scene/immagini che invitino le persone ad “uscire” (ad esempio campi, giardini fioriti, spiagge etc…), ma a “rimanere dentro” (ad esempio quadri, libreria, cucina etc…).

Infine, soprattutto in un contesto istituzionale, l’ambiente dovrebbe essere quanto più simile a quello domestico e quindi dovrebbe prevedere la presenza di arredi e suppellettili che ricordino alla persona la sensazione di sentirsi a casa; tenendo conto di ciò, è importante strutturare uno spazio di vita in cui siano presenti ad esempio mobili antichi, poltrone e divani, tavolini ricoperti da tovaglie ricamate, stoviglie in porcellana con cui poter sorseggiare il tè al pomeriggio etc… Ovviamente, sia a casa che in struttura, l’organizzazione dell’ambiente va calibrata sulla base delle caratteristiche e della fase di malattia della/e persona/e che vi risiede.

 

Musicoterapia

La musica può essere considerata una vera e propria terapia dal momento che è stato dimostrato come il suo ascolto possa favorire l’attivazione di ricordi e memorie, di dinamiche dialogiche e conversazionali, il mantenimento (recupero) delle capacità attentive, il miglioramento dell’attivazione corporea e vocale nonché la diminuzione dell’isolamento sociale.

Uno dei suoi utilizzi, ad esempio, può essere quello di favorire l’inizio e la conclusione della giornata: l’ascolto di una serie di “musiche del risveglio” dolcemente attivanti per circa 45 minuti al mattino (ad esempio, “Emep of the world” di Path Methenj) e una serie di “musiche dell’addormentamento” dolcemente rilassanti per 45 minuti la sera (ad esempio, “Satie” di Gymptedie).

La musicoterapia può essere usata anche in ascolto condiviso (tramite cuffie direzionali all’interno degli spazi comuni) e individuale (tramite cuffie direzionali o musica/suoni ambientali).

 

Terapia della bambola

La bambola terapeutica nasce in Svezia alla fine degli anni 90’. Britt Marie Egedius Jakobsson, psicoterapeuta, è la sua ideatrice. Ella la pensa e la realizza per il suo bambino autistico. Da allora e sempre più, in Europa, le bambole Joyk, create per stimolare l’empatia e le emozioni dei bambini e degli adulti, diventano in ambiti di cura e terapia oggetto simbolico nella relazione di aiuto.

A fianco delle altre terapie non farmacologiche, la terapia della bambola viene somministrata con lo scopo di contenere alcuni disturbi del comportamento quali l’agitazione, il wandering, l’apatia, i disturbi del sonno, l’irritabilità e la depressione nelle persone affette da demenza.

Nel caso di un moderato/grave deterioramento cognitivo viene persa la capacità di distinguere un evento reale da uno immaginario, il vero dal falso; la bambola diviene così un oggetto simbolico in grado di evocare antiche emozioni relative al maternage, all’attaccamento (inteso come “tendenza a ricercare la vicinanza a qualcosa di caro, la cui presenza fa sentire più sicuri”), al bisogno di dare e di ricevere amore. La bambola è uno strumento che favorisce l’attivazione di memorie arcaiche, evoca dinamiche relazionali proprie dell’infanzia e diventa un contenitore di vissuti materni e paterni.

Il ruolo che l’oggetto bambola può occupare all’interno della relazione affettiva con la persona con demenza rientra in tre principali tipologie:

  1. la persona riconosce la bambola solo come oggetto inanimato, lo manipola inizialmente per poi dimenticarlo poiché non lo considera come elemento relazionale;
  2. la persona accudisce l’oggetto bambola riconoscendolo come un bambino a tutti gli effetti, prendendosene cura più o meno intensamente nei vari momenti della giornata;
  3. la persona può alternare momenti di forte accudimento nei confronti dell’oggetto bambola e momenti di disattenzione, indifferenza e rifiuto.

La bambola utilizzata in terapia non è una bambola comune bensì possiede delle caratteristiche particolari appositamente studiate per favorire il contatto relazionale, rendendola appunto una bambola terapeutica. La posizione allargata delle gambe, la lateralità dello sguardo, i tratti somatici, le dimensioni, il collo mobile, il peso ed il materiale impiegato per la sua costruzione sono caratteristiche che favoriscono l’approccio e la cura da parte della persona malata verso l’oggetto bambola.

Gli obiettivi dell’utilizzo della bambola terapeutica sono:

  • contenimento e riduzione dei disturbi del comportamento;
  • aumento dell’espressività relazionale ed emozionale;
  • incremento e mantenimento delle capacità attentive e di memoria procedurale (attraverso, ad esempio, vestizione e svestizione della bambola);
  • induzione al rilassamento;
  • riduzione del carico farmacologico.

 

Terapia del viaggio

La Terapia del Treno aiuta le persone che soffrono di demenza e Alzheimer a diminuire i disturbi del comportamento come ansia, agitazione e affaccendamento. Questo metodo offre loro la possibilità di avere delle intuizioni, non dei ricordi analitici, ma dei ricordi di atmosfere, di situazioni, spesso positive come quelle dell’infanzia o di periodi prima della malattia, è un modo per ridare senso alla vita.

Per la riuscita di questa terapia è stato riprodotto uno scompartimento di un treno. Prima di entrare nel vagone, i pazienti possono soggiornare in una sala d’aspetto esterna curata nei minimi dettagli e con accorgimenti iconografici realistici. All’interno del vagone, gli anziani affetti da Alzheimer possono riassaporare ricordi ed emozioni perdute, ritrovando pace e serenità mentre osservano il paesaggio e le stazioni intermedie che scorrono sotto il loro sguardo attraverso uno schermo che imita un finestrino. Questo spazio diventa un contenitore di momenti relazionali e affettivi.

Il viaggio diventa uno strumento terapeutico in grado di agire sui disturbi comportamentali del paziente affetto da demenza ma anche un mezzo per stimolare i rapporti, le relazioni, gli incontri, agevolando la socialità tra Paziente, Operatori e familiari.

La finalità della Terapia del Viaggio mira al benessere della persona e influisce positivamente sul comportamento, favorendo il rilassamento e il benessere dell’anziano. In una situazione di decadimento cognitivo inarrestabile è possibile stemperare alcuni disturbi comportamentali e contemporaneamente mantenere e alimentare la sfera affettiva ed emotiva poiché, l’anziano colpito da demenza, mantiene attivi i canali affettivi ed emozionali.

Gli obiettivi che ci si pone utilizzando questo tipo di terapia sono principalmente due: il rilassamento e la rievocazione. A livello relazionale si vuole stimolare il dialogo e le capacità relazionali, facilitare i processi emozionali, favorire il rilassamento, stimolare la memoria a lungo termine e sollecitare l’attenzione. A livello comportamentale si vuole agire sulla diminuzione degli stati di agitazione, dei momenti di aggressività e dei disturbi comportamentali in generale.

 

***********

Attraverso lo sviluppo delle terapie non farmacologiche si cerca quindi di dare una qualità di vita all’anziano che sia più dignitosa possibile ed è fondamentale per riuscire in questo intento che tutti, principalmente coloro che lavorano nelle cosiddette professioni di aiuto, si pongano come obiettivo comune quello di voler lavorare per costruire un equilibrio dinamico nella quale si possa realizzare un ambiente sereno che sia in grado di dare valore e dignità alla persona anziana, “perché quando si cura una persona si può vincere o perdere, ma quando ti prendi cura di te stesso e di qualcun altro puoi solo vincere”. (Patch Adams)

 

 

 


Fonte: Dr.ssa Elisa Civiero e Dr.ssa Valentina Tessarolo / Associazione Alzheimer onlus

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...