Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

E se la cura esistesse già?

Dal sito del Dott. Joseph M. Mercola
Nel documento disponibile qui (pdf_icon in inglese) la Dott.ssa Mary Newport discute sui corpi chetonici, un carburante alternativo per il tuo cervello che il corpo produce digerendo l'olio di cocco, e sui benefici profondi di questo alimento nella lotta contro il morbo di Alzheimer.

Questa è veramente una notizia notevole, e vi esorto a leggere il documento o a guardare tutti i video del Dr. Newport per avere la storia completa. Se la sua teoria è corretta, questo potrebbe essere una delle più grandi scoperte della medicina naturale da molto tempo. A sostegno delle sue indicazioni, c'è il recupero notevole di suo marito, descritto nel documento citato sopra. Tenete a mente però che, contrariamente al dottor Newport, io personalmente NON condivido l'uso di medicinali per trattare il morbo di Alzheimer, e sulla base della sua condizione, credo che iscriverlo a uno studio sul vaccino è del tutto controindicato e mal consigliato.

Detto questo, credo che il dottor Newport possa essersi imbattuta in una potente strategia naturale per aiutare a prevenire e curare il morbo di Alzheimer, ed è quello che voglio affrontare qui.

"La fame del cervello" è una caratteristica della malattia di Alzheimer

Uno dei combustibili primari di cui il tuo cervello ha bisogno è il glucosio, che viene convertito in energia. Il meccanismo dell'assorbimento del glucosio nel cervello solo di recente ha iniziato ad essere studiato, e si è imparato che il cervello produce effettivamente la sua insulina per convertire il glucosio nel sangue nel cibo necessario per sopravvivere. Come forse già sai, il diabete è la condizione in cui è indebolita la risposta dell'organismo all'insulina fino a quando il corpo si ferma alla fine di produre l'insulina necessarie a regolare la glicemia, e la capacità del corpo di regolare (o produrre) lo zucchero del sangue in energia diventa essenzialmente compromessa.

Ora, quando la produzione di insulina del cervello diminuisce, il cervello comincia letteralmente a morire di fame, perchè è privato dell'energia derivata dal glucosio di cui ha bisogno per funzionare normalmente. Questo è ciò che accade ai malati di Alzheimer: parti del loro cervello iniziano ad atrofizzarsi, o morire di fame, portandolo a un funzionamento alterato e alla eventuale perdita di memoria, della parola, di movimento e di personalità. In effetti, il tuo cervello può cominciare ad atrofizzarsi dalla fame, se diventa resistente all'insulina e perde la sua capacità di convertire il glucosio in energia.

Ora è anche noto che i diabetici hanno un rischio aumentato del 65 per cento di contrarre anche l'Alzheimer, e sembra esserci un legame potente tra le due malattie, anche se gli esatti meccanismi devono ancora essere determinati. Sembra abbastanza chiaro tuttavia che entrambi sono legati alla resistenza all'insulina - nel corpo e nel vostro cervello.

Cibo alternativo per la mente per bloccare l'atrofia cerebrale nel suo percorso

Fortunatamente, il vostro cervello è in grado di funzionare con più di un tipo di approvvigionamento energetico, e questo è dove l'olio di cocco entra in scena. C'è un'altra sostanza che può alimentare il vostro cervello e prevenire l'atrofia cerebrale. Può anche ripristinare e rinnovare i neuroni e la funzione dei nervi nel cervello dopo che il danno è già fatto. La sostanza in questione si chiama corpi chetonici, o chetoacidi.

I chetoni sono ciò che il corpo produce quando trasforma il grasso (al contrario del glucosio) in energia. E una fonte primaria di corpi chetonici sono i trigliceridi a catena media (MCT) ha si trovano nell'olio di cocco! L'olio di cocco contiene circa il 66 per cento di MCT. I vantaggi dei corpi chetonici possono estendersi anche ad una serie di altre condizioni di salute, secondo il dottor Newport :

"Di più, questo è un trattamento potenziale per il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi laterale amiotrofica SLA o Lou's Gehrig Disease), l'epilessia resistente ai farmaci, il diabete tipo I e tipo II, dove c'è la resistenza all'insulina. I corpi chetonici possono aiutare il cervello di recuperare dopo una perdita di ossigeno in neonati e adulti, potrebbe aiutare il cuore di recuperare dopo un attacco acuto, e può ridurre i tumori cancerosi. "

I trigliceridi a catena media (MCT) sono grassi che non vengono elaborati dal corpo allo stesso modo di quelli a catena lunga. Normalmente, un grasso prelevato nel vostro corpo deve essere miscelato con la bile rilasciata dalla cistifellea prima che possa essere disaggregato nell'apparato digerente. Ma i trigliceridi a catena media vanno direttamente al fegato, che converte naturalmente l'olio in chetoni, bypassando completamente la bile. Il tuo fegato quindi rilascia immediatamente i chetoni nel flusso sanguigno dove vengono trasportati al cervello per essere utilizzati come combustibile. In realtà, i chetoni sembrano essere la fonte preferita di cibo per la mente nei pazienti affetti da diabete o morbo di Alzheimer.
Nella malattia di Alzheimer, i neuroni in certe aree del cervello NON sono in grado di ricevere glucosio a causa di resistenza all'insulina e muoiono lentamente, un processo che sembra accadere uno o più decenni prima che i sintomi si manifestano," afferma il Dr. Newport nel suo articolo. "Se queste cellule avessero accesso ai corpi chetonici, potrebbero rimanere vive e continuare a funzionare."

La dieta chetonica - Perché evitare i cereali protegge anche contro la neurodegenerazione

Un altro modo per aumentare la produzione di chetoni nel vostro corpo è limitare i carboidrati. Quando si va su una dieta ad alto contenuto di grassi, di proteine, e a basso contenuto di carboidrati, il corpo comincia a usare grassi anziché carboidrati, un processo che si chiama chetosi. Questo è anche il motivo per cui non si muore di fame quando si limita il cibo per settimane alla volta, perché il vostro corpo è in grado di convertire il grasso immagazzinato in chetoni, che vengono utilizzati come combustibile al posto del glucosio. Il consumo di trigliceridi a catena media come l'olio di cocco è la scelta migliore tuttavia, perché i chetoni prodotti dalla chetosi non sono concentrati nel flusso sanguigno, ma sono invece per lo più escreti nelle urine.

MCT e la ricerca dell'Alzheimer

Il meccanismo di questo metabolismo MCT-chetone sembra essere che il corpo tratta il MCT come un carboidrato e non un grasso. Questo consente all'energia chetone di colpire il flusso sanguigno senza che il picco di insulina normale associata ai carboidrati si inserisca nel flusso sanguigno. Quindi, in effetti l'olio di cocco è un grasso che si comporta come un carboidrato quando si tratta di carburare il cervello. I livelli terapeutici di MCT sono stati previsti in 20 grammi al giorno. Secondo i calcoli della Dr.ssa Newport, poco più di due cucchiai da tavola di olio di cocco (circa 35ml o 7 cucchiaini da the), forniranno l'equivalente di 20g di MCT, che è indicato sia come misura preventiva contro malattie neurologiche degenerative, o come trattamento nel caso di malattia già in atto.

Ricorda però che la gente tollera olio di cocco in modo diverso, e potrebbe essere necessario iniziare lentamente per arrivare a questi livelli terapeutici. La mia raccomandazione è di iniziare con un cucchiaino, assunto con il cibo al mattino. Gradualmente aggiungere altro olio di cocco ogni pochi giorni fino a quando si è in grado di tollerare quattro cucchiai. E' meglio prendere l'olio di cocco assieme al cibo, per vitare di disturbare lo stomaco.

Serve anche B12 per la salute ottimale del cervello

Secondo un piccolo studio finlandese recentemente pubblicato sulla rivista Neurology, le persone che consumano alimenti ricchi di vitamina B12 possono anche ridurre il loro rischio di Alzheimer nell'età avanzata. Per ogni unità in aumento del marcatore di vitamina B12 (holotranscobalamin) il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer è stato ridotto del 2 per cento. Tuttavia, sono fortemente in disaccordo con i consigli dietetici pubblicati da CNN Health su questo argomento, che comprendevano il pesce e i cereali fortificati. I cereali fortificati non sono sicuramente una buona fonte di vitamine del gruppo B dietetico. Contengono anche ferro inorganico. Questo è il peggior tipo di ferro da usare come un integratore, e alzerà il ferro già alto in quelli che non ne hanno bisogno, come gli uomini più adulti e le donne in postmenopausa. Livelli elevati di ferro aumentano realmente il rischio di Alzheimer.

Inoltre, la maggior parte del pesce oggi è così contaminata, che non posso raccomandare neanche un aumento del consumo di pesce. Una eccezione potrebbero essere le sardine, che sono ad alto contenuto di vitamina B12 e abbastanza piccole da essere in genere meno contaminate, rispetto ai pesci più grandi. Invece, le fonti dietetiche ideali di vitamine B12 dovrebbero includere:

  • Fegato di vitello biologico
  • Salmoni selvatici
  • Manzo nutrito organicamente con erba
  • Agnello (che in genere è nutrito con erba, anche se non è specificato come organico)
  • Uova ruspanti, biologiche

La vitamina B12 è presente in forma naturale solo nelle fonti di cibo animale, che è uno dei motivi per cui sconsiglio una dieta rigorosamente vegetariana o vegana. I pochi cibi vegetali che sono fonti di vitamina B12 sono analoghi effettivamente alla B12. Un analogico è una sostanza che blocca l'assorbimento di B12 vero, così il bisogno del tuo corpo per il nutriente aumenta. Ci sono molti casi ben documentati di anomalie del cervello nei vegetariani di stretta osservanza, derivanti da carenza di vitamina B12.

Cibi da evitare per mantenere la vostra mente in forma

Nel frattempo, oltre a integrare la terapia chetone (olio di cocco), sia come prevenzione che come terapia, ci sono altre misure che si possono adottare per ridurre al minimo il rischio di sviluppare l'Alzheimer tra vari decenni a partire da ora. Per esempio, è importante sapere quali cibi evitare, al fine di tutelare la salute del cervello. Questi quattro prodotti alimentari, in particolare, possono essere segnati come nemici della salute ottimale del cervello:

  1. Zuccheri, soprattutto fruttosio - Zucchero eccessivo e consumo di cereali sono i fattori trainanti della resistenza dell'insulina, e le strategie per proteggere il cervello sono molto simili a quelli per evitare il diabete. Non c'è semplicemente dubbio che l'insulino-resistenza è una delle concause più pervasive dei danni cerebrali, in quanto contribuisce in maniera massiccia all'infiammazione, che fa prematuramente degenerare il cervello.
    Idealmente, si dovrebbe limitare il consumo totale di fruttosio sotto i 25g al giorno. Questo include astenersi dal mangiare troppa frutta, quando se ne consuma normalmente molta. Se si consuma più di 25g al giorno di fruttosio si può danneggiare le cellule mediante la creazioneresistenza all'insulina e alla leptina aumentando i livelli di acido urico.
    Le bacche tendono ad essere più basse di fruttosio, e i mirtilli selvatici, per esempio, sono inoltre ricchi di antocianina e antiossidanti, e sono ben conosciuti per l'utilità contro l'Alzheimer e le altre malattie neurologiche.
  2. Cereali - Anche interi o biologici, i cereali si convertiranno in zucchero nel corpo e bloccheranno i livelli di insulina. Idealmente si dovrà mettere a punto un piano nutrizionale orientato al proprio tipo nutrizionale specifico per massimizzare i benefici per la salute, perchè i carboidrati da grano sono molto più dannosi per alcuni rispetto ad altri.
  3. I dolcificanti artificiali - L'aspartame, per esempio, è una eccitotossina che può letteralmente distruggere le cellule del cervello. Ci sono molti studi che mostrano i pericoli dell'aspartame. Per esempio, uno studio pubblicato nel 2000, ha rilevato che l'aspartame riduce la risposta della memoria, compromette la conservazione della memoria e danneggia i neuroni ipotalamici nei topi. E i risultati di uno studio del 2002 pubblicato sulla rivista Nature suggeriscono che l'aspartame può causare ritardo mentale, anche se il meccanismo con cui lo fa che è ancora sconosciuto. Altri studi sugli animali hanno collegato l'aspartame ai danni cerebrali e ai tumori al cervello, anche a dosi basse. Credo che l'aspartame e gli altri dolcificanti artificiali sono pericolosi per la salute in molti modi, ho anche scritto un intero libro su questo argomento chiamato Sweet Deception.
  4. Soia - prodotti della soia non fermentata sono un altro alimento comune che dovrebbe essere evitato se si vuole mantenere sana la funzione del cervello. Uno studio epidemiologico ben progettato ha collegato il consumo di tofu (ndr: formaggio di soia) con l'invecchiamento esagerato del cervello. Gli uomini che lo hanno mangiato almeno due volte a settimana avevano più deterioramento cognitivo rispetto a quelli che avevano mai o raramente mangiato la pasta di soia, e i loro risultati dei test cognitivi sono stati circa equivalenti a quelli che ci sarebbero stati se aveessero avuto cinque anni più della loro età attuale. Di più, maggiori consumi di tofu nella mezza età sono stati anche associati a basso peso del cervello. Il restringimento si presenta in natura con l'età, ma negli uomini che avevano consumato più toful'effetto si è presentato ingigantito. Il Dr. Daniel Kaayla ha scritto un eccellente libro, The Whole Soy Story, che copre i rischi sanitari della soia in modo molto approfondito e lo raccomando a chiunque sia ancora nell'illusione che la soia sia un alimento salutare.

Prevenire l'Alzheimer lottando contro il diabete

Chiaramente, il più noto "trattamento" per la malattia di Alzheimer è la prevenzione, non i medicinali. Non c'è dubbio che la resistenza all'insulina è una delle influenze più pervasive sui danni cerebrali in quanto contribuisce in maniera massiccia all'infiammazione, che fa prematuramente degenerare il cervello - esattamente come distrugge il resto del corpo e contribuisce a malattie degenerative e croniche di tutti i tipi.

Come regola ottimale generale per la salute fisica e mentale, si dovranno mantenere i livelli di insulina a digiuno inferiore a 3. È interessante notare che la normalizzazione dell'insulina nel corpo e i livelli di leptina, in genere contribuiscono ad aumentare la produzione di insulina nel cervello, che è una buona cosa. Oltre alle raccomandazioni dietetiche già discusse in precedenza, le sette linee guida seguenti possono ulteriormente aiutare a prevenire l'Alzheimer e tenere la mente efficiente quando si invecchia:

  1. Ottimizza il livello di vitamina D attraverso l'esposizione sicura al sole, un letto sicuro per l'abbronzatura e / o integratori di vitamina D3.
  2.  Assumere grassi omega-3 di alta qualità a base animale. Raccomando il consumo di olio di krill di alta qualità per soddisfare la quantità ottimale di grassi omega-3 necessarie per raggiungere una buona salute e combattere il morbo di Alzheimer. Recentemente ho fatto una intervista al dottor Rudi Moerck, un esperto del settore, che entra nel dettaglio sul motivo per cui raccomando con forza il krill.
  3. Esercizio fisico. Probabilmente sapete che l'esercizio è buono per il sistema cardiovascolare, ma gli studi hanno trovato che l'esercizio fisico può anche proteggere il cervello, in modo da scongiurare il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza.  Secondo uno studio, le probabilità di sviluppare l'Alzheimer sono quasi quadruplicate nelle persone meno attive durante il loro tempo libero, tra i 20 e i 60 anni, rispetto ai loro coetanei.
    Assieme alla dieta sana, l'attività fisica regolare è una di quelle azioni che possono migliorare significativamente molti aspetti della propria salute fisica ed emotiva. Le attività semplici come camminare e un leggero allenamento porteranno con molta probabilità benefici agli anziani. Per coloro che sono più giovani, è preferibile fare esercizi fisici più intensi per migliorare radicalmente le prestazioni.
  4. Evitare e rimuovere il mercurio dal corpo. Anche piccole quantità di mercurio possono causare il tipo di danno ai nervi caratteristico dell'Alzheimer. Le amalgame dentali sono una delle principali fonti di mercurio, tuttavia si dovrebbe essere in buona salute prima di farli rimuovere. Una volta che siete a regime con una migliore dieta, è possibile seguire il mio protocollo di disintossicazione del mercurio e poi trovare un dentista biologico che rimuova l'amalgama. Altre fonti di mercurio sono la maggior parte dei frutti di mare, vaccini contenenti thimerosal e il vaccino antinfluenzale, che contengono sia il mercurio che l'alluminio.
  5. Evitare l'alluminio. Alluminio è stato ampiamente associato alla malattia di Alzheimer. Le fonti principali di esposizione sono probabilmente l'acqua potabile e gli antitraspiranti. Anche le pentole in alluminio sono una fonte di esposizione. Anche se le pentole di alluminio sono probabilmente meno problematiche rispetto alle fonti di cui sopra, io personalmente non le userei.
  6. Sfida la tua mente. La stimolazione mentale, come viaggiare, imparare a suonare uno strumento o fare le parole crociate, è associata ad un ridotto rischio di Alzheimer. I ricercatori sospettano che le sfide mentali aiutano a migliorare il cervello, il che rende meno sensibili alle lesioni associate all'Alzheimer.
  7. Evitare farmaci anticolinergici. I farmaci che bloccano l'acetilcolina, un neurotrasmettitore del sistema nervoso, hanno dimostrato di aumentare il rischio di demenza. Questi farmaci comprendono alcuni antidolorifici notturni, antistaminici, di induzione al sonno, alcuni antidepressivi, farmaci per controllare l'incontinenza, e alcuni analgesici narcotici. Un recente studio ha scoperto che coloro che hanno preso un farmaco classificato come un 'anticolinergico definito' hanno avuto una incidenza di deterioramento cognitivo quattro volte più alta. Prendere regolarmente due di questi farmaci ha ulteriormente aumentato il rischio di deterioramento cognitivo.

 

Considerazioni finali sull'uso dell'olio di cocco contro l'Alzheimer

Il danno fatto al cervello da cibi sbagliati e da livelli di insulina e leptina sbilanciati in realtà inizia decenni prima dell'apparizione dei segni rivelatori dell'Alzheimer. Quindi è di vitale importanza prendere decisioni sane ora, prima di fare involontariamente decenni di danni al cervello e ai nervi che potrebbero non essere reversibili.

Se si assume olio di cocco o un protocollo di terapia MCT, assicuratersi di partire lentamente con l'olio, e di prenderlo sempre assieme a cibo per ridurre al minimo il fastidio allo stomaco. E' normale che sia richiesta qualche settimana per arrivare ai quattro cucchiai di olio di cocco richiesti per una dose terapeutica. Non tutti possono sopportare così tanto olio di cocco in una singola dose fin dall'inizio.

L'olio di cocco o MCT dovrebbero essere assunti al mattino, perchè ci vuole un minimo di tre ore all'olio per convertirsi in chetoni e raggiungere il cervello. Ripetere la dose di quattro cucchiai di olio di cocco due volte al giorno può essere utile per coloro che già soffrono di pre-Alzheimer o la condizione di Alzheimer. Con diversi milioni di casi di Alzheimer previsti entro il 2050, è meglio fare in modo di non essere una delle vittime di questa tragica malattia, adottando le misure per prendersi cura della propria salute fin da ora.

 

Mercola.com, 13 dicembre 2010

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...