Iscriviti alla newsletter

La PQQ può ridurre il rischio di demenza di Alzheimer?

Vi è una crescente epidemia di demenza di Alzheimer nel nostro Paese. Ci sono due principali tipi di demenza di Alzheimer.

Una è quella precoce. Di solito inizia ben prima dei 65 anni, colpisce le famiglie ed è fortemente legata ai geni ereditati dai genitori.

L'altra varietà principale è l'Alzheimer ad insorgenza tardiva. Questa forma di Alzheimer appare dopo i 65 anni di età, è meno dipendente dalla genetica, ed è più probabilmente prevenibile con cambiamenti nella dieta e nello stile di vita. Quasi ogni mese, gli scienziati scoprono nuovi geni che sembrano predisporre le persone alla forma ad insorgenza tardiva dell'Alzheimer. Ma nella maggior parte dei casi, queste variazioni genetiche sembrano semplicemente esacerbare gli effetti negativi delle cattive scelte di dieta e stile di vita. Cioè, non sembrano essere né necessarie né sufficienti per sviluppare in piena regola i casi di demenza di Alzheimer.

Correggere insufficienze alimentari è un modo per ridurre il rischio di sviluppare l'Alzheimer e altre forme di demenza. Carenze di alcune vitamine e nutrienti, per esempio antiossidanti e vitamina B12, possono aumentare il rischio di demenza. C'è ora una crescente evidenza che anche l'integrazione con una sostanza che molti scienziati ritengono nutrizionale, la vitamina pyrroloquinolina chinone o PQQ recentemente scoperta, può contribuire a ridurre il rischio di varie forme di demenza, tra cui la demenza di Alzheimer.

Una vitamina è una sostanza necessaria per la normale funzione del corpo, ma non è prodotta in quantità sufficiente dall'organismo stesso. Quindi, è necessario che questa sostanza sia fornita dalla dieta. La PQQ è una sostanza che è stata scoperta nel 1979 come co-fattore nell'attività enzimatica batterica. Si era sospettato per la prima volta che la PQQ possa essere una vitamina quando nel 1989 si è riscontrato che i topi privi della sostanza nella loro dieta subivano un ritardo di crescita, cambiamenti artritici e incapacità di riprodursi.

Qui va notato che, mentre la PQQ è generalmente riconosciuta come un importante nutriente, rimane qualche polemica sul fatto se sia o meno una vitamina, cioè, se è indispensabile avere una integrazione della sostanza. Tuttavia, ci sono molte sostanze che non sono rigorosamente definite come vitamine che danno agli individui grande beneficio come integratori della dieta. Per esempio, mentre il corpo può produrre gli omega-3 acidi grassi EPA e DHA dall'acido alfa-linolenico che si trova nei semi di lino e altri oli, il corpo è così inefficiente nel farlo che ci conviene assumere gli EPA e i DHA già pronti nell'olio di pesce.

 

Vi è un crescente interesse nella possibilità che la PQQ possa essere una sostanza in più che ci può aiutare a mantenere le funzioni cognitive con l'età, e può aiutarci ad evitare la possibilità di demenza. La possibilità che la PQQ possa migliorare la cognitizione fu suggerita in uno studio sugli effetti dell'apprendimento nei topi. Si è constatato che la PQQ rafforza la capacità dei topi di imparare a negoziare un labirinto. E' stato anche scoperto che la PQQ ha aiutato i topi sottoposti a stress ossidativo a mantenere la loro funzione cognitiva.

Ci sono un certo numero di modi in cui la PQQ potrebbe migliorare la funzione cognitiva e proteggere il cervello da processi patologici che aumentano il rischio di demenza di Alzheimer. La caratteristica della demenza di Alzheimer è l'accumulo della proteina anomala chiamata amiloide nel tessuto cerebrale. La PQQ, è stato scoperto, può ridurre la formazione di amiloide nel cervello, e proteggere il cervello dagli effetti neurotossici degli esistenti depositi di amiloide. E aiuta anche a proteggere il cervello dagli effetti dannosi di un altro tipo di sostanza reattiva chiamata perossinitrite. In un altro studio, la PQQ ha stimolato la crescita dei neuroni. Questo effetto tenderebbe anche a proteggere il cervello dei processi patologici della demenza.

Un altro effetto affascinante e potenzialmente importante della PQQ, con conseguenze sulla demenza di Alzheimer, è il suo effetto sui mitocondri. I mitocondri sono le fabbriche di energia di ogni cellula del corpo. I mitocondri sono dove avviene l'ossidazione del combustibile, e dove sono generate le molecole ricche di energia per la distribuzione nella cella che guida le reazioni biochimiche necessarie. Senza i mitocondri, le cellule non possono vivere, e con una insufficiente attività mitocondriale, le cellule non possono funzionare correttamente. C'è da lungo tempo una evidenza di anomalie nei mitocondri nel cervello dei malati di demenza di Alzheimer. La PQQ non solo protegge i mitocondri dall'ossidazione e dagli effetti tossici dell'amiloide, sembra anche stimolare la produzione di nuovi mitocondri nel tessuto umano.

A questo punto, gli studi di possibili benefici della PQQ per gli esseri umani sono pochi, in particolare per quanto riguarda le funzioni cognitive. Comubque, il medico naturopata Michael T. Murray, ha descritto uno studio, pubblicato in giapponese, in cui sono stati testati gli effetti della PQQ sulla cognizione umana. In questo studio, 20 mg di PQQ da soli hanno migliorato la funzione cognitiva in persone non-dementi di età compresa tra 40 a 70 anni. La PQQ ha migliorato ancora di più quando è stata combinata con la sostanza naturale Co-enzima Q10. Sarei molto riluttante a consigliare l'uso di PQQ sulla base di tale evidenza da solo. Tuttavia, se visto alla luce dei numerosi studi che mostrano una base fisiologica plausibile per tale miglioramento, così come il fatto che si tratta di una sostanza naturale negli alimenti, la raccomandazione non è irragionevole.

Molte cose devono ancora essere determinate prima che la PQQ possa definitivamente essere considerata una vitamina nella biologia umana e per la nutrizione. La PQQ si trova in una varietà di alimenti nella dieta umana, ma attualmente non vi è conoscenza di quanto PQQ gli esseri umani possono aver bisogno ogni giorno. Non è chiaro se carenze di PQQ si verificano effettivamente nei normali esseri umani che seguono un regime alimentare normale. Infine, non è ancora certo se le carenze di PQQ causano effettivamente problemi negli esseri umani o che tali carenze abbiano una qualche relazione con la demenza di Alzheimer. Si spera che maggiore ricerca sia effettuata sulle potenzialità della PQQ di mantenere il cervello sano, ed evitare l'Alzheimer e altre forme di demenza.

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

 


Scott Mendelson, M.D. Pubblicato da Scott Mendelson, MD in Huffington Post il 17 novembre 2011 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi, eventualmente citati nell'articolo, sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non si propone come terapia o dieta; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer Riese. I siti terzi raggiungibili dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente; in particolare si segnala la presenza frequente di una istituzione medica con base in Germania (xcell-Center) che propone la cura dell'Alzheimer con cellule staminali; la Società Tedesca di Neuroscienze ha più volte messo in guardia da questa proposta il cui effetto non è dimostrato. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione, una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e a informarti:

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.