Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


C'è preoccupazione per un parente anziano? Fai osservazioni, non ipotesi

Nel secondo periodo di feste con la pandemia, molte persone hanno [avuto] l'opportunità di ricongiungersi con famiglia e amici per le celebrazioni. La pandemia ha tenuto molti di noi separati più a lungo del previsto, e potrebbero essere passati dei mesi da quando abbiamo visto i nostri cari. Oltre a cibo, gente e divertimento, ci possono essere [state] alcune sorprese non proprio piacevoli.


Come geriatra, vedo spesso pazienti le cui famiglie esprimono preoccupazione per la loro salute o benessere. Queste possono essere particolarmente forti se non si sono visti per un po' di tempo. Le feste possono essere un'opportunità non solo per godersi la torta alla frutta ma per osservare come vanno a casa i tuoi genitori che invecchiano, i nonni o i bisnonni. Osservando obiettivamente il loro funzionamento e la loro memoria puoi scoprire segnali di avviso che è necessaria una valutazione approfondita.


Ciò può portare a situazioni scomode e spesso ci si sente a ruoli invertiti. Mantenere l'autonomia e la dignità degli anziani deve essere il nucleo di tutte queste conversazioni. Se sei preoccupato per la salute di qualcuno, approccia la conversazione con la mente aperta e la curiosità genuina di ascoltare i suoi pensieri. Non dare per scontato che capisci la sua situazione. Fai osservazioni, non ipotesi.


Facendo un passo indietro per un momento, enfatizzerei di non arrivare a conclusioni sulla capacità di chiunque di prendersi cura di se stessi in base all'età. Molte persone si prendono cura di se stesse abbastanza bene e rimangono indipendenti ben dopo i 90 anni, mentre altre persone potrebbero aver bisogno di maggiore assistenza con l'auto-cura prima nel corso della vita.

 

Funzionamento quotidiano

Dai un'occhiata in giro per la casa. I tuoi cari stanno tenendo il passo con la cura minima della casa o del cortile? In caso contrario, questi possono essere segni che qualcuno potrebbe aver bisogno di più aiuto a casa. A volte ciò potrebbe significare semplicemente assumere qualcuno per pulire la piscina o spalare la neve. Altre volte, può essere un segno di funzione fisica limitata: forse non riescono più a muoversi o a piegarsi come prima per raccogliere le cose.


Ma se non c'è pulizia di base, potrebbe anche essere un segno di limitazioni nella funzione cognitiva; forse dimenticano di rimuovere la spazzatura dalla cucina per settimane o non ricordano di andare al supermercato per i bisogni minimi. Altre volte, è solo un segno che erano troppo occupati a falciare il cortile prima della tua visita. Ancora una volta, non fare ipotesi, fai osservazioni, e vedile sempre nel contesto più ampio.


Osserva come il tuo caro si muove in casa. Se gli è stato detto di usare un bastone o un deambulatore, lo sta facendo? Il suo equilibrio è carente? Si muove 'toccando i mobili', aggrappandosi ad essi o alle pareti mentre cammina?


E la guida dell'auto? Se hai preoccupazioni, ricorda che ci sono molti fattori che potrebbero avere un ruolo. Si tratta di competenze, non di età. L'artrite nel collo potrebbe rendere difficile vedere il traffico agli incroci. I problemi di vista possono causare sfocatura, specialmente di notte. Anche le limitazioni della cognizione possono causare problemi, come perdersi mentre si guida in un posto familiare, come il negozio di alimentari o la casa di un amico.


Se noti i segnali di una guida non sicura, è importante valutare i propri cari per la loro sicurezza, così come per quella degli altri, sulla strada. Parla in modo aperto e sincero con il loro medico per rivedere queste preoccupazioni. Ci sono anche risorse online per aiutare a navigare in queste difficili conversazioni sulle preoccupazioni per la demenza e la guida.


Se noti i cambiamenti nel tuo parente, ricorda anche che la pandemia ha aumentato lo stress e l'ansia di molte persone. Negli ultimi due anni, alcuni di noi non hanno sofferto solo di distanziamento sociale, ma hanno anche sperimentato l'isolamento sociale. Sentirsi tagliati fuori dalla propria comunità può portare a gravi problemi di salute. Il National Institute on Aging ha grandi risorse per capire la differenza tra essere soli ed essere socialmente isolati e come identificare e agire su queste preoccupazioni.

 

Vedi qualcosa, puoi dire qualcosa ... con tatto

Le feste possono comportare programmi caotici. Molte persone possono essere sopraffatte dagli impegni, o dimenticare piani importanti, e non è necessariamente un segno di demenza. Chiunque può dimenticare di portare a casa la salsa di mirtillo o quale yogurt esatto piace ai nonni.


Potrebbe essere un segno di qualcosa di più significativo se la perdita di memoria influisce sulla vita quotidiana, specialmente su cose come mangiare, vestirsi e l'igiene. Se noti che ci può essere più della tipica dimenticanza, allora è il momento di parlare.


Puoi fare domande aperte non giudicanti per avviare la conversazione. Evita di fare ipotesi: una frase come "Perché non ci hai detto che non sei al sicuro a casa?" non inizierà una conversazione utile. Invece, inizia descrivendo le tue osservazioni: "Ho visto che sei appena inciampato nel corridoio. È qualcosa che hai notato prima?". Lascia spazio alla riflessione e all'intuizione. Non dire ad altre persone come 'dovrebbero' sentirsi, ma ascolta i loro pensieri e osservazioni.


Guarda se il tuo caro ti permette di andare con lui alla prossima visita dal medico per discutere se c'è un problema e, in caso affermativo, come migliorare le cose. Se è così, partecipa principalmente come osservatore o per aggiungere dettagli quando richiesto. Se non sei in grado di partecipare, puoi prendere in considerazione la possibilità di scrivere una lettera con le tue osservazioni, che il paziente potrebbe condividere con il proprio team alla prossima visita.


Ritrovarsi nelle feste dovrebbe essere una occasione perché la famiglia e la comunità si possano godere il periodo. Nessuno vuole concentrarsi sui problemi, ma dobbiamo essere osservatori. Se vedi segnali di pericolo che le cose forse non vanno bene, puoi dire qualcosa ... gentilmente.

 

 

 


Fonte: Laurie Archbald-Pannone, prof.ssa associata di medicina e geriatria, Università della Virginia

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.