Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Gestalt: l'esercizio mentale che mi ha fatto uscire dall'ansia e dalla depressione

Kintsugi 2 580L'arte giapponese del Kintsugi.

Quando ero al mio punto più basso con ansia intensa e depressione, un esercizio mentale di terapia Gestalt ha cambiato la mia vita per il meglio: Steve, mio ​​marito da 12 anni, era deceduto otto mesi prima per un cancro al cervello molto aggressivo e la vita aveva perso ogni significato.


Chi ero io senza di lui? Perché dovevo continuare a lavorare nella mia pratica privata? Per chi? Non avevamo figli (ero solita spiegare che non avevamo figli perché, dopo 12 anni di matrimonio, eravamo ancora in luna di miele). Dovevo persino continuare a vivere? Le probabilità di trovare un uomo di cui mi potevo innamorare tanto quanto ero innamorata di Steve erano minime. Il mio futuro sembrava cupo. Cupo non era il termine giusto. Era buio pesto.


Essendo medico e prescrivendo farmaci, sapevo che probabilmente avevo bisogno di fare un trattamento antidepressivo. Eppure, ho resistito: "Lasciami provare un'altra cosa. Lasciami provare la terapia Gestalt". La terapia Gestalt è una forma di psicoterapia (sviluppata da Fritz Perls) che porta consapevolezza al momento presente. La terapia Gestalt ti fa concentrare su ciò che senti nel corpo nel momento e sui pensieri casuali attaccati a quei sentimenti.


Avevo familiarità con la terapia Gestalt perché avevo fatto diverse sessioni io stessa in passato e avevo trattato con successo molti dei miei pazienti affetti da ansia. Ho deciso di visitare un terapeuta Gestalt. Portando la consapevolezza sul mio corpo dopo avermi fatto respirare profondamente e rilassarmi, il terapeuta Gestalt mi ha chiesto cosa stavo sentendo. Ho detto che il mio stomaco, il petto e la gola erano rigidi. C'era un'immagine casuale associata a quella sensazione?


Potevo vedere solo nero pesto tutto intorno senza luce ovunque nella mia vita, e mi sentivo incatenata a una palla nera enorme e pesante. Ho provato a distogliere lo sguardo dal buio ma non ci riuscivo. L'enorme palla nera è diventata l'unica cosa che potevo vedere.


A questo punto, il mio terapeuta mi ha spinto a fare un esercizio Gestalt che ha cambiato la mia vita. Per quell'esercizio, il mio terapeuta disse, dovevo arrivare dal punto di vista della curiosità e della completa accettazione e abbracciare tutto ciò che volevo scoprire, e avere fede che mi avrebbe portato in un posto migliore. Il mio terapeuta disse: "Dal momento che non puoi andare via dal buio, entriamo nel buio e descrivi ciò che vedi". Era un esercizio molto spaventoso. Consiglio di NON fare quell'esercizio da soli, ma di farlo con un terapeuta come guida.


E nel buio, con il terapeuta al mio fianco, mi sono tuffata. Per molto tempo, non sono riuscita a vedere nulla se non il nero, ma il mio terapeuta mi ha detto di continuare a guardare nella palla nera, per immaginare di entrare più in profondità e vederla più in dettaglio. Di cosa era fatta la palla? Era omogenea o no? C'erano pietre diverse lì dentro?


Mentre continuavo a guardare nell'oscurità con gli occhi chiusi, ho iniziato a vedere diverse sfumature di nero. La palla non era omogenea. L'ho trovato affascinante. Mentre continuavo ad andare più in profondità, come osservando attraverso un microscopio immaginario, apparvero alcuni punti scintillanti. Mi sono concentrata sui punti. Erano come stelle dorate in un cielo nero.


Mentre tenevo gli occhi chiusi, i pochi punti scintillanti si sono trasformati in oro. Dopo alcuni minuti, l'oro era così brillante che era l'unica cosa che potevo vedere. Ero stupita di vedere quanto era brutta la palla dall'esterno, ma quanto era bella dentro. Ero anche stupita che la rigidità nel mio stomaco, nel petto e nella gola era sparita. In realtà mi sentivo abbastanza bene.


La palla buio pesto era una metafora della mia vita: potrebbe sembrare brutta dall'esterno, ma bella dentro. L'obiettivo dell'esercizio Gestalt era capire cosa potrebbe essere d'oro nella mia vita oscura. Mentre guardavo nella mia vita con cuore aperto, mi resi conto che l'oro era semplicemente apprezzare di essere vivi e i semplici piaceri della vita.


Quando sono tornata a casa, ho iniziato ad apprezzare ciò che era d'oro nella mia vita: l'odore delle rose nelle passeggiate quotidiane, il sapore del pane tostato e dei frutti freschi, la vista dell'oceano, la brezza sulla pelle mentre camminavo. Pochi mesi dopo, ho fatto nuove amicizie e ho apprezzato quelle profonde.


Alla fine, quattro anni dopo, ho incontrato Eric, l'uomo che sarebbe diventato il mio nuovo marito, e ho trovato di nuovo amore e passione. Non pensavo che sarei stata abbastanza fortunata da trovare due volte l'amore della mia vita, ma è successo. E quel viaggio di venire da un luogo buio-pesto e arrivare in un posto luminoso e dorato ha reso la mia felicità ancora più intensa.


Il mio viaggio mi ha dato una prospettiva sulla vita. Ora so che domani non è una promessa per alcuno di noi, e sono acutamente consapevole del fatto che ho bisogno di afferrare oggi ogni momento felice con una gioia intensa senza aver paura di domani.


Ora mi rendo conto che la mia vita è come l'arte giapponese Kintsugi che rimette insieme pezzi rotti con cuciture d'oro, che creano qualcosa di unicamente imperfetto, unicamente prezioso, e unicamente mio. E tutto è iniziato quando ho avuto il coraggio di immergermi nell'oscurità con mente aperta.


Non importa quanto sia oscura la vita, c'è sempre l'oro da trovare, anche con l'aiuto della terapia Gestalt:

  • Studi sulla terapia Gestalt hanno dimostrato che un gruppo di anziani con una sessione di 90 minuti di terapia Gestalt alla settimana per otto settimane consecutive hanno avuto un aumento significativo della felicità rispetto al gruppo di terapia no-Gestalt.
  • Studi su donne divorziate hanno dimostrato un aumento significativo della loro capacità di affrontare le sfide in modo competente dopo 12 sessioni di terapia Gestalt.
  • E la terapia Gestalt per i caregiver di pazienti di Alzheimer ha migliorato le emozioni positive di quei caregiver, ha diminuito la loro solitudine, e ha aumentato la loro capacità di prendersi cura.


Quindi, se tu o il tuo caro avete ansia o depressione, contatta subito un terapeuta. Anche se stai prendendo pillole anti-ansia o antidepressive, alcune sessioni di Gestalt, oltre alle pillole, potrebbero fare meraviglie.

 

 

 


Fonte: Chris Gilbert MD/PhD, dottoressa e scrittrice, specializzata in medicina olistica, integrativa e corpo-mente

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.