Iscriviti alla newsletter

Gestalt: l'esercizio mentale che mi ha fatto uscire dall'ansia e dalla depressione

Kintsugi 2 580L'arte giapponese del Kintsugi.

Quando ero al mio punto più basso con ansia intensa e depressione, un esercizio mentale di terapia Gestalt ha cambiato la mia vita per il meglio: Steve, mio ​​marito da 12 anni, era deceduto otto mesi prima per un cancro al cervello molto aggressivo e la vita aveva perso ogni significato.


Chi ero io senza di lui? Perché dovevo continuare a lavorare nella mia pratica privata? Per chi? Non avevamo figli (ero solita spiegare che non avevamo figli perché, dopo 12 anni di matrimonio, eravamo ancora in luna di miele). Dovevo persino continuare a vivere? Le probabilità di trovare un uomo di cui mi potevo innamorare tanto quanto ero innamorata di Steve erano minime. Il mio futuro sembrava cupo. Cupo non era il termine giusto. Era buio pesto.


Essendo medico e prescrivendo farmaci, sapevo che probabilmente avevo bisogno di fare un trattamento antidepressivo. Eppure, ho resistito: "Lasciami provare un'altra cosa. Lasciami provare la terapia Gestalt". La terapia Gestalt è una forma di psicoterapia (sviluppata da Fritz Perls) che porta consapevolezza al momento presente. La terapia Gestalt ti fa concentrare su ciò che senti nel corpo nel momento e sui pensieri casuali attaccati a quei sentimenti.


Avevo familiarità con la terapia Gestalt perché avevo fatto diverse sessioni io stessa in passato e avevo trattato con successo molti dei miei pazienti affetti da ansia. Ho deciso di visitare un terapeuta Gestalt. Portando la consapevolezza sul mio corpo dopo avermi fatto respirare profondamente e rilassarmi, il terapeuta Gestalt mi ha chiesto cosa stavo sentendo. Ho detto che il mio stomaco, il petto e la gola erano rigidi. C'era un'immagine casuale associata a quella sensazione?


Potevo vedere solo nero pesto tutto intorno senza luce ovunque nella mia vita, e mi sentivo incatenata a una palla nera enorme e pesante. Ho provato a distogliere lo sguardo dal buio ma non ci riuscivo. L'enorme palla nera è diventata l'unica cosa che potevo vedere.


A questo punto, il mio terapeuta mi ha spinto a fare un esercizio Gestalt che ha cambiato la mia vita. Per quell'esercizio, il mio terapeuta disse, dovevo arrivare dal punto di vista della curiosità e della completa accettazione e abbracciare tutto ciò che volevo scoprire, e avere fede che mi avrebbe portato in un posto migliore. Il mio terapeuta disse: "Dal momento che non puoi andare via dal buio, entriamo nel buio e descrivi ciò che vedi". Era un esercizio molto spaventoso. Consiglio di NON fare quell'esercizio da soli, ma di farlo con un terapeuta come guida.


E nel buio, con il terapeuta al mio fianco, mi sono tuffata. Per molto tempo, non sono riuscita a vedere nulla se non il nero, ma il mio terapeuta mi ha detto di continuare a guardare nella palla nera, per immaginare di entrare più in profondità e vederla più in dettaglio. Di cosa era fatta la palla? Era omogenea o no? C'erano pietre diverse lì dentro?


Mentre continuavo a guardare nell'oscurità con gli occhi chiusi, ho iniziato a vedere diverse sfumature di nero. La palla non era omogenea. L'ho trovato affascinante. Mentre continuavo ad andare più in profondità, come osservando attraverso un microscopio immaginario, apparvero alcuni punti scintillanti. Mi sono concentrata sui punti. Erano come stelle dorate in un cielo nero.


Mentre tenevo gli occhi chiusi, i pochi punti scintillanti si sono trasformati in oro. Dopo alcuni minuti, l'oro era così brillante che era l'unica cosa che potevo vedere. Ero stupita di vedere quanto era brutta la palla dall'esterno, ma quanto era bella dentro. Ero anche stupita che la rigidità nel mio stomaco, nel petto e nella gola era sparita. In realtà mi sentivo abbastanza bene.


La palla buio pesto era una metafora della mia vita: potrebbe sembrare brutta dall'esterno, ma bella dentro. L'obiettivo dell'esercizio Gestalt era capire cosa potrebbe essere d'oro nella mia vita oscura. Mentre guardavo nella mia vita con cuore aperto, mi resi conto che l'oro era semplicemente apprezzare di essere vivi e i semplici piaceri della vita.


Quando sono tornata a casa, ho iniziato ad apprezzare ciò che era d'oro nella mia vita: l'odore delle rose nelle passeggiate quotidiane, il sapore del pane tostato e dei frutti freschi, la vista dell'oceano, la brezza sulla pelle mentre camminavo. Pochi mesi dopo, ho fatto nuove amicizie e ho apprezzato quelle profonde.


Alla fine, quattro anni dopo, ho incontrato Eric, l'uomo che sarebbe diventato il mio nuovo marito, e ho trovato di nuovo amore e passione. Non pensavo che sarei stata abbastanza fortunata da trovare due volte l'amore della mia vita, ma è successo. E quel viaggio di venire da un luogo buio-pesto e arrivare in un posto luminoso e dorato ha reso la mia felicità ancora più intensa.


Il mio viaggio mi ha dato una prospettiva sulla vita. Ora so che domani non è una promessa per alcuno di noi, e sono acutamente consapevole del fatto che ho bisogno di afferrare oggi ogni momento felice con una gioia intensa senza aver paura di domani.


Ora mi rendo conto che la mia vita è come l'arte giapponese Kintsugi che rimette insieme pezzi rotti con cuciture d'oro, che creano qualcosa di unicamente imperfetto, unicamente prezioso, e unicamente mio. E tutto è iniziato quando ho avuto il coraggio di immergermi nell'oscurità con mente aperta.


Non importa quanto sia oscura la vita, c'è sempre l'oro da trovare, anche con l'aiuto della terapia Gestalt:

  • Studi sulla terapia Gestalt hanno dimostrato che un gruppo di anziani con una sessione di 90 minuti di terapia Gestalt alla settimana per otto settimane consecutive hanno avuto un aumento significativo della felicità rispetto al gruppo di terapia no-Gestalt.
  • Studi su donne divorziate hanno dimostrato un aumento significativo della loro capacità di affrontare le sfide in modo competente dopo 12 sessioni di terapia Gestalt.
  • E la terapia Gestalt per i caregiver di pazienti di Alzheimer ha migliorato le emozioni positive di quei caregiver, ha diminuito la loro solitudine, e ha aumentato la loro capacità di prendersi cura.


Quindi, se tu o il tuo caro avete ansia o depressione, contatta subito un terapeuta. Anche se stai prendendo pillole anti-ansia o antidepressive, alcune sessioni di Gestalt, oltre alle pillole, potrebbero fare meraviglie.

 

 

 


Fonte: Chris Gilbert MD/PhD, dottoressa e scrittrice, specializzata in medicina olistica, integrativa e corpo-mente

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.