Iscriviti alla newsletter

Quasi metà dei caregiver di anziani con demenza soffrono di angoscia

Quasi metà dei caregiver di anziani con demenza soffrono di angoscia

I caregiver non retribuiti di anziani con demenza hanno maggiori probabilità di provare angoscia e passano più tempo a fornire assistenza, rispetto ai caregiver di altri anziani.


Queste informazioni, e altre, sono contenute in Dementia in Canada, un nuovo rapporto digitale del Canadian Institute for Health Information (CIHI), che mette in evidenza le varie sfide coinvolte nell'assistenza agli anziani con demenza, comprese quelle affrontate dai caregiver non retribuiti.


La maggior parte degli anziani con demenza in Canada vive a casa, e ha bisogno di sostegno per farlo, motivo per cui il ruolo dei caregiver non retribuiti è così importante. I dati rivelano quanto segue:

  • I figli e i coniugi assumono prevalentemente il ruolo di caregiver per gli anziani con demenza (rispettivamente il 58% e il 32%).
  • Il 45% dei caregiver di anziani con demenza provano angoscia, rispetto al 26% dei caregiver di altri anziani.
  • I caregiver non retribuiti di anziani con demenza trascorrono in media 26 ore alla settimana prestando assistenza, rispetto alle 17 ore dei caregiver di altri anziani.

 

"Sulle persone che vivono con demenza, e in una certa misura sulla loro famiglia, viene messo un mantello dell'invisibilità. Le persone evitano il contatto visivo, evitano la conversazione e lottano con il loro imbarazzo e il loro dolore. Dobbiamo cambiare questo: abbiamo bisogno di comunità forti che diano supporto alle persone per restare a casa il più a lungo possibile, a rimanere radicate nella loro famiglia".

- Catherine Ann, caregiver

"I caregiver non retribuiti dedicano così tanto tempo ed energie ad aiutare il loro caro a mantenere la sua qualità di vita nel lungo decorso di questa malattia. Vediamo che i caregiver degli anziani con demenza affrontano sfide significative, specialmente con il progredire della malattia. Speriamo che il nostro rapporto possa contribuire a stimolare la conversazione su come supportare meglio queste persone, che svolgono un ruolo così importante nei sistemi di assistenza sanitaria".

- Kathleen Morris, Vicepresidente, Ricerca e analisi

 

Impatto della demenza

La Public Health Agency of Canada (PHAC), che ha collaborato strettamente con il CIHI su questo rapporto, stima che oltre 402.000 anziani in Canada (il 7,1% di tutti gli over-65, escluso il Saskatchewan), soffrano di demenza; due terzi sono donne.


L'aumento generale della popolazione canadese di over-65 è un fattore determinante per l'aumento del numero di anziani con demenza nel paese. Il numero di anziani con demenza è aumentato dell'83% tra il 2002 e il 2013. I dati del PHAC mostrano che vengono diagnosticati circa 76.000 nuovi casi di demenza ogni anno in Canada, ovvero circa 14,3 nuovi casi ogni 1.000 over-65.

"Queste statistiche dimostrano l'impatto significativo e crescente della demenza sulla società canadese. Questo è il motivo per cui il governo del Canada ha reso prioritario lavorare con le parti interessate e i partner di tutto il paese per adeguare la strategia nazionale sulla demenza. La collaborazione, le prove e i consigli condivisi, compreso quanto abbiamo ascoltato alla Conferenza Nazionale sulla Demenza del mese scorso, porrà il Canada nella posizione di fornire il miglior supporto possibile e la migliore qualità di vita alle persone con demenza, le loro famiglie e quelli che si prendono cura di loro"

- Onorevole Ginette Petitpas Taylor, Ministro della salute

 

La demenza nel continuum di cura

Il rapporto descrive le differenze di assistenza vissute dagli anziani con e senza demenza. Sono inclusi i dati sugli ambienti come l'assistenza domiciliare, l'assistenza a lungo termine e l'assistenza ospedaliera.

Alcuni dati cruciali:

  • Il 61% degli anziani con demenza vive a casa. La maggior parte di loro richiede supporto per renderlo confortevole.
  • Nell'assistenza a lungo termine, gli anziani con demenza hanno maggiori probabilità di essere limitati fisicamente (9% contro 3%) e di ricevere antipsicotici potenzialmente inappropriati (27% contro 11%) rispetto agli ospiti senza demenza.
  • Gli anziani con demenza trascorrono più tempo nei pronto soccorso, hanno tassi di ospedalizzazione più elevati e subiscono più danni in ospedale.

 

Riflettori puntati sui problemi

Il rapporto contiene inoltre informazioni sulla preparazione dei medici di famiglia, sull'impatto delle cadute, sull'accesso alle cure palliative, sulla demenza giovanile, sulla prevenzione e trattamento e sui caregiver non retribuiti. I punti salienti di questi argomenti sono i seguenti:

  • Solo 2 medici canadesi su 5 si sentono ben preparati a gestire la cura dei loro pazienti con demenza.
  • Sono meno gli anziani con demenza che ricevono cure palliative e servizi di fine vita rispetto agli anziani senza demenza.
  • Le ospedalizzazioni per le cadute di anziani con demenza sono circa del 23% di più nei quartieri a basso reddito rispetto alle aree più ricche.
  • Il 3% dei casi di demenza viene diagnosticato prima dei 65 anni (esordio precoce). I canadesi con demenza precoce possono avere di fronte più stigma legato alla malattia e hanno delle difficoltà uniche perché probabilmente stanno ancora lavorando.

 

 

 


Fonte: Canadian Institute for Health Information (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.