Associazione Alzheimer ONLUS logo

Annunci e info

E' utile informarsi prima di usare un kit di test genetici a casa

genetic test kits at-home

I test genetici, inclusi i test per il rischio di morbo di Alzheimer (MA), sono sempre più usati [3]. Per guidare l'uso ottimale di questa importante innovazione, l'Alzheimer's Foundation of America (AFA) identifica i problemi che devono essere considerati nella decisione di fare test genetici per il rischio di MA a insorgenza tardiva.


Prima di decidere di richiedere test genetici per determinare il rischio di MA ad insorgenza tardiva, è importante che gli individui capiscano i benefici, i limiti e le altre implicazioni dell'apprendere queste informazioni genetiche personali sulla salute.


Il consiglio ai consumatori è dato da aziende di test genetici commerciali, ma non ci sono standard di settore per queste informazioni, e finora la dichiarazione della Food and Drug Administration (FDA) sulla comunicazione del rischio genetico di MA è limitata all'unica ditta commerciale che offre questo test [4].


Riconoscendo il livello di interesse pubblico nei test genetici per il MA ad insorgenza tardiva, l'AFA e il suo Medical, Scientific and Memory Screening Advisory Board (l'Advisory Board) raccomandano di standardizzare le informazioni ai consumatori incluse nei kit di test da parte dei fornitori di questi test genetici. L'AFA e l'Advisory Board chiedono inoltre ai consumatori di informarsi a fondo sui rischi e i benefici associati a tali test.


Inoltre, l'AFA e il suo comitato consultivo raccomandano che vengano condotti nuovi studi sull'impatto, benefico o negativo, che può avere la diffusione di tali informazioni genetiche sul benessere emotivo e mentale dell'individuo, sull'adozione di modifiche dello stile di vita [5] e sulla pianificazione futura.


È importante per le persone che chiedono il test genetico capiscano che i geni possono essere condivisi dai membri della famiglia, e quindi l'informazione genetica per uno può avere implicazioni per gli altri oltre l'individuo che sceglie di essere testato.

Premessa

Il 6 aprile 2017 la FDA ha autorizzato un'impresa commerciale a commercializzare un kit di rischio di salute genetica (GHR) per testare, tra le altre voci, il rischio di MA a insorgenza tardiva [6]. Usando il DNA di un campione di saliva, il kit produce un rapporto sullo stato dell'allele ε4 dell'Apolipoproteina-E (APOEε4) che può essere nessuna 1 o 2 copie. Il possesso di un allele APOEε4 aumenta il rischio di MA ad insorgenza tardiva di 3-5 volte e due alleli APOEε4 aumentano il rischio da 15 a 20 volte [7].


Il genotipo APOE rappresenta la netta maggioranza del rischio genetico di MA [8]. La scoperta di una relazione tra il genotipo MA e l'APOE è stata replicata ampiamente, tuttavia è da lungo tempo controversa l'utilità di divulgare tali informazioni genetiche a individui che stanno cercando queste informazioni. Sono stati considerati numerosi rischi o rischi, oltre a vantaggi.

 

Rischi

Gli individui possono confondere erroneamente il rischio genetico con la certezza genetica. L'ApoE4 conferisce maggiore probabilità di sviluppare il MA, ma di per sé non causa la malattia - molte persone che sono positive all'ApoE4 non sviluppano mai il MA nella loro vita.


La distinzione tra rischio e causalità deve essere chiarita ai consumatori. Le informazioni genetiche possono essere usate per avere un impatto negativo sulle persone che cercano di acquistare determinati prodotti assicurativi. Anche se l'attuale atto di non divulgazione delle informazioni genetiche (GINA) offre alcune protezioni [9] in alcuni stati, le assicurazioni per l'assistenza a lungo termine e le compagnie di assicurazione sulla vita hanno ancora il diritto di chiedere se un individuo conosce le proprie informazioni genetiche e adeguano di conseguenza i premi dell'assicurazione per la malattia a lungo termine. Pertanto, i modi in cui potrebbero essere usate le informazioni sulla salute personale, incluso lo stato genetico, hanno implicazioni importanti, mettendo a rischio i consumatori per le quali avrebbero un controllo limitato.


Inoltre, le informazioni genetiche possono anche essere oggetto di divulgazione involontaria attraverso intrusioni nei computer o altre violazioni della sicurezza. Come nel caso del numero di previdenza sociale, le informazioni genetiche di una persona dovranno essere salvaguardate con attenzione da coloro che cercano le informazioni a fini di sfruttamento o dai criminali.


I rischi di divulgazione si estendono anche alle famiglie. Poiché i geni sono condivisi tra i membri della famiglia, la scoperta del genotipo di una persona può avere implicazioni per i figli e i fratelli. Non c'è sufficiente attenzione rivolta alla comprensione dei pericoli derivanti dal ricevere informazioni genetiche non richieste su un parente di primo grado e su come tali informazioni possano influire sulle proprie decisioni sanitarie e sul proprio benessere psicosociale.

 

Benefici

Anche se non possono essere ignorati i casi aneddotici di danni associati alla conoscenza del proprio genotipo APOE, un'analisi del 2006 non ha rivelato alcun aumento di depressione, ansia, idee di suicidio o suicidio compiuto da individui a cui sono state divulgate queste informazioni, in confronto a chi non le aveva avute [10]. Nonostante un aumento transitorio di angoscia in coloro che avevano appreso che erano positivi per l'APOE-ε4, non c'erano effetti clinicamente significativi [11].


Dato il maggiore accesso ai test genetici di oggi, è giustificato uno studio per verificare se tali risultati si applicano ancora, su una sezione trasversale dei consumatori più ampia [12]. Le persone che si sottopongono a test e diventano consapevoli del proprio genotipo possono adottare misure positive e proattive per pianificare e ottimizzare la propria vita futura e possono trarre beneficio dalla diagnosi precoce.


Diversi fattori modificabili sono stati associati a un rischio ridotto di MA ad insorgenza tardiva, sebbene non tutti siano universalmente accettati e non siano stati completamente stabiliti chiari rapporti di causa-effetto. Questi fattori includono l'uso di farmaci per abbassare il colesterolo [13] e i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) [14], aumento dei livelli di istruzione [15], dieta sana [16] ed esercizio [17], in particolare se abbastanza intenso da aumentare il 'fattore neurotrofico derivato dal cervello' (BDNF) [18].


La prova diretta dell'effetto positivo sulla cognizione di un gruppo selezionato di stili di vita e interventi medici ha portato alla proposta che è possibile ridurre il rischio di MA [19]. Chi ha una cognizione normale e una predisposizione genetica per il MA possono anche iscriversi e partecipare a studi clinici volti a prevenire o ritardare l'insorgenza dei sintomi correlati al MA.

 

Raccomandazioni

L'AFA e il suo comitato consultivo invitano le società che offrono test genetici per il MA ad adottare standard di settore che forniscono un facile accesso e/o referenze a informazioni appropriate, risorse e professionisti qualificati di consulenza genetica come parte del processo di test. È fondamentale che i consumatori siano armati della comprensione delle informazioni sul rischio genetico, prima di ricevere un risultato correlato al test [20].


Anche le informazioni pre e post test per i consumatori dovrebbero essere standardizzate in tutto il settore con il consenso di esperti sul contenuto. Includere i consumatori in questo processo di controllo delle informazioni potrebbe migliorare l'usabilità ed è altamente raccomandato. Inoltre, i consumatori dovrebbero prendere il tempo per ottenere informazioni e formazione sui test genetici prima di prendere la decisione di scoprire il loro rischio genetico di malattia.


Idealmente, i consumatori dovrebbero cercare anche una consulenza genetica formale [21]. Vorremmo anche consigliare ai consumatori di prendersi il tempo per ottenere informazioni e formazione sui test genetici prima di prendere la decisione di scoprire il loro rischio genetico di malattia.

 

****
Con l'aumento dell'interesse dei consumatori e una maggiore disponibilità di test, milioni di americani vengono ora testati [22]. Le conseguenze positive e negative del trattamento delle informazioni genetiche dovrebbero essere considerate da tutti gli interessati. Tali informazioni avanzate hanno il potenziale di avvantaggiare sia gli individui che la popolazione, ma solo se sono accuratamente veicolate e comprese.


Mentre a una base di consumatori più ampia viene presentato il suo profilo APOE, l'AFA invita i ricercatori a rivedere l'analisi passata della divulgazione genetica dell'APOE [23] e condurre nuove ricerche su come tali informazioni possono influenzare gli esiti sia positivi che negativi, compresi i cambiamenti dello stile di vita e i passi futuri da pianificare, come pure lo stress, la depressione, l'ansia, l'idea di suicidio e il suicidio tra gli individui a cui queste informazioni sono divulgate.


Tale studio dovrebbe comprendere una vasta sezione trasversale di americani, inclusi diversi gruppi etnici, razziali, di genere, educativi, geografici e socio-economici. Dovrebbe affrontare lo sviluppo di protocolli per la consulenza e la gestione dei rischi pre e post test, per salvaguardare i consumatori, garantire un uso responsabile delle informazioni genetiche e mitigare i potenziali rischi di divulgazione non autorizzata o altrimenti dannosa ottimizzando i benefici di tali informazioni.


Sia l'AFA che i membri del comitato consultivo riconoscono la crescente importanza della genetica nella diagnosi del MA, nonché l'emergere di una medicina personalizzata, che potrebbe essere in grado di affrontare efficacemente le terapie per gli individui affetti. Inoltre, i progressi dei test e la disponibilità di informazioni genetiche dettagliate come parte dei dati sanitari di una persona aumenteranno l'importanza dei test genetici e il potenziale impatto di tali informazioni nel promuovere la modifica del comportamento o le strategie preventive per patologie croniche come il MA.


Di conseguenza, l'AFA e il suo comitato consultivo  continueranno a esaminare il ruolo dei test genetici, il suo impatto sui consumatori sanitari e le modalità per garantire che i consumatori comprendano i risultati di un test genetico e quali tutele sono richieste per assicurare l'uso appropriato di tali informazioni.

 

 

Referenze:

[3] CNBC, Amazon has suddenly become a big marketplace for selling genetic tests, (Nov. 21, 2017)(www.cnbc.com/2017/11/21/amazon-has-suddenly-become-a-big-marketplace-for-selling-genetic-tests.html).

[4] FDA Press Release, FDA allows marketing of first direct-to-consumer tests that provide genetic risk information for certain condition (April 6, 2017) (www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm551185.htm).

[5] National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine, Preventing cognitive decline and dementia: A way forward (2017)(https://doi.org/10.17226/24782); see also, The JAMA Network, Effect of the Apolipoprotein E Genotype on Cognitive Change During a Multidomain Lifestyle Intervention (Jan. 18, 2018) (https://jamanetwork.com/journals/jamaneurology/article-abstract/2670443?redirect=true).

[6] FDA Press Release, April 6, 2017 (www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm551185.htm).

[7] Raber J, Huang Y, Ashford JW,  ApoE genotype accounts for the vast majority of AD risk and AD pathology (May-Jun. 2004)(www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15172743).

[8] Id. APOE is not the only risk factor for Alzheimer’s disease, however.  Mutations to the TREM2 and SORL1 genes have also been linked to disease.  See,  AlzForum, New Evidence Confirms TREM2 Binds Aβ, Drives Protective Response (19 Apr 2017); Liu F, Ikram MA, Janssens AC, et. al., A study of the SORL1 gene in Alzheimer’s disease and cognitive function. J Alzheimers Dis. 2009;18(1):51-64.

[9] The Genetic Information Nondiscrimination Act of 2008 (Pub. L. 110–233, 122 Stat. 881, enacted May 21, 2008) is an Act of Congress in the United States designed to prohibit some types of genetic discrimination. The act bars the use of genetic information in health insurance and employment: it prohibits group health plans and health insurers from denying coverage to a healthy individual or charging that person higher premiums based solely on a genetic predisposition to developing a disease in the future, and it bars employers from using individuals’ genetic information when making hiring, firing, job placement, or promotion decisions.

[10] The Risk Evaluation and Education for Alzheimer’s Disease (REVEAL) Study, The Health Behavior and Health Education (HBHE) Genetics Research Group, Univ. of Michigan (http://hbhegenetics.sph.umich.edu/research-project/risk-evaluation-and-education-alzheimers-disease-study).

[11] Green, R., Roberts, J., Cupples, L. et. al., Disclosure of APOE Genotype for Risk of Alzheimer’s Disease, N Engl J Med 2009; 361:245-254 (July 16, 2009)(www.nejm.org/doi/full/10.1056/nejmoa0809578#t=article).

[12] Some research on the impact of direct to consumer APOE genetic testing is already being conducted.  See, Zallen DT, “Well, good luck with that”: reactions to learning of increased genetic risk for Alzheimer disease, Genet Med. (Mar 8, 2018) (www.nature.com/articles/gim201813) which concluded, “APOE testing did produce adverse psychological reactions in many participants.”

[13] Zissimopoulos, J. M., D. Barthold, et al. (2017), Sex and Race Differences in the Association Between Statin Use and the Incidence of Alzheimer Disease JAMA Neurol 74(2): 225-232 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27942728).

[14]Imbimbo, B. P., V. Solfrizzi, et al. (2010), Are NSAIDs useful to treat Alzheimer’s disease or mild cognitive impairment?, Front Aging Neurosci 2 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20725517).

>[15] Butler, S. M., Ashford J.W., et al. (1996), Age, education, and changes in the Mini-Mental State Exam scores of older women: findings from the Nun Study, J Am Geriatr Soc 44(6) (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8642159: 675-81) and with lipid levels and coronary risk.” JAMA 298(11): 1300-11 and Bennett, D. A., Schneider J.A., et al. (2012), Overview and findings from the religious orders study, Curr Alzheimer Res 9(6): 628-45 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22471860).

[16] Morris MC, Tangney CC, Wang Y, Sacks FM, Bennett DA, Aggarwal NT. MIND Diet Associated with Reduced Incidence of Alzheimer’s Disease. Alzheimer’s & dementia, Journal of the Alzheimer’s Association (Sept.2015)11(9):1007-1014 (www.alzheimersanddementia.com/article/S1552-5260%2815%2900017-5/abstract).

[17] Smith, J. C., K. A. Nielson, et al. (2013), Semantic memory functional MRI and cognitive function after exercise intervention in mild cognitive impairment, J Alzheimers Dis 37(1): 197-215 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23803298).

[18] Coelho, F. G., Vital T.M., et al. (2014), Acute aerobic exercise increases brain-derived neurotrophic factor levels in elderly with Alzheimer’s disease, J Alzheimers Dis 39(2): 401-8 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24164734) and Smith, J. C., Nielson K.A., et al. (2013), Semantic memory functional MRI and cognitive function after exercise intervention in mild cognitive impairment, J Alzheimers Dis 37(1): 197-215 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23803298) and Schultz, S. A., Boots, et al. (2015), Cardiorespiratory Fitness Attenuates the Influence of Amyloid on Cognition, J Int Neuropsychol Soc 21(10): 841-50(www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26581795).

[19] Ngandu T, Lehtisalo, et. al., A 2 year multidomain intervention of diet, exercise, cognitive training, and vascular risk monitoring versus control to prevent cognitive decline in at-risk elderly people (FINGER): a randomized controlled trial, Lancet. 2015 Jun 6; 385 (9984):2255-63 (www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(15)60461-5/abstract).

[20] See Besser et al., Factors Affecting Recall of Different Types of Personal Genetic Information about Alzheimer’s Disease Risk: The REVEAL Study (Jan. 16, 2016) (www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4470386/pdf/nihms-645971.pdf).

[21] The National Society of Genetic Counselors (NSGC) promotes the professional interests of genetic counselors and provides a network for professional communications.  NSGC has a database of genetic counselors that can be accessed at: https://www.nsgc.org/findageneticcounselor.

[22] See, MIT Technology Review, 2017 was the Year Consumer DNA Testing Blew Up (February 12, 2018) “The number of people who have had their DNA analyzed with direct-to-consumer genetic genealogy tests more than doubled during 2017 and now exceeds 12 million, according to industry estimates.” (www.technologyreview.com/s/610233/2017-was-the-year-consumer-dna-testing-blew-up/).

[23] See, Green, R., Roberts, J., Cupples, L. et. al., Disclosure of APOE Genotype for Risk of Alzheimer’s Disease, N Engl J Med 2009; 361:245-254 (July 16, 2009)(www.nejm.org/doi/full/10.1056/nejmoa0809578#t=article), and Marteau TM, French DP, et. al. Effects of communicating DNA-based disease risk estimates on risk-reducing behaviours, Cochrane Database Syst Rev. Oct. 6, 2010 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20927756).

 

 


Fonte: Alzheimer’s Foundation of America (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Lori Frank, J. Wesson Ashford, Peter J. Bayley, Soo Borson, Herman Buschke, Donna Cohen, Jeffrey L. Cummings, Peter Davies, Margaret Dean, Sanford I. Finkel, Lee Hyer, George Perry, Richard E. Powers, Frederick Schmitt. Genetic Risk of Alzheimer’s Disease: Three Wishes Now That the Genie is Out of the Bottle. Journal of Alzheimer's Disease, 30 Oct 2018, DOI: 10.3233/JAD-180629

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...